-1°

Lipu

E' morto Ermes, l'aquilotto di Casarola: ucciso da un boccone avvelenato

E' morto Ermes, l'aquilotto di Casarola: ucciso da un boccone avvelenato
Ricevi gratis le news
10

Ermes è morto, sotto gli occhi di mamma aquila che lo ha vegliato fino alla fine. Il piccolo rapace, nato a giugno dalla coppia che vive da 20 anni a Casarola, è stato ucciso da un boccone avvelenato. La denuncia della Lipu e le indagini dei carabinieri forestali.

Mara Varoli

Ermes è morto, sotto gli occhi di mamma aquila. Che lo ha vegliato fino alla fine. Il piccolo rapace, nato a giugno dalla coppia che vive da vent'anni tra Riana e Casarola, ha ingerito del veleno. E la sua morte è stata lenta e atroce: il veleno, così come appurato dall'istituto Zooprofilattico di Parma, era topicida.

E pensare che solo tre mesi fa Ermes, perché molto debilitato, era stato salvato con una complessa operazione, diretta dalla Lipu, insieme alla gente di Casarola, in particolare a Ermes Valenti, da cui il nome del piccolo. E dopo 15 giorni di attente cure in una struttura veterinaria di Reggio Emilia e riabilitato al volo nel centro Wwf di Vanzago, in Lombardia, era stato liberato vicino al suo nido e ai sui genitori, su una parete rocciosa nel comune di Monchio. Ma ieri la brutta notizia: la carcassa del piccolo Ermes è stata ritrovata in località Antognola di Tizzano, grazie a un dispositivo satellitare, che gli era stato applicato sul dorso e in grado di indicarne gli spostamenti: un'operazione resa possibile da un progetto su scala panalpina del Parco nazionale dello Stelvio, del Max Planck Institute for Ornithology e della Vogelwarte Sempach. Della notizia della morte sono stati informati gli organi competenti: l'ufficio risorse naturali della Provincia, il corpo dei carabinieri forestali di Parma e gli uffici della Procura, oltre al mondo scientifico che aveva collaborato al recupero e al rilascio in natura dell'aquila. «Un grande sforzo durato mesi, e vanificato da un gesto sconsiderato e criminale - dichiara il delegato di Parma e consigliere nazionale della Lipu Michele Mendi -. I carabinieri forestali che non smetteremo mai di ringraziare per l’impegno, stanno indagando per cercare di individuare i responsabili del folle gesto. Temiamo ora anche per la sorte dei genitori, che potrebbero aver ingerito parti dello stesso boccone. Sono oramai davvero tanti gli atti criminali perpetrati ai danni di questo splendido rapace: negli ultimi anni sul nostro territorio sono già state rinvenute aquile ferite da fucilate ed altre morte per avvelenamento. Chiediamo un intervento straordinario da parte dello Stato. E’ giunto il momento di prevedere pene severe per chi si macchia di tali gravissimi reati. Non è più tollerabile che si possano abbandonare veleni nell’ambiente, una minaccia per tutta la fauna e per i fragili equilibri dell’ecosistema appenninico».

«Stiamo indagando - assicura il comandante dei carabinieri forestali Pierluigi Fedele -. Conosciamo gli spostamenti dell'aquila grazie al dispositivo satellitare. Della sua morte è stata data comunicazione alla Procura e dalle analisi risulta la presenza nel corpo del rapace di sostanze tossiche. Non possiamo escludere che possa trattarsi di bocconi avvelenati: con ogni probabilità le esche sono state messe non per eliminare l'aquila ma per contrastare altri animali predatori. Siamo molto amareggiati, perché l'aquila è una presenza importantissima per il nostro ecosistema». Gianmaria Pisani, responsabile sanitario dei Cras di prima accoglienza, che ha i locali nel dipartimento di Scienze medico veterinarie dell'Università di Parma, conferma: «L'animale è stato trovato dopo ricerche sul territorio, localizzandolo con il gps, e nell'area di interesse della ricerca grazie alla presenza della madre, che lo vegliava dall'alto di un albero. La carcassa è stata portata al dipartimento di Scienze medico veterinarie presso l'istituto di Anatomia patologica, direttore professore Attilio Corradi. L'autopsia è stata effettuata dalla patologa forense dottoressa Cristina Marchetti: i campioni biologici sono stati inviati all'istituto Zooprofilattico per la verifica della presenza di eventuali sostanze tossiche, dopo aver repertorizzato sull'animale tutte le condizioni patologiche: deperimento organico, fratture, lesioni, ferite. Tutto è stato verbalizzato in attesa dei risultati citologici e tossicologici. I primi risultati ricevuti sono stati i tossicologici, che hanno rilevato avvelenamento da topicida. E questo sarebbe già sufficiente per l'esito infausto dell'animale».

Agostino Maggiali, presidente dei Parchi del Ducato, l'ente che gestisce il Parco regionale dei Cento Laghi, conclude: «Una notizia che ci rattrista e ci spinge a riflettere, una volta di più, sulla necessità di lavorare congiuntamente sul fronte della repressione dei reati ambientali e su quello dell'educazione ambientale e della cura dei beni comuni. Una vicenda incresciosa quella dell'avvelenamento della giovane aquila, che rappresenta per il nostro ente una sconfitta culturale, una minaccia per la biodiversità faunistica e una sfida alla comunità locale che da sempre ha "adottato" e custodito la coppia di aquile reali che nidificano nel Parco regionale dei Cento Laghi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • atipofachiro

    07 Dicembre @ 16.34

    i topicidi dovrebbero essere venduti solo con una prescrizione del veterinario e la vendita dovrebbe essere sempre tracciabile. Così capiremmo chi sono i bastardi che ne possono disporre.

    Rispondi

  • atipofachiro

    07 Dicembre @ 08.37

    Carissimo assassino prima o poi riusciremo a capire chi sei....allora saranno dolori.

    Rispondi

  • nerosso

    07 Dicembre @ 07.55

    Il problema è che non se ne viene mai a capo....si torna sempre sulle notizie di questo genere, ma mai una volta per dire che è stato condannato l'autore di queste stragi

    Rispondi

  • atipofachiro

    07 Dicembre @ 07.43

    Chi getta nei boschi i bocconi avvelenati oltre ad essere un criminale è pure ignorante visto che non si rende conto dell'entità di questa gravissima perdita. Ermes è stato salvato una volta a fine Agosto, molti si sono adoperati per rimetterlo in forze ed in libertà. Ed ora una delle creature più belle e rare delle nostre montagne è morto a causa di un delinquente senza scrupoli e senza cervello. Mi auguro che tu possa patire a breve le stesse sofferenze che ha patito Ermes.

    Rispondi

    • silviococconi

      07 Dicembre @ 10.23

      Sentire queste dichiarazioni di umanizzazione animale mi fanno pena ... Siete proprio sicuri che il boccone fosse per l'aquilotto e non invece per qualche "nocivo" (e con questo termine si intendono volpi, faine ed anche lupi o tutti quegli animali che sono nocivi appunto all'agricoltura) per preservare il bestiame da allevamento ?! ... Dispiace, ma purtroppo certe volte accade ed è difficile trovare un colpevole ! ... Se foste più competenti e conoscitori dell'ambiente non scrivereste certe idiozie ed invettive inutili !!! ... Anche voi della Redazione !? ...

      Rispondi

      • nerosso

        07 Dicembre @ 19.32

        Pura ignoranza distruttiva! Purtroppo c'è ne sono tante persone così!

        Rispondi

      • r.t.

        07 Dicembre @ 12.49

        lasciamo anche perdere poi la competenza se crede che le faine, le volpi e i lupi sia nocivi all'agricoltura... è noto che i lupi vadano a rubare le carote e le zucchini

        Rispondi

      • r.t.

        07 Dicembre @ 12.46

        quindi lei si sente in diritto di avvelenare tutti gli animali dei boschi ?

        Rispondi

      • rico

        07 Dicembre @ 12.14

        COCCONI mi fa proprio pena lei con questi suoi commenti inutili. Lei si sente troppo elevato essendo un perfetto conoscitore dell'ambiente tanto che per salvaguardare l'allevamento di bestiame, può "capire" chi getta bocconi avvelenati per uccidere volpi e lupi? si vergogni e scenda tra i civili mortali. Ci sono ben altri metodi per salvaguardare il bestiame, rispettando l'ambiente senza spendere chissà che cosa... una coppia di cani pastori maremmani ...

        Rispondi

  • Casper

    07 Dicembre @ 06.13

    Difficile commentare mantenendo un linguaggio civile. Spero individuino i responsabili e li scaravoltino come un calzino. Mi auguro adeguate sanzioni penali e pecuniarie

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia, nuovo album e tour nei teatri

Foto d'archivio

Musica

Fiorella Mannoia, nuovo album e tour. L'8 maggio al Regio

Il 36enne Nicolas è il  nuovo amore di Monica Bellucci

GOSSIP

Il 36enne Nicolas è il nuovo amore di Monica Bellucci Foto

Langhirano, la serata dei compleanni alla Taverna Ponte: ecco chi c'era - Foto

FESTE PGN

Langhirano, la serata dei compleanni alla Taverna Ponte: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ammiccante e cremosa Monvasia Brut Metodo Classico di Casalone

IL VINO

Ammiccante e cremosa Monvasia Brut Metodo Classico di Casalone

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Dopo il furto tentò di speronare l'auto del sindaco Cesari: condannato

SORBOLO

Dopo il furto tentò di speronare l'auto del sindaco Cesari: condannato

VIA TOSCANA

Assalto ai bus. Troppi pericoli all'uscita da scuola

EMERGENZA

Camion del circo bloccato sulla tangenziale. Timori per gli animali

COLORNO

Il ponte sul Po diventa cantiere: stop (veramente) a pedoni e ciclisti

FIDENZA

Vede i ladri, dà l'allarme e loro lo insultano: «Fatti gli affari tuoi»

LIRICA

Addio al musicologo Marcello Conati

ANIMALI

Polly, il pappagallo che tifa Parma e fischia l'Aida

Ciclismo

Ecco la Bardiani tutta italiana

SALSO

Convenzione con Fidenza per il personale, polemica in Comune

12 tg parma

Avevano 20 mila euro di droga nell'auto: in manette padre e figlio Video

1commento

a Sorbolo

Salvini: "La mafia va aggredita nel portafoglio. Orgoglioso di consegnare beni confiscati" Video

CERIMONIA

Parma, i nuovi Cavalieri e Ufficiali della Repubblica

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

NOMINA

Pierluigi Spagoni nuovo direttore generale della Gazzetta

MECCANICA

La Casappa investe a Parma e in Cina

1commento

QUALITÀ DELLA VITA

Parma, migliora la sicurezza. Ma scippi e rapine restano un'emergenza

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Rispetto il Sole ma a Parma sto benissimo

di Michele Brambilla

2commenti

LAVORO

31 nuove offerte

ITALIA/MONDO

USA

Texas, lascia le figlie 18 ore chiuse in macchina: morte

dramma

Una 18enne si dà fuoco nel Savonese. Come il padre 5 anni fa

SPORT

SERIE A

Tra Bologna e Milan un pareggio che non serve a nessuno

Calciomercato

Ibrahimovic continua a tenere il Milan lontano

SOCIETA'

Ospedale dei bambini

Canti sotto l’albero e Luce di Betlemme, la magia del Natale

feste pgn

La festa per l'addio al celibato di Singh... con gli amici che "vendono" le sue rose Foto

MOTORI

PROVA SU STRADA

Al volante di Alpine Renault, emozioni d'altri tempi

AUTO ELETTRICA

Ricarica superveloce: 3 minuti per fare 100 km