15°

Il mio giardino

Come proteggere gli arbusti in vaso

Lavori di stagione in vista del freddo invernale

Proteggere gli arbusti in vaso

Proteggere gli arbusti in vaso

Ricevi gratis le news
0

 

E’ giunto il momento di «impacchettare» le piante delicate. Il freddo è alle porte e per chi possiede un giardino in contenitore, ma anche per chi ha una loggia o una terrazza con alcune piante delicate in vaso, è giunta l’ora di prepararle per l’inverno.
Le varietà che da noi non possono superare le prossime future gelide temperature, vanno ricoverate in serra o in ambienti chiusi non riscaldati e luminosi ma se tutto ciò non è possibile e le piante sono costrette a restare all’aperto, è indispensabile «imballarle» con protezioni che le difendano dal ghiaccio. 
Si procede in questo modo: -Muovete il terreno di superfice che si sarà indurito col sole e con le irrigazioni, eliminate l’erba se ne è cresciuta e aggiungete uno strato di terriccio fresco, nero e fertile tanto da arrivare a 3 / 4 cm dal bordo del vaso. -Spargete alcune manciate di fertilizzante a lunga cessione, naturale se possibile, come la cornunghia e miscelatelo con il terriccio di superfice. -Arrivate al bordo del vaso ricoprendo con uno strato di corteccia sminuzzata o con lapillo che difenderanno le radici dal freddo. -Ora avvolgete il vaso con la plastica a bolle e, se avete vasi in coccio o in ceramica, ponete tra la plastica e la terracotta della paglia che difenderà i contenitori da spaccature dovute alle gocce di umidità che gelando, li fanno crepare o ne erodono bordi e decori. Anche la lana di roccia è ottima per proteggerli. -Avvolgete dunque la parte aerea della pianta con un capiente telo di tessuto non tessuto, se necessario tenuto doppio. Fate attenzione a non stringere la chioma, l’aria deve circolare, piuttosto potate i rami più sporgenti. -Prima di chiudere eliminate tutti i fiori e le parti morte che marcendo porterebbero funghi. -Posizionate la pianta contro un muro assolato e posate il vaso su un pallet di legno o su mattoni. -Per le piante più alte, costruite delle strutture con canne di bambù o picchettate bastoni e bacchette infilandole ai bordi dei vasi e poi riunitele nella parte alta (come se costruiste una capanna degli indiani per capirci). 
Avvolgete dunque le chiome con il velo proteggente chiudendo con mollette o pinze di metallo. -Se non avete fatto nulla di tutto ciò ed è prevista una forte gelata, in emergenza infilate il vaso in una scatola di cartone e riempite lo spazio attorno al vaso con polistirolo (quello che si usa negli imballaggi di oggetti delicati) o con argilla espansa che si trova anche dai rivenditori di prodotti per l’edilizia oppure, alla peggio, con fogli di giornale appallottolati, con foglie secche asciutte o con paglia, consapevoli che la loro coibentazione è più modesta di quella dei materiali plastici. Le piante più comuni a rischio per i nostri climi sono: Oleandri, agrumi, corbezzoli, mirti, ulivi, plumbago, bouganvillea, solanum, agapanti, tutte le aromatiche quali salvie, rosmarini, lavande. 
Ovvio che gli esemplari adulti e già acclimatati hanno meno problemi a superare i nostri duri inverni padani ma le giovani piante vanno assolutamente difese. La resistenza delle piante al freddo, dipende dalla loro capacità di impedire il congelamento dell’acqua nelle loro cellule e ancora più importante è impedire che i ristagni d’acqua gelino le radici. Attenzione dunque ai drenaggi ed eliminate i sottovasi. 

 

E’ giunto il momento di «impacchettare» le piante delicate. Il freddo è alle porte e per chi possiede un giardino in contenitore, ma anche per chi ha una loggia o una terrazza con alcune piante delicate in vaso, è giunta l’ora di prepararle per l’inverno.

Le varietà che da noi non possono superare le prossime future gelide temperature, vanno ricoverate in serra o in ambienti chiusi non riscaldati e luminosi ma se tutto ciò non è possibile e le piante sono costrette a restare all’aperto, è indispensabile «imballarle» con protezioni che le difendano dal ghiaccio. 

Si procede in questo modo: -Muovete il terreno di superfice che si sarà indurito col sole e con le irrigazioni, eliminate l’erba se ne è cresciuta e aggiungete uno strato di terriccio fresco, nero e fertile tanto da arrivare a 3 / 4 cm dal bordo del vaso. -Spargete alcune manciate di fertilizzante a lunga cessione, naturale se possibile, come la cornunghia e miscelatelo con il terriccio di superfice. -Arrivate al bordo del vaso ricoprendo con uno strato di corteccia sminuzzata o con lapillo che difenderanno le radici dal freddo. -Ora avvolgete il vaso con la plastica a bolle e, se avete vasi in coccio o in ceramica, ponete tra la plastica e la terracotta della paglia che difenderà i contenitori da spaccature dovute alle gocce di umidità che gelando, li fanno crepare o ne erodono bordi e decori. Anche la lana di roccia è ottima per proteggerli. -Avvolgete dunque la parte aerea della pianta con un capiente telo di tessuto non tessuto, se necessario tenuto doppio. Fate attenzione a non stringere la chioma, l’aria deve circolare, piuttosto potate i rami più sporgenti. -Prima di chiudere eliminate tutti i fiori e le parti morte che marcendo porterebbero funghi. -Posizionate la pianta contro un muro assolato e posate il vaso su un pallet di legno o su mattoni. -Per le piante più alte, costruite delle strutture con canne di bambù o picchettate bastoni e bacchette infilandole ai bordi dei vasi e poi riunitele nella parte alta (come se costruiste una capanna degli indiani per capirci). 

Avvolgete dunque le chiome con il velo proteggente chiudendo con mollette o pinze di metallo. -Se non avete fatto nulla di tutto ciò ed è prevista una forte gelata, in emergenza infilate il vaso in una scatola di cartone e riempite lo spazio attorno al vaso con polistirolo (quello che si usa negli imballaggi di oggetti delicati) o con argilla espansa che si trova anche dai rivenditori di prodotti per l’edilizia oppure, alla peggio, con fogli di giornale appallottolati, con foglie secche asciutte o con paglia, consapevoli che la loro coibentazione è più modesta di quella dei materiali plastici. Le piante più comuni a rischio per i nostri climi sono: Oleandri, agrumi, corbezzoli, mirti, ulivi, plumbago, bouganvillea, solanum, agapanti, tutte le aromatiche quali salvie, rosmarini, lavande. 

Ovvio che gli esemplari adulti e già acclimatati hanno meno problemi a superare i nostri duri inverni padani ma le giovani piante vanno assolutamente difese. La resistenza delle piante al freddo, dipende dalla loro capacità di impedire il congelamento dell’acqua nelle loro cellule e ancora più importante è impedire che i ristagni d’acqua gelino le radici. Attenzione dunque ai drenaggi ed eliminate i sottovasi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fornelli sfortunati per Sandra, seconda sconfitta alla Prova del cuoco

TELEVISIONE

Fornelli sfortunati per Sandra, seconda sconfitta alla Prova del cuoco

Il fascino e la voce di Paola Turci in concerto al Regio (19 novembre)

concerto

Il fascino e la voce di Paola Turci in concerto al Regio (19 novembre)

I Soliti ignoti: Mauro Coruzzi e il fidentino Luca fra i personaggi da indovinare

RAI1

I Soliti ignoti: Mauro Coruzzi e il fidentino Luca fra i personaggi da indovinare Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Quota 100», per la riscossione del Tfr non è cambiato nulla

L'ESPERTO

«Quota 100», per la riscossione del Tfr non è cambiato nulla

di Paolo Zani

Lealtrenotizie

Tonnellate di rifiuti non autorizzati, sequestrata area a Sorbolo

12Tg Parma

Tonnellate di rifiuti non autorizzati, sequestrata area a Sorbolo Video

2commenti

Seminario

Burioni all'Università di Parma: "Vaccinazioni, un 2018 estremamente positivo"

compiano

E' un 37enne il pedone investito e ucciso da un'auto a Sugremaro Video

CONDOMINI

Condannato l'amministratore Alberto Occhi. E spunta un altro maxi buco

5commenti

truffa

Come comportarsi quando il conto del condominio viene svuotato

Polizia stradale

"Truck and bus", (con i controlli) la sicurezza sulle strade diventa europea

traffico

Attivo definitivamente il varco ZTL2 tra borgo Giacomo Tommasini e via Nazario Sauro

1commento

Inchiesta

Lotta alla droga, che cosa fa la Polizia municipale?

13commenti

economia

Giorgia, family banker: da Compiano al set di Armando Testa

La giovane parmense, da dieci anni nella squadra di Banca Mediulanum, scelta per la nuova campagna pubblicitaria

il caso

Bollette non pagate? Pioggia di raccomandate a Berceto. Ed è scontro con Montagna 2000

Interviene Confconsumatori: "Già inviata lettera". La replica della società

ABUSO D'UFFICIO

Assunzioni nelle partecipate, Piermarioli e Vento rinviati a giudizio

gazzareporter

"Invasione o allevamento?" Il video di un lettore dal prato delle nutrie

1commento

12Tg Parma

Lucarelli: "D'Aversa sa cosa fare, dobbiamo essere ottimisti" Video

1commento

gazzareporter

Via Digione: campane di vetro o...carrozziere? - Le foto

Beduzzo

Bocconi killer, cane salvato dal padrone

IMPRESE

Laterlite acquisisce Ruregold, nuove aree di business

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Via anche Honda, l'auto trema. E non solo per la Brexit

di Aldo Tagliaferro

EDITORIALE

Per Salvini i Cinque stelle si dimenticano il giustizialismo

di Vittorio Testa

1commento

ITALIA/MONDO

moda

Addio al "Kaiser" della moda - Lagerfeld e le sue muse, le foto

Nella bufera

Pugni e violenze sessuali su anziani in casa famiglia: 4 arresti a Bologna. Un caso nel Vercellese

SPORT

il caso

"Frasi sessiste", le scuse non bastano: la Rai sospende Collovati

12Tg Parma

Parma, oggi la ripresa. Malmesi: "obiettivo sempre stato la salvezza" Video

SOCIETA'

astronomia

E' il giorno della Superluna più grande dell'anno: pronti a fotografare?

scuola

Maturità, online gli esempi della prima prova di italiano

MOTORI

MOTORI

Nuova Ford Focus ST

ANTEPRIMA

DS3 Crossback: il Suv di lusso si fa compatto