-4°

INCONTRO

Scala in cattedra al Bocchialini

Scala in cattedra al Bocchialini
Ricevi gratis le news
1

Nevio Scala e Gigi Apolloni ieri hanno partecipato a un'assemblea d'istituto all'Agrario Bocchialini. L'ex tecnico del Parma ha ricordato le sue origini contadine e ricordato che nella sua azienda si sta effettuando la conversione al biologico. «E la strada del futuro - ha detto - ed è obbligata per lasciare un mondo sostenibile alle prossime generazioni». Dal canto suo l'allenatore di oggi ha ricordato che lui pure ha origini in provincia e ha dovuto lasciare la famiglia a 15 anni, sottolineando poi l'importanza, nel grande ciclo del Parma di Scala dell'amicizia tra i giocatori e degli insegnamenti di vita del mister.

Paolo Grossi

«E' stato mio figlio a insistere ed ora stiamo convertendo la nostra azienda agricola al biologico. E' per quello che presentando il progetto Parma Calcio 1913, in agosto, mi è «scappato» l'aggettivo ''biologico'' parlando del calcio che avevo in mente».

Una parolina che ha fatto il giro del mondo mediatico e che Nevio Scala ha ribadito con passione ieri mattina agli studenti dell'Istituto Agrario Bocchialini riuniti in assemblea all'auditorium della scuola. Assieme a lui un altro campione nato in provincia, nonché pilastro del suo Parma, Gigi Apolloni.

«Biologico vuol dire senza veleni, sostenibile: mi sono francamente stufato di antiparassistari, antigermoglio, anticrittogamici. In campagna ormai siamo anti-tutto e invece dovremmo pensare a lasciare un pianeta un po' meno inquinato alle future generazioni. Abbiamo appena piantato tre ettari di uva garganega, tipica del nostro territorio, e la cureremo biologicamente».

Le passioni di Scala

L'ex tecnico e ora presidente del Parma parla con foga di questa sua crociata. A stuzzicarlo c'è Gabriele Balestrazzi, che da cronista prima di Tv Parma poi della Gazzetta, ha seguito passo passo l'escalation sportiva del tecnico e del dirigente a Parma.

«Io sono nato con un pallone fra i piedi e un volante di trattore tra le mani - ha spiegato Scala per tracciare le origini del suo essere contadino. - Al mio paesello d'origine, Lozzo Atestino, eravamo in dieci tra fratelli e cugini, due famiglie che abitavano assieme, diciamo pure in povertà, cavando dalla terra di che vivere. Solo che davanti a casa avevamo costruito una porta con dei pali di legno e io giocavo a più non posso. Qualcuno mi notò e mi segnalò a varie società. Finì che a 15 anni, forte come un toro, mi volle il Milan e mia madre mi accompagnò a Milanello con la valigia di cartone. Ma la felicità di quei giorni sull'aia tra palloni e trattori non l'ho più rivissuta. Nelle giovanili del Milan pensavo sempre a casa e alla famiglia. Poi pian piano mi sono temprato, grazie anche ai valori della sofferenza e della pazienza acquisiti lavorando i campi di casa».

Già. I valori. nel mondo del calcio se ne parla molto ma se ne intravedono pochi. Quando ci sono, però, fanno la differenza.

Amicizia

Lo sa bene anche Gigi Apolloni che, sollecitato a parlare dell'amicizia, ha ricordato un aneddoti del suoi rapporto con Lorenzo Minotti.

«Con Lorenzo eravamo entrambi al Mondiale del '94. Baresi si infortunò e Sacchi doveva scegliere uno dei due per rimpiazzarlo. Alla fine scelse me, e io ero davvero rincresciuto per lui. Però la sera prima della gara con il Messico, decisiva per passare il girone, lui venne nella camera che dividevo con Roberto Baggio e mi disse: «Gigi, vai tranquillo, io giocherò assieme a te» e mentre lo racconta ad Apolloni viene ancora un groppo in gola.

«Ancora oggi sembrano più due fratelli che due amici» chiosa Scala. D'altra parte chi conosce Apolloni sa quanti valori ci siano in lui, che pure aveva iniziato la carriera come Scala, lasciando la famiglia a 15 anni per andare a Pistoia, dopo aver, proprio come il suo mister, iniziato in un campetto davanti a casa. «Non dovrei dirvelo, ma a me la scuola non piaceva molto, ed era una gioia arrivare a casa, mangiare un boccone e volare a giocare a pallone. Il mio idolo era Tardelli, anche perché agli inizi giocavo a centrocampo».

Scala e Apolloni sono stati artefici di un grande Parma, che passò dalla B ai vertici d'Europa giocando bene a calcio e vincendo in allegria. «La nostra forza, specie nei primi anni, era la spensieratezza – ricorda Scala – e poi la Parmalat, presente ma mai invadente».

Concetti sempreverdi

«Per me il top è stato il giorno della promozione in A – ricorda Apolloni che pure di momenti di gloria in carriera ne ha inanellati parecchi. Ringrazio ancora Scala perché certi concetti, certe frasi a effetto le uso ancora oggi nello spogliatoio. Quando si presentò a noi mi colpì dicendo che avremmo dovuto «accettare i limiti dei nostri compagni» che vuol poi dire anche riconoscere i propri e cercare di superarli. Alla vigilia degli appuntamenti importanti ci caricava chiedendoci una convinzione nei nostri mezzi che «arrivi ai limiti della presunzione senza superarli».

Insomma «due vite sui campi», come Balestrazzi aveva intitolato l'incontro, si sono dipanate tra racconti e video davanti a ragazzi e ragazze che quando il Parma di Scala alzava le Coppe non erano ancora in cantiere.

Dopo Scala e Apolloni gli studenti hanno ascoltato l'esperienza di Nicola Gandolfi (ex studente del Bocchialini ed anche ex calciatore nelle giovanili del Parma) che da anni vive in Madagascar per contribuire a un progetto di recupero delle foreste che dovrebbe offrire una prospettiva diversa di vita per la popolazione di quel Paese poverissimo. Ne ha parlato Guido Malvisi, presidente dell'associazione Tsiry, che appoggia Nicola e che significa "germoglio".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • MauB

    02 Marzo @ 10.11

    Hanno parlato anche della loro idea di "calcio biologico". Tanto decantata quando erano a + 15 sulla 2a in classifica e oggi "andata a male".....?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini

Laura Pausini

MUSICA

Laura Pausini è prima nella hit parade: "Grazie Italia mia"

Le serate con gli amici di via Ugolotti: ecco chi c'era Foto

PGN

Le serate con gli amici di via Ugolotti: ecco chi c'era Foto

X-Factor, Anastasio vince la dodicesima edizione

televisione

X-Factor, Anastasio vince la dodicesima edizione

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

WORLD CAT

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

Lealtrenotizie

BORGO XX MARZO

carabinieri

Superano la prima porta, arrestati mentre forzano la seconda: colpo fallito all'assicurazione

METEO

Il maltempo si sposta a Sud, domenica attesa la neve in pianura al Nord (Parma compresa)

FINO AL 2021

Il Comune stanzia 141 milioni in tre anni: tra le novità, il parco nel greto della Parma

3commenti

carabinieri

Colorno, teneva armi e droga nel bar e in cantina: arrestato 27enne Video

12 tg parma

Pizzarotti: "Rifiuti da Roma? Non credo che verranno a bussare qui..." Video

1commento

UNIVERSITA'

La tigre aveva difficoltà di masticazione: curata all’Ospedale Veterinario di Parma Foto

il caso

"Ci sono due bombe dentro e fuori il tribunale": scatta il piano di sicurezza Foto

1commento

TIZZANO

Mirella, stroncata da una malattia a 8 anni

1commento

12 tg parma

Vendite natalizie, Ascom: "Niente exploit, la crisi c'è ancora" Video

1commento

Inchiesta

Amministratori infedeli: chi c'è nella «lista nera»

6commenti

In via Rossi

Bollette non pagate: è tornato il riscaldamento nella palazzina

Sorbolo

Addio ad Ercole Allodi, professionalità e cortesia nell'autosalone

LA SFIDA

Il miglior anolino 2018 è di "Greci". Guarda il podio e la classifica

Gazzareporter

"Natale magico nella nostra bella città" Foto

Fede

Il vescovo: «Non oscuriamo il vero messaggio del Natale»

FIDENZA

Angelo Conforti, il prof che amava in cinema

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Cherif Chekatt, un criminale diventato terrorista

di Paolo Ferrandi

NATALE

Due mesi di Gazzetta digitale con lo sconto del 50%

ITALIA/MONDO

GENOVA

Affidata a 5 aziende la demolizione del ponte Morandi: c'è anche la Fagioli

MILANO

19enne uccisa con 85 coltellate: ergastolo per il killer di Jessica

SPORT

CALCIO

Verso Sampdoria-Parma: crociati con il dubbio Bruno Alves Video

calciopoli

Juve a bocca asciutta, Cassazione: lo scudetto 2005/2006 resta all'Inter

2commenti

SOCIETA'

avvento

A Zibello il giro del mondo dei presepi Foto

animali

Mira si è persa in zona stadio: chi l'ha vista?

MOTORI

IL TEST

Honda CR-V diventa ibrida E cambia le regole

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco