17°

29°

EDITORIALE

Centro poco sicuro: intervenire subito

Piazza Ghiaia

Piazza Ghiaia

Ricevi gratis le news
6

Il centro storico della nostra città, negli ultimi tempi, sta vivendo un vero e proprio allarme-sicurezza. E' di ieri la notizia, che trovate nelle pagine di cronaca, della rapina alla libreria Mondadori di Piazza Ghiaia nel pieno del pomeriggio, che si somma agli inquietanti episodi dei giorni scorsi. Forse è ancora esagerato definirla emergenza, ma di certo le aggressioni ai danni non soltanto di donne e anziani ma anche di uomini in piena salute fisica e i ripetuti vandalismi sono un fenomeno crescente e pericoloso che non va sottovalutato. Nessuno può trincerarsi dietro statistiche o paragoni con altre città per negare quella che è una realtà purtroppo sempre più evidente: oggi il centro di Parma, e non ci riferiamo soltanto all'Oltretorrente, è un luogo nel quale è meglio guardarsi attorno se si deve passare per zone che non siano affollate di persone. E, a volte, neppure questo può bastare. L'«assalto» di alcuni extracomunitari a un fotografo colpevole soltanto di aver cercato di fare il proprio mestiere scattando alcune istantanee di quanto stava avvenendo sullo scalone di accesso alla Pilotta e l'aggressione di una «gang» di giovanissimi teppisti a un ragazzo a pochi passi dal Duomo e dal Battistero avvenuta semplicemente perché aveva «osato» replicare alle loro provocazioni, sono segnali che la situazione, se non affrontata con decisione da tutte le istituzioni, potrebbe sfuggire di mano. Perché l'impressione è che la sensazione di impunità diffusa stia incoraggiando anche in quella che fino a non molto tempo fa poteva essere ritenuta una zona «tranquilla», perlomeno per buona parte del giorno, in un luogo a rischio per chiunque. E' noto che al sabato, dalle parti di via Cavour e dintorni, ci sono bande di ragazzini che spesso fanno i «bulli» con i propri coetanei sicuri come sono di non subire conseguenze così come che in viale Toschi, dietro all'ex pensilina, ci sono giovani che si divertono a spaventare i passanti a suon di petardi e a lanciare rifiuti di ogni genere nel greto. Di esempi se ne potrebbero fare tanti altri, ma il punto è che, se non si interviene in tempi rapidi cercando soluzioni condivise da tutte le istituzioni che sono parte in causa, il centro di Parma rischia di diventare, fatta eccezione per le vie di attraversamento principali, una «terra di nessuno». Quello che serve in questo momento non è una sterile caccia alle responsabilità, quanto piuttosto una «cabina di regia» che veda protagonisti tutti, dalle forze dell'ordine al Comune, dalle associazioni di categoria ai rappresentanti del volontariato e anche, diciamo noi, delle istituzioni culturali come il polo museale della Pilotta o la Sovrintendenza ai beni culturali per mettere in campo tutto quello che serve per invertire la tendenza a un pericoloso declino sul fronte del degrado e della sicurezza. Certo, trovare soluzioni immediate a un problema complesso non è facile. Però non si può neppure più nascondere la polvere sotto il tappeto: servono una vigilanza più continua, presidi anche di volontari che controllino la situazione e segnalino presenze anomale, aggiunti a interventi strutturali, come telecamere di sorveglianza aggiuntive , illuminazione più potente e controlli assidui delle zone più a rischio. Ricette magiche non ne esistono, ma l'unica cosa certa è che, se non si vuole chiudere la stalla (leggi il centro) quando i buoi sono già scappati, si deve intervenire con urgenza.
gzurlini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    28 Gennaio @ 18.11

    Mi duole dirlo, ma i commenti che mi precedono sono assolutamente centrati.

    Rispondi

    • Filippo

      29 Gennaio @ 08.46

      (Mi riferisco a quelli di filippo e salamandra)

      Rispondi

  • Michele

    28 Gennaio @ 18.03

    mandra_sala@libero.it

    A Parma la responsabilità della questione della sicurezza e dell'assessore preposto. Si chiama Casa, nominato dal sindaco, il quale ha anche il dovere di verificarne lo svolgimento dei compiti. È evidente che il primo non ha fatto ed il secondo non ha controllato l'operato.

    Rispondi

  • filippo

    28 Gennaio @ 17.37

    Giusto l'editoriale, ricordo però che alle europee del 2014, il 52% dei cittadini di Parma ha votato un partito politico che aveva 3 programmi: 1) depenalizzazione dei reati minori e svuotacarceri, con conseguente riduzione dei detenuti da 68.000 a 53.000 2) Operazione Mare nostrum con navi militari utilizzate per portarci 360.000 immigrati in 24 mesi...tutti buoni e santi? 3) chiusura progressiva dei CIE per cui le espulsioni sono diventate tutte virtuali, bel segno di civiltà per loro, guai seri per i cittadini comuni...adesso ci godiamo il centro di parma con una piazza di spaccia tra la stazione e i monumenti...nessuno ha proposto una soluzione..

    Rispondi

    • salamandra

      28 Gennaio @ 18.45

      E ti segnalo come probabilmente il prossimo sindaco di Parma sarà di questo partito...

      Rispondi

  • salamandra

    28 Gennaio @ 12.18

    Il 50% in Emilia Romagna ha votato il partito che ha fatto il decreto svuotacarceri e pure quello che impedisce, in pratica, l'arresto preventivo nella totalità di questi reati salvo che non ci scappi il morto. Questo partito non fa pure niente per frenare l'immigrazione selvaggia che è ben altra cosa dall'accoglienza dei rifugiati. Poi lo stesso 50% dà pure la colpa al sindaco che avrà anche le sue colpe ma su questo non può fare praticamente nulla. Qui sulla gazzetta di oggi c'è anche la notizia che i processi saranno contingentati causa scarsità di personali ovvero che ci saranno prescrizioni in abbondanza (come se un condannato comunque andasse realmente in galera). Quindi, fintantoché la gente non si sveglia non si può intervenire.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

5commenti

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

3commenti

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

trasporti

Campari (Lega) richiama Ferrovie: "Alta velocità, collegamenti con Parma carenti"

incontro

Nando Dalla Chiesa: "Criminalità, mai abbassare la guardia" Video

visita

Ferrero, il presidente "esplosivo" a Parma

LIRICA

Macbeth inaugura il Festival Verdi 2018 al Teatro Regio

La "prima" è in programma giovedì 27 settembre

QUARTIERE TAMBURI

Fondazione Pizzarotti e Parole di Lulù onlus insieme per i bambini di Taranto

gazzareporter

Bici e pure la borsetta sotto il ponte

PARMA

Riporta il carrello dopo la spesa e la borsa sparisce dall'auto: denunciato un 29enne

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTE

Ciclista investito in via Langhirano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

PGN

La festa di Casaltone, Benassi e i Megaborg al Mu, e il nuovo «Operaswing»

ITALIA/MONDO

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

CULTURA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPORT

Calciomercato

Inter, vicino il rinnovo di Icardi

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

SOCIETA'

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

PARMA

Ponte Romano, sopralluogo in vista dell'inaugurazione Foto

MOTORI

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse

motori

Il tempo libero secondo Mercedes