21°

31°

LA STORIA

Salvatori dell'arte, quei parmigiani tra le macerie

Salvatori dell'arte, quei parmigiani tra le macerie
Ricevi gratis le news
0

Hanno messo al sicuro opere danneggiate dal sisma: a quattro dipendenti del MiBact il premio Rotondi

CHIARA CACCIANI

C'è chi con orgoglio e pazienza ha scritto i nomi uno dopo l'altro: un foglio di carta così lungo da ricadere oltre il palco. Sono stati infatti circa 300 i dipendenti del MiBact partiti da tutta Italia in occasione della drammatica scia di scosse di terremoto che ha sbriciolato l'Italia centrale tra il 24 agosto 2016 e i primi mesi del 2017.

In missione per censire e mettere al riparo i tesori finiti tra le macerie o a rischio, il loro impegno non è stato dimenticato, anzi: nei giorni scorsi a Sassocorvaro hanno visto assegnarsi la sezione Italia del premio Rotondi 2018 per i salvatori dell'arte. Un premio speciale già dall'intitolazione: allo storico che salvò diecimila opera d'arte italiane - «La tempesta» di Giorgione la nascose sotto il suo letto - dalla distruzione e dal saccheggio dei nazisti.

A ritirarlo c'erano anche due (emozionate) parmigiane: la funzionaria restauratrice Ines Agostinelli e l'assistente tecnica Annarita Ziveri. Ma nella lunga lista di premiati figurano anche altri due nomi legati alla Soprintendenza di Parma e Piacenza: Anna Coccioli Mastroviti, storica dell'arte, e Bruno Modafferi, dipendente amministrativo.

«Questo riconoscimento dà gioia - raccontano ancora commosse Ziveri e Agostinelli -. Quando ce l'hanno detto, abbiamo pensato: “Che bello, si sono ricordati della briciolina che abbiamo fatto...”. Poi abbiamo visto a chi è dedicato, e ci siamo inorgoglite: è la storia di uno che come noi ha creduto nelle opere d'arte».

Loro ci hanno creduto al punto di dar subito la disponibilità a partire, e ad accettare i rischi. «E' stata un'esperienza straordinaria e difficile - ripercorre Ziveri -. Avevamo il compito di fare i sopralluoghi, rilevare i danni ai beni storici e artistici, e indicare quelli da portar via con urgenza». Rossa, rossissima, la zona attraversata per giorni con la scorta dei vigili del fuoco. «La prima settimana eravamo incoscienti della situazione e tranquille. Poi siamo arrivate nell'area maggiormente colpita e ha iniziato ad accompagnarci un senso di angoscia costante per il timore di poterci restare sotto - aggiunge Agostinelli -. E nell'ultimo periodo cresceva il senso di pericolo, avevamo attacchi di sconforto: un giorno piangevo io, un altro lei». «Ma almeno mai insieme...», sorride guardando la collega.

Spesso i sopralluoghi erano in edifici che rischiavano di crollare. «Entravano i vigili del fuoco, valutavano il danno e poi uscivano dicendoci: «Avete tre minuti a disposizione", oppure “Restate sulla porta e basta” - raccontano -. A volte abbiamo potuto solo infilare una mano tra i vetri rotti per scattare foto e girare un video col telefonino».

«A Colle Sant'angelo sul Neva, quando ho visto il borgo strettissimo, l'accumulo di macerie, i cavi dell'elettricità aggrovigliati fino a terra, ho capito che se fosse successo qualcosa non avremmo avuto una via di scampo - aggiunge Ziveri - . Ovunque c'era da arrampicarsi sui resti. E poi la neve, a peggiorare tutto...». La neve che diventava peso insostenibile sugli edifici già lesionati, la neve che copriva pericoli e buche. «E' così che ci ho rimesso un legamento. Ma ho continuato: volevo farlo», dice Ines Agostinelli. Per tante opere era troppo tardi, per altre serviranno tantissimo lavoro e tantissimi soldi. «In alcuni luoghi ci siamo messe a raccattare tutti i pezzetti di affreschi crollati, coprendoli con dei teli».

Di quei giorni resta la consistenza appiccicosa della paura, ma anche un legame profondo con una terra e la sua gente. «Abbiamo trovato una popolazione straordinaria - sottolinea Ziveri -. Non abbiamo mai visto nessuno piangersi addosso: solo rimboccarsi le maniche. E l'estate scorsa ho voluto trascorrere lì le mie vacanze. Sono andata a trovare anche la badessa del convento di Apiceno: mi ero affezionata a queste suore anziane, di cui due inferme gravi, di fatto costrette a vivere nelle cantine. Erano in corso i lavori di recupero dell'edificio: mi ha fatto piacere».

«Io da allora sono rimasta collegata attraverso i siti e seguo cosa succede laggù. In una chiesa avevamo segnalato una bella statua di cera della “Madonna dei sette dolori” che era urgente salvare – le fa eco la collega -. Quando ho visto due mesi dopo che l'avevano recuperata, ho subito chiamato Annarita: scoprire che stanno ricostruendo i luoghi dove siamo state è ogni volta una grandissima gioia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Capitan Lucarelli

«Il mio Parma gettato nel fango»

3commenti

provincia

Viabilità, entro settembre cinque strade provinciali "minori" risistemate

traffico

Mattinata difficile in tangenziale Nord: oltre un chilometro di code per lavori

OBIETTIVO 2020

San Francesco del Prato, nato il Comitato per i restauri

filatelia

Esce domani un nuovo francobollo dedicato a Guareschi. Ma non a Parma?

ALBARETO

Entra fumo nell'appartamento: intossicate due donne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Maltrattare gli animali, tradire l'amicizia

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

SPORT

12 tg parma

Domani terzo test amichevole con il Foggia in attesa della sentenza sms Video

calcio

Il Tas annulla l'esclusione del Milan dalla Europa League

SOCIETA'

MOTORI

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita