14°

SALA BAGANZA

Lo strazio di Anna: «I miei figli sepolti in quell'angolo buio»

Lo strazio di Anna: «I miei figli sepolti in quell'angolo buio»
Ricevi gratis le news
2

Una storia straziante che sembra non avere fine, quella di Anna Bertocchi, che negli anni '90 perse i due figli, Marco e Luca Larini, emofiliaci morti per il sangue infetto. «Vorrei ci fosse luce là dove sono sepolti», dice la madre, dopo che una parete in cemento ha sostituito la vetrata vicino agli avelli dei suoi ragazzi nel cimitero di Sala Baganza.

Cristina Pelagatti

E’ una richiesta di «luce», quella di Anna Bertocchi. Chiede luce per i suoi due figli al cimitero, e nel farlo riporta alla luce uno dei capitoli più vergognosi della storia della Repubblica: lo scandalo degli emoderivati infetti. I suoi due ragazzi, Marco e Luca Larini, emofiliaci, sono morti tra atroci sofferenze, dopo aver contratto il virus Hiv con le infusioni di emoderivati infetti che dovevano servire a curarli.

«I miei figli sono nati a 20 mesi di distanza l’uno dall’altro, il 27 ottobre del '71 Marco e il 17 giugno del '73 Luca: quando è stata diagnosticata l’emofilia a Marco ero già incinta di Luca, mi sono rimboccata le maniche. Non sapevo nulla dell’emofilia, ma di emofilia non si muore. Ho cominciato a farli curare a Parma, poi siamo passati al Centro emofilia di Pisa: una struttura all’avanguardia, dove insegnavano ai genitori e ai ragazzi a curarsi a casa, a farsi le infusioni, in modo da poter essere più autosufficienti. Venivano lì da tutta Italia. Avevano in cura circa 500 ragazzi. Di quelli che conoscevo io, non c’è più nessuno in vita».

Nel 1985 Anna vede le altre famiglie dei pazienti piangere e disperarsi per i figli che avevano contratto il virus dell’Hiv e le epatiti e, alla risposta «non ci sono problemi» da parte del centro di Pisa, Anna torna all'ospedale di Parma, dove Luca e Marco fanno il test: risultano sieropositivi. «Quando è morto Luca, nel ‘94, il Nas è andato all’ospedale di Pisa: erano sparite tutte le cartelle, ma hanno trovato un documento, relativo a sangue congelato di un prelievo, che certificava che già nel 1983 Luca era sieropositivo. Così, probabilmente, anche Marco e molti altri».

La scoperta della sieropositività è un colpo al cuore per i ragazzi: è il 1985, la malattia non si conosce, non ci sono le cure e le informazioni che ci sono oggi, non si fa distinzione tra Hiv e Aids conclamata, ed è associata allo stigma: «Sei malato perché sei un tossico, te la sei cercata». Luca reagisce con rabbia, mentre Marco ammutolisce e si rifugia nella musica. Il padre se ne va di casa e Anna resta sola a curare i suoi ragazzi, lavorando anche le domeniche per accumulare ore di permesso per poter seguire i figli nelle cure. «I ragazzi, un po’ di vita in mezzo a tanto dolore l’hanno vissuta, sono andati a scuola: Luca voleva fare il maître sulle navi da crociera, giocava a calcetto; Marco si era iscritto a Matematica, suonava la chitarra con un gruppo di amici. Poi, si sono ammalati. Luca nel 90. L’Aids conclamata si è manifestata con un primo virus agli occhi, che poi ha colpito la testa, ed è rimasto paralizzato completamente. Ha vissuto così, comunicando con gli occhi dai primi mesi del '93 sino alla morte, a 21 anni. Si è scelto la sua tomba, vicino a un amico morto per incidente. Mio figlio Marco ha vissuto tutto il calvario nel silenzio, sapendo che sarebbe toccato anche a lui. La malattia per lui si è manifestata nel '96, ed è morto due anni dopo. Suonava e si metteva alla finestra a scrivere poesie: è morto nel giorno del suo 27esimo compleanno, il 27 ottobre del 1998».

Luca, appena compiuti 18 anni, ha intentato causa: una causa che la madre ha portato avanti con tenacia per 16 anni «Eravamo partiti da Parma, poi ci siamo rivolti a un avvocato di Firenze, Federici, che con suo figlio mi ha seguita per 16 anni con grande umanità: alla fine nel 2006 lo Stato ha fatto una transazione, e sono arrivati i risarcimenti. Ma sono risarcimenti che non possono lenire il dolore e il vedere che i responsabili di migliaia di morti, dalle case farmaceutiche a Poggiolini e De Lorenzo, continuano a vivere la loro vita dopo che si sono arricchiti sulle spalle dei malati». Ad aggiungere rabbia al dolore, l’ignoranza e l’insensibilità di tanti compaesani. «Il giorno del funerale di Luca una signora mi ha accusata: "i nostri figli sono andati in vacanza insieme e tu non mi hai detto che era malato, non ti vergogni?". E in molti dicevano che si erano ammalati perché erano dei drogati: hanno preso il virus a 12 e 13 anni e mezzo. Tanto che il parroco, per fermare i pettegolezzi, disse forte in chiesa dal pulpito: "i due ragazzi sono morti per una trasfusione di sangue infetto". Ho avuto solidarietà dagli amici dei ragazzi e dall’Avis di Sala: il presidente di allora, Riccardo Bertoli, decise di darmi un assegno di un milione per aiutarmi nelle cure dei ragazzi e lo ringrazio ancora di cuore».

Ma un fatto recente ha fatto emergere di nuovo in Anna tutto il dolore: «I miei ragazzi riposano in un'ala del cimitero di Sala illuminata a suo tempo da una parete a vetrate. Scelsi quel posto perché rassicurata, dall’allora amministrazione, che non sarebbe mai stata oggetto di cambiamenti. Invece, di fianco ai loro avelli, la parete a vetrate è stata sostituita da un muro di cellette. Ora prendono la luce solo dal lucernario, e nei giorni di maltempo o in inverno saranno al buio. Sono andata in Comune, e mi hanno risposto che la situazione è questa. Mi sembra che manchi la sensibilità. I miei ragazzi amavano la luce, vorrei che ci fosse luce dove riposano loro, mio padre e dove riposerà anche mia madre».

Un bel po’ di luce nella vita di Anna, l’ha portata Valter, l’attuale marito. «Abbiamo cominciato a parlarci proprio al cimitero: lui andava in visita alla moglie Chiara, morta molto giovane: sapeva chi fossi perché suo figlio, a cui voglio un bene dell’anima, era in classe con Marco. Io sono convinta che Chiara sia con i miei figli e sia felice per noi. Perché io con Valter ho ricominciato a vivere». Valter si è rivolto ad Anna la prima volta facendole la domanda che le venne naturale porle: «Come fa a vivere lei?». E Anna gli ha risposto con una lezione di vita: «Deve imparare a vivere col dolore dentro, anche mentre sorride. Il tempo la aiuterà».

Il tempo ha aiutato entrambi. Vivono insieme: ognuno col proprio dolore, sorridendo, cercando la luce, anche nelle piccole cose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • patti

    17 Aprile @ 21.37

    Ma dio c'è?

    Rispondi

  • Laura

    16 Aprile @ 13.38

    SI effettivamente in quel reparto c'è anche mio nonno.Prima c'era una bella vetrata ora è molto più scuro.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

moda

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

Intervista a Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio

INTERVISTA

Twelve Conversations, a Traversetolo la "prima": ne parlano Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio Ascolta

Panettoni creativi: premiato Claudio Gatti di Tabiano

gusto

Panettoni creativi: premiato Claudio Gatti di Tabiano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Hostaria del maiale»: La tradizione famigliare della Bassa

CHICHIBIO

«Hostaria del maiale»: la tradizione familiare della Bassa

1commento

Lealtrenotizie

Rapina in banca in via Emilia Est: minacciano l'impiegato con un cutter e svuotano la cassa

via Emilia Est

Rapina in banca: minacciano l'impiegata con un cutter e scappano con poche centinaia di euro

1commento

MISTERO

Esce dal lavoro e scompare a Reggiolo. Unico indizio: è passato da Traversetolo

Davide Ploia, 48 anni, vive nel Mantovano ed è scomparso da giovedì. Del caso si è occupato "Chi l'ha visto?"

PARMA

Migliora la qualità dell'aria, niente più stop per i diesel Euro4

Stop alle misure di emergenza da domani (martedì 11 dicembre)

anteprima gazzetta

Esclusiva - Boccia: "La Manovra non funziona, Tav necessaria"

CONSIGLIO

Reddito solidarietà comunale: assistite 89 famiglie. Piazzale Bertozzi: 12 multe al bar in due anni

Il gruppo Pd passa a 4 consiglieri. Caterina Bonetti entra al posto di Scarpa

SCUOLE

Marcia della pace a Parma: gli studenti sfilano in centro Foto

Celebrata la "Giornata mondiale d'azione per i diritti umani"

ILLUMINAZIONE

Luci a led, fioccano le lamentele

8commenti

PARMA

Tentato furto a Malandriano: il mastino mette in fuga tre ladri

Ecco la segnalazione di un lettore

TORRILE

L'omicidio di Filomena Cataldi: per lo psichiatra, Fang è incapace di intendere e volere Video

I dettagli nel video del 12TgParma

economia

Progetto Ycom: nuove frontiere per il welfare in azienda

Siglato un accordo con Medicalbox

FORNOVO

Oggi l'addio a Sara, volontaria per missione: aveva 47 anni

Tragedia di Ancona

«Così controlliamo le discoteche di Parma»

PARMENSE

Incidente a Montechiarugolo: un ferito, si cerca un'auto che si sarebbe allontanata

Parma

Ponte di Colorno, la Provincia vince un nuovo ricorso: "In settimana il contratto"

AGGRESSIONE

Giovanni, il fisarmonicista di strada, preso a pugni sotto casa

5commenti

Noceto

Visoni «liberati». «Non cercate di catturarli, non sono gattini»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La lezione di Parma a un Paese sfiduciato

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Necessario un giro di vite verso i ciclisti indisciplinati

di Domenico Cacopardo

4commenti

ITALIA/MONDO

NELLA NOTTE

Incendio a Reggio: 2 morti, 38 intossicati. Migliorano due bimbe e altre 7 persone

scuola

Il ministro ai prof: "Meno compiti per le vacanze"

2commenti

SPORT

Football americano

Leggendaria giocata dei Dolphins a 7" dalla fine per la vittoria contro i Patriots Video

FIORENTINA

Due medici indagati per la morte di Davide Astori

SOCIETA'

PARMA

Quando i reggiani "rubarono" il pigiama di Guareschi... Dietro le quinte del Mondo Piccolo Video

roma

Ubriaco scende con l'auto la scalinata di Trinità dei Monti: denunciato

MOTORI

SUV

Renault Kadjar: restyling dopo tre anni

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco