21°

32°

INCONTRO

Scala in cattedra al Bocchialini

Scala in cattedra al Bocchialini
Ricevi gratis le news
1

Nevio Scala e Gigi Apolloni ieri hanno partecipato a un'assemblea d'istituto all'Agrario Bocchialini. L'ex tecnico del Parma ha ricordato le sue origini contadine e ricordato che nella sua azienda si sta effettuando la conversione al biologico. «E la strada del futuro - ha detto - ed è obbligata per lasciare un mondo sostenibile alle prossime generazioni». Dal canto suo l'allenatore di oggi ha ricordato che lui pure ha origini in provincia e ha dovuto lasciare la famiglia a 15 anni, sottolineando poi l'importanza, nel grande ciclo del Parma di Scala dell'amicizia tra i giocatori e degli insegnamenti di vita del mister.

Paolo Grossi

«E' stato mio figlio a insistere ed ora stiamo convertendo la nostra azienda agricola al biologico. E' per quello che presentando il progetto Parma Calcio 1913, in agosto, mi è «scappato» l'aggettivo ''biologico'' parlando del calcio che avevo in mente».

Una parolina che ha fatto il giro del mondo mediatico e che Nevio Scala ha ribadito con passione ieri mattina agli studenti dell'Istituto Agrario Bocchialini riuniti in assemblea all'auditorium della scuola. Assieme a lui un altro campione nato in provincia, nonché pilastro del suo Parma, Gigi Apolloni.

«Biologico vuol dire senza veleni, sostenibile: mi sono francamente stufato di antiparassistari, antigermoglio, anticrittogamici. In campagna ormai siamo anti-tutto e invece dovremmo pensare a lasciare un pianeta un po' meno inquinato alle future generazioni. Abbiamo appena piantato tre ettari di uva garganega, tipica del nostro territorio, e la cureremo biologicamente».

Le passioni di Scala

L'ex tecnico e ora presidente del Parma parla con foga di questa sua crociata. A stuzzicarlo c'è Gabriele Balestrazzi, che da cronista prima di Tv Parma poi della Gazzetta, ha seguito passo passo l'escalation sportiva del tecnico e del dirigente a Parma.

«Io sono nato con un pallone fra i piedi e un volante di trattore tra le mani - ha spiegato Scala per tracciare le origini del suo essere contadino. - Al mio paesello d'origine, Lozzo Atestino, eravamo in dieci tra fratelli e cugini, due famiglie che abitavano assieme, diciamo pure in povertà, cavando dalla terra di che vivere. Solo che davanti a casa avevamo costruito una porta con dei pali di legno e io giocavo a più non posso. Qualcuno mi notò e mi segnalò a varie società. Finì che a 15 anni, forte come un toro, mi volle il Milan e mia madre mi accompagnò a Milanello con la valigia di cartone. Ma la felicità di quei giorni sull'aia tra palloni e trattori non l'ho più rivissuta. Nelle giovanili del Milan pensavo sempre a casa e alla famiglia. Poi pian piano mi sono temprato, grazie anche ai valori della sofferenza e della pazienza acquisiti lavorando i campi di casa».

Già. I valori. nel mondo del calcio se ne parla molto ma se ne intravedono pochi. Quando ci sono, però, fanno la differenza.

Amicizia

Lo sa bene anche Gigi Apolloni che, sollecitato a parlare dell'amicizia, ha ricordato un aneddoti del suoi rapporto con Lorenzo Minotti.

«Con Lorenzo eravamo entrambi al Mondiale del '94. Baresi si infortunò e Sacchi doveva scegliere uno dei due per rimpiazzarlo. Alla fine scelse me, e io ero davvero rincresciuto per lui. Però la sera prima della gara con il Messico, decisiva per passare il girone, lui venne nella camera che dividevo con Roberto Baggio e mi disse: «Gigi, vai tranquillo, io giocherò assieme a te» e mentre lo racconta ad Apolloni viene ancora un groppo in gola.

«Ancora oggi sembrano più due fratelli che due amici» chiosa Scala. D'altra parte chi conosce Apolloni sa quanti valori ci siano in lui, che pure aveva iniziato la carriera come Scala, lasciando la famiglia a 15 anni per andare a Pistoia, dopo aver, proprio come il suo mister, iniziato in un campetto davanti a casa. «Non dovrei dirvelo, ma a me la scuola non piaceva molto, ed era una gioia arrivare a casa, mangiare un boccone e volare a giocare a pallone. Il mio idolo era Tardelli, anche perché agli inizi giocavo a centrocampo».

Scala e Apolloni sono stati artefici di un grande Parma, che passò dalla B ai vertici d'Europa giocando bene a calcio e vincendo in allegria. «La nostra forza, specie nei primi anni, era la spensieratezza – ricorda Scala – e poi la Parmalat, presente ma mai invadente».

Concetti sempreverdi

«Per me il top è stato il giorno della promozione in A – ricorda Apolloni che pure di momenti di gloria in carriera ne ha inanellati parecchi. Ringrazio ancora Scala perché certi concetti, certe frasi a effetto le uso ancora oggi nello spogliatoio. Quando si presentò a noi mi colpì dicendo che avremmo dovuto «accettare i limiti dei nostri compagni» che vuol poi dire anche riconoscere i propri e cercare di superarli. Alla vigilia degli appuntamenti importanti ci caricava chiedendoci una convinzione nei nostri mezzi che «arrivi ai limiti della presunzione senza superarli».

Insomma «due vite sui campi», come Balestrazzi aveva intitolato l'incontro, si sono dipanate tra racconti e video davanti a ragazzi e ragazze che quando il Parma di Scala alzava le Coppe non erano ancora in cantiere.

Dopo Scala e Apolloni gli studenti hanno ascoltato l'esperienza di Nicola Gandolfi (ex studente del Bocchialini ed anche ex calciatore nelle giovanili del Parma) che da anni vive in Madagascar per contribuire a un progetto di recupero delle foreste che dovrebbe offrire una prospettiva diversa di vita per la popolazione di quel Paese poverissimo. Ne ha parlato Guido Malvisi, presidente dell'associazione Tsiry, che appoggia Nicola e che significa "germoglio".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • MauB

    02 Marzo @ 10.11

    Hanno parlato anche della loro idea di "calcio biologico". Tanto decantata quando erano a + 15 sulla 2a in classifica e oggi "andata a male".....?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Molestie: Asia Argento ha risarcito accusatore. E ora Sky la vuole fuori da X Factor

Spettacolo

Molestie: Asia Argento ha risarcito accusatore. E ora Sky la vuole fuori da X Factor

2commenti

Flop al botteghino per Kevin Spacey

Spettacolo

Flop al botteghino per Kevin Spacey

1commento

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Far ricrescere i capelli si può, nuova tecnica tutta italiana

Foto d'archivio

SALUTE

Far ricrescere i capelli si può: nuova tecnica tutta italiana

Lealtrenotizie

E' morta Mirka Fochi. Per oltre trent'anni la "regina" di Miss Italia a Parma

12 tg parma

E' morta Mirka Fochi. Per oltre trent'anni la signora delle Miss a Parma Video

Il ritratto

Elisa, sorriso contagioso e amore per la vita

1commento

Sorbolo

Il Tir si incastra nel viadotto e il sindaco Cesari s'arrabbia

1commento

Anteprima Gazzetta

Ragazza con il volto coperto di sangue in via Casa Bianca. Lei accusa: "E' stato il mio patrigno"

Tangenziale Nord

Tamponamento tra 4 mezzi: un ferito

L'incidente nei pressi dell'uscita di via Europa

Croazia

Fermato con un camion carico di migranti clandestini: arrestato parmigiano Video

4commenti

Giovani on line

Troppo connessi? Addio alle emozioni reali

Le pagelle del Parma

Di Gaudio e Alves al top

12 tg parma

D'Aversa soddisfatto: "Un'ora di buon gioco poi il rigore ha cambiato il match" Video

Anziano in stazione

Borseggiato da tre nordafricani

5commenti

Medesano

Svaligiate tre case. I ladri a bordo di una Panda?

parma senza amore

Cittadella, quel che resta dei.... bagni Foto

6commenti

FIDENZA

«Sono Marocchi, ho bisogni di aiuto». Ma è una truffa online

LA LETTERA

"Punto dal calabrone al bar e salvato dal cliente che sapeva fare il massaggio cardiaco"

rifiuti

Rifiuti ingombranti abbandonati in via Volturno

eurosia

Ruba, si barrica nel bagno del fast food e poi prova a picchiare i vigilantes

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Basta bufale. Pretendiamo la verità. A tutti i costi

di Filiberto Molossi

2commenti

EDITORIALE

La colonna sonora della strage di Genova

di Michele Brambilla

1commento

ITALIA/MONDO

MONTAGNA

Giornata nera sulle Alpi: 4 morti in poche ore

genova

Scricchiola il moncone, stop al recupero dei beni. Il pm: "Il carroponte ha aumentato il peso". Il momento del crollo: video

SPORT

Pallavolo

Il parmigiano Carlo Magri si è dimesso dalla giunta del Coni

Serie a

Barillà : "Peccato i piccoli errori". Faggiano: "Questa è la A: c'è da soffrire" Video

SOCIETA'

ROMA

Bagno nudi sotto l'Altare della Patria: è caccia ai due turisti

12 tg parma

Torna la rassegna 'Segni urbani 2018": cinquanta writers in città Video

ESTATE

METEO

Non ci sono più le estati di una volta. Ecco perché

animali

Oltre 50 tartarughine escono dal nido tra i teli dei bagnanti all'isola d'Elba