19°

30°

IL CASO

Libero mercato per gas e luce, un incubo

Libero mercato per gas e luce, un incubo
Ricevi gratis le news
16

Richieste sempre più pressanti al telefono, ma adesso addirittura «visite» a casa di addetti (di varie aziende) per convincere i malcapitati cittadini-utenti a cambiare le condizioni dei loro contratti di fornitura di energia elettrica e gas metano. La cosiddetta «liberalizzazione», invece di essere un'opportunità, si sta di fatto trasformando negli ultimi tempi quasi in una sorta di incubo.

Leggi la testimonianza di una cittadina.

Richieste sempre più pressanti al telefono, ma adesso addirittura «visite» a casa di addetti (di varie aziende) per convincere i malcapitati cittadini-utenti a cambiare le condizioni dei loro contratti di fornitura di energia elettrica e gas metano.

La cosiddetta «liberalizzazione», invece di essere un'opportunità, si sta di fatto trasformando negli ultimi tempi quasi in una sorta di incubo per le persone, spesso anziani, che si trovano a far fronte a un numero sempre maggiore di richieste di effettuare un cambiamento che viene presentato come sempre migliorativo. La testimonianza della collega Chiara Cacciani, che pubblichiamo in questa pagina, è però emblematica di un modo di agire che, anche se attuato da persone che hanno un regolare mandato da parte delle aziende per cercare nuovi «clienti», può a volte creare disorientamento ai cittadini.

Iren, una delle aziende interessate, assicura «controlli sulla correttezza dell'operato» di questi addetti e annuncia provvedimenti nei confronti di chi non rispettasse le regole imposte dall'azienda stessa. Il punto è che, dopo le pressioni telefoniche», adesso si sono attivate anche quelle «a domicilio». r.c.

Arrivano a casa: «Mi faccia vedere la bolletta: adeguamento tariffario»

Chiara Cacciani

Stavolta è capitato a me. Che per una serie di sfortunate coincidenze ho aperto la porta di casa e mi sono trovata davanti un quarantenne dal piglio deciso e un cartellino con la scritta Iren.

«Salve. Stiamo facendo il giro delle case perché c'è stato un adeguamento tariffario per acqua e luce, e se mi fa vedere l'ultima bolletta posso controllare che sia tutto a posto».

Segnatevelo, il pretesto ufficiale della visita: «Adeguamento tariffario». Con controllo della bolletta.

No, grazie, ho risposto io. «Come "no"?», cade dal pero lui. «Non saprei dove trovare la bolletta, in questo momento», è la prima scusa per chiudere la faccenda.

«Non sa dove trovarla??? E chi tiene la contabilità in questa casa?», è la sfacciata – e ignorante – risposta dell'uomo col cartellino. Che poi – sempre con faccia da schiaffi - mi invita a fare outing e ad ammettere che non mi fido (e ci mancherebbe!), mi sfida a telefonare al numero verde per verificare il suo nome e mi comunica - in un mix tra l'esasperato e il minaccioso - che se non risolverà lui la questione, dovrò presentarmi entro il 31 gennaio nella sede Iren.

«Perfetto, grazie, farò così».

Anzi, no. Appena richiusa la porta ho davvero telefonato al numero verde Iren. Dove una voce gentile mi dice che non c'è stato alcun adeguamento tariffario, e che non bisogna mostrare a nessuno la bolletta. «Anche perché non si sa quell'uomo se era davvero di Iren o no».

E a questo punto nella mia testa suona un campanellino. «Perché, mi scusi? Poteva essere un vero operatore Iren?». Secondi di imbarazzo dall'altro capo del telefono, e poi: «Beh, sa, sono quelli del libero mercato.. Prendendo i suoi dati sulla bolletta le avrebbero fatto un contratto». Incredula. Penso di non aver udito bene. «Potevano farmi un contratto senza che io lo firmassi??».

«Eh, è il libero mercato...». Libero mercato ma anche tanta confusione. Perché che c'azzecca l'adeguamento tariffario che sarebbe già avvenuto con un nuovo contratto? E soprattutto, la chiarezza dov'è? E le anziane e gli anziani a cui hanno suonato il campanello l'avranno capito o saranno andati in confusione?

Perché va bene che ci sia da stare all'erta per i truffatori. Ma chi se lo aspetta che a confondere siano dei veri operatori autorizzati?

Iren: «Allontaneremo gli agenti scorretti»

Questa la risposta di Iren. «Per proporre le offerte commerciali di energia elettrica e di gas sul mercato libero, Iren si avvale della collaborazione di soggetti esterni che, per effettuare tale servizio, utilizzano anche la modalità “porta a porta”.

La vendita “porta a porta”, attraverso una rete di agenzie qualificata, non è specifica di Iren Mercato ma è un modello consolidato per la vendita di prodotti su mercato libero adottato da tempo da numerose e grandi aziende. Nell’utilizzo delle agenzie esterne, Iren Mercato pone tutta l’attenzione necessaria – sia preventiva e sia di controllo – per garantire la correttezza del comportamento degli agenti (dal processo di selezione ai controlli sull’operato dei singoli).

Inoltre, Iren effettua tutte le verifiche necessarie, a seguito di segnalazioni dei clienti, su atteggiamenti non corretti da parte degli agenti e, certificati tali comportamenti, può procedere anche all’allontanamento del singolo agente che è, come ovvio, responsabile del proprio comportamento.

Per garantire la massima trasparenza, gli agenti sono obbligati a qualificarsi e i cittadini possono chiederne conferma attraverso il numero verde del call center.

Come ultima precisazione, il processo di vendita tramite “canale porta a porta”, non può concludersi senza contratto firmato e sono previsti numerosi step di controllo e validazione da parte di Iren Mercato, nonché la facoltà dello stesso cliente, che avesse ricevuto un contratto non richiesto, di esercitare i diritti di ripensamento.

Sul sito internet www.irenmercato.it possono essere reperite tutte le informazioni utili ed i numeri telefonici utili per potere contattare direttamente gli uffici commerciali di Iren Mercato».

Fino al 2018 bollette divise tra mercato libero e tutelato

Per quanto riguarda l'energia elettrica e il gas, a differenza di quanto avviene per l'acqua, da qualche anno è stata attuata la liberalizzazione del mercato. Questo significa, in teoria, che i cittadini possono scegliersi liberamente (e senza costi aggiuntivi) sia il fornitore che il tipo di contratto che ritengono più convenienti per la propria tipologia famigliare.

Il problema più importante riguarda proprio quest'ultima tipologia di scelta: con la liberalizzazione, infatti, è stato diviso il mercato tra «tutelato» e «libero». Nel primo caso, in cui rientrano circa il 75% degli utenti, le tariffe sono quelle decise dall'Authority per l'energia, nel secondo, invece, sono le aziende fornitrici a scegliere a quali costi e con quali formule offrire la fornitura. Chi non ha fatto scelte rientra ancora nel mercato «tutelato» (riservato a famiglie e piccole imprese) che però dovrebbe essere soppresso a partire dal 2018. Il problema è che, nel mercato libero, le offerte sono spesso difficili da capire a causa dell'astrusità delle bollette e il rischio concreto è di scegliere così un profilo con costi più alti del «tutelato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luke

    21 Gennaio @ 13.34

    Personalmente, se il numero non compare nella rubrica (cellulare o telefono fisso) non rispondo. Se per sbaglio rispondo, alle loro proposte di spendere meno, io rispondo sempre così : cosa ci vuol fare, io godo a spendere di più !!!! E allora riattaccano. Stop.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    21 Gennaio @ 12.36

    PER QUANTO RIGUARDA LE CONTINUE MOLESTIE TELEFONICHE , CHIAMANDO IL NUMERO VERDE 800265265 E' POSSIBILE ESSERE ISCRITTI ( GRATUITAMENTE ) AL REGISTRO PUBBLICO DELLE OPPOSIZIONI. Non dovrebbero più chiamare , ma , in realtà , qualcuno chiama lo stesso . Le telefonate , comunque , diminuiscono . Molti di questi "call centers" sono all' estero ( Albania , Romania , Moldavia......) . Io , francamente , che già ho un brutto carattere per conto mio , non mi preoccupo nemmeno più di salvare le apparenze . Li scaccio , sia per telefono che di persona , con espressioni irripetibili . Sarebbe anche bene evitare che , nel condominio , ci sia sempre qualcuno che apre a chiunque suoni al citofono.

    Rispondi

    • 21 Gennaio @ 12.57

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Come già dice lei, anche iscrivendosi al registro delle opposizioni chiamano lo stesso. Purtroppo, impedire lo squillo invasivo è quasi impossibile: in compenso, anche senza essere (troppo) maleducati ci si allena presto a chiudere la comunicazione in pochi secondi....

      Rispondi

      • la rivolta di atlante

        21 Gennaio @ 15.37

        la rivolta di atlante

        SARO' UN BURLONE , MA CON UNA GAMMA DI VOCI IMPOSSIBILI MI DIVERTO E RECITO LE PARTI PIU' INCREDIBILI ..... DA " ADALPINAAA ... " DI DRIVE IN A "IL PADRINO" DI SCORSESE .... TANTO SE E' UNA CAG ... DI MARKETING ED E' GIUSTO RISPONDERE PER LE RIME ... LE BOTTE DI NERVI LE LASCIO PER LE COSE SERIE .... N.B. SENZA REGISTRO OPPOSIZIONI ... MI TELEFONANO MOLTO MA MOLTO MENO... SI VEDE CHE IL NUMERO E' SEGNALATO COME INAFFIDABILE .... EHEHEH .

        Rispondi

      • Enzo

        21 Gennaio @ 14.09

        io non sono d'accordo. bisogna insultarli. chiaramente usando insulti consentiti

        Rispondi

      • Francesco

        21 Gennaio @ 13.33

        brundofrancesco@libero.it

        No, io faccio di meglio, ho un operatore che mi chiama due volte al giorno sul cellulare e non risponde, sto conservando tutte le chiamate e le porterò dai carabinieri cosi potrò denunciare questo operatore per stalking, cosi gli passerà la voglia di chiamare e avrà più rispetto delle persone e gli farò una bella causa, voglio vedere come va a finire

        Rispondi

  • Francesco

    21 Gennaio @ 09.07

    brundofrancesco@libero.it

    In poche parole una presa per i fondelli, siamo nella media delle promesse ipocrite di chi ci governa, ci da con una mano e ci ruba con l'altra. Poi si lamentano perchè la gente non va a votare, che si aspettano ? meglio che non vadano a votare, ci sarebbe d'andarci con le scarpette da calcio e prenderli a calci dove loro ci hanno preso......ma che vadano af....finiamola con l'ipocrisia, l'aria è satura e maleodorante.

    Rispondi

    • silviococconi

      21 Gennaio @ 10.03

      E' il frutto di liberalizzazioni mal fatte ...

      Rispondi

      • Francesco

        21 Gennaio @ 10.30

        brundofrancesco@libero.it

        Mal fatte perchè frutto di compromessi tra i vari poteri che fanno il mercato, ci hanno illuso con le parole e traditi nei fatti, ancora una volta vadano aff.......e ci rimangano .

        Rispondi

  • Marino

    21 Gennaio @ 08.28

    le liberazioni...marcegagliane...incipit di numerosissimi disastri

    Rispondi

    • silviococconi

      21 Gennaio @ 10.00

      Che c'entra la Marcegaglia ?! ...

      Rispondi

  • frufru

    21 Gennaio @ 08.12

    io aggiungerei anche , telefono , tv,marerassi acqua olio vino e chi ne piu ne metta ormai uno che è in casa deve solo rispondere al telefono a questi call-center che tentano di venderti di tutto........

    Rispondi

    • silviococconi

      21 Gennaio @ 10.02

      Gli altri prodotti però sono il frutto di un diverso modo di fare marketing da parte delle aziende : Aderiamo al Registro delle Opposizioni e minacciamoli !

      Rispondi

      • Daniela

        21 Gennaio @ 10.24

        @silviococconi: quando ho comprato casa ho preso un numero privato, per cui il mio nominativo non è mai apparso sugli elenchi telefonici. Continuano lo stesso a chiamare al mio numero (attivo a mio nome dal 2008) chiedendo del Sig. XXX che era il precedente assegnatario del numero di telefono. Quando spiego che il numero è mio dal 2008, che è un numero privato c'è chi si scusa e mette giù e chi insiste per farmi una proposta "irresistibile"....comunque non se ne esce dalle telefonate pubblicitarie

        Rispondi

        • Bastet

          21 Gennaio @ 11.28

          @daniela :risponda sempre "sono in affitto,non ho potere decisionale.... e il proprietario vive negli states...." ...ma poi per la maleducazione con la quale si rivolgono,meritano solo di sentirsi sbattere il telefono in faccia. tanto come fanno loro!

          Rispondi

        • la rivolta di atlante

          21 Gennaio @ 15.43

          la rivolta di atlante

          SUGGERISCO DI PRENDERLI IN GIRO CON UNA FARSA VOCALE ADEGUATA .... E' IL RIMEDIO MIGLIORE E NEL TEMPO DI MIGLIOR RISULTATO .... IN PIU' E' MOLTO RILASSANTE , RECITARE.

          Rispondi

Video

4commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Claudio Santamaria e i voti nuziali per Francesca Barra

gossip

Santamaria-Barra nozze bis in Basilicata tra arrivi in barca e serenate Video

Musica: 13 artisti omaggiano fondatore del festival 'Mundus'

REGGIO EMILIA

Da Peppe Servillo a Giovanni Lindo Ferretti: 13 artisti omaggiano il fondatore del festival 'Mundus'

Vip e fake news, quando la bufala corre sul web: e c'è ci casca Gallery

social

Vip e fake news, quando la bufala corre sul web: e c'è ci casca Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Godenza» di Noella Ricci,la Romagna e il suo Sangiovese

IL VINO

Il «Godenza» di Noella Ricci, la Romagna e il suo Sangiovese

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Mezzo secolo fa le trasfusioni infette, ora i soldi dovuti

SENTENZA

Mezzo secolo fa le trasfusioni infette, ora i soldi dovuti

Parma calcio

E' in arrivo la sentenza sugli sms

COMMERCIO

Negozi aperti la domenica: tanti «no» e qualche «sì»

SISSA TRECASALI

A San Quirico lo stabilimento per produrre bioplastica

Footprint

Periferie, diversità e futuro: concorso per le scuole

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Collecchio

Un taxi «calmierato» per i paesi senza bus

Fidenza

Addio a Renato Pizzati: oste, poeta e scultore

A Cervia

Una giornata e un francobollo per Guareschi

soccorso alpino

40enne scivola a 1.800 metri sul Monte Orsaro: interviene l'elicottero Video

serie A

Il Parma "vede" quota 6.000 abbonamenti e si (ri) regala Ciciretti. Aspettando il giudice

anteprima gazzetta

Parma: caso whatsapp, ore decisive per la sentenza Video

incidente

Ciclista cade in una carraia nel Calestanese: è grave Video

Ferito un motociclista a Lagrimone

METEO

Dopo le piogge arriva il caldo africano: attesi anche 35 gradi

Da inizio luglio 60 millimetri di acqua

L'INCHIESTA

Maxi frode fiscale, indagati anche 2 professionisti parmigiani

Lutto

Anna Maria Bianchi, il ricordo di Mauro Coruzzi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Se pensassimo a tutti i bambini del mondo

di Michele Brambilla

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

ROMA

Scontrino omofobo, cameriere licenziato. E minacce di morte ai gestori del locale

2commenti

USA

Teenager si barrica in un market a Hollywood, morta una ragazza

SPORT

il commento

Gp Germania, Hamilton epico: tutti gli ingredienti della F1 di una volta

british open

Golf, storico Molinari: primo italiano a vincere un torneo del Grande Slam

SOCIETA'

paura

Incontro ravvicinato con lo squalo Video

GUSTO

E a Londra "spopola" un cocktail parmigiano, il "Langhirano amarcord" Videoricetta

MOTORI

IL TEST

Il futuro secondo Bmw? Elettrificato:25 novità da qui al 2025

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto