-0°

Caccia tragica

La madre di Mattia: «E' stato un maledetto incidente»

La madre di Mattia «E' stato un maledetto incidente»
Ricevi gratis le news
1

«Un incidente, un maledetto incidente, questo è stato». Parla Renata Valdi, madre di Mattia, il 31enne ucciso dal padre Roberto durante una battuta di caccia. «La nostra vita distrutta in un istante».

Chiara Pozzati

«Mio marito non ha nessuna colpa. Lui e Mattia erano come gemelli. Non solo padre e figlio, ma affiatati quanto due amici». Renata Valdi, mamma e moglie devastata, decide di scambiare qualche parola all’uscita del reparto di Diagnosi e cura. L’anticamera dell’inferno per la famiglia salsese squassata dalla tragedia di domenica. Mattia è morto a 31 anni tra le braccia del padre, durante una battuta di caccia al cinghiale a Pellegrino Parmense. Roberto, 58anni, è divorato dai sensi di colpa per quel proiettile partito dalla sua carabina. Nemmeno i farmaci possono anestetizzarli. «E’ stata una tragica fatalità. Roberto è un cacciatore esperto, non certo uno dal grilletto facile. Abbiamo perso tutto in un istante. Tutto». Le parole si fanno piccole, avare di fronte a questa valanga di sofferenza. Che in un attimo ha travolto una famiglia come tante, un giovane che aveva il futuro in mano, un padre e una madre che hanno dato tutto per i figli. Perché Mattia ha una sorella «che non fa che piangere. Piange perché lui non c’è più, piange per il padre che è distrutto dal dolore». Renata parla in un bisbiglio. Spiegano più gli occhi persi, le mani tremanti, che le parole. A ferirla ieri la notizia dell’apertura del fascicolo per omicidio colposo, «una prassi, lo so. Ma la verità è un’altra. La verità è che questo è un dramma. Un maledetto incidente e forse fa ancora più male. Non c’è un perché, qualcosa a cui aggrapparsi, contro cui rovesciare il dolore e la rabbia». Forse in questo momento, il come - che comunque va stabilito - non è così fondamentale. Almeno non per lei che affronta il baratro a testa alta. «Probabilmente non è stato neppure il proiettile, ma la maledetta scheggia dell’albero che ha deviato il colpo a ferire a morte il mio bambino» si tortura. «Ma chiariamo subito una cosa: se solo mio marito avesse immaginato, non avrebbe mai messo a repentaglio la vita di nostro figlio. Per cui avrebbe volentieri sacrificato la propria». Le «braccate» si perdono nei ricordi della famiglia Valdi: «Spesso andavano a caccia di cinghiali insieme, era una passione che condividevano oltre a trascorre qualche ora in compagnia. Poi andavano al bar, e io li chiamavo per sapere cosa avrebbero fatto. Stavano a cena là, e quando rientravano si strizzavano l’occhio e sorridevano sornioni. “Non si può uscire con Mattia, non rientra a casa mai”, scherzava mio marito». Brandelli di ricordi felici, una quotidianità che appare lontana anni luce. Inafferrabile. «Quella mattina mio figlio mi ha dato un bacio, “ci sentiamo stasera, mamma”. Ma non l’ho visto più». E torna al macigno che le pesa sul cuore: «Mio marito è un cacciatore serio, prudente. Non spara mai senza essere sicuro al cento per cento. Se c’è qualche rischio di colpire i nostri cani, preferisce aspettare. Figuriamoci se solo avesse pensato che a rischiare era suo figlio». Segugi, come Maya che ha trotterellato accanto a padre e figlio in molte battute sugli Appennini. E che ancora attende i padroni. Due sofferenze che incombono sulle spalle di una donna che è una roccia: «Ora voglio stare vicino a Roberto, perché non riesce a riprendersi dal dolore. Il senso di colpa lo sta consumando. E pensare che oggi (ieri per chi legge, ndr) avremmo dovuto festeggiare». Già, omaggiare la nonna, la mamma di Renata, per i suoi 73 anni. Una tavola imbandita, una famiglia che ride e scatta fotografie che rimarranno. Ti sembra quasi di vederli. Ma non ieri. Ieri, Renata e la cognata sono accorse al padiglione Braga, nella mattina plumbea di Ognissanti. Il 58enne è ricoverato lì da domenica. Per lo choc ha accusato un malore. Oggi è curato, rimane sotto la scrupolosa osservazione dai medici del Diagnosi e cura, perché ci sono ferite che scavano dentro difficili da rimarginare. Ti vergogni quasi a fare domande, a chiedere come sta il marito. Renata, intercetta quest’imbarazzo, e parla per prima: «E' quasi sempre sotto sedativi. Dorme, e appena si sve-
glia piange. Per questo vi chiedo di fare attenzione all’uso delle parole. Lui legge i giornali, vede le televisioni e sta ancora peggio». E ha uno scatto d’orgoglio: «Vi chiedo solo di scrivere la verità, ma di essere cauti. Perché non accetto che mio marito venga dipinto come non è. In quel caso sono pronta a dare battaglia, ormai non ho più nulla da perdere. Non è stata colpa sua, lo scriva a chiare lettere». Poi torna a bomba a quel male che non le dà tregua: «La prima cosa che mi ha detto domenica, quando si è svegliato, legato al letto, è stata “Ho ucciso il nostro Matti”. “Non hai ucciso nessuno Roberto” gli ho risposto, “E’ stato solo un incidente, un maledetto incidente”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Pietro

    04 Novembre @ 21.54

    Grande Donna.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

brad pitt & charlize theron

gossip

Brad Pitt e Charlize Theron stanno insieme (secondo la stampa inglese)

Incassi in calo, ma Parma è 11ª in Italia

Cinema

Incassi in calo, ma Parma è 11ª in Italia

4commenti

L'espressività della danza "catturata" in 25 scatti: mostra a Bibbiano

FOTOGRAFIA

L'espressività della danza "catturata" in 25 scatti: mostra a Bibbiano Foto Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoratrici schiave dietro alle t-shirt firmate dalle Spice Girls

LONDRA

Lavoratrici schiave dietro alle t-shirt firmate dalle Spice Girls

Lealtrenotizie

Banda di ragazzini in via Mazzini: entrano all'Oviesse e un 17enne ruba abiti

PARMA

Cerca di rubare vestiti in via Mazzini: 17enne denunciato dalla polizia Video

POLEMICA

Romagnosi, prof contro la civetta. «Ricorda l'aquila fascista»

10commenti

furto

San Secondo: ladri messi in fuga e fotografati da un passante

Colorno

Si introduce nell'oratorio. Il prete che lo allontana resta ferito

FIDENZA

Nel sottopasso con il rosso: 94enne (ubriaco) provoca un incidente

1commento

AUTOSTRADA

Incidente e veicolo in avaria in A1: mattinata difficile. A15: lavori in corso questa sera

Colorno

Morta Donatella Censori, una vita per la politica e la scuola

QUALITÀ DELL'ARIA

Polveri sottili, dati incoraggianti a inizio 2019

DISAGI

Via Spezia, al buio la rotatoria e gli svincoli della tangenziale

Gazzareporter

"Un assaggio... di luna rossa" Manda le tue foto

PARMA

Ausl e ospedale: possibili disagi per sciopero venerdì 25 gennaio

CERMIS

Visita a sorpresa di Giulia Ghiretti a Giocampus Neve Foto

Grande emozione sulle nevi del Cermis, i bimbi incontrano l’atleta paralimpica

BASEBALL

A Parma e Bologna il girone preolimpico

Gazzareporter

Via Trento, "il sottopasso ha bisogno di un lifting" Foto

FIDENZA

Cabriolo: ferito un ciclista caduto in via Ponte Nuovo Video

L'uomo ha riportato ferite di media gravità

APPELLO

Massacro di Natale, i giudici: «Alessio senza pietà, ma subalterno al padre ed educato al cinismo e alla violenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Cesare Battisti e il peccatore che vive in noi

di Michele Brambilla

1commento

IL DISCO

Led Zeppelin I, quando la leggenda ebbe inizio Video

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

VICENZA

Getta a terra la figlia neonata e tenta il suicidio: la piccola è morta, arrestata una 41enne

MILANO

Taxista travolto e ucciso: arrestato un 26enne. Gli avevano ritirato la patente due volte

SPORT

football americano

Pronostici stravolti, il Superbowl sarà Patriots (ancora loro) - Rams

PRIMA CATEGORIA

Il Fidenza sbanca Zibello Video Highlights

SOCIETA'

cucina

"Il sale rosa dell'Himalaya è un bluff: è impuro e costa il doppio"

12 tg parma

A Parma il fenomeno "Momo": allarme sui cellulari dei giovanissimi Video

MOTORI

MOTORI

Citroën: ecco C3 Uptown, l'auto «pour homme»

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross