17°

28°

DELITTO DI ELISA

Il giudice: «Colla pianificò l'omicidio». E spuntano quelle parole choc

Il giudice: «Colla pianificò l'omicidio». E spuntano quelle parole choc
Ricevi gratis le news
0

Luigi Colla sapeva che le possibilità di riconquistare Elisa Pavarani erano quasi nulle, per questo aveva già organizzato il piano per ucciderla. Nessun dubbio per il giudice, che lo scorso novembre l'ha condannato a 30 anni, sulla premeditazione. E spuntano quelle parole choc dette agli amici prima del delitto. 

GEORGIA AZZALI

«A mali estremi, estremi rimedi». Avrebbe rispolverato l'antico proverbio, Luigi Colla, parlando con alcuni conoscenti del suo rapporto con Elisa. Di quella storia lunga 13 anni, ma ormai al capolinea. Che lei voleva chiudere, mentre lui avrebbe fatto di tutto per tenere accanto a sé la compagna. Fino ad ucciderla. Inquietanti e profetiche, quelle parole che sarebbero state pronunciate da Colla qualche giorno prima del delitto: il giudice Mattia Fiorentini, che lo scorso novembre l'ha condannato in primo grado a 30 anni, ne è convinto. «Non si dubita che Colla Luigi avesse conservato dentro di sé, sino all'ultimo, la speranza di convincere Pavarani Elisa a rivedere la propria determinazione, motivo per il quale si era presentato all'appuntamento curato nell'aspetto, ma - scrive il giudice nelle motivazioni della sentenza depositate nei giorni scorsi - altrettanto certo è che, laddove la ragazza non avesse acconsentito a riprendere la relazione, l'imputato aveva già deliberato che non le avrebbe consentito di uscire viva dal proprio appartamento (questo il reale significato delle parole "a mali estremi, estremi rimedi", pronunciate dal Colla pochi giorni prima)».

Un uomo disperato, perché avrebbe dovuto rimettere insieme i pezzi della sua vita, e allo stesso tempo egoista e infantile. Ma altrettanto lucido e determinato, secondo il giudice, nel pianificare l'omicidio. Aveva chiesto a Elisa quell'appuntamento, il 10 settembre del 2016, per tentare di ricucire i fili del rapporto. Una decina di giorni prima, però, al ritorno da una breve vacanza a Riccione, lei le aveva chiesto una pausa di riflessione. Ma in realtà Elisa, 39 anni, aveva già deciso: accanto a lei, da qualche tempo, c'era un altro uomo, di cui Colla, 44 anni, ha sempre detto di non sapere nulla. E quell'incontro nell'appartamento di largo Carli, avrebbe dovuto chiarire definitivamente la situazione. Aveva ancora qualche lieve speranza, Colla, ma allo stesso tempo era consapevole della determinazione di Elisa: nei giorni precedenti amici e conoscenti gli avevano detto che la donna era decisa a voltare pagina. Quindi, secondo il giudice, Colla gioca la carta dell'«incontro chiarificatore», ma ha già pianificato l'omicidio. La prova? Quelle ricerche in internet di voci come «omicidio volontario», «infermità di mente» e carcere di Parma. Insomma, quando ha capito che le possibilità di far cambiare idea a Elisa erano praticamente nulle, «ha maturato il proposito omicida - sottolinea il giudice -, lo ha mantenuto nei giorni immediatamente precedenti al delitto e lo ha realizzato poche ore dopo il suo ultimo accesso sul web, una volta ingerito un cocktail di sostanze (alcol, Lexotan e marijuana) appositamente assunte per vincere i naturali freni inibitori».

Colla aveva tentato di spiegare quelle navigazioni in internet, dicendo che quelle informazioni sarebbero state utili a un collega di lavoro, di cui ha fatto il nome, alle prese con un problema giudiziario. «... il racconto - spiega il giudice - appare già di prim'acchito come un tentativo posticcio di imbastire una ricostruzione alternativa all'ipotesi della premeditazione... La narrazione è priva di dettagli fondamentali, inerenti la fantomatica aggressione e non spiega in alcun modo le ricerche inerenti il "delitto passionale", il "delitto d'onore" e l'"infermità mentale", oltre che le numerosissime ricerche sulle tecniche di decriptazione delle chiamate anonime, attraverso le quali il Colla aveva cercato di capire se e come fosse possibile risalire al numero chiamante in caso di telefonate con ID "nascosto"».

La casa di largo Carli diventa una trappola mortale per Elisa. Le prime due coltellate la colpiscono alle spalle, poi almeno altri sette fendenti al torace e all'addome. Nessun segno di lotta né di resistenza da parte della donna, tranne una minima reazione dopo i due colpi in iniziali. Al contrario - annota il giudice - «se fosse vero che il Colla aveva afferrato d'impeto l'arma del delitto dalla cucina in un moto di rabbia, se ne sarebbe accorta e avrebbe posto in essere una strenua difesa».

Aveva paura, Elisa. Ma più per lui che per se stessa. Tre giorni prima dell'omicidio aveva chiamato, in piena notte, la madre di Colla per dirle che aveva sentito Luigi molto inquieto. Temeva potesse farsi del male. Non pensava potesse accanirsi su di lei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le serate al Chiosco di Collecchio

FESTE PGN

Le serate al Chiosco di Collecchio Foto

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..."

LE IENE

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..." Foto

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati

CALCIO

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio"

CALCIO

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio" Video Foto

Ritirata la maglia numero 6. D'Aversa: "A Spezia un'escalation di emozioni". Carra ringrazia i tifosi. Faggiano: "Ce l'abbiamo messa tutta"

PARMA CALCIO

Lucarelli parla alla curva con il megafono: "Siamo diventati una forza bellissima" Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Violenze in classe e conseguenze sui bambini: parlano la mamma di una piccola vittima e una psicologa

Le principali notizie della Gazzetta di Parma in edicola: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

PARMENSE

"Cantine aperte": le foto di una domenica... di gusto

cultura

La magica Notte del Terzo giorno: scatti tra le ali di folla (e di arte)

PARMENSE

Berceto, 46 cani stipati in una jeep: denunciata coppia della Lunigiana Video

SANT'ILARIO

Vuole impedire che la fidanzata si droghi e accoltella il pusher: denunciato 40enne 

I passanti hanno chiamato i carabinieri. Denunciato anche il pusher, un 25enne nigeriano

1commento

incidente

Cade in bici nei Boschi di Carrega: ferito 44enne

Curiosità

Il sindaco di Medesano si sposa con Elena Levati, assessore di Collecchio

berceto

Valbona, crolla una parte di "castello". Inagibile la casa di una pensionata

BASSA

Sicurezza, il Comune di Fontevivo ingaggia le guardie giurate

2commenti

Bellezza

Miss Mondo: le parmigiane Lorena e Fabiana in corsa per il titolo nazionale

Traversetolo

Raid alla Sandrini Legnami. «E' il dodicesimo, non ne possiamo più»

ramiola

Cade nella rotatoria: motociclista ferito

montecchio emilia

Vende gift card per Amazon ma è una truffa: denunciato 25enne

Un 20enne reggiano ha speso 300 euro per la gift card, che però era abilmente contraffatta

Sfida

Giochi delle 7 frazioni: si torna all'antico

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Per Salvini sarà comunque una vittoria

di Luca Tentoni

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Cotolette vere e cotolette finte

ITALIA/MONDO

ROMA

Conte rimette il mandato al presidente Mattarella. Salvini: "Ora al voto"

2commenti

POLITICA

I vertici M5S: "Si ragiona sull'impeachment di Mattarella". No comment del Quirinale

1commento

SPORT

CALCIO

La festa al Tardini: "finalissimo" Video

FORMULA UNO

Ricciardo sa controllare la gara. Sul podio sono tutti contenti

SOCIETA'

IL DISCO

Jethro Tull, cinquant'anni fa “This was” Video

PARMA

Quattro cani cercano casa Foto

MOTORI

IL TEST

Nuova Mercedes Classe A. Come va

motori

Prova Yamaha Niken la “carver bike”