-1°

13°

BULLISMO

Ragazza disabile esclusa dalla cena di classe

Ricevi gratis le news
13

Bullismo ai danni di una ragazza disabile. Le sue compagne di classe l'hanno esclusa dalla cena di classe. I genitori della vittima hanno denunciato il caso al provveditore e alla polizia postale.

Enrico Gotti

«Non ti vogliamo alla cena di classe» è il messaggio, sulla chat di WhatsApp, delle studentesse a una compagna in carrozzina. «E' bullismo» protestano i genitori della ragazza, che portano il caso al provveditore e alla polizia postale.

La questione riguarda una classe seconda, di una scuola superiore della città. È l’11 giugno, l’anno scolastico è appena terminato e sul telefonino, nel gruppo WhatsApp che riunisce le studentesse, si parla di rivedersi una sera, insieme. Una ragazza scrive: «E' nostra intenzione fare una cena di classe, anche magari per parlare di altro invece che di scuola, e preferiremmo che non ci siano genitori, ma dal momento in cui deve essere presente una figura per te, non vorremmo che tu venissi. Da tutta la classe»

Il messaggio è rivolto a una studentessa, di 16 anni, con disabilità, che dalla nascita deve usare una carrozzina. Lei guarda la chat del telefono solo il giorno dopo e risponde che ci sarà alla cena.

«Ma hai capito il senso del messaggio?», «Con la comprensione siamo messi un po’ male», la prendono in giro altre compagne di classe, alcune delle quali ricorrono a parolacce e bestemmie.

«Troverò una soluzione - risponde lei -. Poi mia mamma si allontana, mica sta appiccicata a noi». «Non so se hai compreso che il fatto che ci sia un genitore, anche se non appiccicato a noi, è una cosa un po’ opprimente» replicano, «E poi dobbiamo camminare tanto poi stiamo in centro» dice un’altra. «Io sono una persona come tutte le altre» risponde la ragazza, che prova a convincerle: «Mia mamma esce, poi per andare in giro sola prendo la carrozzina elettrica … e quando ho bisogno la chiamo al telefono».

Ma il suo messaggio provoca ulteriori critiche, del tipo: «Perché non hai detto prima che avevi la carrozzina elettrica? Non siamo andate in gita per questo!» e ancora: «Ci prendi per il c*?». Lei prova a spiegare che non poteva portare la carrozzina elettrica perché il pulmino non aveva la pedana adeguata, ma le altre chiudono il discorso: «Basta, la cena di classe non si fa più. Chiudiamo il capitolo».

I genitori hanno scoperto dello scambio di messaggi in chat solo il giorno dopo.

«Quando abbiamo letto i messaggi eravamo increduli e disgustati – dicono i genitori della ragazza – la questione legata alla nostra eventuale presenza alla cena è un pretesto, nella chat c’è un’escalation di accuse, c’è una cattiveria ingiusta e gratuita che sicuramente ha avuto inizio ben prima della fine della scuola. Il giorno dopo siamo andati a parlare con la docente di riferimento della classe, lei ha fatto un notevole lavoro di inclusione durante l’anno scolastico, era estremamente amareggiata. La scuola però ha liquidato la vicenda, ha detto che dovevamo fare denuncia in questura, poi siamo andati alla polizia postale, dove siamo stati ascoltati con attenzione. Tuttavia, anche se i funzionari hanno preso atto della gravità dei fatti esposti che coinvolgono una minore disabile, non è stato possibile fare denuncia, perché solo se è un fenomeno reiterato si può denunciare come stalking, bullismo o atti persecutori. Anche questo è inimmaginabile».

La scuola cosa poteva fare? Secondo i famigliari, che hanno scritto anche al provveditore Maurizio Bocedi, doveva convocare le studentesse e le relative famiglie, e coinvolgere servizi sociali e psicologi, attivare procedure previste nei casi gravi. Dall’istituto superiore, immerso in questi giorni negli esami di maturità, replicano dicendo che comprendono la preoccupazione dei genitori, che serve una forte azione educativa per far capire gli errori dei ragazzi, ma in questo momento l’istituto è impossibilitato a prendere provvedimenti, perché tutti gli alunni – tranne quelli delle classi quinte – sono fuori da scuola, con voti e scrutini già decisi da tempo e che si attiverà al loro rientro con un’azione preventiva e formativa perché non accada più.

«C’è un gruppetto di tre o quattro ragazze che ha creato nella classe un clima di terrore, inducendo all’omertà chi non si allinea e all’inerzia i professori, e che prende di mira i più deboli, quelli con meno risorse per fronteggiare la cattiveria. - dice il papà della ragazza - Non è possibile accettare che continuino ad agire in questo modo. La scuola ci ha assicurato che il prossimo anno, nella formazione delle classi, si terrà conto dell’accaduto, ma pretendo, prima come cittadino che come padre, che siano messe nelle condizioni di non nuocere ulteriormente nei confronti di mia figlia o di altre ragazze. Stiamo parlando di studentesse che una volta finita la scuola, per lavoro, potrebbero avere a che fare con minori, disabili, anziani e soggetti deboli del territorio» aggiunge, convinto che oltre alle barriere architettoniche, ci siano barriere nel modo di pensare ancora più grandi da superare.

E lei, la ragazza, come ha reagito? «Mia figlia? Si è dimostrata più forte dei suoi genitori, ha già superato questo problema - dice il papà, che aggiunge: - è giusto così. Ora sono le istituzioni preposte che devono affrontare e superare questi problemi. È necessario che quelle ragazze siano recuperate, rese consapevoli dell’accaduto. Vanno aiutate ad aiutarsi, a trasformare il loro disagio, la loro “disabilità” in un’opportunità di crescita, attraverso un percorso, certamente articolato e complesso, che richiede Ascolto da parte delle Istituzioni. Non è un caso personale, è un caso sociale». Non tutta la classe si è comportata allo stesso modo, anzi, in questa storia di porte chiuse, c’è chi le ha aperte il giorno successivo. «Una compagna di mia figlia, la sera seguente ai fatti, l’ha invitata, insieme a noi, a mangiare una pizza. Un’altra ragazza, sempre della stessa classe, l’ha invitata per un’uscita in Cittadella. Non sanno come hanno reso felice mia figlia con questi piccoli, ma grandi, gesti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giuseppe

    02 Luglio @ 12.03

    La colpa principale è dei genitori degli (...) che rifiutano la propria compagna di classe, che non sanno fare i genitori. Prima di educare i figli stolti bisognerebbe educare questi pseudo genitori.

    Rispondi

  • Francesco

    01 Luglio @ 19.24

    A mio parere questo non è bullismo ma stupidità e ignoranza. A mio parere prima della scuola dovrebbero essere le famiglie ad insegnare il rispetto verso gli invalidi (ma anche i brutti, i grassi, i poveri....) cosa che purtroppo in questo caso mi pare non sia stata fatta a dovere.

    Rispondi

  • antonioermanno

    01 Luglio @ 11.39

    Questi ragazzi sono quelli che avranno in mano il paese un domani. Piano piano il virus della discriminazione dei disabili si sta facendo strada. Il nazismo (e il fascismo) hanno avuto origine da queste parole: “Vite indegne di essere vissute”. L’Olocausto nasce da qui. Lo sterminio che ha marchiato il ‘900 europeo parte da questa parola: “indegne”.

    Rispondi

    • Gianni Cesari

      01 Luglio @ 12.17

      giannicesari

      la discriminazione è antica come l'uomo. Cito ad esempio Sparta. L'eugenetica di Sparta, ripresa in era nazista, andava anche oltre alla discriminazione.

      Rispondi

  • Gianni Cesari

    01 Luglio @ 11.00

    giannicesari

    Sono padre di 3 figli disabili, che però non hanno problemi di mobilità. La mia solidarietà alla famiglia. Mal comune, nessun mezzo gaudio, la triste vicenda narrata, con sfumature diverse, per quanto mi riguarda rientra nella "quotidianità". Viviamo in questa società, molto attenta al politicamente corretto, con tante importanti battaglie prioritarie (immigrati, nomadi, lgbt, "presidenta" e non "la presidente"): sì, si sono scordati di noi. Anche noi abbiamo un Dio, ma è diverso dal Dio della gente normale. E' un Dio disabile, che soffre di tutte le disabilità immaginabili, ed è molto debilitato perchè trasmette le sue energie a tutti noi genitori. Per quel poco che conta io ho fatto la mia scelta (sbagliata) e ora sono asociale, misantropo; il mio unico cordone ombelicale con la società è che pago le tasse (e leggo la Gazzetta). Per il "misfatto" oggetto di codesto articolo, ci sarà un gran dibattito, poi dopo che ognuno avrà detto la sua, risciacquata la coscenza, si ritornerà ognuno alla sua normalità o disabilità (salvo qualche rara persona illuminata). Voglio congedarmi con un ringraziamento: le due compagne che hanno poi invitata per un momento di allegria, sono delle persone speciali, le ringrazio anche se non le conosco, per me è come se avessero avuto la stessa attenzione per i miei figli. Grazie, grazie, grazie!

    Rispondi

  • Indiana

    30 Giugno @ 22.05

    Indiana

    In ogni caso ribadisco tutta la mia solidarietà alla ragazza e alla sua famiglia

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'escursione in Appennino e il sorpasso azzardato vincono le iniziative "Gazzareporter". E ora... mandateci le "Curiosità parmigiane"

DAI LETTORI

Gazzareporter: vincono l'Appennino e il sorpasso azzardato. E ora, "Curiosità parmigiane" Foto

Via Reggio: il 14esimo compleanno del Jamaica Pub - Ecco chi c'era alla festa: foto

PGN

Via Reggio: il 14esimo compleanno del Jamaica Pub Ecco chi c'era alla festa: foto

Zerocalcare agli studenti: "Seguite la vostra idea"

ROMA

Zerocalcare agli studenti: "Seguite la vostra idea" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Barolo Riserva 2013 Bussia» di Fenocchio: avvincente e unico

IL VINO

«Barolo Riserva 2013 Bussia» di Fenocchio: avvincente e unico

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Cocaina, Marco Botti patteggia 2 anni e 8 mesi. Resta ai domiciliari

Tribunale

Cocaina, Marco Botti patteggia 2 anni e 8 mesi. Resta ai domiciliari

via d'azeglio

I ladri tornano nel negozio "del delitto". E prima dell'arresto picchiano il personale

anteprima gazzetta

Il fatto del giorno

manifestazione

Parma non dimentica don Peppe Diana: la fiaccolata contro le mafie - Le foto

12 tg parma

Travolto in bici lungo via San Leonardo, gravissimo un 44enne Video

AMARCORD

Quando il Kartdromo di San Pancrazio era l'università dell'automobilismo Foto

guardia di finanza

False fatture per 10 milioni, imprenditore reggiano denunciato. Coinvolte 55 aziende, anche a Parma

GATTATICO

Ritrovate le preziose chitarre da collezione rubate a Felino

1commento

calcio

Viareggio Cup, sotto di 2 gol il Parma elimina il Riga (ai rigori) e vola ai quarti

allerta siccità

Siccità al Nord, riserve idriche ancora solo per un mese

Anbi, se non pioverà problemi molto seri; neve è grande assente

via sidoli

Tenta il suicidio con 200 pastiglie: salvato dai poliziotti allertati da un'amica

CANTIERE

Il PalaRaschi tornerà ad avere 3000 posti

5commenti

SALA

Carabinieri da Csi: arrestano il ladro analizzando le tracce di sangue

1commento

12 tg parma

Faggiano a Bar Sport:"L'umore non è dei migliori ma non possiamo abbatterci" Video

calcio giovanile

Giocatore del Vicofertile preso a pugni, squadra ritirata

SOLIGNANO

Addio a Sandro Masotti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il clima d'odio: un'altra battaglia per Greta

di Francesco Monaco

SERIE A

Tre sondaggi... in uno per votare "i migliori" del Parma di questa stagione

ITALIA/MONDO

Milano

Giallo: donna di 54 anni trovata morta. Omicidio?

A UN RALLY

Incidente in Algeria: muore il papà del ministro Stefani

SPORT

sport

Tragedia nel nuoto: è morto Kenneth To, 26 anni, aveva vinto 4 medaglie mondiali

L'INTERVISTA

Jarno Trulli: "In Formula 1 il talento non basta"

SOCIETA'

EDITORIA

Apple in campo con l'Osservatorio dei Giovani Editori

cinema astra

La prima visione del docu-film sul “Màt” Sicuri

MOTORI

IL TEST

Come va l'ibrido Plug-In? Scopriamolo con Mitsubishi Outlander

MOTORI

Techroad: Dacia si veste di rosso (e costa solo 3 euro al giorno)