21°

31°

DISASTRO COLPOSO

Alluvione, chiesto il rinvio a giudizio di Pizzarotti

Alluvione, chiesto il rinvio a giudizio di Pizzarotti
Ricevi gratis le news
13

Disastro colposo, la procura ha chiesto il rinvio a giudizio di Federico Pizzarotti per l'alluvione del 2014. Insieme al sindaco, rischiano il processo anche altri quattro dirigenti. Leggi tutte le accuse

Una fetta di città finì sotto l'acqua del Baganza. L'alluvione del 13 ottobre 2014, che adesso però rischia di far finire sotto processo Federico Pizzarotti per disastro colposo aggravato. Il pm Paola Dal Monte, titolare del fascicolo, ha chiesto il rinvio a giudizio del sindaco. Stessa sorte anche per l'ex dirigente della Protezione civile della Provincia, Gabriele Alifraco, per il direttore dell'Agenzia regionale della protezione civile, Maurizio Mainetti, per Gaetano Noè, ex comandante della polizia municipale di Parma e anche per Claudio Pattini, responsabile della protezione civile del Comune. L'udienza preliminare non è ancora stata fissata, e solo in quel momento gli imputati riceveranno la notifica contestuale della richiesta di rinvio a giudizio. Stralciata, invece, la posizione di Francesco Puma, ex segretario generale dell'Autorità di bacino del Po, per cui si profila una richiesta d'archiviazione. Stralcio anche per Gianfranco Larini, ex direttore del Servizio tecnico dei bacini del Po, scomparso nei mesi scorsi.

A gennaio era arrivato l'avviso di conclusione delle indagini. E ora la procura ha fatto il passo decisivo. Solo Puma pare aver chiarito la sua posizione, per gli altri invece rimangono in piedi tutte le contestazioni. A partire da Pizzarotti. Che già nel 2012, suo primo anno di mandato, «era obbligato» - si evidenzia nel capo d'imputazione - ad aggiornare il piano di protezione civile comunale, eppure non lo fece. Tutt'altro che una questione formale, perché a quella «disattenzione» se ne sarebbero sommate molte altre, tanto che il sindaco - secondo la procura - non avrebbe mai esercitato il suo potere di attivazione della fase di preallarme/allerta «neanche a seguito del crollo del ponte della Navetta».

Ma Pizzarotti sostanzialmente ribadisce quanto aveva sottolineato il giorno stesso della chiusura dell'indagine: «Era un passo che mi aspettavo, però sono assolutamente tranquillo perché ho fatto tutto ciò che si poteva e doveva fare, e l'intera macchina comunale ha funzionato. Tuttavia - aggiunge Pizzarotti - bisognerebbe riflettere sul fatto che il sindaco sia l'unico politico ad avere le massime responsabilità».

Ma oltre al piano di protezione civile vecchio di anni, datati sarebbero stati pure i numeri di telefono delle persone da contattare in caso di necessità. Secondo il pm, infatti, Pizzarotti «non provvedeva neppure ad aggiornare i nominativi delle funzioni di supporto e i relativi contatti telefonici, fax e email, utili a consentire la necessaria divulgazione delle informazioni all'interno della struttura di protezione civile e del Comune di Parma rendendo di fatto impossibile la conoscenza di tutte le allerte pervenute a partire dall'8 ottobre 2014 a tutto il 13 ottobre 2014».

Intatte anche le accuse sulla mancata informazione ai cittadini. Perché durante la «fase di attenzione», che fu attivata l'8 ottobre, la popolazione potenzialmente esposta al rischio non fu avvisata del pericolo, secondo la procura, ma nessun avviso fu dato anche «una volta superata la soglia idrometrica di preallarme alle ore 15,20 del 13 ottobre a ponte Nuovo», si legge nel capo d'imputazione.

A parte Puma, la procura non fa retromarcia nemmeno nei confronti degli altri dirigenti coinvolti, tutti imputati - come il sindaco - di concorso in disastro colposo. Alifraco, pur avendo ricevuto sulla propria mail tutte le allerte di attenzione tra l'8 e il 13 ottobre e gli sms della Regione, non avrebbe attivato il servizio H24 di monitoraggio. Le allerte di attenzione arrivarono anche a Pattini, ma anche nel suo caso sarebbero state inspiegabilmente disattese.

Negligenze anche da parte di Noè, secondo la procura. Pur essendo a conoscenza di tutte le allerte, «non impartiva disposizioni al fine di rafforzare i turni di servizio e affinché venissero effettuati sopralluoghi nei punti critici lungo l'asta del torrente Baganza», scrive il pm.

Ma anche chi aveva inviato quelle allerte di attenzione, non avrebbe fatto il proprio dovere fino in fondo: la mattina del 13 ottobre, nel giro di tre ore, i pluviometri avevano registrato una precipitazione superiore a quella di «temporale forte e persistente», tuttavia Mainetti avrebbe omesso di «avviare la procedura di attivazione telefonica d'urgenza per comunicare ai sindaci lo stato d'allarme e di pericolo incombente sul torrente Baganza», si legge nel capo d'imputazione.

Le parole dell'accusa. Ma tra qualche settimana il testimone passerà al giudice per l'udienza preliminare. Spetterà a lui decidere se e chi far finire sotto processo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alessandro

    19 Aprile @ 14.53

    Ma nell’800 non c’eta mezza Parma , finalmente si accertano le colpe

    Rispondi

  • Greg

    19 Aprile @ 13.43

    Che finalmente i Magistrati abbiano capito che con soggetti del genere non avranno più i privilegi di una volta? Hanno lisciato il pelo a chi appariva un gatto, ma porta in sè la stessa pericolosità di una tigre. Che abbiano capito che i 5 stelle li amano meno di Renzi? Che i processi con questi si faranno sui social? I magistrati in politica non hanno mai fatto nulla di buono e il fatto che abbiano preso coscienza di questo e di sentirsi ballare la sedia sotto il sedere mi fa ben sperare su una fine di un innamoramento che li avrebbe sostituiti con l'aula di Giustizia della Casaleggio e associati. Se muovono la macchina del fango ce ne viene una gamba.

    Rispondi

    • 19 Aprile @ 14.37

      (Dalla redazione) Il processo deve ancora essere fatto. E' un po' presto per dei giudizi di colpevolezza (o sulla politicizzazione della magistratura) non trova?

      Rispondi

  • Movimento

    19 Aprile @ 10.10

    Come neopresidente di Italia in Comune, ennesimo neopartito del nulla, direi che l'esordio e' in grande stile....

    Rispondi

    • silviococconi

      19 Aprile @ 10.44

      Beh, essendo una cosa di 4 anni fa, direi che era tutto previsto e avrebbe dovuto aspettarsela !? ...

      Rispondi

  • xxl

    19 Aprile @ 09.43

    dimissioni!!!

    Rispondi

    • silviococconi

      19 Aprile @ 10.45

      Tanto poi ne votate un altro uguale o forse peggio !? ...

      Rispondi

  • Pier Luigi

    19 Aprile @ 08.09

    Premesso che del Pizza me ne può importar che meno, ci vuole un bel coraggio ad incriminare l'ultimo arrivato. Ma cosa pensavano gli urbanisti e gli amministratori del secolo scorso quando hanno deciso di "colonizzare" terre evidentemente ed altamente alluvionali, in buona parte alla confluenza di due torrenti, dove si sono registrati i maggiori danni (Telecom, Piccole Figlie, Campo Scuola)? E, più di ogni parola, penso sia eloquente una asettica carta dell'Ottocento: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/5e/Parma_1832.jpg

    Rispondi

    • silviococconi

      19 Aprile @ 10.47

      Perchè dall'ottocento ad oggi il clima è ancora lo stesso ?! ... Preofessionalità ci vuole in questa Italia, anche nei commenti !

      Rispondi

    • Movimento

      19 Aprile @ 10.36

      Quando fai il Sindaco sono Onori, ma anche Oneri.....

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Beyoncé vuole girare un video al Colosseo ma arriva lo stop: è già occupato da Alberto Angela

ROMA

Colosseo off limits per Beyoncé: è già occupato da Alberto Angela, ilarità sul web Foto

3commenti

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

7commenti

Lealtrenotizie

Arrestati i due pusher da 100mila euro in un anno e clienti tutti parmigiani

droga

Arrestati i due pusher da 100mila euro in un anno e clienti tutti parmigiani

12 tg parma

Nuovo Ponte della Navetta, posata la prima pietra. Fine lavori a marzo Video

incidente

Schianto tra due auto a Ramiola: feriti due giovani Foto

via Mordacci

Picchia a sangue la ex e la rapina

12 tg parma

World series baseball: visto negato, e Daniel (Collecchio) resta a casa Video

protezione civile

Allerta gialla: in arrivo temporali dalla mezzanotte

carabinieri

Ruba in un armadietto a Biologia: bloccata la "ladra in rosso"

«IO STO CON TE»

La casa in cui ripartono i padri separati

2commenti

Addio

Collecchio piange Ivana Tanzi, stilista raffinata

12 tg parma

Il Gobbi bis: "Da tifoso del Parma torno ad esserne un giocatore" Video

Capitan Lucarelli

«Il mio Parma gettato nel fango»

3commenti

provincia

Viabilità, entro settembre cinque strade provinciali "minori" risistemate

traffico

Mattinata difficile in tangenziale Nord: oltre un chilometro di code per lavori

OBIETTIVO 2020

San Francesco del Prato, nato il Comitato per i restauri

filatelia

Esce domani un nuovo francobollo dedicato a Guareschi. Ma non a Parma?

ALBARETO

Entra fumo nell'appartamento: intossicate due donne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Maltrattare gli animali, tradire l'amicizia

di Filiberto Molossi

3commenti

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

piacenza

Barista legata, imbavagliata e stuprata per ore: fermato a Milano il presunto

1commento

trasporti

Atterraggio di emergenza a Londra per aereo proveniente da Napoli

SPORT

12 tg parma

Domani terzo test amichevole con il Foggia in attesa della sentenza sms Video

calcio

Il Tas annulla l'esclusione del Milan dalla Europa League

SOCIETA'

gazzareporter

“Cala” la luna in Val Baganza

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

MOTORI

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita