11°

22°

SENTENZA

Mezzo secolo fa le trasfusioni infette, ora i soldi dovuti

Mezzo secolo fa le trasfusioni infette, ora i soldi dovuti
Ricevi gratis le news
0

Due donne ricoverate al Maggiore tra gli anni '60 e '70 avevano contratto il virus dell'epatite C, ora il tribunale di Bologna riconosce complessivamente 137mila euro di rivalutazione monetaria sull'indennizzo già percepito. Leggi la storia

Georgia Azzali

Sandra (il nome è di fantasia) se la ricorda bene quell'estate di 53 anni fa. Era in attesa di suo figlio: la gioia dell'attesa e la preoccupazione di essere all'altezza. Anche l'anemia e la nefropatia che avevano cominciato a tormentarla le sembravano ostacoli aggirabili, d'altra parte sangue e plasma avrebbero potuto aiutarla. Ma quei 1200 cc che le furono trasfusi in quell'anno nel reparto di Ostetricia del Maggiore segnarono tutta la sua vita: nel suo corpo entrò il virus dell'epatite C. Ha dovuto aspettare fino al 2004 per sentirsi dire dalla Commissione medico ospedaliera di Bologna che, sì, erano state quelle trasfusioni a infettarla. Ma solo otto anni dopo ha cominciato a percepire l'indennità integrativa speciale per il danno irreversibile che le era stato causato. E ha dovuto attendere fino ad oggi per ottenere la rivalutazione monetaria su quell'indennità a partire dal settembre 2003, anno in cui aveva presentato la domanda per ottenere l'indennizzo : circa 37mila euro che il tribunale del lavoro di Bologna le ha riconosciuto, dopo il ricorso presentato dagli avvocati Claudio Defilippi e Lorenza Squeri contro il ministero della Salute.

Sandra si è curata con i farmaci più innovativi, ma quel sangue ha continuato a «infettarle» la vita, a renderle difficili le giornate fino ad ora, che ha superato i 70. Lei come le migliaia di persone che hanno contratto il virus Hiv e l'epatite C con le trasfusioni di sangue ed emoderivati non controllati fino ai primi anni Novanta. Una scia di morte e di dolore che non è ancora terminata. Come non sono terminati i processi nelle aule giudiziarie.

Un'attesa infinita anche per Rita (nome di fantasia), pure lei ormai piuttosto anziana, che nel 1973 fu ricoverata sempre nel reparto di Ginecologia e Ostetricia del Maggiore per un intervento e ne uscì con il virus dell'epatite C. Le due trasfusioni che avevano risistemato i valori del suo emocromo l'avevano anche segnata per sempre. La «sentenza» era arrivata tre anni dopo. Tre anni in cui Rita non riusciva a capire come potesse sentirsi sempre così stanca. Ma come l'esercito di tutti gli infettati incolpevoli anche lei ha dovuto aspettare la legge del 1992 che ha dato il via libera agli indennizzi. Nel '95 Rita ha presentato la domanda per ottenere il risarcimento, che le è stato riconosciuto però solo nel 2001. E ora anche a lei il giudice del lavoro del tribunale di Bologna, dopo il ricorso presentato sempre dagli avvocati dello studio Defilippi, ha riconosciuto la rivalutazione monetaria a partire dal '95: quasi 100mila euro.

Un problema spinosissimo, quello della rivalutazione, che si è trascinato per anni a colpi di sentenze. Nel 2011 si era persino «scomodata» la Corte costituzionale: i giudici avevano dichiarato incostituzionale l'articolo della legge del 2010 che escludeva dal beneficio le persone affette da epatite post trasfusione. Ma lo stato italiano non si è adeguato al dettato della Consulta. Così, moltissimi malati hanno deciso di rivolgersi alla Corte europea dei diritti dell'uomo. E a Strasburgo, nel 2013, non hanno avuto dubbi: l'Italia è stata condannata per il mancato pagamento della rivalutazione monetaria a chi era stato infettato da una trasfusione. E ora quei soldi (dovuti) cominciano ad arrivare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

4commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba - Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba Ecco chi c'era: foto

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida

USA

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida Foto

fedez

social

Ironia sul figlio, Fedez attacca Striscia poi fa autocritica Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

KATE FINN, la donna morta nel cercare il cibo perfetto

VELLUTO ROSSO

Teatro Due: Kate Finn, la donna morta nel cercare il cibo perfetto Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Parma Urban District: i nomi e i retroscena dell'inchiesta

FIAMME GIALLE

Parma Urban District: i nomi e i retroscena dell'inchiesta

1commento

domani ore 15

Parma-Lazio: Gervinho non ci sarà. Tardini verso il tutto esaurito

12Tg Parma

Furto al chiosco della Cittadella: l'amarezza del gestore Video

Il gestore: "Quando c'era il custode queste cose non accadevano"

PARMA

Rapinarono un salone di parrucchiere in viale Fratti: in cella cinque nigeriani

Indagine dei carabinieri. Uno degli africani aveva cercato di fuggire ma è stato bloccato alla frontiera

UN ALTRO CASO

Fumo dal motore: evacuata una corriera Tep a Coltaro

2commenti

AGENDA

Tra fumetti, tartufo e passeggiate coi cani: l'agenda del sabato

montagna

La "guerra delle castagne", i proprietari: «Basta furti»

1commento

L'INCHIESTA

L'Hiv fa ancora paura. Più a rischio i maschi fra 40 e 55 anni

LUTTO

Addio a Gianalessandro Isi, letterato e melomane

12Tg Parma

Ladri a Sala Baganza: svaligiata un'abitazione Video

Tribunale

Processo Federitalia, la parola ai difensori

solidarietà

Cinghio Sud: inaugurata la nuova sede di Emporio Solidale Foto

Sant’Ilario d’Enza

Ha dissapori con un giovane e incendia l'auto di sua madre: denunciato 25enne 

I carabinieri sono risaliti al giovane, che ha confessato di aver incendiato una Ford Focus a Calerno

immigrati

538.000 stranieri residenti in Emilia. Parma seconda provincia per presenze. Langhirano da record

3commenti

FIDENZA

Prova a «spacciare» soldi falsi. Ma viene scoperto

«NULLA AL CASO»

Il diario di Mary promosso da «Striscia la notizia»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Alitalia e il ritorno dello Stato imprenditore

di Paolo Ferrandi

CHICHIBIO

Trattoria Mussi, semplicemente la buona cucina di montagna

ITALIA/MONDO

economia

Moody's taglia il rating: Italia a un passo dal giudizio "spazzatura"

REGGIO EMILIA

E' agli arresti domiciliari ma organizza un "droga party": rimandato in carcere

SPORT

sci

Frattura al malleolo: Sofia Goggia tornerà nel 2019

MONDIALI

Pallavolo: 3-0 all'Olanda, bronzo alla Cina

SOCIETA'

monitoraggio

Il Parco del Taro (video)intrappola il "suo" lupo: ecco Vincenzo

archeologia

Pompei: ecco il nuovo significato della scritta che cambia la Storia

MOTORI

MOTO

Prova Harley-Davidson Sport Glide

ANTEPRIMA

X7, il Suv di lusso di Bmw Fotogallery