19°

30°

IL CASO

L'invasione delle zecche

L'invasione delle zecche
Ricevi gratis le news
17

Boom di zecche per il clima caldo e umido e l'aumento degli animali selvatici . L'Ausl mette in guardia: «Cercate di prevenire i morsi e di rimuovere al più presto i parassiti». Scopri come.

Da un lato l'aumento di animali selvatici (cinghiali e caprioli in testa) nei boschi, dall'altro una primavera piovosa ma calda che favorisce lo sviluppo dell'erba, non sempre tagliata puntualmente nelle aree verdi cittadine. Il risultato sono le condizioni ideali per la riproduzione e invasione di zecche (maggio-ottobre è il loro «momento d'oro») che si sta registrando in queste settimane. «Non un'emergenza - chiarisce Mauro Cavalca, direttore del servizio Sanità animale dell'Ausl - ma una delle ondate cicliche che ci affliggono da decenni».

Fatto sta che si moltiplicano le segnalazioni: basta una passeggiata nel bosco, ma anche in un giardinetto o parco cittadino, o persino la prolungata presenza in un balcone (perché le zecche molli o «Argasidae» sono veicolate dai volatili) per essere attaccati da questo insetto indistruttibile: «L'inverno non le uccide, possono stare per mesi senza mangiare, resistono ai pesticidi e non hanno nemici naturali» riassume Cavalca.

Esistono 900 tipi di zecche, ma la più comune è una zecca «dura» (dotata di corazza), la Ixodes ricinus, che attacca i mammiferi, uomini e animali, succhiando sangue. Ed è vorace: «Può rimanere attaccata poche ore, ma anche due settimane, raddoppiando il suo peso fino a 100 volte», dice Cavalca. Per questo è importante individuarle e rimuoverle al più presto, scongiurando eventuali infezioni, causate anche dai rigurgiti dell'insetto.

Una delle complicazioni più comuni è la malattia (o «borreliosi») di Lyme. «È caratterizzata da un eritema migrante chiaro al centro e con un alone rosso - spiega Bianca Borrini del Servizio igiene e sanità pubblica dell'Ausl - In questi casi è bene un'osservazione di 30-40 giorni prima di iniziare ad assumere un antibiotico, cosa che impedirebbe al medico una diagnosi corretta. La terapia antibiotica è abbastanza lunga ma in grado quasi sempre di stroncare l'infezione. Opportuno anche verificare l'ultima antitetanica ed eventualmente fare un richiamo». Altri campanelli d'allarme sono febbre, mal di testa, dolori articolari.

Dal 1999 si sono registrati a Parma e provincia 55 casi di malattia di Lyme, con un trend costante di 3-4 casi l'anno e nessuno con esiti gravi (che includono complicanze tardive articolari, neurologiche e cardio-circolatorie); sette casi di febbre bottonosa (altra malattia trasmessa dalle zecche); solo un caso di encefalite da zecca. Le stesse infezioni sono trasmesse anche agli animali domestici, oltre a erlichiosi e piroplasmosi.

La prevenzione, come sempre, è la migliore arma: «Se si ha in programma una passeggiata nel bosco o una lunga permanenza in un'area verde, indossare maniche e pantaloni lunghi, meglio se chiari per identificare meglio gli insetti» dice Borrini.

Al rientro a casa, aggiunge Cavalca, controllare, oltre ai propri abiti e cute, zampe, occhi, orecchie, muso, pancia, inguine e ascelle dell'amico a quattro zampe. Possono essere utili repellenti a base di dietiltoluamide o picaridina, presenti anche in molti antizanzare, e per gli animali i collari antizecca.

COME PREVENIRE

Indossa vestiti chiari per identificare meglio le zecche e rimuoverle. Usa indumenti a maniche lunghe e infila i pantaloni dentro a calzettoni o stivali. Cammina al centro dei sentieri, non sederti direttamente sull'erba. Usa repellenti su abiti e pelle esposta, senza esagerare in quantità e frequenza specie nei bimbi. Per ridurre le zecche nelle zone residenziali rimuovi foglie secche, cespugli e residui di potatura, cura alberi, siepi e prati per far penetrare i raggi solari: la zecca ama ombra e umidità.

COME SCOPRIRLE

Controlla i tratti di pelle scoperti e gli abiti. Al ritorno da gite in zone a rischio lava i vestiti in lavatrice ad alta temperatura e, prima di fare il bagno, ispezionati il corpo con l’aiuto di un’altra persona per le zone difficilmente visibili. Soprattutto nei bambini controlla anche i capelli.

COME RIMUOVERLE

Afferrala con una pinza il più vicino possibile alla cute e toglila tirando verso l'alto senza schiacciarla. Se il rostro (l’organo che la zecca usa per attaccarsi) rimane nella pelle, puoi estrarlo con un ago da siringa sterile. Non gettare la zecca tolta ma bruciala.

COSA NON FARE

Non usare metodi di estrazione quali il caldo (brace di sigaretta, fiammiferi, aghi arroventati) o sostanze chimiche (petrolio, benzina, trielina, ammoniaca, acetone, olio, sapone. ecc). Questi metodi aumentano il rischio di infezione perché provocano il rigurgito del parassita. Non togliere la zecca con le mani e non schiacciarla con le dita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • atipofachiro

    01 Giugno @ 15.04

    Io dico che la giunta, il Sindaco e l'amministrazione pubblica in generale, stanno sottovalutando il problema dei detriti spaziali. Pizzarotti dobbiamo aspettare che un frammento della Soyuz 13 colpisca un cittadino perché tu ti occupi dell'argomento? Si certo ottima iniziativa la notte bianca, il Parma in A, il risanamento del debito, ma sarebbe anche ora di terminare il progetto del cestino intergalattico e mettere al sicuro le teste dei Parmigiani!!!!

    Rispondi

  • Roberto

    31 Maggio @ 23.07

    ci sono le zecche e la colpa è di pizzarotti...siete fantastici.

    Rispondi

  • Patrizia Adorni

    31 Maggio @ 16.54

    @mario ah, quindi ammetti che a Trento il comune FA INFORMAZIONE a favore dei cittadini. Mentre qui a Parma non vedo NIENTE DI NIENTE

    Rispondi

  • Mario

    31 Maggio @ 16.13

    Non parteggio per nessuna parte, ma vorrei far presente ai leoni da tastiera che la settimana scorsa ero a Trento e la città era piena di manifesti su come difendersi dalle zecche. E a Trento non c'è Pizzarotti...

    Rispondi

    • xxl

      31 Maggio @ 20.33

      Appunto, conoscono il problema e informano i cittadini. Qui il nulla...

      Rispondi

  • Indiana

    31 Maggio @ 15.47

    Indiana

    Vorrei informare il sindaco e chi di dovere che esistono disinfestazione naturali,per nulla tossici, per ripulire parchi,giardini e campi da zecche,pulci,zanzare. Per gli animali domestici esistono pietre, spray,polveri e pillole. Chi si occupa della Res publica DEVE sapere queste cose e occuparsene! Altrimenti cambi pure mestiere invece di intascarsi soldi immeritati. Non riuscire a far fronte a dei parassiti,che possono anche portare gravi malattie, è da terzo mondo,non certo di una capitale della cultura occidentale !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arte e Gusto: il quarto compleanno, ecco le foto della festa

PGN

Arte e Gusto: il quarto compleanno, ecco le foto della festa

Sondaggio: qual è il miglior bar di Parma per l'happy hour?

GAZZAFUN

Sondaggio: 10 ristoranti di mare di Parma e provincia, vota il migliore!

Festival della parola: tre giorni alla Corale Verdi in ricordo di Luigi Tenco

12 tg parma

Festival della parola: tre giorni alla Corale Verdi in ricordo di Luigi Tenco Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Trattoria Armanda» una gita per la tradizione della Liguria

CHICHIBIO

«Trattoria Armanda» una gita per la tradizione della Liguria

Lealtrenotizie

I sub, l'elicottero in volo, poi il ritrovamento del cellulare: ecco i passi che hanno permesso di rintracciare Cristopher

scomparso

Cristopher ritrovato in una ex casa cantoniera di San Prospero Foto Video 

CARABINIERI

Furti sulle auto in sosta: arrestato un 23enne a Collecchio

1commento

calciomercato

Nell'anniversario di "Bologna 2005", il procuratore: "Dezi resta al Parma"

calcio

Serie A e Coppa Italia: ecco le date ufficiali. Parma in campo il 12 agosto

anteprima gazzetta

VinciCasa (Win for Life): 500 mila euro vinti da un parmigiano Video

Lutto

Addio a Ficini, storico pasticciere di via Bixio

CARABINIERI

Rapinarono un connazionale a Soragna: arrestati quattro indiani

I quattro uomini sono ai domiciliari e vivono a Soragna, Busseto, Guastalla (Reggio Emilia) e Castellucchio (Mantova)

ANIMALI

Conigli abbandonati in varie zone della città, è allarme

8commenti

PARMA

Edilizia popolare: 8 nuovi alloggi in via Casa Bianca Video

1commento

FIFA18

Si cerca il «videogiocatore» crociato

1commento

TRADIZIONE

«Rozäda äd San Zvàn», non solo tortelli

Sicurezza

Polizia municipale, più interventi ma organico ridotto

SOS ANIMALI

Frisky è scomparso a Calicella di Langhirano Foto

Accoglienza

Parma, dal 2015 274 migranti liberate dalla tratta

Lutto

Valtaro e Valceno piangono monsignor Groppi

GAZZAREPORTER

Divani e reti abbandonate tra via Gazzola e borgo del Naviglio Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La magia di una vita (vera) al tempo dei social

di Michele Brambilla

ECONOMIA

Quota 100? Come cambiano le pensioni. L'inserto del lunedì

ITALIA/MONDO

violenza

"Branco" picchia e rapina 2 giovani in centro a Roma, 3 arresti

ostia

Reporter aggredito: 6 anni a Spada, fu mafia

SPORT

share da record

Il 99.6% degli islandesi davanti alla tv per la nazionale

Portogallo

Ronaldo fa sostituire il suo busto all'aeroporto di Madeira

SOCIETA'

kansas City

Bimbo fa cadere un scultura , i genitori devono pagare 130mila euro Video

IL CASO

Pesce allevato o pescato? Stesso gusto, prezzo molto diverso, eppure...

1commento

MOTORI

RESTYLING

Toyota: la urban car Aygo si rifà il trucco

PROVA SU STRADA

Peugeot 3008 1.6 BlueHDi, al volante del Suv del Leone

2commenti