11°

17°

MATERNITA'

Allatta il bimbo: cacciata dall'università

E il pediatra Volta invita le mamme parmigiane: "Un flash mob proprio in quel luogo"

Allatta il bimbo: cacciata dall'università
Ricevi gratis le news
20

Il compagno: «Non stava facendo nulla di male». L'assessore Seletti: «Il Comune sta allestendo spazi dedicati». E la reazione del pediatra Alessandro Volta, responsabile della Struttura dipartimentale Pediatria di Comunità  dell'ospedale di Montecchio: "Sono stanco di questa stupidità e violenza assieme. Esiste un posto giusto per allattare? Di quale sensibilità stiamo parlando? Agli studenti universitari può far male vedere un bambino che succhia il latte di sua mamma? Se la scena crea turbamento invece di luoghi deputati per l'allattamento abbiamo bisogno di un esercito di psicologi e di psichiatri.
Mi aspetto che l'Università di Parma formuli scuse ufficiali e dichiari con chiarezza se è previsto un divieto esplicito ad allattare presso le sue strutture. Ricordo che Papa Francesco recentemente, durante i battesimi nella Cappella Sistina, ha invitato le mamme ad allattare liberamente.
Vedere una mamma che allatta dovrebbe essere così normale da non essere neppure notato.
Propongo alle mamme di Parma che allattano un bel flash mob nei locali dell'Università".

LUCA MOLINARI

Le chiedono di allontanarsi dal chiostro della sede universitaria di via d’Azeglio perché allatta in pubblico. E’ quanto accaduto a Olha Zdyrko, compagna di Simon Younes, rispettivamente infermiera e medico, che nei giorni scorsi hanno denunciato l’accaduto spedendo una lettera al giornale. «Martedì 17 aprile verso le 12 e 40 – scrive Simon Younes - sono uscito dall’aula di studio della biblioteca umanistica dei Paolotti e ho incontrato la mia compagna e il nostro figlio di due mesi sotto il porticato che si trova sul lato di via D’Azeglio».

«In quel momento la mia compagna si è trovata nelle condizioni di dover allattare il pargolo, per cui si è seduta ,si è coperta con la sciarpa e l’ha attaccato al seno per saziarlo. Nulla di strano e nulla di più naturale. Neanche cinque minuti dopo è uscita una guardia giurata dal suo ufficio che, senza nemmeno salutarci, ci ha invitati a spostarci dicendo che non era una zona per l’allattamento dei neonati e che dovevamo considerare la sensibilità degli studenti, precisando che un’area universitaria non era adatta a queste scene».

I due genitori hanno rifiutato l’invito spiegando alla guardia che non infastidivano nessuno, che il seno era coperto da una sciarpa e che il bambino necessitava di mangiare. Al termine di un nuovo confronto piuttosto animato, papà e mamma hanno finito di saziare il piccolo e se ne sono andati.

«Ci chiediamo dove siano finiti il rispetto e la sensibilità per gli altri - prosegue la lettera -. Se la guardia non desiderava vedere quella scena poteva invitarci nel suo ufficio ad allattare per garantire il rispetto della mia compagna e l’intimità del momento. Sorprende inoltre che nel 2018 ci si scandalizzi per l’allattamento di un neonato al seno in pubblico».

I due genitori chiedono le scuse da parte della guardia e sottolineano che continueranno a frequentare quegli spazi «in quanto ci spetta di diritto».

«Non abbiamo l’intenzione di cambiare le nostre abitudini – concludono - nonostante il triste episodio accaduto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Catto

    30 Aprile @ 14.15

    Ritengo che l 'allattamento del proprio figlio sia uno dei momenti più belli ma anche più intimi di essere madri. Io non mi scandalizzo per chi dice di creare spazi e non mi scandalizzo per chi dice che non va fatto in pubblico, ma mi scandalizzo perchè ci sono madri che tirano fuori il seno e allattano senza preoccuparsi di mettersi in disparte, di farlo in modo "dignitoso" ed intimo. Lo fanno proprio senza alcun ritegno, senza rispetto per se stesse per l' intimità e per la famiglia. E' questo che mi fa schifo

    Rispondi

  • Michela

    29 Aprile @ 16.54

    Completamente d'accordo con Indiana, che si facciano tutti un esame di coscienza perché, allattare il proprio cucciolo, qualsiasi mammifero sia, è la cosa più normale di questo mondo. Ma allora stiamo proprio diventando ridicoli.

    Rispondi

  • Filippo

    29 Aprile @ 16.15

    Lo spazio dedicato la Seletti dovrebbe organizzarlo per quelli che pensano di organizzare spazi dedicati alle mamme che allattano.

    Rispondi

  • Filippo

    29 Aprile @ 16.14

    Vediamo se il rettore, impegnato ad organizzare convegni in memoria degli amici, adesso trova il tempo di scusarsi.

    Rispondi

  • Donata

    29 Aprile @ 15.56

    Credo che la stupidita alberghi nelle menti di tante persone illustri e acculturate. L'ignoranza di chi ha allontanato questa donna è tale che dovrebbe consegnare le dimissioni dal suo ruolo. Ma verrà giustificato come sempre e come sempre avranno ragione loro....noi donne però dovremmo TUTTE a dare davanti all'università a manifestare contro questa ignoranza . Zone adatte x allattare? Ma stiamo scherzando? Pura discriminazione..e se a qualcuno può dare noia una cosa così bella, come una mamma che allatta, una soluzione c'e..basta girarsi e guardare altrove. . Elementare e funzionale giuro. Chiedete scusa a questa mamma e chiedete scusa a tutte le donne siete una vergogna .

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ambra e Allegri  si sposano: matrimonio previsto a giugno 2019

GOSSIP

Ambra e Allegri si sposano: matrimonio previsto a giugno 2019

Manhattan Transfer, a Carpi l'unica data italiana

musica

Manhattan Transfer, a Carpi l'unica data italiana

Le bellezze dell'Eicma 2018: foto

MILANO

Le bellezze dell'Eicma 2018: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gomme da neve dal 15 novembre

PNEUMATICI

Gomme invernali: tutto quello che devi sapere. Dal 15 il cambio

Lealtrenotizie

1 chilo e mezzo di marijuana nello zaino, nigeriano in carcere

12Tg Parma

Alla fermata del bus con un chilo e mezzo di marijuana nello zaino: arrestato Video

calcio

Due giornate a Higuain: salterà il Parma. E intanto i tifosi sognano... Video

CONQUIBUS

Aversa si dimette da Ateneo e Ospedale, ma deve restare ai domiciliari

1commento

gazzareporter

Parcheggio davanti al parco Martini: "game over" Le foto

colorno

Addio ad Alberto Panciroli, il libraio della Reggia

comune

Domande al Comune per sale, contributi e patrocini? Prima devi dire «no» al fascismo

8commenti

VACCINI

Parma, gli studenti non in regola sono 7mila

1commento

FIDENZA

Scuolabus, nuovi disagi. Il Comune: «Sostituiamo la ditta che ha in appalto i trasporti»

URZANO

Cerva uccisa da un bracconiere

2commenti

Zibello

Raid all'alba in una villetta : rubato anche il liquore

traffico

Torna la domenica ecologica: niente veicoli inquinanti entro l'anello delle tangenziali

Collecchio

Vandali al Mainardi se la prendono con un cestino e un estintore

ICT

Cdm: con l'ingresso in Lutech si rafforza la nostra identità

Calcio dilettanti

Simone Pompini, il gol nel sangue

BUSSETO

Bimbo di 8 mesi si ustiona con l'acqua bollente Video

Incidente domestico: sul posto ambulanza, automedica ed elicottero del 118. Il video del 12 TgParma

carabinieri

Denunciato il giorno prima per spaccio, cambia zona ma non "mestiere": (ri) arrestato

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Caso Tav: M5S alla resa dei conti con la realtà

di Stefano Pileri

IL PARMA

Quale coppia-gol del Parma vi piace di più? Sondaggio

ITALIA/MONDO

Pisa

Narcotizza, sequestra e violenta una donna per giorni, arrestato 54enne macedone senza fissa dimora

IL DIVORZIO

Svolta Brexit, definita la bozza dell'accordo

SPORT

gazzatifosi

Un "Forza Parma" anche alla Bombonera per Boca-River Foto

germania

Bayern Monaco, Ribery perde la testa: schiaffo a un giornalista

SOCIETA'

MUSICA

Courtney, una voce pazzesca per il un video da record

Iniziativa

Siae, Rockol e Alitalia a caccia di nuovi talenti musicali. In volo

MOTORI

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni

moto

Honda CBR650R, nel nome della sportività