21°

EDITORIALE

Schiavi del cellulare al punto da uccidere

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
22

Due multe al giorno, a Parma, per l'uso del cellulare durante la guida. Ovvio che la Polizia Stradale non possa fare miracoli, anche perché beccare un'infrazione del genere, dimostrarla e fermare il responsabile non è facile: ma è chiaro a tutti che il numero di persone che usano il telefonino mentre guidano, solo a Parma, non è due e neppure duemila, ma molto molto di più.

Gli incidenti mortali in Italia sono andati progressivamente calando. All'inizio degli anni Ottanta sulle strade restavano quasi quindicimila morti all'anno. Nel 2001 a perdere la vita furono 7.096 persone. Nel 2014 i morti sono stati 3.381. Un calo che è indubbiamente merito di automobili molto più sicure, anche di strade complessivamente più sicure, e poi della patente a punti, dei seggiolini obbligatori per i bambini, delle cinture di sicurezza, degli alcol test. Insomma, c'è stato un progresso evidente.

Tuttavia, negli ultimi tre anni questo progresso si è arrestato. Anzi, gli incidenti sono aumentati. E perché? Gli addetti ai lavori non hanno dubbi: per la pessima abitudine di usare il cellulare mentre si guida. Lo dicono le statistiche, ma lo dice anche l'esperienza di ciascuno di noi. Quante volte vediamo che l'auto davanti a noi procede a zig zag, sconfinando pericolosamente nella corsia opposta. Poi, quando la superiamo, vediamo che l'imbecille alla guida ha il cellulare in mano.

Ma siamo onesti: ognuno di noi è un po' imbecille. Quante volte pure noi abbiamo ceduto alla tentazione di leggere un messaggio appena arrivato? O di comporre un numero di telefono? O anche - all'incoscienza e alla cretineria non c'è mai fine - di controllare su Internet, magari sul passo della Cisa, la formazione della Fiorentina campione d'Italia 1968-'69? Così, magari perché è in corso una scommessa con un amico che nel frattempo sta guidando sull'Autosole.

Non sono leggerezze. Sono comportanti criminali. Lo dico senza timore di esagerare. Se si ammazza qualcuno in auto, in genere si risponde del reato di omicidio colposo (oggi si chiama omicidio stradale): ma direi che se l'incidente è provocato da qualcuno che era su WhatsApp o affini si dovrebbe contestare l'aggravante di «avere agito nonostante la previsione dell'evento».

Ora in Parlamento stanno discutendo una legge che prevede l'immediato ritiro della patente per chi usa il cellulare mentre guida. Speriamo che venga approvata. Ma speriamo anche che la gente cambi da sola i propri comportamenti quotidiani, rendendosi conto della loro pericolosità. Siamo sempre pronti a criticare i politici, le leggi, la classe dirigente eccetera: ma gran parte di quello che succede dipende dal senso di responsabilità di ciascuno di noi, nelle cose di ogni giorno, anche quelle apparentemente più piccole.

E poi. Vogliamo fermarci un attimo a riflettere sul “perché” anche mentre guidiamo smanettiamo sul telefono? È sempre così urgente, così necessario rispondere “subito” a un messaggio? E se aspettassimo di esserci fermati? Una volta si facevano viaggi di ore e ore e solo all'arrivo rassicuravamo la mamma: «Sono arrivato, tutto bene». E vivevamo bene lo stesso, facevamo tutto anche meglio di quanto facciamo oggi, condizionati come siamo dall'esigenza di essere “responsive”, sempre connessi. Un'esigenza che ci rende nevrotici, e a volte perfino assassini.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Bastet

    06 Agosto @ 02.24

    @ salamandra: no!!! È colpa del Comune!!!

    Rispondi

  • gigiprimo

    02 Agosto @ 15.07

    vignolipierluigi@alice.it

    Può anche succedere che si asfaltino strade senza tracciare la segnaletica e in una notte buia di luna crescente si esca dal tracciato perché Non si riesce a stabilire la fine del tracciato stradale. Caso strano ora la segnaletica viene tracciata subito dopo avere steso il bitume. troppo tardi!

    Rispondi

    • salamandra

      03 Agosto @ 08.57

      E in questo caso è comunque colpa di chi guida. Se non c'e' la segnaletica adegui la velocita'..

      Rispondi

  • salamandra

    01 Agosto @ 16.42

    Nel mentre che si decide come fare prevenzione e/o se la colpa è di guida col cellulare o di bigPharma aumentare i controlli sarebbe auspicabile.

    Rispondi

  • Michele E

    31 Luglio @ 23.27

    20 anni fa se ne parlava meno, i drogati li vedevi da 100 metri. Adesso se ne parla tanto, la scuola deve fare la sua parte, ma basta un rapper scarabocchiato da testa a piedi per vanificare 1000 lezioni. Quanto agli spot basta una ricerca velocissima: questo è (vecchissimo) della Polizia inglese https://www.youtube.com/watch?v=yVWYlIa81d4 , questo della Polizia italiana https://www.youtube.com/watch?v=g4vC1bF6U4c . Noti qualche differenza?

    Rispondi

    • ab9pr

      01 Agosto @ 17.42

      alberto_bianco@alice.it

      Questi spot non servono a nulla e non vengono visti da nessuno. Figurati se un 16enne o un neo patentato si prendono la briga di andare su youtube a vedere quelle cose. La scuola deve educare i ragazzi e "magari" anche i genitori

      Rispondi

      • Michele E

        01 Agosto @ 18.31

        ...e perchè non anche i nonni e gli zii intanto che ci siamo?! Va bé, se non ti ricordi nemmeno quello che ti ho scritto ieri non rispondermi nemmeno.

        Rispondi

        • ab9pr

          03 Agosto @ 08.54

          alberto_bianco@alice.it

          Intendevo dire che anche i genitori dovrebbero educare i ragazzi ... non che la scuola deve educare i genitori

          Rispondi

  • ab9pr

    31 Luglio @ 21.19

    alberto_bianco@alice.it

    @Michele E, fino a 20 anni fa quando ho conseguito il diploma, a scuola non si è mai parlato di educazione stradale o delle conseguenze che può provocare la droga... Sono curioso di sapere quando e come le scuole che hai frequentato tu hanno affrontato questi problemi "da sempre"...con testimonianze di persone che hanno vissuto quei problemi o che sono sopravvissute ad incidenti (?) Di campagne pubblicitarie visibili e invisibili ce ne sono state abbastanza e non hanno mai risolto granché... ti porto come esempio le immagini sui pacchetti di sigarette oppure il non fare pubblicità in tv ad alcolici o tabacco... Per cambiare la cultura del nostro paese in meglio puoi riuscire partendo dall educazione di bambini e ragazzi tramite l'insegnamento nelle scuole

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Cinema

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

2commenti

Lealtrenotizie

A novembre la Guida Michelin farà brillare le sue stelle per la terza volta a Parma

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

CALCIO

Gobbi a Bar Sport: "A Napoli per tentare di fare punti" Video

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

2commenti

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

2commenti

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

LAVORO

Commercio: alla domenica lavorano soprattutto le donne

MOTORI

Il Motor Show diventa Festival e trasloca da Bologna a Modena

SPORT

FORMULA 1

L'Alfa Romeo sceglie Giovinazzi: un italiano nel Circus dopo 8 anni

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

SOCIETA'

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

Dagli Usa in Italia arriva il finto burger di carne

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

ANTEPRIMA

Ecco Tarraco, il Suv più grande di Seat