20°

Integrazione

«Portiamo il velo, ma siamo italiane come voi»

Parma, sette ragazze musulmane di «seconda generazione» si raccontano

«Portiamo il velo, ma siamo italiane come voi»
Ricevi gratis le news
47

Dalla scelta di portare il velo al confronto con il pregiudizio. Il rapporto con i coetanei e con le loro famiglie.

Laura Frugoni

«Quando accendo la tv e si parla di integrazione, sento giornalisti che fanno sempre la stessa domanda: ti senti italiano? Chi te lo chiede, in realtà, ti sta dicendo: sei diverso. Io vivo in questo Paese, ho studiato nelle vostre scuole, sono nata a Parma, cittadina italiana. Perché non dovrei sentirmi parte integrante della società?».

Incroci gli occhi ardenti e severi di Nour Ayari - vent'anni, studentessa al secondo anno di Farmacia - e pensi che non sarà facile sollevare quel velo. Non l'hijab a fiori sgargianti che le incornicia il viso. Il velo invisibile della diffidenza: una specie di maxi-coperta di Linus che sembra tenerle avvolte un po' tutte, non appena arrivano in Gazzetta. Alcune scrollano la testa quando spunta la macchina fotografica. «Preferisco di no - Soljane si scosta dal gruppo - in passato ho parlato con giornalisti e mi hanno messo in bocca cose che non avevo mai detto».

Si sono presentate in sette: ragazze musulmane tra i 16 e i 23 anni, appartenenti alla cosiddetta seconda generazione. Nessuna odissea della speranza alle spalle, sono nate a Parma, le loro famiglie sono marocchine, tunisine, egiziane: hanno accettato l'invitato a parlare di dialogo e integrazione in un momento in cui dalle cronache rimbalzano soprattutto casi estremi, deprimenti: la 14enne marocchina di Pavia presa a cinghiate per i comportamenti «troppo disinvolti», la coetanea bolognese rasata a zero dalla famiglia perché si rifiutava di mettere il velo...

Le ragazze annuiscono. «Sì, le abbiamo sentite queste storie. Chissà perché vengono fuori così, tutte insieme». Si guardano, esitanti. Poi succede: il dialogo comincia a scorrere fluido. Diventa vivace e spontaneo. A tratti urgente.

«I miei amici? Un mix di italiani e stranieri - riflette Nour - quando studiavo all'Ulivi la mia classe era davvero multiculturale. Con la diffidenza e la discriminazione devi fare i conti, è inevitabile. A qualsiasi ragazza musulmana è capitato, anche per strada succede». Anche mezz'ora fa è successo qualcosa del genere, interviene Fatima, 23 anni, studentessa di giurisprudenza: aspettava le amiche nel parcheggio dell'Esselunga, insieme alla sorella. «Un signore anziano ha attaccato bottone. “Buongiorno ragazze da dove venite? Siete nate qui, ah davvero? Ma portate il velo... I miei nipoti mi chiedono che rapporti devono avere con le ragazze velate”. Ecco, essere soggette a questa curiosità da una parte è comprensibile: ti permette di spiegare. Dall'altra non lo è: dov'è la stranezza, qual è il problema se io porto il velo? Non c'è una Costituzione che garantisce la libertà di professare il proprio credo?»

Velate per scelta

Non sarebbe meglio decidere di velarsi quando si diventa maggiorenni? Che scelta è se si è bambine?

«Io ho messo il velo in prima media - ribatte Fatima - ovvio che adesso sono più consapevole. Prima il mio esempio è stato mia mamma: chi la conosce l'ha sempre vista così, bella ed elegante con il suo velo. L'altro giorno doveva rinnovare i documenti, le hanno fatto mille storie per la foto: si devono vedere il collo, le orecchie, i capelli. Lei ha protestato, sono stati irremovibili. “E' per il terrorismo” . E com'è finita? «E' andata via. Mia madre non rinuncia al suo credo».

Ci sono ragazze che portano l'hijab perché la famiglia glielo impone. «Solo il pensiero mi fa venire la pelle d'oca - scuote la testa Sara Ben Chouchane, 22 anni che studia al Ctf ed è stata a lungo referente dei giovani musulmani di Parma - e poi chiariamo subito: se indossare l'hijab è solo frutto di un'imposizione, non ha nessun valore a livello religioso. Ma se tu domandi come sono arrivate a decidere di portarlo alle nostre coetanee, riceverai più o meno sempre la stessa risposta: a 11 anni ti innamori di tua mamma, la vedi diversa dalle altre. Sei incuriosita, desideri essere come lei... E un giorno decidi di indossarlo anche tu».

Lacrime a scuola

Te lo ricordi, il tuo primo giorno? «Facevo la prima media, era dicembre. Compagni e insegnanti mi avevano già conosciuto senza velo». Come hanno accolto la nuova Sara? «Alla prima ora è entrata la prof di storia dell'arte, ha fatto l'appello. Ha alzato gli occhi su di me: “ehi, ma mica è di moda mettersi questo aggeggio, toglitelo immediatamente”. Me lo sono tirato via, tra le lacrime. Un mio compagno mi fissava con stupore: “hai ancora i capelli, non ti sei rasata la testa”. Alla seconda ora è arrivata la prof di matematica: ha visto che piangevo, le ho raccontato. Si è rivolta a tutta la classe: “in questa ora cercherò di spiegarvi il significato di questo velo...”. La settimana dopo me lo sono rimessa, senza polemiche. I miei genitori sono tipi tranquilli, non volevano venire scuola ad alzare polveroni». Com'è andata con l'insegnante allergica al velo? «In storia dell'arte non ho mai avuto la sufficienza», ride Sara.

Sotto i veli sgargianti, intravedi jeans, scarpe da ginnastica, giacche e spolverini, maniche lunghe. E' difficile, a vent'anni, non desiderare mai un tacco 12, quattro salti in discoteca? La domanda le fa ridere divertite. «In discoteca non ci andiamo - scrolla la testa Sara - tra i nostri principi religiosi c'è il divieto di bere alcolici, non si può ballare in luoghi misti...». Ma così non si rischia di rimanere tagliate fuori dal mondo dei coetanei? «No, se hai degli amici che ti vogliono bene. Se tengono a te cercheranno il modo di venirti incontro. Un sabato magari andranno in discoteca, quello successivo verranno al cinema. Proprio oggi uno di loro mi ha avvisato che facevano una grigliata. “Vieni anche tu, non si mangia solo carne, ci sono anche le verdure”. Poi ha aggiunto: “facciamo così, la prossima volta organizziamo una bella pizzata”. Mi ha fatto piacere: a volte sono gli stessi musulmani a precludersi delle possibilità».

I giovani e il pregiudizio

Quand'era al liceo, Nour voleva diventare rappresentante di classe. Non tutti erano d'accordo. «Un giorno mi arriva un bigliettino da una mia compagna: “Tizio dice che tu non puoi farlo perché porti il velo”. Quando sono andata a chiedergli conto di quelle parole, è sbiancato: “no... non intendevo... volevo solo dire che potresti avere dei problemi con i rappresentanti d'istituto”. Si capiva che il suo era un pregiudizio, non sapeva neanche spiegare il perché. Alla fine si è scusato, da quel giorno è diventato gentilissimo. E mi hanno eletta».

Domani è un altro giorno

Mai pensato di cambiare idea? A vent'anni ce n'è ancora tanta di strada davanti.

«Proprio stamattina ho chiesto a mia madre: se decidessi di togliere il velo come reagiresti? - interviene Asmaa Homssi, 17 anni, liceale, velo nero e occhioni da cerbiatta - lei mi ha risposto che la delusione sarebbe forte, qualsiasi musulmano che ha una figlia desidera che porti il velo. “Resteresti comunque mia figlia, la mia reazione non sarebbe aggressiva e tanto meno violenta”».

Qualcuna è fidanzata? Scrollano la testa. E se capita di innamorarsi di un ragazzo che non crede nel Corano? Sara spezza il silenzio: «Seguo il precetto islamico, il fidanzato dev'essere della tua stessa religione. Ma io non imporrei mai il mio credo a qualcun altro». L'amore a volte ti prende alla sprovvista: è disobbediente. «Mi è capitato che un ragazzo di un altro credo provasse dei sentimenti per me, ma io non li provavo per lui», taglia corto Nour.

Tra famiglia e carriera

Ora il liceo, l'università. Domani che donne vorrebbero diventare? «Se la mia situazione economica me lo permettesse - risponde Sara - il mio sogno sarebbe di avere una famiglia e dedicarmi al volontariato». Nour non ha dubbi: «Io voglio lavorare. Il mio obiettivo è riuscire a creare un equilibrio tra la famiglia e il lavoro. E trovare un partner che mi aiuti».

Due ore sono già volate via, una delle ragazze sbircia l'orologio: «scusate, devo prendere l'autobus». Le amiche non hanno fretta. C'è ancora tanto da dire: sull'incubo-terrorismo, i matrimoni combinati, il rapporto con le loro madri. «Dà fastidio che donne che lavoravano in pubblico vengano licenziate perché il velo può spaventare la gente - riflette Soljane. - A me spaventano più i social e il clima che riescono a creare. Dopo un attacco, se vai su Internet trovi una valanga di commenti terrificanti». «Il matrimonio combinato? E' la cosa più catastrofica che ti possa accadere», s'infervora Sara. Quando parlano delle madri, si illuminano: raccontano di sacrifici, rinunce e nostalgie. La mamma di Nour faceva l'insegnante in Tunisia, con la primavera araba lei e il marito sono dovuti fuggire e arrivarono qui. «Tra noi c'è un continuo dibattito. Lei vede il mio mondo con grande curiosità, io guardo il suo come qualcosa da cui imparare».

Manca ancora una voce. Quella di Yousser: sedici anni, studia al Melloni, è la «sorellina» di Sara. La più giovane e la più timida. L'unica con la chioma sciolta senza velo. «Non so se deciderò di metterlo. Ci sto ancora pensando».
E tu, Yousser, che donna vorresti diventare? Solleva lo sguardo e scandisce le parole: «Vorrei fare l'avvocato. Mi piacerebbe dare a ciascuno la propria giustizia. Agli italiani e agli stranieri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Elena

    20 Aprile @ 16.47

    Chissà se arriverà mai l'agognato giorno in cui si smetterà di pontificare e pretendere di decidere sul corpo delle donne. Cosa devono o non devono indossare, come si devono atteggiare, se sono grasse, se sono magre, e i peli sì e i peli no, e se ti trucchi sei puttana, se non ti trucchi sei maria checa. Se hai la minigonna te le cerchi. Se ti copri hai troppe connotazioni religiose. Se ti mostri nuda non hai rispetto per te stessa. Se vai in spiaggia coperta sei una che non si integra. Se hai una vita sessuale attiva sei una poco di buono. Se ti astieni hai dei problemi. Onestamente? Occupatevi un po' più dei fatti vostri e lasciate che ognuna percorra la propria strada come crede opportuno.

    Rispondi

  • Daniela

    20 Aprile @ 11.29

    una donna mussulmana non può sposare un uomo non mussulmano, mentre un uomo mussulmano può sposare un'ebrea o una cristiana...a voi sembra equo? giusto? rispettoso della persona in quanto tale (uomo o donna che sia)? A me no.

    Rispondi

    • leoprimo

      20 Aprile @ 17.04

      Probabilmente a Lei non sta bene alle donne musulmane si. L'equità e la giustizia sono valori assoluti, la religione e i suoi credo sono relativi. Quel che piace a Lei può non piacere a me e viceversa io credo in Dio, mio figlio è ateo convinto ma resta mio figlio e lo amo alla stessa maniera.

      Rispondi

  • falco

    20 Aprile @ 08.52

    Quanta pochezza, quanta intolleranza, quanta ignoranza nei commenti.......si scatenano a frotte a commentare notizie di questo tipo perchè si ritengono presi in causa....mentre la realtà è che siamo tutti quanti oppressi dal sistema che fa leva su questi temi per tenerci sempre più divisi mentre tramano alle nostre spalle compiendo porcherie di ogni genere!

    Rispondi

    • Ilaria

      20 Aprile @ 14.58

      interessante conclusione, ma...cosa fare quindi?

      Rispondi

  • filippo

    20 Aprile @ 08.21

    mai visto servizio cosi fazioso.....si vogliono integrare alle loro condizioni......poi vediamo quante vanno al cinema, quante partono per i viaggi, quante vanno a ballare ......contributi all'economia pochi e niente a fronte di benefit a gogo....grazie

    Rispondi

    • 20 Aprile @ 10.14

      Non è assolutamente un servizio fazioso. Il fatto che non le piaccia cosa emerge dall'articolo non lo rende fazioso

      Rispondi

  • Indiana

    19 Aprile @ 19.37

    Indiana

    Il fidanzato deve essere della tua stessa religione,cioè musulmano! E queste sarebbero italiane??? E poi i razzisti sarebbero gli altri? Ribadisco:l'Italia é la patria di artisti,musicisti,scopritori e scienziati. Ovunque ti volti respiri arte,vedi bellezza e ascolti musica.Se non ami l'arte,la musica e la bellezza non centri un bel niente con l'Italia! Cosa ne pensano i musulmani,che considerano le arti figurative e la musica come mali demoniaci? Cosa pensano quando vedono la magnificenza delle nostre cattedrali,le opere di Leonardo,Caravaggio,Michelangelo,Giotto....sentono Verdi,Paganini...leggono a scuola Dante,Petrarca,Manzoni (solo per citarne qualcuno)? Se non ami l'essenza dell'Italia non sarai mai italiano! E te ne devi andare

    Rispondi

    • Francesco

      20 Aprile @ 12.00

      brundofrancesco@libero.it

      Sacrosanto.

      Rispondi

    • Filippo

      19 Aprile @ 21.53

      "Donne e buoi dei paesi tuoi" non lo diceva Maometto: me lo ripeteva quella mia stessa nonna che si metteva il velo sui capelli. I tempi cambiano per tutti: se ai giovani musulmani si concede il giusto tempo senza spingerli verso opposte reazioni integraliste, il progresso arriverà anche per loro.

      Rispondi

      • Michele E

        20 Aprile @ 08.14

        Mia nonna non se lo metteva in prima media. E nemmeno la tua!

        Rispondi

        • Filippo

          20 Aprile @ 13.56

          A prescindere dal fatto che fino a una certa età non se lo mettono neanche tutte le ragazzine musulmane osservanti, a te che fastidio da, se a loro sta bene e non viene imposto? A me fa più girare i c... vedere ragazzini (compresi i miei figli) col cavallo dei pantaloni sotto il ginocchio...

          Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Cinema

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Auto sbanda, code in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

2commenti

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Gazzareporter

Parma di sera vista da Giulia, 14enne appassionata di fotografia

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

MOTORI

Il Motor Show diventa Festival e trasloca da Bologna a Modena

MONTE SERRA

Incendio nel Pisano: 700 sfollati, in azione i Canadair. "Scenario apocalittico" Foto

SPORT

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel