15°

24°

EDITORIALE

Non si stava meglio quando si stava peggio

Ricevi gratis le news
3

Sapete di quanto è cresciuto il pil pro capite, insomma la ricchezza individuale, dalla fine della Guerra Fredda a oggi? Cioè negli ultimi venticinque anni? È cresciuto quasi quanto nei venticinquemila anni precedenti. Non è un errore di stampa: venticinquemila.
Il dato è contenuto in un saggio pubblicato la scorsa settimana nel Regno Unito: «Progress. Ten Reasons to Look Forward to the Future». L'ha scritto Johan Norberg, uno studioso svedese ex anarchico, ora liberale e convinto sostenitore della tesi secondo la quale il progresso è, appunto, progresso, e non regresso, foriero di declino o di catastrofi come molti credono, o temono. La convinzione di Norberg è molto più controcorrente di quanto si possa pensare: solo il 5 per cento degli inglesi (e il 6 per cento degli americani) dice di credere che il progresso, così come lo intendiamo noi occidentali, sia un andare verso un miglioramento.
Crisi economica, mancata crescita, macchine che toglieranno sempre più posti di lavoro, welfare destinato a collassare, inquinamento, rifiuti, terrorismo: siamo tutti convinti che il nostro modello sia destinato a implodere. O addirittura a esplodere. Norberg la pensa diversamente e forse esagera con un linguaggio quasi provocatorio, come quando scrive «nel tempo in cui avrete finito il primo capitolo, duemila persone al mondo usciranno dalla povertà». Però il dato che cita sulla crescita del pil pro capite negli ultimi cinque lustri è reale, così come sono reali altri fatti. Sempre dalla fine della Guerra Fredda, la povertà estrema è scesa dal 37 al 9,6 per cento. La middle class americana, tanto per parlare di una categoria di persone considerate oggi fra le più colpite, lamenta il proprio declino e minaccia rivoluzioni, ma dal 1970 a oggi il suo reddito è cresciuto del 30 per cento. E l'instabilità politica, le guerre eccetera? Tutto vero. Però venticinque anni fa solo metà del mondo era governato da democrazie, oggi due terzi.
Il miglioramento delle condizioni di vita non riguarda poi solo l'economia o la politica. Di pari passo vanno tutta una serie di altre cose, dalle condizioni igienico-sanitarie all'alimentazione. Per non parlare della medicina. Ai bei tempi che tanti rimpiangono, si moriva per malattie che oggi si curano con una semplice pastiglia. In un'intervista a Mario Calabresi, il professor Umberto Veronesi raccontava che un giorno, bambino, era in compagnia della madre e incontrarono una donna che disse: «Mi era nato un altro bambino, ma per fortuna il Signore me l'ha portato via perché non avremmo saputo come fare a mantenerlo». La mortalità infantile è rimasta altissima dalla comparsa dell'uomo sulla Terra fino a un'epoca che molti di noi contemporanei hanno fatto in tempo a vivere. E sempre Veronesi ricordava che quando ha cominciato a fare il medico si diagnosticava un tumore palpando con le mani: oggi lo vedi allo stato iniziale grazie a tecnologie formidabili e più della metà dei malati di cancro riesce a guarire, o almeno a sopravvivere a lungo.
La decrescita felice? Tornare a quando ci si alzava alle cinque del mattino per lavorare nei campi? È una prospettiva che può avere un suo fascino. Ma i bei tempi dell'albero degli zoccoli erano anche i tempi in cui la morte di un bambino, come ricordava Veronesi, era una buona notizia.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • jeffroy

    13 Settembre @ 08.23

    il solito fumo negli occhi per farci credere che oggi è tutto meraviglioso solo perché "siamo una delle prime democrazie mondiali" come disse formigli, ...

    Rispondi

  • falco

    12 Settembre @ 11.03

    ...infatti fino anche da 15mila anni fa il mondo è sempre stato gestito allo stesso modo. Ovvero come le bestie, dove il più forte sopravvive al più debole. E mica ci siamo evoluti, no no. Anche se ci consideriamo l'essere maggiormente intelligente, viene dimostrato il contrario. perchè in migliaia di anni non siamo ancora riusciti a costruire un mondo dove non ci sia il più potente, il più forte, il più ricco. in un mondo come questo dove ci sono pochi ricchi e troppi poveri la storia si ripete di continuo. l'unica soluzione che ovviamente non viene mai citata (apposta) è sempre quella dell'uguaglianza delle risorse, delle opportunità e delle ricchezze! Questa è l'unica soluzione e dopo 15mila anni è proprio ora che tutti quanti nel mondo lo capiscano!

    Rispondi

  • sabcarrera

    12 Settembre @ 09.35

    La decrescita felice non vuol dire tornare indietro. Vuol dire che il cittadino puó tenere il paese in ordine facendo scelte sociali che non onerano la comunita, possiamo vivere senza costruire strade o edifici inutilizzato. Non dobbiamo essere schiavi di pensieri di economisti che propongono il PIL come l'unica ragione di essere di un paese.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

musica

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era

FESTE PGN

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era Foto

Gay Pride: spot a Pompei con Ciretta Cascina e Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra

CAMPANIA

Gay Pride: spot a Pompei con Ciretta Cascina e Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Chianti Governo», fresco e fragrante

IL VINO

Il «Chianti Governo», fresco e fragrante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

'Ndrangheta, chiesti 30 anni per il boss Bolognino

Michele Bolognino in una foto d'archivio

Processo Aemilia

'Ndrangheta, chiesti 30 anni per il boss Bolognino

E' il presunto referente della cosca nel Parmense. Richiesta una pena pesante anche per Aldo Ferrari

noceto

I sindacati: "Tragedia annunciata: sospendere le lavorazioni alla polveriera" Video

L'operaio di 37 anni è stazionario

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Roberto Bettati, campione di sollevamento pesi: aveva 54 anni

Gioco d'azzardo: giro di vite sulle slot machine a Parma

politica

Pizzarotti: "A Conte direi scappa a gambe levate"

Il sindaco di Parma è stato intervistato su Rai Radio1 durante il programma "Un Giorno da Pecora"

8commenti

12 tg parma

Tormenta la cassiera di un market: divieto di avvicinamento per lo stalker Video

12 Tg Parma

Auto abbandonata fra i rovi e riempita come un cassonetto Video

12 tg parma

Il latte delle mamme donato ai prematuri: la "banca" arriva a Parma Video

12 tg parma

Dal 28 maggio la Polizia municipale al lavoro h24 Video

6commenti

PARMA CALCIO

Sabato la premiazione in Comune, domenica la festa. Poi si pensa al ritiro estivo Video

12 tg parma

Promozione in A, il video di Dino Baggio: "Coi gobbi chiamatemi"

taneto

“Vampirizzano" il serbatoio del tir: denunciati tre dipendenti infedeli di un'azienda parmense

Parco Ducale

Chi ha ucciso Milly, la «mamma oca» del laghetto? E' morta per difendere le sue uova

11commenti

Lutto

Addio a Tony Wolf, il «papà» del pinguino Pingu. Era nato a Busseto

1commento

GAZZAREPORTER

Il raduno della grande famiglia Peracchi: in 74 a Varano Marchesi

meteo

Sapore d'estate, nel weekend sole e punte di 30 gradi

Piogge e temporali fino a mercoledì, poi "rimonta" alta pressione

PARMA

Alimenti preparati fra sporcizia e scarafaggi: chiusi due locali in strada dei Mercati e in via D'Azeglio Foto

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quel patto sul premier è la fine del centrodestra

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MILANO

Litiga con la madre per il cellulare e cade dalla finestra: salva dopo un volo di 10 metri

SENTENZA

La Cassazione: "Ustica, i ministeri devono risarcire Itavia"

SPORT

calcio

L'Uefa rinvia a giudizio il Milan sui conti: Coppe a rischio

ciclismo

La Var anche al Giro: Aru penalizzato di 20 secondi

SOCIETA'

testimonial

Barilla, Federer-Oldani: nuove lezioni in cucina

REALITY SHOW

Grande Fratello, Mariana: "Bacio? Luigi ci ha provato con tutte" 

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più