18°

28°

EDITORIALE

La ripresa c'è. Ma il debito pubblico non cala...

Il debito pubblico che frena la ripresa
Ricevi gratis le news
1

Sarebbe assurdo negare che l'economia italiana gode di migliore salute rispetto a qualche tempo fa. Lo certificano ormai quasi quotidianamente i dati di Fmi, Ocse, Bankitalia, Confindustria, Istat e perfino le agenzie di rating, mai tenere quando si tratta di soppesare i numeri del Belpaese. Cresce il Pil, la cui accelerazione all'1,5% annuo è stata confermata appena venerdì, salgono gli occupati a oltre 23 milioni come non si contavano da prima della famigerata “crisi”, mentre gli ordinativi e il fatturato dell'industria sono tonici e gli indicatori che misurano la fiducia fanno i fuochi d'artificio.

Eppure, non per il gusto di fare gli «incontentabili» come in un vecchio carosello, qualche puntino sulle i forse occorre metterlo, perché se è vero che la ripresa non è più una chimera è inconfutabile che diversi nodi non sono stati risolti. Concentriamoci su tre fattori: il confronto con gli altri Paesi, lo spaventoso debito pubblico, le politiche per favorire il lavoro e la ripresa.

Dunque, gli altri. Nel secondo trimestre dell'anno il nostro +1,5% si confronta con un ben più solido +2,2% dell'Eurozona mentre la riduzione del rapporto debito/Pil dello 0,1% (al 134,7%!) fa sorridere rispetto ai 4 punti percentuali ridotti dai primi della classe, ovviamente tedeschi, scesi al 66,9%, ma perfino i presunti «Pigs» come Spagna (+0,8) e Grecia (+0,3) hanno fatto meglio. Corriamo, sì, ma il passo non è da bersaglieri, ed è ovvio che se gli altri vanno più forte noi andiamo indietro. Stiamo soprattutto beneficiando della situazione positiva dell'Europa, più stabile politicamente sull'asse Macron-Merkel (la Cancelliera è favoritissima nell'imminente voto tedesco), al riparo dalle tensioni politiche spostatesi drammaticamente nel Pacifico e con un euro robusto ma non al punto di castigare l'export. Senza contare che l'ombrello della Bce resta aperto (e dovremmo capire che la ripresa non è ancora strutturale se la politica monetaria del quantitative easing resta la regola).

Proprio l'Italia - passiamo al secondo punto - molto esposta a qualsiasi choc esterno per la mole del proprio debito pubblico, è in posizione delicata. Perché la montagna continua a crescere: al 30 giugno i miliardi sul groppone erano 2281,4 (oltre 60 più che a inizio anno, una trentina in più rispetto all'anno prima) ma sembrano essere pochi quelli che se ne occupano o mettono in risalto - come hanno fatto recentemente Mario Seminerio e Pietro Saccò - che se il Pil reale cresce, è quello nominale (depurato in sostanza dagli effetti dell'inflazione) che si utilizza per misurare il rapporto tra debito pubblico e crescita. E purtroppo il trend in questo caso non è confortante e si faticherà a centrare la riduzione inclusa nel Def dello 0,1%. Morale: il debito pubblico continua a crescere, ma la politica nasconde con disinvoltura la testa sotto la sabbia. Un dato raggelante: in sette anni - certifica l'Istituto Bruno Leoni - il debito pubblico pro capite è passato da 30mila a 37mila euro. Neonati inclusi.

E arriviamo al terzo punto, logica conseguenza: che fare? La manovra che c'è dietro l'angolo sarà come troppo spesso accade pre-elettorale, e quindi il pericolo di interventi all'acqua di rose è concreto: bisogna assolutamente restare agganciati alla ripresa in atto, favorendo investimenti e occupazione (perché ricordiamoci che i senza lavoro restano a un drammatico 11,3%) ma al tempo stesso va ridotto il debito pubblico. Un percorso maledettamente difficile.

atagliaferro@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la camola

    06 Settembre @ 08.46

    E' inutile lavorare e tirare la cinghia quando il capofamiglia sperpera e spende sempre di più !

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"