21°

32°

SENTENZA

Mezzo secolo fa le trasfusioni infette, ora i soldi dovuti

Mezzo secolo fa le trasfusioni infette, ora i soldi dovuti
Ricevi gratis le news
0

Due donne ricoverate al Maggiore tra gli anni '60 e '70 avevano contratto il virus dell'epatite C, ora il tribunale di Bologna riconosce complessivamente 137mila euro di rivalutazione monetaria sull'indennizzo già percepito. Leggi la storia

Georgia Azzali

Sandra (il nome è di fantasia) se la ricorda bene quell'estate di 53 anni fa. Era in attesa di suo figlio: la gioia dell'attesa e la preoccupazione di essere all'altezza. Anche l'anemia e la nefropatia che avevano cominciato a tormentarla le sembravano ostacoli aggirabili, d'altra parte sangue e plasma avrebbero potuto aiutarla. Ma quei 1200 cc che le furono trasfusi in quell'anno nel reparto di Ostetricia del Maggiore segnarono tutta la sua vita: nel suo corpo entrò il virus dell'epatite C. Ha dovuto aspettare fino al 2004 per sentirsi dire dalla Commissione medico ospedaliera di Bologna che, sì, erano state quelle trasfusioni a infettarla. Ma solo otto anni dopo ha cominciato a percepire l'indennità integrativa speciale per il danno irreversibile che le era stato causato. E ha dovuto attendere fino ad oggi per ottenere la rivalutazione monetaria su quell'indennità a partire dal settembre 2003, anno in cui aveva presentato la domanda per ottenere l'indennizzo : circa 37mila euro che il tribunale del lavoro di Bologna le ha riconosciuto, dopo il ricorso presentato dagli avvocati Claudio Defilippi e Lorenza Squeri contro il ministero della Salute.

Sandra si è curata con i farmaci più innovativi, ma quel sangue ha continuato a «infettarle» la vita, a renderle difficili le giornate fino ad ora, che ha superato i 70. Lei come le migliaia di persone che hanno contratto il virus Hiv e l'epatite C con le trasfusioni di sangue ed emoderivati non controllati fino ai primi anni Novanta. Una scia di morte e di dolore che non è ancora terminata. Come non sono terminati i processi nelle aule giudiziarie.

Un'attesa infinita anche per Rita (nome di fantasia), pure lei ormai piuttosto anziana, che nel 1973 fu ricoverata sempre nel reparto di Ginecologia e Ostetricia del Maggiore per un intervento e ne uscì con il virus dell'epatite C. Le due trasfusioni che avevano risistemato i valori del suo emocromo l'avevano anche segnata per sempre. La «sentenza» era arrivata tre anni dopo. Tre anni in cui Rita non riusciva a capire come potesse sentirsi sempre così stanca. Ma come l'esercito di tutti gli infettati incolpevoli anche lei ha dovuto aspettare la legge del 1992 che ha dato il via libera agli indennizzi. Nel '95 Rita ha presentato la domanda per ottenere il risarcimento, che le è stato riconosciuto però solo nel 2001. E ora anche a lei il giudice del lavoro del tribunale di Bologna, dopo il ricorso presentato sempre dagli avvocati dello studio Defilippi, ha riconosciuto la rivalutazione monetaria a partire dal '95: quasi 100mila euro.

Un problema spinosissimo, quello della rivalutazione, che si è trascinato per anni a colpi di sentenze. Nel 2011 si era persino «scomodata» la Corte costituzionale: i giudici avevano dichiarato incostituzionale l'articolo della legge del 2010 che escludeva dal beneficio le persone affette da epatite post trasfusione. Ma lo stato italiano non si è adeguato al dettato della Consulta. Così, moltissimi malati hanno deciso di rivolgersi alla Corte europea dei diritti dell'uomo. E a Strasburgo, nel 2013, non hanno avuto dubbi: l'Italia è stata condannata per il mancato pagamento della rivalutazione monetaria a chi era stato infettato da una trasfusione. E ora quei soldi (dovuti) cominciano ad arrivare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Furto in casa Gassmann: rubati anche i cimeli di papà Vittorio

Alessandro Gassmann in una foto d'archivio

ROMA

Furto in casa Gassmann: rubati anche i premi di papà Vittorio

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

TABIANO

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Fermato con un camion carico di migranti clandestini

Parmigiano arrestato in Croazia

Fermato con un camion carico di migranti clandestini

Il ritratto

Elisa, sorriso contagioso e amore per la vita

Anziano in stazione

Borseggiato da tre nordafricani

Le pagelle del Parma

Di Gaudio e Alves al top

FIDENZA

«Sono Marocchi, ho bisogni di aiuto». Ma è una truffa online

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

La storia

Emanuela, da Padova alla Valtaro a coltivare lavanda

Medesano

Svaligiate tre case. I ladri a bordo di una Panda?

Giovani on line

Troppo connessi? Addio alle emozioni reali

SERIE A

Il Parma pareggia con l'Udinese al Tardini (2-2) il giorno del ritorno in A

incidente

Tragico schianto a Martorano: muore una 28enne

viabilità

Controesodo, traffico in intensificazione sull'A1-raccordo A15 Tempo reale

Anteprima Gazzetta

Parmigiano nascondeva clandestini sul camion. Arrestato in Croazia

Monchio

Mirko, morto sotto il ponte per lo zelo per il lavoro

citerna

L'auto finisce in un canale di scolo: tre feriti

PIAZZA GHIAIA

Fotografa un gruppo di immigrati: minacciato e aggredito

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La colonna sonora della strage di Genova

di Michele Brambilla

COMMENTO

La Freccia di Ferragosto e Parma «interconnessa»

di Francesco Bandini

4commenti

ITALIA/MONDO

La Spezia

Levanto, due cadaveri trovati in un appartamento

GENOVA

Domani primi alloggi agli sfollati. Dal Governo 28,5 milioni per l'emergenza. Ma su Autostrade si va avanti con la revoca

SPORT

nuoto

Giulia Ghiretti , oro nei 50 delfino agli europei di Dublino

SERIE A

L'Inter stecca malamente la prima. Roma con le grandi

SOCIETA'

animali

Gli ibis eremita non sanno più migrare: in volo dal Nord dietro a un aereo

Pietrasanta

Struttura in legno in riva al Twiga, il capogruppo Pd chiede spiegazioni

2commenti

ESTATE

capoliveri

Tartatughine fuori dal nido tra i bagnanti all'Elba

ausl

Punture di insetti, meduse, pesci, vipere: ecco cosa fare (e gli errori più gravi)