17°

29°

IL COMPLEANNO

I settant'anni di Nevio Scala

I settant'anni di Nevio Scala
Ricevi gratis le news
3

L'ex tecnico e presidente del Parma ieri ha compiuto settant'anni: il suo racconto dell'avventura parmigiana...

Vota il miglior allenatore nella storia del Parma CLICCA QUI

Sandro Piovani

Strana data, per Nevio Scala, il 22 novembre. Indimenticabile perché in quel giorno, settanta anni fa, è nato. Ma anche perché un anno fa ha rassegnato le dimissioni da presidente del rinato Parma Calcio 1913, dopo l'esonero dei suoi collaboratori, dal tecnico Gigi Apolloni al dirigenti dell'area tecnica Lorenzo Minotti e Andrea Galassi. Era la fine del calcio «biologico», come l'aveva definito lo stesso Scala presentando il progetto Parma. E telefonargli un anno dopo fa un po' strano, soprattutto quando Scala fa capire come l'amarezza per quest'ultima esperienza sia ancora forte. E non lo nasconde, anzi. Quasi lo urla, non per il tono di voce. Ma per i temi. «Ho abbandonato proprio il 22 novembre dell'anno scorso. Una delusione forte, che faccio fatica a superare - spiega Scala senza tentennamenti -. Per questo non posso fare similitudini tra il Parma primo in classifica di oggi e quello che era primo nell''89 (era il suo Parma, il 30 dicembre '89 dopo un derby vinto ndr). Un anno fa ho dato le dimissioni e da un anno non mi interesso più delle vicende del Parma. Troppo forte la delusione».

Qual era l'idea di calcio Nevio Scala presidente?

«Più che idea era un sogno lavorare in quel modo, presidente di un Parma che prima dei risultati sportivi parlava di partecipazione, tolleranza... In una partita è caduto tutto e non so ancora perché. Nessuna spiegazione, è stata una decisione presa in silenzio, senza delucidazioni, senza giustificazioni».

E allora parliamo della sua prima avventura a Parma. Ma è vero che Ernesto Ceresini si accordò con lei con una semplice stretta di mano?

«Avevo già parlato un paio di volte al telefono con Pastorello ma incontrai Ernesto Ceresini a Vicenza. E dopo quel colloquio ci stringemmo la mano. Ero l'allenatore del Parma. Non avevo discusso di cifre, di programmi, di durata del contratto. Ero l'allenatore del Parma perché avevo capito che sarebbe stata una cosa seria. Era nato qualcosa e mi sembrava naturale accettare. Avevo incontrato una persona seria, sicuro di come si gestiva il mondo del calcio».

Una sorta di magia che ha portato successi ma anche emozioni uniche per il mondo del calcio.

«Sì, eravamo un tutt'uno con la città. Mi vien da dire all'interno della città. Pur nelle rispettive diversità, eravamo tutti genuini e sinceri. Semplici mi vien da dire. E non solo perché ci allenavamo in Cittadella, tra la gente che giocava a carte e le mamme con i bambini che giocavano. E' che già allora il calcio aveva bisogno di valori così. E oggi ancora di più. Bisogna fare un piccolo passo indietro, sfruttando però la tecnologia e la scienza di adesso. Se posso, direi tanta scienza e tanta tecnica ma con più sentimento».

E così arrivò la promozione in A, poi tutte le altre vittorie. Si è mai risvegliato il giorno dopo pensando “ma che cosa abbiamo combinato”?

«Sinceramente no. Perché io, i miei giocatori, la società e i nostri tifosi non abbiamo mai pensato ad una vittoria, ad un obbiettivo. Non abbiamo mai pensato a medio-lungo termine. Abbiamo lavorato, ci siamo allenati pensando soltanto al domani, al giorno dopo. Gli obbiettivi li abbiamo raggiunti perché non ci abbiamo mai pensato. Se anche avessimo perso, saremmo stati comunque sereni. E la gente ci sarebbe stata ugualmente grata. Così abbiamo raggiunto gli obbiettivi, con la serenità. Se penso che da presidente non riuscivo nemmeno a vedere tutta una partita.... Parlo della serie D, non so se mi spiego. Per dire quanto eravamo tutti coinvolti. Ad esempio dicono che io sono il papà del 3-5-2 ma non era importante. Quando ne parlavamo, era marginale. Importante era il nostro sogno. Forse la nostra utopia».

E nel giorno del suo settantesimo compleanno cosa vuole dire alla gente di Parma? Cosa vuole augurare ai tifosi crociati?

«Non vorrei rischiare di diventare patetico... Per prima cosa però io devo ringraziare la gente di Parma. Abbiamo vissuto insieme un grande sogno. E non solo calcistico. Loro hanno dato qualcosa a me e io ho dato qualcosa a loro. Oltre i risultati, oltre i trofei. Ai tifosi veri posso solo augurare di rivivere le emozioni della serie A, rivivere le emozioni di quei sette anni trascorsi insieme».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • CROCIATO1970

    24 Novembre @ 12.33

    Auguri Nevio. Grazie per le emozioni che ci avete fatto vivere.

    Rispondi

  • gigiprimo

    23 Novembre @ 23.43

    vignolipierluigi@alice.it

    Vedo che pochi si sono uniti ai vostri auguri, con mia moglie auguro una lunga e tranquilla vita a te e tutta la tua famiglia e ancora grazie per le belle emozioni che ci hai fatto vivere.

    Rispondi

  • Giancarlo

    23 Novembre @ 10.04

    tanti auguri grande nevio....peccato ci manchi.....manca tanto la tua umanita'

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

12Tg Parma

Gli audio dei rapinatori: "Faranno un film su di noi"

Borgotaro-Imperia

La refurtiva è a fianco dell'altare: sacerdote denunciato per furto di oggetti sacri (tra cui Gorro)

COLORNO

Quel bimbo imboccato a forza fino a fargli rigurgitare tutto

COLORNO

Violenze alla materna, il giudice: «In classe un clima di terrore» Video

tribunale

Scontri Cremonese-Parma: daspo per 10 tifosi crociati

incidente

L'auto finisce fuori strada e si ribalta: un ferito a Citerna

Evento

Langhirano-Parma: sabato camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

12Tg Parma

Varco Ztl di piazzale D'Acquisto, nel primo mese 1.800 passaggi accertati Video

Busseto

Straziante addio alla piccola Carla

Pronto soccorso

La vita in «trincea» di medici e infermieri

Ex Eridania

Allarme: tartarughe in agonia nelle vasche del parco

2commenti

gazzareporter

"Il Parco Falcone e Borsellino maltrattato"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

ROMA

Mostro del Circeo, Izzo rivelazione choc: uccidemmo anche un ragazza veneta

roma

Scritta "Br" sul monumento a Moro e ai caduti di via Fani

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv