19°

32°

Denuncia

«Mia figlia costretta a mangiare fuori dalla scuola»

«Mia figlia costretta a mangiare fuori dalla scuola»
Ricevi gratis le news
35

«Sono un genitore del quartiere San Leonardo che ha ritirato la propria figlia dal servizio mensa perché arrivava a casa affamata e nervosa a fronte di un costo non da poco per il servizio. Intendiamoci, sarei disponibile a pagare anche qualcosa in più purché mangiasse bene, con piatti semplici ma invitanti ma così non è». Inizia così lo sfogo di una mamma che si lamenta della qualità dei pasti che vengono serviti all'interno della scuola frequentata da sua figlia. Ma la denuncia non si ferma a questo.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    10 Maggio @ 20.02

    mha! mi sembra una situazione strana, gli altri genitori lamentano i medesimi problemi ? Le mie figlie quando si lamentano della mensa è perché le spingono a mangiare tutti i tipi di verdure e il pesce al venerdì, ma questi non saranno piatti invitanti per i bambini, ma sono quello che bisogna sforzarli a mangiare ( o è meglio l'hamburger , le pizzette, et. etc.)

    Rispondi

  • immaginamiro

    10 Maggio @ 17.20

    Abito nel quartiere descritto dalla mamma che ha scritto la lettera e molto probabilmente (anzi sicuramente) le mie 2 figlie hanno frequentato la stessa scuola della figlia della signora. Con la prima, ormai 7 anni fa, ho combattuto per avere la mensa. La scuola infatti, non avendo allora lezioni pomeridiane non prevedeva il servizio mensa ed io, lavorando non avevo modo di gestire mia figlia. Purtroppo non raccolsi abbastanza adesioni da parte di altri genitori (la scuola si era resa disponibile a fornire il servizio a patto che vi fossero almeno 15 adesioni). Tutto diverso con la seconda figlia, nel frattempo infatti la scuola ha fatto una fantastica offerta formativa con lezione dal lunedì al venerdì e sabato a casa, servizio di compiti pomeridiani e servizio mensa tutta la settimana. Mia figlia è una buona forchetta e non si è mai lamentata del cibo, però quand’era in seconda mi ha chiesto (intorno a marzo/aprile) di non andare più a mensa poichè PREFERIVA mangiare un panino con le amiche nel parchetto davanti a scuola. Lo stesso parchetto descritto nella lettera come covo di spacciatori che si nascondono dietro le siepi alle 13,30 per trovare clienti tra i ragazzini delle medie??? Non credo proprio, forse la signora si riferisce ad un altro parco e altra via. A parte che di siepi non ce n'è (è circondato da condomini, con negozi davanti) è dotato di panche e tavoloni che sembrano messi lì apposta per ospitare picnic. Non conosco la signora ma credo che il suo sia solo un desiderio di notorietà tirando fuori problemi che riguardano solo Lei. E mi stupisco dell sig. Pellacini che evidentemente non conosce le situazioni. E mi stupisco della Gazzetta che ha trovato spazio mezza pagina per una cosa che poteva restare tra le "Lettere al Direttore"

    Rispondi

  • Lillo

    10 Maggio @ 16.53

    Chiunque abbia bambini a scuola da anni avrà notato che i costi sono aumentati e il cibo che viene fornito, sarà forse in piena linea con normative e tabelle nutrizionali, ma è sicuramente molto meno buono che in passato. Indipendentemente dalle abitudini del bambino. E per quanto riguarda la frutta..di solito è talmente acerba o dura (soprattutto quella biologica) che non viene certo voglia di mangiarla. E parla una madre di una famiglia che, passatemi il termine, mangia anche il tavolo quando ha fame! Per quel che conta esprimo un parere fortemente negativo sulla attuale condizione delle mense scolastiche. Francamente capisco coloro che appena possono ritirano i figli dalla mensa.

    Rispondi

  • Massimiliano

    10 Maggio @ 16.15

    Alex, infatti a quanto detto dalla Gazzetta c'è un'indagine dei NAS in corso. Comunque, concordo con la mamma che ha scritto..... Cibo scadente, a volte immangiabile. (e non venitemi a fare la filippica che c'è chi non ne ha ecc ecc ok? ) tanto che, mio figlio spesso (e meno male che fa solo due rientri pomeridiani) quando "pranza" a scuola arriva sempre affamato....... Poi le maestre son preoccupate perché non mangia...... Bimbo, sanissimo, mangia bene e di tutto..... Tranne che a scuola, dove si spendono quasi SEI EURO E PER BEVANDA TI SERVONO L'ACQUA DEL RUBINETTO!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • immaginamiro

    10 Maggio @ 15.00

    Abito nel quartiere descritto dalla mamma che ha scritto la lettera e molto probabilmente (anzi sicuramente) le mie 2 figlie hanno frequentato la stessa scuola della figlia della signora. Con la prima, ormai 7 anni fa, ho combattuto per avere la mensa. La scuola infatti, non avendo allora lezioni pomeridiane non prevedeva il servizio mensa ed io, lavorando non avevo modo di gestire mia figlia. Purtroppo non raccolsi abbastanza adesioni da parte di altri genitori (la scuola si era resa disponibile a fornire il servizio a patto che vi fossero almeno 15 adesioni). Tutto diverso con la seconda figlia, nel frattempo infatti la scuola ha fatto una fantastica offerta formativa con lezione dal lunedì al venerdì e sabato a casa, servizio di compiti pomeridiani e servizio mensa tutta la settimana. Mia figlia è una buona forchetta e non si è mai lamentata del cibo, però quand’era in seconda mi ha chiesto (intorno a marzo/aprile) di non andare più a mensa poichè PREFERIVA mangiare un panino con le amiche nel parchetto davanti a scuola. Lo stesso parchetto descritto nella lettera come covo di spacciatori che si nascondono dietro le siepi alle 13,30 per trovare clienti tra i ragazzini delle medie??? Non credo proprio, forse la signora si riferisce ad un altro parco e altra via. A parte che di siepi non ce n'è (è circondato da condomini, con negozi davanti) è dotato di panche e tavoloni che sembrano messi lì apposta per ospitare picnic. Non conosco la signora ma credo che il suo sia solo un desiderio di notorietà tirando fuori problemi che riguardano solo Lei. E mi stupisco dell sig. Pellacini che evidentemente non conosce le situazioni. E mi stupisco della Gazzetta che ha trovato spazio mezza pagina per una cosa che poteva restare tra le "Lettere al Direttore"

    Rispondi

    • 10 Maggio @ 19.14

      REDAZIONE - E noi ci stupiamo di lei che dà lezioni a tutti ma non ha neppure il coraggio di firmarle

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era - Foto

MUSICA

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era Foto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Il commesso ruba nel proprio negozio

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

Viale Duca Alessandro

Paura per un uomo armato di coltello

POLEMICA

Onu contro il Parmigiano, Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

1commento

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti e il mercato procede ma che danno d'immagine per noi»

PARMA

Tep, crescono viaggiatori e ricavi. Aumentano anche le multe

Berceto

Sciacalli a Valbona, rubate le pietre del «Castello»

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

OSPEDALI

La Regione stanzia 56 milioni per la sanità: interventi anche al Maggiore

Università

Reggio, ritardi al test di Psicologia

INCENERITORE

Al coro dei «no» si unisce Franco Maria Ricci

PARMA

Lavori in tangenziale nord: code e rallentamenti in zona aeroporto

1commento

BASSA

Camion stacca un cavo della linea elettrica: intervento dei vigili del fuoco a Zibello

SPACCIO

Affari d'oro con i ragazzini: condannati i baby pusher di piazzale Borri

5commenti

Il caso

Sale e grassi: l'Onu dichiara "guerra" al Parmigiano. Poi la marcia indietro: "Solo una dichiarazione politica"

25commenti

parma

Portata con l'inganno in Italia e costretta a prostituirsi: minorenne salvata dai vigili

2commenti

PARMA

"Sì al divertimento sicuro": l'alcoltest davanti a locali e ingressi di feste Video

Ecco il calendario delle uscite dal 20 luglio in poi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

5commenti

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MILANO

Kabobo in carcere lavora e studia l'italiano

4commenti

GRAN BRETAGNA

Spia russa avvelenata: identificati i responsabili, coinvolti diversi russi

SPORT

DAL RITIRO

Rigoni raggiunge la squadra. Fermo Iacoponi, Scozzarella si allena a parte Video

ciclismo

Tour: Thomas vince l'11ª tappa ed è la nuova maglia gialla

SOCIETA'

curiosità

Spopola sul web il primo robot in cerca di un'anima

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani