17°

29°

allarme

Proposte sessuali con furto di Rolex: ladre a luci rosse in azione

Le ladre a luci rosse fanno razzia di Rolex
Ricevi gratis le news
13

Agiscono in pieno centro, durante il giorno. Le loro vittime sono anziani con al polso Rolex e orologi di lusso. Sono le ladre a luci rosse che stanno colpendo sempre più di frequente in città con una tecnica inconsueta: attaccano bottone coi passanti e poi propongono rapporti sessuali. E alla fine derubano gli uomini.

Luca Pelagatti

Non fidatevi. Anche se hanno facce graziose, decoltè provocanti e sembrano irresistibilmente attratte da voi non fidatevi. Perché non sono i vostri abbracci che cercano, non sono brividi caldi che bramano. No, semplicemente puntano al vostro Rolex. E se non è l'orologio poco conta. Va bene anche la collana o il bracciale che portate al polso. L'importante è che sia d'oro. E meglio se è di valore.

Di truffe nelle nostre strade abbiamo imparato, purtroppo, a riconoscerne tante. Ma l'ultima arrivata, quella messa in atto da donne graziose e spregiudicate che arrivano da lontano, davvero lascia senza parole. Soprattutto gli uomini, e a Parma sono ormai decine, che nelle ultime settimane si sono visti soffiare sotto il naso orologi e gioielli. Vedendo sgretolarsi anche la propria autostima di playboy che non devono chiedere mai.

A colpire sono sempre giovani donne provenienti dall'Est che si aggirano per le nostre strade cercando la persona da turlupinare. Da quello che emerge, dal racconto di chi ha subito la beffa, l'identikit è sempre lo stesso: età tra i venti e i trent'anni, fisico minuto, sorriso piacente e capelli scuri raccolti in una sobria coda di cavallo. Nulla di particolare nell'abito, nulla di sguaiato nell'aspetto. Perché l'arma, lo sanno bene, è quello che sta sotto il vestito.

Simile anche il ritratto della vittima: età piuttosto avanzata e una evidente disponibilità economica certificata da orologi di valore. Per il resto succede tutto in un lampo: una volta identificato il soggetto da colpire la donna si avvicina con una scusa qualsiasi: un'informazione su una strada, una richiesta di indicazioni. A quel punto, arrivata a portata di voce e di mano, la ladra fa scattare il secondo atto. Quello a luci rosse.

La donna infatti sgrana gli occhi con aria lasciva e inizia a proporre all'interlocutore, di solito ancora abbastanza perplesso, un approccio erotico. Si, senza perdere tempo a girarci intorno la donna sfrontatamente si propone. E per rendere più credibile e convincente la profferta allunga le mani. O meglio: prende la mano dell'uomo che ha di fronte e se la appoggia addosso, si fa palpeggiare. Qualcuno, è ovvio, si ritrae; qualcuno, ingenuamente, indugia e si compiace del contatto. In entrambi i casi il danno è già fatto perché le donne, che sono ben allenate, sono assai rapide nello sfruttare il momento in cui stringono la mano e il polso della vittima per sganciare in quella frazione di secondo il cinturino dell'orologio.

Insomma, il furto è servito. Se l'uomo infatti rifugge alla proposta ovviamente si allontana a passo spedito e lei fa lo stesso. Quando la vittima si accorge di essere stata derubata quella sfrontata truffatrice è già lontana.

Nello stesso modo se la vittima dimostra di gradire la possibilità di palpeggiare una giovane così disinvolta certamente non perderà tempo per guardare l'ora. E, di nuovo, quando lo farà sarà sempre troppo tardi.

Raccogliendo le voci che girano in questi giorni sembra che ci siano anche versioni vagamente differenti del furto. Ma alla fine il risultato è lo stesso. In alcuni casi le donne hanno convinto l'uomo ad appartarsi e ne hanno approfittato per rubare collane e bracciali mentre alcune di queste trappole sono scattate nei luoghi che meno ti aspetti: in pieno centro, addirittura in via Repubblica e piazza Garibaldi.

Le forze dell'ordine sanno di questa nuova tecnica e stanno investigando. Ma a parte il riserbo che sempre protegge le indagini quello che pare ovvio è che si tratta di furti assai complicati da fermare. Bloccare le donne in flagranza è quasi impossibile e in caso di denuncia la descrizione della vittima si adatta a centinaia di giovani donne. Trovare proprio quella che ha agito è come pescare il proverbiale ago nel pagliaio dei balordi.

Non solo: anche le vittime spesso preferiscono non denunciare per timore di rimediare oltre al danno anche la beffa di una figuraccia con parenti e amici. E le ladre questo lo sanno e se ne approfittano. Continuando a colpire.

Con ogni probabilità poi si tratta di persone che ogni giorno cambiano zona e che quindi difficilmente tornano sul luogo della ultima beffa. E se, come sembra, i casi sono così tanti è chiaro che ad operare è una banda ben organizzata che può contare su un ampio parco di ladre a luci rosse da far ruotare. Tanto il numero di possibili vittime è decisamente sconfinato.

Un sorriso di una bella giovane in fondo piace a tutti. Peccato che il fascino del proibito, soprattutto in questo caso, si paghi a caro prezzo. Quindi il consiglio è il solito. Non fidatevi. E se quella vezzosa vi si struscia addosso un po' troppo fate un esame di coscienza. E davvero è stata vinta dal vostro fascino irresistibile? O da quello che avete al polso?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • the mari

    29 Ottobre @ 11.47

    interessante il manualetto per il perfetto " astuto playboy"..

    Rispondi

  • fortunato

    28 Ottobre @ 16.56

    mettetevi addosso solo patacche, altro che oggetti di valore. Queste ragazze sono del mestiere, professioniste, sanno cuocere bene il"POLLO". Non bisogna fidarsi di nessuno al giorno d'oggi, poi la sicurezza non esiste più da un po' di tempo, siamo soli, soli, soli.......

    Rispondi

  • Berta

    28 Ottobre @ 15.14

    @liverpool: non esiste più il foglio di via? Non serve arrestare, basta applicarlo. Questi arrivano per lo piú in treno, basterebbe aumentare la sorveglianza in stazione chiedendo ai "soliti noti" di identificarsi e impedirgli di 'sbarcare' in città. @leoleo, non sono una derubata, io, finora, reagisco e riesco ancora a correre, per fortuna mia. Ma mi sembra invidioso e meschino offendere e prendere in giro chi ha l'unica "colpa" di voler passeggiare in pace per strada con un PROPRIO anello o orologio di valore. O magari con un portafogli pieno di soldi dentro la PROPRIA borsa o le PROPRIE tasche. Quindi se uno/a indossa una catena o un braccialetto d'oro è giustificabile che glieli strappino? E perché non illegalizziamo, già che ci siamo, le gioiellerie? Fate lo stesso ragionamento di chi accusa le donne di provocare perché escono la sera o indossano jeans attillati/ minigonna. Quindi accuserete pure le persone anziane di aprire la porta a degli sconosciuti. W l'incoerenza!

    Rispondi

  • traveller73pr

    28 Ottobre @ 14.50

    A leggere notizie come questa il mio primo pensiero è: “dunque.. tu hai tipo 70-80 anni e, magari, non sei esattamente il sosia di Sean Connery.. ti si avvicina una bella ragazza giovane e ti fa pseudo avances… qui i casi sono tre: hai incontrato una ninfomane gerontofila (0,5% di possibilità)… sei vittima di uno scherzo di pessimo gusto (14,5%)… o stanno per truffarti/derubarti (85%)… quindi scantati!... cacciala in malo modo subito…”. ...Facile dirlo quando si ha, all'incirca, meno della metà di quegli anni, come nel mio caso. Ma poi bisogna sapersi mettere nei panni opportuni: di chi – a quella età – non ha più la dovuta prontezza di riflessi fisici e mentali… od ha vissuto la proprio giovinezza e maturità in un “altro mondo”, fatto di più educazione/garbo diffusi e meno delinquenti in libera circolazione… o – uomo – rimane intimidito dall'avvenenza dell’interlocutrice…ecc. C’entra poco, scusate il paragone personale, ma, per dire, mia madre – da giovane e "parecchio tosta" – non avrebbe fatto entrare in casa una mosca, senza l’opportuna esibizione di documenti… da anziana, molto provata da vedovanza e problemi di salute, quasi si fece abbindolare da un venditore che, utilizzando modi garbatissimi e linguaggio SPAVENTOSAMENTE AMBIGUO (nel confondere sanità pubblica e sanità privata), stava per rifilarle un non ben definito presidio medico-sanitario. Per fortuna ebbi il tempo di intervenire. La cosa mi disgustò tanto se non più di vicende come questa dell’articolo... Trovandosi difronte ad un imbroglio “legalizzato” (notare le virgolette).

    Rispondi

  • Berta

    28 Ottobre @ 12.01

    @Giuseppe: e mentre ti chiedi se sta bene quella t'ha già sfilato l'orologio. Cosa credete, di essere più svegli di quelli a cui è successo? Unica soluzione, provata dalla sottoscritta mentre cercavano di abbindolare mia zia anni fa al mercato in Ghiaia per scipparle il portamonete, col trucco del 'ti tolgo il malocchio ecc' è un bello spintone e allonanarle con la forza. Ma se cade magari rischi la denuncia per lesioni. Si tratta di reagire in una manciata di secondi, perché in meno di mezzo minuto ti svuotano. Sono ladre professioniste allenate fin dall'infanzia, non dilettanti o donnette indifese.

    Rispondi

    • Giuseppe

      28 Ottobre @ 16.43

      Mi riferivo alla realtà di Parma; io vengo da una città "di frontiera". Dalle mie parti, la bella ragazza che fa questo giochetto, rischierebbe le proprie gambe........altro che spintarella! Per dirla tutta , qui si vive ancora in un mondo ovattato......questi episodi, sempre dalle mie parti, farebbero ridere i polli.

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

12Tg Parma

Gli audio dei rapinatori: "Faranno un film su di noi"

Borgotaro-Imperia

La refurtiva è a fianco dell'altare: sacerdote denunciato per furto di oggetti sacri (tra cui Gorro)

COLORNO

Quel bimbo imboccato a forza fino a fargli rigurgitare tutto

COLORNO

Violenze alla materna, il giudice: «In classe un clima di terrore» Video

tribunale

Scontri Cremonese-Parma: daspo per 10 tifosi crociati

incidente

L'auto finisce fuori strada e si ribalta: un ferito a Citerna

Evento

Langhirano-Parma: sabato camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

12Tg Parma

Varco Ztl di piazzale D'Acquisto, nel primo mese 1.800 passaggi accertati Video

Busseto

Straziante addio alla piccola Carla

Pronto soccorso

La vita in «trincea» di medici e infermieri

Ex Eridania

Allarme: tartarughe in agonia nelle vasche del parco

2commenti

gazzareporter

"Il Parco Falcone e Borsellino maltrattato"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

ROMA

Mostro del Circeo, Izzo rivelazione choc: uccidemmo anche un ragazza veneta

roma

Scritta "Br" sul monumento a Moro e ai caduti di via Fani

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv