13°

26°

Legionella

L'epidemia in altri quartieri

L'epidemia in altri quartieri
Ricevi gratis le news
8

Aumentano i contagiati: finora 37. Ma adesso la paura non si respira più solo nel quartiere Montebello: un terzo dei malati non vive nella zona «rossa».

Chiara Pozzati

Legionella, si allargano i contorni dell’epidemia: sono già una decina i casi di contagio esterni alla zona di via Montebello. E' questo il fatto nuovo più preoccupante dell'emergenza sanitaria che ha colpito la nostra città. Intanto continuano i controlli per individuare il focolaio che ha generato il contagio e che a tutt'oggi è ancora oscuro.

I pazienti che non abitano nella zona rossa rappresentano oltre un quarto del totale, considerando che le persone che finora hanno contratto la legionellosi sono 37. Si tratta di dieci persone che non abitano e nemmeno lavorano nel quartiere Cittadella «ma tutte accomunate da almeno un contatto con l’area del Montebello», precisa l’Ausl.

Ieri si è tenuto un altro tavolo istituzionale per fare il punto sulla situazione e decidere le misure da adottare. Alla fine, è arrivata una risposta ufficiale ai timori dell'allargarsi dell'epidemia: «Al momento non è possibile escludere nulla, nemmeno che il contagio possa avvenire in altri quartieri. Anche se le attenzioni si concentrano sul Montebello proprio perché la maggior parte dei casi si è verificata in quell’area».

Ma quali sono gli altri quartieri coinvolti? «Tutti». Ci sono pazienti che hanno contratto l’insidioso batterio e abitano in centro, altri al Molinetto, in via Paradigna, altri ancora al San Lazzaro Lubiana.

Impossibile capire in che modo gli ammalati che abitano altrove abbiano avuto contatti col Montebello. Di certo l'infezione viene trasmessa da flussi di aerosol e di acqua contaminata dal batterio. Nel mirino sono i luoghi pubblici. Proseguono intanto le contromosse delle autorità sanitarie: «Ricordiamo che i campionamenti sono stati effettuati nelle abitazioni di tutti i pazienti affetti da legionellosi, compresi coloro che non risultano domiciliati nella zona del Montebello», assicurano dagli uffici di strada del Quartiere.

Intanto i campionamenti a tappeto hanno interessato anche le attività produttive: al setaccio i cantieri e le aziende del quartiere Cittadella. E il responso è stato negativo per tutti. Ecco perché «l’attenzione viene concentrata su altre fonti di emissione, quali in particolare le torri di evaporazione centralizzate presenti in edifici di grandi dimensioni legati a diverse attività che ne comportano l’installazione ad una distanza compatibile con quella in cui presumibilmente si è manifestato il contagio», come ha chiarito ieri la nota ufficiale diramata subito dopo il tavolo interistituzionale. Non solo: gli esperti hanno acceso i riflettori anche sui centri commerciali e sugli impianti sportivi «su cui vengono effettuati controlli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Betti

    08 Ottobre @ 00.31

    il teleriscaldamento è stato escluso?

    Rispondi

  • Berta

    07 Ottobre @ 17.59

    Il fatto che ci siano 10 casi fuori dall'area Montebello dovrebbe essere "positivo", perché proprio grazie a queste 10 persone dovrebbe essere piuttosto facile risalire al luogo di contagio. Cioè, uno che viene da fuori ricorda sicuramente i pochi posti in cui è stato nel quartiere, a differenza di chi ci abita, che lo frequenta in lungo e in largo. Non capisco come sia possibile non averlo ancora individuato. Ma che stanno facendo????

    Rispondi

    • federicot

      07 Ottobre @ 19.09

      federicot

      Eh infatti... Per me è gente che è stata in coda da qualche parte.

      Rispondi

  • danila

    07 Ottobre @ 15.48

    ma cosa sono le torri di evaporazione ?

    Rispondi

    • 07 Ottobre @ 16.05

      Ecco il link di wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Torre_di_raffreddamento

      Rispondi

  • salamandra

    07 Ottobre @ 14.01

    I mezzi di pulizia delle strade? Anche quelli spruzzano acqua o sbaglio?

    Rispondi

    • 07 Ottobre @ 14.13

      (Dalla redazione) I mezzi di pulizia delle strade sono stati valutati dai tecnici per la zona di Via Montebello, ma poi esclusi perché è stato ritenuto altamente improbabile che diffondessero il batterio. Almeno è questo quello che è stato detto nell'assemblea di ieri.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    07 Ottobre @ 12.03

    MA E' OVVIO ! Attenzione però a non fare confusione fra la presenza di ammalati fuori dal quartiere Montebello e la presenza di fonti di contagio al di fuori di quel quartiere ! Non è la stessa cosa ! Se , com' è probabile , la fonte del contagio è in un luogo pubblico frequentato da molta gente , possono esservi state esposte anche persone residenti altrove. Tanto per fare un esempio qualsiasi , sarebbe come pretendere che al Centro Torri ci vadano solo gli abitanti di San Leonardo. L' ipotesi di una seconda fonte di contagio è , secondo me , meno probabile.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Melania in Texas, ma scoppia il caso della giacca

USA

Melania in Texas, ma scoppia il caso della giacca

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

Chiara Francini

Chiara Francini

30 GIUGNO

"Mia madre non lo deve sapere": Chiara Francini presenta il suo libro a Parma

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La top 5 per il fine settimana (all'insegna dei tortelli)

WEEKEND

La top 5 per il fine settimana (all'insegna dei tortelli)

Lealtrenotizie

Molesta e tenta di violentare una 14enne a Parma. Arrestato 41enne a Monza

carabinieri

Molesta e tenta di violentare una 14enne a Parma. Arrestato 41enne a Monza

REGGIO EMILIA

80mila euro di coca arrivano via posta, i Nas di Parma arrestano un trafficante

Parma

Gdf: in un anno e mezzo scoperti 64 evasori fiscali totali per 55 milioni di euro Il bilancio dell'attività

Viale Vittoria

«Se compri la droga ti fotografo»: (Sono già spariti) i cartelli sugli alberi - Gallery

11commenti

BLITZ

Confiscati beni per oltre 2 milioni a un imprenditore a Gela

L'uomo aveva trasferito l'attività a Parma

L'evento dell'anno

Ennio Morricone incanta Parma e la Cittadella Gallery - Video

2commenti

L'INTERVISTA

Malmesi: «Faremo la A»

3commenti

bufera

Caso whatsapp-Parma, lo Spezia: "La nostra condotta ispirata a rigore e rispetto"

Il presidente Upi

Annalisa Sassi: «Legame col territorio sempre più forte» - Videointevista

NOCETO

Matilde, la youtuber che insegna ad amare i libri

METEO

Maltempo: forti temporali (e calo delle temperature) in arrivo al Nord

TIZZANO

Restituito al proprietario il Ciao rubato 31 anni fa

Dramma

Superchi, il dolore dell'amico medico: «Se n'è andato un combattente»

operazione nostalgia

Le leggende del Parma in campo (domani) al Tardini

COLLECCHIO

Adriano, modello per Dolce & Gabbana

AUTOSTRADE

Incidente mortale in Autocisa: operaio travolto e ucciso da un camion

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

ITALIA/MONDO

correggio

Prima prega poi ruba il messale della chiesa: filmato e denunciato 70enne del paese

il caso

Salvini: "Dieci vaccini obbligatori sono inutili". L'immunologo: "Salvano milioni di vite"

SPORT

RUSSIA 2018

Il Brasile soffre ma vince: 2-0 al Costa Rica

mondiali

Caos Argentina, il ct Sampaoli: "Colpa mia". I giocatori: "Cacciatelo ora"

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

2commenti

MOTORI

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa