19°

29°

Il mio giardino

Come proteggere gli arbusti in vaso

Lavori di stagione in vista del freddo invernale

Proteggere gli arbusti in vaso

Proteggere gli arbusti in vaso

Ricevi gratis le news
0

 

E’ giunto il momento di «impacchettare» le piante delicate. Il freddo è alle porte e per chi possiede un giardino in contenitore, ma anche per chi ha una loggia o una terrazza con alcune piante delicate in vaso, è giunta l’ora di prepararle per l’inverno.
Le varietà che da noi non possono superare le prossime future gelide temperature, vanno ricoverate in serra o in ambienti chiusi non riscaldati e luminosi ma se tutto ciò non è possibile e le piante sono costrette a restare all’aperto, è indispensabile «imballarle» con protezioni che le difendano dal ghiaccio. 
Si procede in questo modo: -Muovete il terreno di superfice che si sarà indurito col sole e con le irrigazioni, eliminate l’erba se ne è cresciuta e aggiungete uno strato di terriccio fresco, nero e fertile tanto da arrivare a 3 / 4 cm dal bordo del vaso. -Spargete alcune manciate di fertilizzante a lunga cessione, naturale se possibile, come la cornunghia e miscelatelo con il terriccio di superfice. -Arrivate al bordo del vaso ricoprendo con uno strato di corteccia sminuzzata o con lapillo che difenderanno le radici dal freddo. -Ora avvolgete il vaso con la plastica a bolle e, se avete vasi in coccio o in ceramica, ponete tra la plastica e la terracotta della paglia che difenderà i contenitori da spaccature dovute alle gocce di umidità che gelando, li fanno crepare o ne erodono bordi e decori. Anche la lana di roccia è ottima per proteggerli. -Avvolgete dunque la parte aerea della pianta con un capiente telo di tessuto non tessuto, se necessario tenuto doppio. Fate attenzione a non stringere la chioma, l’aria deve circolare, piuttosto potate i rami più sporgenti. -Prima di chiudere eliminate tutti i fiori e le parti morte che marcendo porterebbero funghi. -Posizionate la pianta contro un muro assolato e posate il vaso su un pallet di legno o su mattoni. -Per le piante più alte, costruite delle strutture con canne di bambù o picchettate bastoni e bacchette infilandole ai bordi dei vasi e poi riunitele nella parte alta (come se costruiste una capanna degli indiani per capirci). 
Avvolgete dunque le chiome con il velo proteggente chiudendo con mollette o pinze di metallo. -Se non avete fatto nulla di tutto ciò ed è prevista una forte gelata, in emergenza infilate il vaso in una scatola di cartone e riempite lo spazio attorno al vaso con polistirolo (quello che si usa negli imballaggi di oggetti delicati) o con argilla espansa che si trova anche dai rivenditori di prodotti per l’edilizia oppure, alla peggio, con fogli di giornale appallottolati, con foglie secche asciutte o con paglia, consapevoli che la loro coibentazione è più modesta di quella dei materiali plastici. Le piante più comuni a rischio per i nostri climi sono: Oleandri, agrumi, corbezzoli, mirti, ulivi, plumbago, bouganvillea, solanum, agapanti, tutte le aromatiche quali salvie, rosmarini, lavande. 
Ovvio che gli esemplari adulti e già acclimatati hanno meno problemi a superare i nostri duri inverni padani ma le giovani piante vanno assolutamente difese. La resistenza delle piante al freddo, dipende dalla loro capacità di impedire il congelamento dell’acqua nelle loro cellule e ancora più importante è impedire che i ristagni d’acqua gelino le radici. Attenzione dunque ai drenaggi ed eliminate i sottovasi. 

 

E’ giunto il momento di «impacchettare» le piante delicate. Il freddo è alle porte e per chi possiede un giardino in contenitore, ma anche per chi ha una loggia o una terrazza con alcune piante delicate in vaso, è giunta l’ora di prepararle per l’inverno.

Le varietà che da noi non possono superare le prossime future gelide temperature, vanno ricoverate in serra o in ambienti chiusi non riscaldati e luminosi ma se tutto ciò non è possibile e le piante sono costrette a restare all’aperto, è indispensabile «imballarle» con protezioni che le difendano dal ghiaccio. 

Si procede in questo modo: -Muovete il terreno di superfice che si sarà indurito col sole e con le irrigazioni, eliminate l’erba se ne è cresciuta e aggiungete uno strato di terriccio fresco, nero e fertile tanto da arrivare a 3 / 4 cm dal bordo del vaso. -Spargete alcune manciate di fertilizzante a lunga cessione, naturale se possibile, come la cornunghia e miscelatelo con il terriccio di superfice. -Arrivate al bordo del vaso ricoprendo con uno strato di corteccia sminuzzata o con lapillo che difenderanno le radici dal freddo. -Ora avvolgete il vaso con la plastica a bolle e, se avete vasi in coccio o in ceramica, ponete tra la plastica e la terracotta della paglia che difenderà i contenitori da spaccature dovute alle gocce di umidità che gelando, li fanno crepare o ne erodono bordi e decori. Anche la lana di roccia è ottima per proteggerli. -Avvolgete dunque la parte aerea della pianta con un capiente telo di tessuto non tessuto, se necessario tenuto doppio. Fate attenzione a non stringere la chioma, l’aria deve circolare, piuttosto potate i rami più sporgenti. -Prima di chiudere eliminate tutti i fiori e le parti morte che marcendo porterebbero funghi. -Posizionate la pianta contro un muro assolato e posate il vaso su un pallet di legno o su mattoni. -Per le piante più alte, costruite delle strutture con canne di bambù o picchettate bastoni e bacchette infilandole ai bordi dei vasi e poi riunitele nella parte alta (come se costruiste una capanna degli indiani per capirci). 

Avvolgete dunque le chiome con il velo proteggente chiudendo con mollette o pinze di metallo. -Se non avete fatto nulla di tutto ciò ed è prevista una forte gelata, in emergenza infilate il vaso in una scatola di cartone e riempite lo spazio attorno al vaso con polistirolo (quello che si usa negli imballaggi di oggetti delicati) o con argilla espansa che si trova anche dai rivenditori di prodotti per l’edilizia oppure, alla peggio, con fogli di giornale appallottolati, con foglie secche asciutte o con paglia, consapevoli che la loro coibentazione è più modesta di quella dei materiali plastici. Le piante più comuni a rischio per i nostri climi sono: Oleandri, agrumi, corbezzoli, mirti, ulivi, plumbago, bouganvillea, solanum, agapanti, tutte le aromatiche quali salvie, rosmarini, lavande. 

Ovvio che gli esemplari adulti e già acclimatati hanno meno problemi a superare i nostri duri inverni padani ma le giovani piante vanno assolutamente difese. La resistenza delle piante al freddo, dipende dalla loro capacità di impedire il congelamento dell’acqua nelle loro cellule e ancora più importante è impedire che i ristagni d’acqua gelino le radici. Attenzione dunque ai drenaggi ed eliminate i sottovasi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

2commenti

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Manovra

Di Maio: "Il reddito di cittadinanza solo agli italiani". E Salvini applaude

1commento

cagliari

In attesa del medico impegnato in una consulenza: "Tutta colpa di un negro"

SPORT

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Video

SOCIETA'

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse