EDITORIALE

La Cina è vicina. Forse anche troppo

La Cina è vicina. Forse anche troppo
Ricevi gratis le news
5

La Cina è vicina, recitava il titolo di un film degli anni ‘60. Ora però il gigante asiatico sta diventando un po’ troppo vicino. A questo punta il mastodontico progetto della «nuova via della seta», con il quale la seconda economia del pianeta sta creando corridoi di comunicazione attraverso Eurasia e Africa per facilitare e potenziare ancora di più i propri commerci. Un espansionismo poco appariscente ma impetuoso, che da tempo preoccupa le diplomazie di mezzo mondo, perché questo dinamismo senza freni ha già cominciato a sconfinare dal recinto degli affari per invadere quello della geopolitica e perfino – cosa quanto mai inquietante – della capacità offensiva (con basi militari oltremare e armamenti nucleari su bombardieri).
Un vero e proprio imperialismo del ventunesimo secolo, ancora in fase embrionale, ma che con l’infallibile arma del denaro punta nel lungo periodo a scalzare gradualmente quello americano, facilitato in questo da un mondo non più diviso in due blocchi con due grandi potenze planetarie, ma caratterizzato da una superpotenza – gli Stati Uniti – molto più attenta a guardare in casa propria che non verso l’esterno e da una frammentazione e un’instabilità internazionale che facilitano l’affermarsi di potenze regionali. Un contesto in cui a fare la differenza sono i soldi e il potere di condizionamento (e di ricatto) che da essi deriva.
Nel caso della Cina questo fenomeno è ormai manifesto. Gli hanno anche dato un nome: la «trappola del debito». Funziona più o meno così: si prestano soldi a palate a Stati deboli e poveri (e spesso corrotti) per finanziare progetti grandiosi (ovviamente funzionali al piano di penetrazione cinese) e se la nazione in questione non riesce a onorare il prestito ricevuto, la Cina entra in campo mettendo le mani direttamente su tutto ciò che c’è da accaparrare, prendendo possesso di intere infrastrutture strategiche. È già successo e di sicuro si ripeterà.

Di fronte a questo dilagare c’è chi comincia a correre ai ripari: l’Australia ad esempio ha appena emanato una legge contro le interferenze straniere, parlando senza mezzi termini di questione di «sicurezza nazionale». Ma c’è anche chi non vede l’ora di gettarsi nella bocca del lupo, come l’Italia. Il ministro dell’Economia Tria sarà nei prossimi giorni a Pechino a caccia di investitori disposti a comprare debito italiano, in vista del progressivo allentamento dell’acquisto di nostri titoli di Stato da parte della Bce. Altri Paesi fragili in Europa sono già caduti nella trappola, come la Grecia, il cui porto del Pireo è già in mano ai cinesi, e il Portogallo, dove la Cina imperversa in settori strategici.
Pechino ha messo gli occhi anche sul porto di Trieste, snodo strategico che garantirebbe una porta d’ingresso all’Europa centro-orientale. Una cosa però è certa: se ci metteranno dei soldi non sarà per fare della beneficenza, ma per farne «cosa loro». Intanto, nel governo italiano già si sono alzate voci entusiaste di fronte a questa prospettiva. La fame di soldi è grande, soprattutto per tentare di mantenere le impegnative promesse elettorali di qualche mese fa, ma prima di svendersi al Celeste impero bisognerebbe ricordare il recente monito arrivato da un diplomatico americano, che di fronte all’espansionismo finanziario della Cina ha evocato un aspetto che di solito si preferisce trascurare: «Questi sono investitori diversi dagli altri. Rispondono al potere politico».

fbandini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gnox

    28 Agosto @ 08.40

    La Cina ha fatto benissimo quel che avrebbe dovuto fare l'Europa, che invece ha partecipato alle guerre "portatrici di democrazia" ed adesso ne subisce le logiche conseguenze.

    Rispondi

  • Roberto

    27 Agosto @ 16.47

    Nella mia ignoranza, mi risulta che nessuno stato ne aiuti un'altro per beneficienza, Vi spiace pubblicare quanto la Germania abbia guadagnato sulle spalle della Grecia ?? grazie

    Rispondi

    • 27 Agosto @ 16.59

      (dalla redazione) I prestiti alla Grecia sono appunto prestiti. Quindi vengono ripagati con interessi che sono alti perché il rischio paese è alto, ma che hanno permesso ad Atene di stare a galla in un momento in cui l'accesso al credito normale era impossibile. Se il prestito verrà ripagato per intero la Germania ci dovrebbe guadagnare, come l'Italia, del resto. ps. "beneficenza" senza "i".

      Rispondi

      • Roberto

        27 Agosto @ 17.05

        Scusate, ma la Germania ha comperatop aeroporti ed altre infrastrutture , basta controllare sui vari quotidiano, e quanto pubblicato dei giornali tedeschi in merito ai guadagni realizzati sulla spalle della Grecia , la beneficenza e' un'altra cosa, cosi' come ha fatto/fara', la Cina od altri che invece hanno liquidita' da usare. Non e' una novita' che in Africa, i cinesi siamo ormai quasi piu' forti dei francesi, che continuano a strozzare le loro ex colonie.

        Rispondi

  • Gio

    27 Agosto @ 15.58

    Giorgio R.

    Ci sono nazioni che investono su probabili plusvalori ricavandone vantaggio e c'è chi come l'Italia investe facendo di tutto per far impoverire il proprio popolo come l'Italia.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

(La foto social) Jimmy Page torna ad Abbey Road e i fan dei Led Zeppelin sognano

rock

(La foto social) Jimmy Page torna ad Abbey Road e i fan dei Led Zeppelin sognano

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

gossip

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

3commenti

E' morto il grande regista Eimuntas Nekrosius

TEATRO

E' morto il grande regista Eimuntas Nekrosius

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sara' 'Black Friday' anche alla Fondazione Toscanini

La Fondazione Arturo Toscanini

PARMA

Anche la Fondazione Toscanini fa il Black Friday

Lealtrenotizie

Tenta la rapina (con un chiodo) al supermercato: la reazione della cassiera lo fa fuggire

via dei mercati

Tenta la rapina (con un chiodo) al supermercato: la reazione della cassiera lo fa fuggire Video

Una ragazzina di 11 anni

Si sporge dalla finestra e resta sospesa nel vuoto

meteo

La neve mantiene la parola: Appenino imbiancato. A Schia 13 centimetri Foto Video

Le foto dei lettori

CONQUIBUS

Mutti scrive ai colleghi: «Mi dimetto»

DUPLICE OMICIDIO

I periti: «Solomon? Totalmente incapace». E ora si va verso l'assoluzione

guardia di finanza

Lavoro "sommerso": 33 addetti irregolari in due prosciuttifici

In un anno scovati 14 lavoratori in nero e 51 irregolari

3commenti

12 tg parma

Lucchi annuncia: "Mi candido per la terza volta a sindaco di Berceto" Video

gazzareporter

Via Lanfranco, se il parcheggio è con... piscina

SALSOMAGGIORE

Ritrovata in un campo una cassaforte chiusa: di chi è?

AUTOBUS IN PANNE

Linea 23, due guasti in pochi giorni. La rabbia di un genitore

VIA DE MARTINO

I residenti: «Strada abbandonata, terra di nessuno»

1commento

Calcio Eccellenza

La Piccardo delle meraviglie

LANGHIRANO

L'ambasciatore del prosciutto di Parma? E' a Belfast

consiglio comunale

Una scuola e documenti dell'Archivio di Stato nell'area militare di via Zarotto

"Bollino antifascista" per gli spazi pubblici, la Lega vota contro, Pizzarotti: " Dove eravate il 25 aprile? "

calcio

Lizhang, ecco le 5 inadempienze - Video. Nuovo Inizio: "Ha messo a rischio il Parma"

gazzareporter

Via Calatafimi e quelle campane che restano stracolme di rifiuti

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lizhang e i tanti impegni disattesi

di Claudio Rinaldi

1commento

VELLUTO ROSSO

La comicità al femminile di Debora Villa al Paganini

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

ferrovie

Arriva la prima Freccia Venezia-Fiumicino, poi toccherà a Malpensa

ONG

"Traffico illecito di rifiuti infettivi": sequestrata la nave Aquarius, indagata Msf

SPORT

Formula 3

Sophia Floersch, dopo 11 ore di intervento muove gli arti

Calciomercato

Emergenza terzini. Il Parma bussa alla porta della Fiorentina?

SOCIETA'

HI-TECH

È la settimana del Black Friday: occhio alle offerte. I consigli per spendere meno

cultura

Un milione di buone ragioni per andare a teatro

MOTORI

IL TEST

Bmw X5, atto quarto: lusso senza compromessi

RESTYLING

Mercedes Classe C, l'ammiraglia compatta