-4°

LA STORIA

Salvatori dell'arte, quei parmigiani tra le macerie

Salvatori dell'arte, quei parmigiani tra le macerie
Ricevi gratis le news
0

Hanno messo al sicuro opere danneggiate dal sisma: a quattro dipendenti del MiBact il premio Rotondi

CHIARA CACCIANI

C'è chi con orgoglio e pazienza ha scritto i nomi uno dopo l'altro: un foglio di carta così lungo da ricadere oltre il palco. Sono stati infatti circa 300 i dipendenti del MiBact partiti da tutta Italia in occasione della drammatica scia di scosse di terremoto che ha sbriciolato l'Italia centrale tra il 24 agosto 2016 e i primi mesi del 2017.

In missione per censire e mettere al riparo i tesori finiti tra le macerie o a rischio, il loro impegno non è stato dimenticato, anzi: nei giorni scorsi a Sassocorvaro hanno visto assegnarsi la sezione Italia del premio Rotondi 2018 per i salvatori dell'arte. Un premio speciale già dall'intitolazione: allo storico che salvò diecimila opera d'arte italiane - «La tempesta» di Giorgione la nascose sotto il suo letto - dalla distruzione e dal saccheggio dei nazisti.

A ritirarlo c'erano anche due (emozionate) parmigiane: la funzionaria restauratrice Ines Agostinelli e l'assistente tecnica Annarita Ziveri. Ma nella lunga lista di premiati figurano anche altri due nomi legati alla Soprintendenza di Parma e Piacenza: Anna Coccioli Mastroviti, storica dell'arte, e Bruno Modafferi, dipendente amministrativo.

«Questo riconoscimento dà gioia - raccontano ancora commosse Ziveri e Agostinelli -. Quando ce l'hanno detto, abbiamo pensato: “Che bello, si sono ricordati della briciolina che abbiamo fatto...”. Poi abbiamo visto a chi è dedicato, e ci siamo inorgoglite: è la storia di uno che come noi ha creduto nelle opere d'arte».

Loro ci hanno creduto al punto di dar subito la disponibilità a partire, e ad accettare i rischi. «E' stata un'esperienza straordinaria e difficile - ripercorre Ziveri -. Avevamo il compito di fare i sopralluoghi, rilevare i danni ai beni storici e artistici, e indicare quelli da portar via con urgenza». Rossa, rossissima, la zona attraversata per giorni con la scorta dei vigili del fuoco. «La prima settimana eravamo incoscienti della situazione e tranquille. Poi siamo arrivate nell'area maggiormente colpita e ha iniziato ad accompagnarci un senso di angoscia costante per il timore di poterci restare sotto - aggiunge Agostinelli -. E nell'ultimo periodo cresceva il senso di pericolo, avevamo attacchi di sconforto: un giorno piangevo io, un altro lei». «Ma almeno mai insieme...», sorride guardando la collega.

Spesso i sopralluoghi erano in edifici che rischiavano di crollare. «Entravano i vigili del fuoco, valutavano il danno e poi uscivano dicendoci: «Avete tre minuti a disposizione", oppure “Restate sulla porta e basta” - raccontano -. A volte abbiamo potuto solo infilare una mano tra i vetri rotti per scattare foto e girare un video col telefonino».

«A Colle Sant'angelo sul Neva, quando ho visto il borgo strettissimo, l'accumulo di macerie, i cavi dell'elettricità aggrovigliati fino a terra, ho capito che se fosse successo qualcosa non avremmo avuto una via di scampo - aggiunge Ziveri - . Ovunque c'era da arrampicarsi sui resti. E poi la neve, a peggiorare tutto...». La neve che diventava peso insostenibile sugli edifici già lesionati, la neve che copriva pericoli e buche. «E' così che ci ho rimesso un legamento. Ma ho continuato: volevo farlo», dice Ines Agostinelli. Per tante opere era troppo tardi, per altre serviranno tantissimo lavoro e tantissimi soldi. «In alcuni luoghi ci siamo messe a raccattare tutti i pezzetti di affreschi crollati, coprendoli con dei teli».

Di quei giorni resta la consistenza appiccicosa della paura, ma anche un legame profondo con una terra e la sua gente. «Abbiamo trovato una popolazione straordinaria - sottolinea Ziveri -. Non abbiamo mai visto nessuno piangersi addosso: solo rimboccarsi le maniche. E l'estate scorsa ho voluto trascorrere lì le mie vacanze. Sono andata a trovare anche la badessa del convento di Apiceno: mi ero affezionata a queste suore anziane, di cui due inferme gravi, di fatto costrette a vivere nelle cantine. Erano in corso i lavori di recupero dell'edificio: mi ha fatto piacere».

«Io da allora sono rimasta collegata attraverso i siti e seguo cosa succede laggù. In una chiesa avevamo segnalato una bella statua di cera della “Madonna dei sette dolori” che era urgente salvare – le fa eco la collega -. Quando ho visto due mesi dopo che l'avevano recuperata, ho subito chiamato Annarita: scoprire che stanno ricostruendo i luoghi dove siamo state è ogni volta una grandissima gioia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Yes, gli albori di una leggenda

IL DISCO

Yes, gli albori di una leggenda Video

Brachetti incanta il Regio con la magia del suo "Solo" - Ecco chi c'era: foto

teatro

Brachetti incanta il Regio con la magia del suo "Solo" Ecco chi c'era: foto

Galaxy Fold

Galaxy Fold

HI-TECH

Galaxy fold: ecco lo smartphone pieghevole di Samsung

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Mulino di casa Sforza" Tanta tecnica e ottima qualità in cucina

CHICHIBIO

"Mulino di Casa Sforza": tanta tecnica e ottima qualità in cucina

Lealtrenotizie

Perseguita l'amante del marito: condannata

Stalking

Perseguita l'amante del marito: condannata

VARCHI E MOBILITÀ

Benassi: «Basta auto per accedere in centro»

agenda weekend

Il cibo degli dei in piazza Garibaldi. Ma non solo cioccolata a Parma e provincia

SCIALPINISMO

Ghiaccio e poca neve, annullato il trofeo Schiaffino

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

LUTTO

Bore e la sua valle piangono l'ex sindaco Mario Bazzinotti

Fidenza

Made in Fidenza le luci della Tour Eiffel

INCIDENTE

Non ce l'ha fatta il maresciallo Gildo Marioni

il caso

Minacce sui muri, Salvini (intervistato da Tv Parma): "Non sono spaventato, vado avanti" - Video

2commenti

il fatto del giorno

Foto e polemiche: "Il giornale deve raccontare il mondo così com'è, non quello che vorremmo"

Meteo

Weekend "invernale". Poi...la primavera

Tribunale

Ubriaco minaccia il «mondo intero»: condannato

SALSO

Ici, Imu e Tasi: accordo tra Comune e Baistrocchi

arte e cultura

Salviamo la chiesa di Roncole (con l'organo di Verdi): raccolta fondi - Le foto

Milano

Malore in metropolitana, è morto Paolo Brera

Scrittore, economista, figlio del grande Gianni, scrisse anche per la Gazzetta di Parma

Gusto

Federer-Oldani (e la Shiffrin): quando una spaghettata accende la festa (Nuovo spot Barilla) Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Rinnegata la Tav, è un altro il tunnel che aspetta il Paese

di Vittorio Testa

1commento

NOVITA'

"Breaking News": ora puoi riceverle anche via WhatsApp. Ecco come Video

ITALIA/MONDO

pavia

Si è ucciso Alberto Rizzoli, nipote del fondatore della casa editrice

STATI UNITI

Sesso con una minorenne, accusato il rapper R. Kelly

SPORT

SERIE A

Milan travolgente: tre sberle all'Empoli

Basket

Ungheria ko, l'Italia ai mondiali in Cina. Mancava dal 2006

SOCIETA'

Indonesia

38 anni dopo, (ri) avvistata l'ape più grande al mondo

ROMA

Stalker perseguita la Ferilli, divieto di avvicinamento

MOTORI

IL TEST

Ecco la nuova Mazda3. In 5 mosse

AL VOLANTE

Skoda Kodiaq RS: il Suv con 240 Cv