-1°

Il mio giardino

Come proteggere gli arbusti in vaso

Lavori di stagione in vista del freddo invernale

Proteggere gli arbusti in vaso

Proteggere gli arbusti in vaso

Ricevi gratis le news
0

 

E’ giunto il momento di «impacchettare» le piante delicate. Il freddo è alle porte e per chi possiede un giardino in contenitore, ma anche per chi ha una loggia o una terrazza con alcune piante delicate in vaso, è giunta l’ora di prepararle per l’inverno.
Le varietà che da noi non possono superare le prossime future gelide temperature, vanno ricoverate in serra o in ambienti chiusi non riscaldati e luminosi ma se tutto ciò non è possibile e le piante sono costrette a restare all’aperto, è indispensabile «imballarle» con protezioni che le difendano dal ghiaccio. 
Si procede in questo modo: -Muovete il terreno di superfice che si sarà indurito col sole e con le irrigazioni, eliminate l’erba se ne è cresciuta e aggiungete uno strato di terriccio fresco, nero e fertile tanto da arrivare a 3 / 4 cm dal bordo del vaso. -Spargete alcune manciate di fertilizzante a lunga cessione, naturale se possibile, come la cornunghia e miscelatelo con il terriccio di superfice. -Arrivate al bordo del vaso ricoprendo con uno strato di corteccia sminuzzata o con lapillo che difenderanno le radici dal freddo. -Ora avvolgete il vaso con la plastica a bolle e, se avete vasi in coccio o in ceramica, ponete tra la plastica e la terracotta della paglia che difenderà i contenitori da spaccature dovute alle gocce di umidità che gelando, li fanno crepare o ne erodono bordi e decori. Anche la lana di roccia è ottima per proteggerli. -Avvolgete dunque la parte aerea della pianta con un capiente telo di tessuto non tessuto, se necessario tenuto doppio. Fate attenzione a non stringere la chioma, l’aria deve circolare, piuttosto potate i rami più sporgenti. -Prima di chiudere eliminate tutti i fiori e le parti morte che marcendo porterebbero funghi. -Posizionate la pianta contro un muro assolato e posate il vaso su un pallet di legno o su mattoni. -Per le piante più alte, costruite delle strutture con canne di bambù o picchettate bastoni e bacchette infilandole ai bordi dei vasi e poi riunitele nella parte alta (come se costruiste una capanna degli indiani per capirci). 
Avvolgete dunque le chiome con il velo proteggente chiudendo con mollette o pinze di metallo. -Se non avete fatto nulla di tutto ciò ed è prevista una forte gelata, in emergenza infilate il vaso in una scatola di cartone e riempite lo spazio attorno al vaso con polistirolo (quello che si usa negli imballaggi di oggetti delicati) o con argilla espansa che si trova anche dai rivenditori di prodotti per l’edilizia oppure, alla peggio, con fogli di giornale appallottolati, con foglie secche asciutte o con paglia, consapevoli che la loro coibentazione è più modesta di quella dei materiali plastici. Le piante più comuni a rischio per i nostri climi sono: Oleandri, agrumi, corbezzoli, mirti, ulivi, plumbago, bouganvillea, solanum, agapanti, tutte le aromatiche quali salvie, rosmarini, lavande. 
Ovvio che gli esemplari adulti e già acclimatati hanno meno problemi a superare i nostri duri inverni padani ma le giovani piante vanno assolutamente difese. La resistenza delle piante al freddo, dipende dalla loro capacità di impedire il congelamento dell’acqua nelle loro cellule e ancora più importante è impedire che i ristagni d’acqua gelino le radici. Attenzione dunque ai drenaggi ed eliminate i sottovasi. 

 

E’ giunto il momento di «impacchettare» le piante delicate. Il freddo è alle porte e per chi possiede un giardino in contenitore, ma anche per chi ha una loggia o una terrazza con alcune piante delicate in vaso, è giunta l’ora di prepararle per l’inverno.

Le varietà che da noi non possono superare le prossime future gelide temperature, vanno ricoverate in serra o in ambienti chiusi non riscaldati e luminosi ma se tutto ciò non è possibile e le piante sono costrette a restare all’aperto, è indispensabile «imballarle» con protezioni che le difendano dal ghiaccio. 

Si procede in questo modo: -Muovete il terreno di superfice che si sarà indurito col sole e con le irrigazioni, eliminate l’erba se ne è cresciuta e aggiungete uno strato di terriccio fresco, nero e fertile tanto da arrivare a 3 / 4 cm dal bordo del vaso. -Spargete alcune manciate di fertilizzante a lunga cessione, naturale se possibile, come la cornunghia e miscelatelo con il terriccio di superfice. -Arrivate al bordo del vaso ricoprendo con uno strato di corteccia sminuzzata o con lapillo che difenderanno le radici dal freddo. -Ora avvolgete il vaso con la plastica a bolle e, se avete vasi in coccio o in ceramica, ponete tra la plastica e la terracotta della paglia che difenderà i contenitori da spaccature dovute alle gocce di umidità che gelando, li fanno crepare o ne erodono bordi e decori. Anche la lana di roccia è ottima per proteggerli. -Avvolgete dunque la parte aerea della pianta con un capiente telo di tessuto non tessuto, se necessario tenuto doppio. Fate attenzione a non stringere la chioma, l’aria deve circolare, piuttosto potate i rami più sporgenti. -Prima di chiudere eliminate tutti i fiori e le parti morte che marcendo porterebbero funghi. -Posizionate la pianta contro un muro assolato e posate il vaso su un pallet di legno o su mattoni. -Per le piante più alte, costruite delle strutture con canne di bambù o picchettate bastoni e bacchette infilandole ai bordi dei vasi e poi riunitele nella parte alta (come se costruiste una capanna degli indiani per capirci). 

Avvolgete dunque le chiome con il velo proteggente chiudendo con mollette o pinze di metallo. -Se non avete fatto nulla di tutto ciò ed è prevista una forte gelata, in emergenza infilate il vaso in una scatola di cartone e riempite lo spazio attorno al vaso con polistirolo (quello che si usa negli imballaggi di oggetti delicati) o con argilla espansa che si trova anche dai rivenditori di prodotti per l’edilizia oppure, alla peggio, con fogli di giornale appallottolati, con foglie secche asciutte o con paglia, consapevoli che la loro coibentazione è più modesta di quella dei materiali plastici. Le piante più comuni a rischio per i nostri climi sono: Oleandri, agrumi, corbezzoli, mirti, ulivi, plumbago, bouganvillea, solanum, agapanti, tutte le aromatiche quali salvie, rosmarini, lavande. 

Ovvio che gli esemplari adulti e già acclimatati hanno meno problemi a superare i nostri duri inverni padani ma le giovani piante vanno assolutamente difese. La resistenza delle piante al freddo, dipende dalla loro capacità di impedire il congelamento dell’acqua nelle loro cellule e ancora più importante è impedire che i ristagni d’acqua gelino le radici. Attenzione dunque ai drenaggi ed eliminate i sottovasi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Animali Fantastici 2 subito al top

Locandina di "Animali fantastici 2"

SPETTACOLI

Cinema: Animali Fantastici 2 (I crimini di Grindenwald) subito al top degli incassi

Sara' 'Black Friday' anche alla Fondazione Toscanini

La Fondazione Arturo Toscanini

PARMA

Anche la Fondazione Toscanini fa il Black Friday

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

3commenti

Lealtrenotizie

Andrea Censi non andrà in carcere: lo ha deciso il tribunale del Riesame

Andrea Censi

POLESINE ZIBELLO

Andrea Censi resta ai domiciliari: lo ha deciso il tribunale del Riesame

La procura chiedeva il carcere per Andrea Censi (ora ai domiciliari) ma i giudici di Bologna hanno respinto l'appello

PRIMI FIOCCHI

Attesa per questa notte un'imbiancata sulla città Video

PARMA

Bullismo: 900 studenti ad ascoltare la tragedia di Michele. Il racconto della mamma Video

"Il problema si è ingigantito"

gossip

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

Mezzani Superiore

Canna fumaria in fiamme: arrivano i vigili del fuoco

VIA SIGNORELLI

I ladri in casa: «Mi hanno rubato perfino le scarpe»

STALKER

Picchia e minaccia la ex: «Ti sgozzo»

POLIZIA

Ubriaco molesta le donne in strada: denunciato 33enne, sequestrato un coltello

E' successo in via Collegio dei Nobili

STRADONE

Addio agli storici ippocastani

Il caso

Lizhang all'attacco: "Pronto a riprendermi il Parma". Nuovo Inizio: "Socio non adeguato" Video

7commenti

Frecciarossa

Cambia orario il treno per Roma

12 tv parma

In 50mila a Zibello per la terza tappa di November Porc Video

medesano

Assessore attacca il decreto Salvini: "Mia moglie è qui da 10 anni e paga i contributi ma la cittadinanza slitta"

Post su Facebook di Alessandro Barbieri, assessore ai Lavori pubblici del paese

GASTRONOMIA

Tenzone del Panettone, la grande bontà

PARMA

Incidente in via Torelli: coinvolti un bus e un'auto

VIGATTO

Gli Hawks in concerto dopo trent'anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Infrastrutture: a Parma nulla sembra muoversi

di Gian Luca Zurlini

L'ESPERTO

Le agevolazioni per l'acquisto della prima casa

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

Nissan-Renault: arrestato il presidente Ghosn

GRANDE DISTRIBUZIONE

Conad: Francesco Avanzini è il nuovo direttore generale

SPORT

Intervista

L'ex Gazzola lancia la sfida al Sassuolo

F3

Pauroso incidente al Gp di Macao: frattura vertebrale per la tedesca Floersch

1commento

SOCIETA'

NAPOLI

Leda e il cigno: scoperto un affresco "a luci rosse" a Pompei Video

VELLUTO ROSSO

La comicità al femminile di Debora Villa al Paganini

MOTORI

RESTYLING

Mercedes Classe C, l'ammiraglia compatta

ANTEPRIMA

Aston Martin DBX, il primo Suv non sarà elettrico