13°

28°

EDITORIALE

La Cina è vicina. Forse anche troppo

La Cina è vicina. Forse anche troppo
Ricevi gratis le news
5

La Cina è vicina, recitava il titolo di un film degli anni ‘60. Ora però il gigante asiatico sta diventando un po’ troppo vicino. A questo punta il mastodontico progetto della «nuova via della seta», con il quale la seconda economia del pianeta sta creando corridoi di comunicazione attraverso Eurasia e Africa per facilitare e potenziare ancora di più i propri commerci. Un espansionismo poco appariscente ma impetuoso, che da tempo preoccupa le diplomazie di mezzo mondo, perché questo dinamismo senza freni ha già cominciato a sconfinare dal recinto degli affari per invadere quello della geopolitica e perfino – cosa quanto mai inquietante – della capacità offensiva (con basi militari oltremare e armamenti nucleari su bombardieri).
Un vero e proprio imperialismo del ventunesimo secolo, ancora in fase embrionale, ma che con l’infallibile arma del denaro punta nel lungo periodo a scalzare gradualmente quello americano, facilitato in questo da un mondo non più diviso in due blocchi con due grandi potenze planetarie, ma caratterizzato da una superpotenza – gli Stati Uniti – molto più attenta a guardare in casa propria che non verso l’esterno e da una frammentazione e un’instabilità internazionale che facilitano l’affermarsi di potenze regionali. Un contesto in cui a fare la differenza sono i soldi e il potere di condizionamento (e di ricatto) che da essi deriva.
Nel caso della Cina questo fenomeno è ormai manifesto. Gli hanno anche dato un nome: la «trappola del debito». Funziona più o meno così: si prestano soldi a palate a Stati deboli e poveri (e spesso corrotti) per finanziare progetti grandiosi (ovviamente funzionali al piano di penetrazione cinese) e se la nazione in questione non riesce a onorare il prestito ricevuto, la Cina entra in campo mettendo le mani direttamente su tutto ciò che c’è da accaparrare, prendendo possesso di intere infrastrutture strategiche. È già successo e di sicuro si ripeterà.

Di fronte a questo dilagare c’è chi comincia a correre ai ripari: l’Australia ad esempio ha appena emanato una legge contro le interferenze straniere, parlando senza mezzi termini di questione di «sicurezza nazionale». Ma c’è anche chi non vede l’ora di gettarsi nella bocca del lupo, come l’Italia. Il ministro dell’Economia Tria sarà nei prossimi giorni a Pechino a caccia di investitori disposti a comprare debito italiano, in vista del progressivo allentamento dell’acquisto di nostri titoli di Stato da parte della Bce. Altri Paesi fragili in Europa sono già caduti nella trappola, come la Grecia, il cui porto del Pireo è già in mano ai cinesi, e il Portogallo, dove la Cina imperversa in settori strategici.
Pechino ha messo gli occhi anche sul porto di Trieste, snodo strategico che garantirebbe una porta d’ingresso all’Europa centro-orientale. Una cosa però è certa: se ci metteranno dei soldi non sarà per fare della beneficenza, ma per farne «cosa loro». Intanto, nel governo italiano già si sono alzate voci entusiaste di fronte a questa prospettiva. La fame di soldi è grande, soprattutto per tentare di mantenere le impegnative promesse elettorali di qualche mese fa, ma prima di svendersi al Celeste impero bisognerebbe ricordare il recente monito arrivato da un diplomatico americano, che di fronte all’espansionismo finanziario della Cina ha evocato un aspetto che di solito si preferisce trascurare: «Questi sono investitori diversi dagli altri. Rispondono al potere politico».

fbandini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gnox

    28 Agosto @ 08.40

    La Cina ha fatto benissimo quel che avrebbe dovuto fare l'Europa, che invece ha partecipato alle guerre "portatrici di democrazia" ed adesso ne subisce le logiche conseguenze.

    Rispondi

  • Roberto

    27 Agosto @ 16.47

    Nella mia ignoranza, mi risulta che nessuno stato ne aiuti un'altro per beneficienza, Vi spiace pubblicare quanto la Germania abbia guadagnato sulle spalle della Grecia ?? grazie

    Rispondi

    • 27 Agosto @ 16.59

      (dalla redazione) I prestiti alla Grecia sono appunto prestiti. Quindi vengono ripagati con interessi che sono alti perché il rischio paese è alto, ma che hanno permesso ad Atene di stare a galla in un momento in cui l'accesso al credito normale era impossibile. Se il prestito verrà ripagato per intero la Germania ci dovrebbe guadagnare, come l'Italia, del resto. ps. "beneficenza" senza "i".

      Rispondi

      • Roberto

        27 Agosto @ 17.05

        Scusate, ma la Germania ha comperatop aeroporti ed altre infrastrutture , basta controllare sui vari quotidiano, e quanto pubblicato dei giornali tedeschi in merito ai guadagni realizzati sulla spalle della Grecia , la beneficenza e' un'altra cosa, cosi' come ha fatto/fara', la Cina od altri che invece hanno liquidita' da usare. Non e' una novita' che in Africa, i cinesi siamo ormai quasi piu' forti dei francesi, che continuano a strozzare le loro ex colonie.

        Rispondi

  • Gio

    27 Agosto @ 15.58

    Giorgio R.

    Ci sono nazioni che investono su probabili plusvalori ricavandone vantaggio e c'è chi come l'Italia investe facendo di tutto per far impoverire il proprio popolo come l'Italia.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

MODA

Il Made in Italy è sempre più in mani straniere

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno