12°

25°

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»
Ricevi gratis le news
1

Il geologo Valentino Straser spiega perché è avvenuto il terremoto e come è riuscito ad anticipare che sarebbe arrivato

Valentino Straser

La «Linea sismica del Taro», costituita da profonde fenditure nel sottosuolo che tagliano obliquamente le formazioni rocciose nel sottosuolo della provincia di Parma è tornata a dare segni di attività con lo sciame sismico che da pochi giorni sta scuotendo le valli del Taro e del Ceno.

Un «gigante della natura» che periodicamente si risveglia e sconquassa centri abitati, il patrimonio artistico e architettonico e la campagna della nostra provincia. Fortunatamente senza provocare gravi danni. I segnali di una brusca riattivazione della sismicità si sono manifestati nella prima settimana del mese, il 7 novembre, con un sisma di magnitudo M2 della Scala Richter nella zona di Berceto, di carattere essenzialmente strumentale, appena percepito dalla popolazione. Un breve intervallo e venerdì 10, la zona epicentrale di un terremoto di magnitudo M1.6 si è spostato più a valle, nei pressi di Solignano.

Ancora una pausa e due giorni fa, la zona che abbraccia i territori di Solignano, Terenzo, Varano Melegari e Fornovo Taro, è stata investita dalle onde telluriche di una decina di sismi registrati a livello strumentale, non percepiti dalla popolazione. Un incremento inusuale per la zona epicentrale situata nel Fondovalle Taro, usualmente interessata da terremoti sporadici, difficilmente associati a sciami sismici.

Una progressione proseguita anche nelle ore successive che lasciava presagire la possibilità di una scossa di energia molto maggiore delle precedenti. Un primo acuto è stato registrato dai sismometri dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle 13:10 circa, di magnitudo 3.3, distintamente avvertito dagli abitanti dei comuni di Varano Melegari, Fornovo Taro e Solignano. Una rapida escalation che ha portato al forte sussulto delle 13:37:43, che ha prodotto una magnitudo locale di 4.4 della Scala Richter: «un tonfo sordo accompagnato dall’oscillazione degli oggetti e dallo scricchiolio delle pareti» hanno commentato diversi residenti.

Ma, come spesso accade in simili circostanze, l’energia non si è interrotta dopo la scossa principale, ma è sfumata con sismi di minore intensità, rilevati dai sismometri, ma raramente avvertiti dalle persone. In queste ore ore sono stati una cinquantina i terremoti che hanno fatto tremare la Valle del Taro e del Ceno (17 superiori alla magnitudo 2). Difficilmente, considerando eventi simili del passato, si assisterà a una tregua della coda sismica e al raggiungimento di un nuovo precario equilibrio nel sottosuolo.

La profondità dove si sono generati i terremoti, gli ipocentri, oscilla fra i 20 e i 24 chilometri di profondità, ad eccezione del sisma di magnitudo M4.4, con un ipocentro stimato da Ingv, di 32 chilometri. Indubbiamente, si tratta di un terremoto inusuale, dal momento che le rocce interessate dal sisma riguardano un antico substrato profondo che sorregge le potenti sequenze delle rocce sedimentarie, normalmente interessate nelle dinamiche all’origine della sismicità locale.

La Linea sismica del Taro, come è stata descritta dai geologi dell’Università di Parma nel 1987, Giovanni Papani e Massimo Bernini, separa un’importante fascia di discontinuità che attraversa trasversalmente l’Appennino emiliano. Il Sistema del Taro, ha spiegato il professor Paolo Vescovi in una recente conferenza tenuta a Calestano, separa settori con dinamiche diverse. A Est del Sistema Taro l’Appennino è in fase di sollevamento maggiore rispetto al versante opposto e, spesso, gli epicentri e gli sciami sismici coincidono con le zone che si sono sollevate negli ultimi cinque milioni di anni e, in particolare, nell’ultimo milione di anni. In profondità si sviluppano sismi nelle rocce che si fratturano, liberando di colpo l’energia lentamente accumulata dallo sforzo tettonico, sintomo evidente di una catena Appenninica ancora in fase di evoluzione sollevamento.

In queste ultime settimane anomalie di natura elettromagnetica, rilevate lungo la direttrice del Sistema Taro, hanno segnalato stress crostali in atto e la progressione dei sismi, avvenuti a intervalli di tempo più ridotti nella stessa zona epicentrale, lasciavano presagire la possibilità di evento o eventi di maggiore intensità, compatibili con i terremoti avvenuti storicamente nella zona del Taro, con magnitudo raramente superiore a M5.2 ed eccezionalmente superiori a M5.5.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • RENZ

    22 Novembre @ 10.42

    R E N Z

    Le previsioni che si capiscono dopo, come è giusto che sia, dal tempo degli oracoli.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna

Sudafrica

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna Foto

«Ballando con le stelle 2018»: i vincitori sono Cesare Bocci e Alessandra Tripoli

televisione

«Ballando con le stelle 2018», vincono Cesare Bocci e Alessandra Tripoli

Attrice denuncia Luc Besson per stupro, lui nega ogni accusa

cinema

Attrice denuncia Luc Besson per stupro, lui nega ogni accusa

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'auto del futuro? Anche diesel: l'Euro6d è pulito. Ma il parco italiano è vecchio

UNRAE

L'auto del futuro? Anche diesel: l'Euro6d è pulito. Ma il parco italiano è vecchio

Lealtrenotizie

Lite fra sudamericani finisce con denuncia

carabinieri

Lite in via Europa: accoltellato un 21enne dominicano

2commenti

GAZZAREPORTER

Forte temporale in Valceno

PARMA

Gag, giochi e tanti sorrisi: la giornata dei clown Vip in piazza Garibaldi Foto

CALCIO

A Iacoponi e D'Aversa i voti più alti

festa

"BentornAto in A": esplode la gioia sui social di tutto il mondo Gallery

Frosinone-Foggia

Non solo Floriano: guardate la parata di Noppert al 91'

Ricordo

La Corsa di Tommy e Marco Federici Gallery: chi c'era - Video

WEEKEND

Una domenica tra Appennifest, vino e fattorie aperte: l'agenda

truffa

Si spaccia per poliziotto e finge la vendita di uno smartphone: denunciato un 57enne

12 tg parma

Schianto, resta gravissimo il 42enne di Collecchio

PARMA

Una domenica con la Festa del vino in via Bixio Foto

LA FESTA

Una notte per salutare la A

CALCIO

"Facce da tifosi": foto dalla lunga notte della promozione

Ecco una serie di scatti dalla festa più bella per il Parma calcio

AVEVA 57 ANNI

Se n'è andato Giovanni Molossi

FIDENZA

Addio a Umberto Zanella, una vita in viaggio

BUSSETO

L'addio all'avvocato Trabucchi sulle note di Verdi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Non solo calcio. Così Parma in tre anni ha vinto tutto

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Ristorante da Giovanni», una tappa-culto per gourmet e appassionati

di Chichibio

ITALIA/MONDO

chieti

Lancia la figlia da un ponte A14 e minaccia il suicidio

3commenti

Anniversario

Terremoto: 6 anni fa la prima scossa che ha ferito l'Emilia Foto

SPORT

MOTOGP

Francia; trionfo Marquez, poi Petrucci e Rossi

ciclismo

Giro d'Italia: Yates vince anche a Sappada ed è sempre più in rosa

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, quel “Libro” da scoprire Video

usa

Ex modella di Playboy si getta dal 25/mo piano con il figlio di 7 anni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuovo Vw Touareg, il Suv supertecnologico Foto

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più