15°

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «L'unione con la Lega è la fine dei 5 Stelle»

Pizzarotti: «Lega e 5 Stelle? Un'alleanza innaturale»
Ricevi gratis le news
17

Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti boccia senza mezzi termini le prove d'intesa tra 5 Stelle e Lega: «I grillini ora sono veramente finiti»

«Auspico che il governo tra Lega e Movimento 5 Stelle vada in porto, perché così per la prima volta ci sarebbero alla guida del Paese due forze populiste che dovrebbero fare i conti della differenza che esiste tra fare l'opposizione a prescindere e prendere decisioni di governo. E magari proprio da questa alleanza potrebbero nascere importanti rimescolamenti dei consensi nelle prossime tornate elettorali aprendo spazi per nuove forze politiche».

A parlare è il sindaco Federico Pizzarotti, che nel Movimento 5 Stelle ha iniziato la propria attività politica e sotto il cui simbolo era stato eletto primo cittadino nel 2012. Ma di quel movimento delle origini, a suo giudizio, oggi restano ben poche tracce: «La forza iniziale era stata la creazione di gruppi di attivisti sul territorio che si erano radicati e raccoglievano la protesta delle persone promettendo di non fare compromessi con nessuno. Oggi, a ben vedere, i 5 Stelle alle prossime elezioni amministrative non si presenteranno in quasi nessuno dei capoluoghi di provincia principali dove si vota e a Roma stanno facendo con la Lega una trattativa su nomi e programmi che, anche se ancora si devono conoscere esattamente i termini dell'accordo di governo, sarà frutto di quei compromessi che fin dal momento della fondazione e anche per tutta l'ultima campagna elettorale si è detto di non voler assolutamente fare».

Come vede i 5 Stelle in questo governo con la Lega?

Li vedo come la forza predominante dal punto di vista numerico, con possibili vantaggi per le votazioni soprattutto nelle commissioni. Ma li vedo nettamente svantaggiati nel lavoro complessivo dell'esecutivo, perché la Lega ha un personale politico con molta maggiore esperienza, anche amministrativa, e soprattutto un radicamento con la base che, lo ribadisco, il Movimento 5 Stelle mi sembra stia sempre di più perdendo. Inoltre, a gioco lungo, è molto più probabile che ci siano delle defezioni tra i parlamentari 5 Stelle rispetto a quelli leghisti.

Il Governo con la Lega era un passo inevitabile per i 5 Stelle?

Credo proprio di no, anzi sarebbe stato da evitare. Ma devo anche dire che in questi due mesi e mezzo del postelezioni Salvini in pratica non ha sbagliato una mossa e se si andasse domattina al voto i suoi consensi sarebbero in aumento. Di Maio ha invece ondeggiato tra una proposta e l'altra e alla fine credo che molti di quelli tra gli attivisti e gli elettori che lo hanno votato in questo momento si stiano interrogando su quale sia la vera linea del movimento e difficilmente tornerebbe per questo a ottenere lo stesso numero di voti del 4 marzo.

Su cosa i 5 Stelle sarebbero poco coerenti o trasformisti?

Il problema è che il movimento è nato per contrastare i compromessi della vecchia politica e per portare avanti un programma di rinnovamento delle istituzioni. Di tutto questo, in questi giorni di trattative che ricordano quelle della vecchia Prima Repubblica, mi sembra sia rimasto ben poco. Il Movimento di oggi è tutt'altra cosa di quello delle origini.

La formazione di un governo era necessaria?

Se penso alle volte in cui abbiamo realmente avuto bisogno del Governo negli ultimi anni per il nostro Comune, non è un'esigenza assoluta. E anzi, temo che ci saranno problemi, che in parte si stanno già evidenziando, per la politica economica, che è la vera assente nel nostro Paese. Vedo difficile che dall'alleanza tra Lega e Movimento 5 Stelle possa uscire una strategia coerente in questo campo, viste le basi di partenza molto differenti.

L'alleanza con il Pd era proprio impossibile per i 5 Stelle?

Beh, la campagna elettorale era stata tutta impostata contro il Pd come mostro da abbattere. Però dal punto di vista degli ideali politici e, in molte parti d'Italia, anche della base elettorale, i 5 Stelle hanno molte più affinità con il centrosinistra che con il centrodestra. Credo però che la grande occasione, ancora una volta, l'abbia persa il Pd. Ritengo che avrebbe dovuto sostenere un governo dei 5 Stelle dall'esterno, evitando di consegnare di fatto il Paese in mano alla Lega. Questo avrebbe consentito al Pd di evidenziare le incongruenze dei 5 Stelle, ma anche di guidarli verso scelte più strategiche e meno populiste.

Ma i 5 Stelle rivendicano per la prima volta un accordo basato sui programmi e non sulla spartizione delle poltrone.

Dall'esterno l'impressione non è esattamente questa, anzi è che i maggiori contrasti si abbiano proprio sui nomi. Quanto al programma mi piacerebbe chiedere che fine hanno fatto gli F35, che in campagna elettorale si prometteva di togliere del tutto, oppure anche le battaglie contro la Tav Torino-Lione che già oggi (ieri ndr) sembrano rientrate nel cassetto.

Cosa si aspetta da questo Governo a guida Salvini-Di Maio?

Più che aspettative ho dei timori. E cioè che il prezzo salato delle questioni messe sul piatto del Governo venga fatto pagare con altri tagli agli enti locali, visto che soprattutto i 5 Stelle non hanno mai dato molta importanza alle istituzioni periferiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • the mari

    18 Maggio @ 15.49

    eh ma dovevi dirglielo prima dai...

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    18 Maggio @ 13.04

    la rivolta di atlante

    NON VORREI DIRLO .. MA ORAMAI ASSOMIGLIA A BARGNOCLA ... IL BASTONE IN MANO E ALLA FINE SE LO DÀ IN TESTA DA SOLO.

    Rispondi

  • Pier Luigi

    18 Maggio @ 12.53

    'innaturale' !?!? Ma il governo degli ultimi anni cos'ha fatto?! Più coppie innaturali create da loro e da lui ,cosa dice?!

    Rispondi

  • Cinzia

    18 Maggio @ 11.21

    Sono anni che lo auspica e i voti per il Movimento a livello nazionale continuano a crescere, vuol dire che che quello che dichiara non conta molto...

    Rispondi

  • simone

    18 Maggio @ 11.03

    Anche io esprimo un pensiero critico su Pizzarotti. È il sindaco di.una città in grave difficoltà al di la delle immagini da Mulino Bianco che vogliono proporci. Una città la cui forza non è nel clima, nel paesaggio o nella collocazione geografica, ma è in ultima analisi nella qualità di vita che può offrire a chi ci vive. Se questa qualità viene messa a rischio perché siamo inquinati dalle mafie, dalla piccola criminalità, dallo spaccio di droghe 24 ore al giorno anche davanti le scuole, da scene indecorose cui siamo costretti ad assistere tutti i giorni... Beh pizzarotti, se continuiamo.cosi andiamo male. Sii un bravo sindaco, cura la tua città , lascia stare i massimi sistemi, alza le barricate non contro un fascismo inesistente, ma contro la ndrangheta, la camorra, cosa nostra, le mafie straniere. Rilascia interviste sul bisogno di legalita e reciprocità. Non lasciare che questa città che io amo (pur non essendo parmigiano) possa essere distrutta dal malaffare.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La paranza dei bambini miglior sceneggiatura a Berlino

festival del cinema

La paranza dei bambini miglior sceneggiatura a Berlino

Celebrety

Ontario

Paura per Jennifer Aniston e Courteney Cox: atterraggio d'emergenza Video

Zalone, nuovo film Tolo Tolo esce 25 dicembre

cinema

Checco Zalone, il nuovo film "Tolo Tolo" esce il 25 dicembre

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone. Occhi puntati sui i nuovi Samsung. In arrivo il modello del decennale: ecco le tappe dell’evoluzione dei Galaxy s

HI-TECH

Smartphone: occhi puntati sui nuovi Samsung

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Ancora un secondo tempo "fatale", Pavoletti affonda i crociati: Cagliari-Parma 2-1

serie a

Ancora un secondo tempo "fatale", Pavoletti affonda i crociati: Cagliari-Parma 2-1

Finito il match, dai i voti ai crociati con il pagellone - Vota

6commenti

soccorso alpino

Scivola lungo un pendio per 200 metri sul monte Cimone: grave un ragazzo di Parma

Cagliari-Parma

"Difesa, qualcosa da riguardare, Gervinho oggi un uomo in meno" Videocommento di Paolo Grossi

3commenti

incidente

Scontro frontale a Fornovo: un ferito grave al Maggiore

Tardini

L'ultrà granata arrestato? E' un praticante avvocato

6commenti

guardia di finanza

"Prelievi" dai conti condominiali: sequestrati 40mila euro a un amministratore infedele

3commenti

fiere

I ricordi parmigiani della leggenda Felice Gimondi all'Outdoor Fest Video

carabinieri

Cani anti-droga tra il Parco Ducale e San Leonardo: tre pusher denunciati

VIABILITA'

A1, incidente tra il casello di Parma e il Bivio A1/A15 Tempo reale

anticiclone

Meteo, è anticipo di primavera. Temperature sopra la media

Strada Mercati

L'Ifoa del mirino dei ladri

weekend

Sciate,  castelli "d'amore" e... romanzi rosa: l'agenda del sabato

solignano

Sorpresi mentre depositano rifiuti lungo la strada: scatta la multa

1commento

I NUOVI ITALIANI

Generazione Mahmood: figli di genitori stranieri e italiani più che mai

2commenti

SERIE A

Qualche cerotto per il Parma

LUTTO

E' morta Rosaria Raffa, «Sara» creativa e gentile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

CALCIO

Il pagellone di Cagliari - Parma: votate

EDITORIALE

Il libro di Renzi. Tante critiche e tanta voglia di ritornare

di Domenico Cacopardo

ITALIA/MONDO

Torino

Carmagnola, spari da un'auto contro due indiani: un morto e un ferito

Napoli

Freddato con un colpo alla testa tra la folla del sabato sera

SPORT

Serie A

Bergamo: il Milan, trascinato da Piatek, batte l'Atalanta (3-1)

baseball

E' morto Rino Zangheri, mitico patron del Rimini Baseball

SOCIETA'

Stati Uniti

Addio a Lee Radziwill, la sorella minore di Jackie Kennnedy

Ucraina

Venti strumenti in uno: il pianoforte diventa un'orchestra Video

MOTORI

moto

Guzzi Fast Endurance, l’aquila torna in pista

SERIE SPECIALE

Jeep Renegade S, porte aperte nel weekend