10°

FONTEVIVO

Contributi per l'affitto e case popolari, il sindaco: «Prima gli italiani»

Contributi per l'affitto e case popolari, il sindaco: «Prima gli italiani»
Ricevi gratis le news
13

Il «modello Lodi» fa scuola. Il bando del Comune di Fontevivo per l'erogazione di contributi per l'affitto e per l'assegnazione delle case popolari prevede la necessità di presentare certificati relativi alla proprietà di immobili all'estero. Il sindaco Fiazza: «Prima gli italiani, così si evitano iniquità».

Chiara De Carli

Sono stati pubblicati dal Comune di Fontevivo due bandi per il sostegno alle famiglie in emergenza abitativa: uno che permette di ottenere un contributo in denaro per il pagamento dell’affitto, l’altro per l’assegnazione in locazione semplice di alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà del Comune. Una novità di rilievo, applicata per la prima volta in Emilia Romagna, è che nei bandi emessi a Fontevivo è stata inserita la richiesta di presentazione di documenti che certifichino l’assenza di diritti di proprietà su immobili ad uso abitativo situati in uno Stato estero. Ma se nel caso di richiesta di contributi per l’affitto la presentazione della certificazione sarà indispensabile per aprire la pratica, in quello dell’assegnazione delle case popolari consentirà invece di avere tre punti in più. «Già dall’inizio del mandato – ha spiegato il sindaco Tommaso Fiazza – avevamo iniziato a studiare con gli uffici comunali l’inserimento di questo vincolo, che evita iniquità nell’assegnazione di case popolari o di contributi. Sugli italiani questo tipo di controllo viene fatto da sempre e spesso i nostri concittadini si trovano svantaggiati rispetto a chi, magari, ha già una casa in un altro Stato e finora non doveva dichiararla: con questo bando cerchiamo di rimettere prima gli italiani e prima chi ha realmente bisogno».

«Le risorse sono quelle che sono e le richieste aumentano sempre di più – aggiunge il vicesindaco con delega al welfare Matteo Agoletti –. Alla luce di situazioni varie che sono emerse, con “furbetti” che scavalcavano persone in situazioni di maggior bisogno, abbiamo introdotto questo nuovo strumento che può essere utile per accertare gli elementi necessari per una corretta erogazione dei contributi». Il testo completo dei bandi è già pubblicato sul sito web del Comune di Fontevivo, insieme alla modulistica necessaria per presentare la domanda. La richiesta di contributi per l’affitto dovrà essere consegnata entro venerdì 9 novembre allo Sportello sociale del municipio il lunedì dalle 8.30 alle 14.30, il giovedì dalle 8.30 alle 13 e dalle 14.30 alle 18 e il venerdì dalle 8.30 alle 12.30. Le domande di partecipazione al bando per le case popolari debbono essere compilate unicamente sui moduli predisposti dall’Acer Parma per conto del Comune di Fontevivo e presentate entro mercoledì 31 ottobre alle ore 12.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Viola

    24 Ottobre @ 21.50

    Io la fame negli occhi in questi marcantoni di 100 kg col cellulare nuovissimo in mano e senza documenti proprio non la vedo. Chi viceversa si impegna e lavora, mi sembra che non debba lottare con niente, anzi può godere di tutti i sussidi immaginabili da parte dei vari enti. Ciò detto , l'immigrazione incontrollata clandestina è una bomba sociale. E finiamola con questo " razzismo generalizzante " che non se ne può più.

    Rispondi

  • Viola

    24 Ottobre @ 18.28

    @ Leoprimo; cosa significa, nonostante il voto la situazione non è cambiata? Oramai ne hanno fatto entrare talmente tanti ........ L'importante che non ne entrino più. Intendo, senza documenti ecc ecc. Torno adesso dall'autobus dove mi sono presa la mia dose di rabbia quotidiana. 7 su 10 erano nullafacenti neri e nessuno con biglietto. Tanto per dirne una,,,,

    Rispondi

    • leoprimo

      24 Ottobre @ 18.50

      Dal 4 marzo hai trovato mutamenti radicali in quanto a sicurezza? Pensi veramente che la soluzione sia quella di far di ogni erba un fascio? E per finire sei d'accordo quando affermo che sono le leggi che devono cambiare e l'atteggiamento xenofobo di qualche Sindaco serve solo ad inasprire gli animi? Risponditi in coscienza guardandoti allo specchio e pensando a tutti quegli extracomunitari che quotidianamente si impegnano, lavorano, si sforzano di integrarsi malgrado il razzismo generalizzante. Pensa quando sulle nostre porte si scriveva - non si affitta ai meridionali - che arrivavano dal meridione con le valigie di cartone e la fame negli occhi.

      Rispondi

  • ANONIMUS

    23 Ottobre @ 16.07

    forse qualcosa sta cambiando! trovo ASSURDO che le case comunali pagate dai nostri nonni dai nostri genitori e da noi vengano date prima agli stranieri che agli italiani. se io vado in un altro paese "sempre che senza lavoro o documenti mi facciano entrare" non otterro mai quello che ottengono gli stranieri in italia.

    Rispondi

  • leoprimo

    23 Ottobre @ 15.50

    Meglio sarebbe aiutare chi dimostra di essere veramente in difficoltà italiano o straniero che sia, purché dimostri, lo straniero, di volersi integrare secondo gli usi e i costumi del paese che lo ospita. La xenofobia non aiuta l'integrazione delle persone oneste ma favorisce chi vuol delinquere Dico ai cari xenofobi di casa nostra di non dimenticare mai i nostri emigranti del passato ne tanto meno i giovano che vanno a cercare all'estero quello che l'Italia non è in grado di dare: lavoro, sicurezza e parità di diritti a fronte ovviamente dei doveri che competono nel vivere in società.

    Rispondi

    • jan solo

      23 Ottobre @ 19.18

      il confronto non è pertinente; i nostri andavano perché c'era il lavoro e venivano controllati accuratamente sia per i documenti sia per le eventuali malattie; questi invadono, senza documenti ma ben dotati di cellulare, un'assurda legge impedisce di prendere loro non dico le impronte digitali dei piedi come scherzando diceva Salvini ma almeno quelle digitali! quindi ora in Italia abbiamo una massa enorme di disgraziati che vengono gestiti dalle onlus del PD e del vaticano a spese dei contribuenti, che nella maggior parte delinquono e pretendono con arroganza e prepotenza di avere casa, ospedale, medicine. scuole ecc. tutto gratis; quando non aggrediscono la polizia, che viene lasciata sempre in balia di energumeni!!! io sono tra coloro che non accettano questo stato di cose e se per lei questo atteggiamento è xenofobo, allora lo sono, come milioni di italiani che il 4 marzo hanno votato contro questo scempio! tra l'altro questi qua non ne vogliono sapere dei doveri, vedi islamici

      Rispondi

      • leoprimo

        24 Ottobre @ 17.21

        Dovrebbe leggere con più attenzione quello che ho scritto. Primo punto: ho parlato di emigranti che si vogliono integrare e che lo dimostrano con i fatti, senza dimenticare che quando chi è deputato all'accoglienza, lucra su di essi, va punito severamente. Secondo punto, durante il ventennio esportammo oltre a onesti lavoratori, malfattori, delinquenti e uomini che finirono ad ingrassare le file della mafia americana per fame. Terzo punto vorrei chiederle: se suo figlio andasse in un paese straniero a cercare lavoro e fosse schedato ( neppure l'Australia, fiscalissima in materia di immigrazione arriva a ciò ) sarebbe orgoglioso? Parlare di maggior parte generalizzando non serve a nulla, la dimostrazione sta nel fatto che l'aver fermato 4 barconi, ad ora, nonostante il suo voto, non sia servito a migliorare la situazione: i furti e lo spaccio quotidiani sono lì a dimostrarlo.

        Rispondi

  • Oberto

    23 Ottobre @ 14.43

    giusto, tutti i comuni dovrebbero avere un sindaco così

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Sanremo, la Rai smentisce aumenti del compenso per Claudio Baglioni

TELEVISIONE

Sanremo, la Rai smentisce aumenti del compenso per Claudio Baglioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Code fra Parma e Campegine

AUTOSTRADA

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Code fra Parma e Campegine

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

PARMA

Controlli antidroga: sequestrato mezzo chilo di hashish al parco Falcone e Borsellino Video

Viarolo

Cercano di far esplodere il bancomat della Cassa Padana ma il colpo fallisce Video

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

PARMA

Il pusher fugge e fa resistenza con violenza: un cittadino aiuta i carabinieri ad arrestarlo Video

La cronaca del 12TgParma

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

20 GENNAIO

Torna la domenica ecologica: limitazioni al traffico all'interno delle tangenziali Mappa

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

2commenti

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

2commenti

Tribunale

Perseguita un uomo con messaggi anonimi: collecchiese condannato per stalking

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro: disagi al traffico ma nessun ferito Foto

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

TRIBUNALE

San Giovanni, entra in sagrestia e tenta di rapinare due monaci: condannato

GAZZAREPORTER

"Il cielo di un giovedì mattina" Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

PGN

La nuova moda dell'uomo e la trasmissione «Prendi Nota»

di Mara Varoli

ITALIA/MONDO

AREZZO

Viadotto chiuso sulla E45: primi ingorghi e Tir respinti

VAL D'AOSTA

Traforo del Monte Bianco, bloccati 38 migranti: 26 erano stipati nel vano di un furgone

SPORT

AUSTRIA

Niki Lauda sta meglio: dimesso dall'ospedale di Vienna

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

1commento

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai