13°

20°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Sport

Barcolana 50: show e record barche, trionfa Portopiccolo
Sport

Barcolana 50: show e record barche, trionfa Portopiccolo

 
Mondiali; Giappone ko, Italia in semifinale
mondiali pallavolo

Decima vittoria consecutiva per le azzurre: battuto il Giappone, Italia in semifinale

 
Romena Halep sempre n. 1 del mondo, Giorgi 28ª
Tennis

Simona Halep resta la numero 1 del mondo nella classifica femminile, Giorgi 28esima

 
Djokovic nuovo n. 2, Fognini e Cecchinato in top 20
Tennis

Djokovic è il nuovo numero 2 al mondo, Fognini e Cecchinato nella top 20

 
Nations League: 1-0 alla Polonia, l'Italia evita la Serie B
Calcio

Nations League: 1-0 alla Polonia, l'Italia evita la Serie B

 
Biraghi al 91' salva l'Italia: Polonia battuta, niente "serie B"
NATIONS LEAGUE

Biraghi al 93' salva l'Italia: Polonia battuta, niente "serie B"

 
Barcolana 50: Emozionante vedere nel Golfo dI Trieste 2700 barche a vela
Vela

Barcolana: manovre "in diretta" dal golfo di Trieste Video

 

Ci ha lasciati un amico della pallamano

Addio a Guido Sani

Addio a Guido Sani
0

Si è spento un amico della pallamano di Parma. E’ venuto a mancare Guido Sani, da anni cronista, per la Gazzetta di Parma, per il nostro e per altri sport.

Gli anni potevano essere tanti, 82, ma lo spirito era sempre quello di un ragazzo.

Amico di tutti, amava scherzare e goliardicamente “prendere e prendersi in giro”, senza però mai offendere nessuno, col solo scopo di fare un gioco tra “giovani”.

Anche ultimamente, con la salute che già gli causava problemi, non mancava di telefonarci per avere notizie sulla prossima stagione, per poter confezionare quelle poche righe (e questo era sicuramente un suo cruccio) che il suo giornale avrebbe destinato alla pallamano.

Ultimamente era rimasto molto contento del fatto che Parma ritornasse in A2 nella prossima stagione, convinto così di assistere a partite di un livello adeguato alla tradizione della pallamano della sua città.

 

Ci mancherà la sua presenza in quello che da anni era il suo “posto”, la sedia di fianco al tavolo dei classificatori e vicina a quella del medico di turno, molto spesso giovani laureati con cui amava scherzare e da cui si faceva aiutare nel documentare gli autori delle reti.

 

In una delle ultime telefonate con lui ricordiamo la sua tristezza per non poter affrontare adeguatamente tutto quello che avrebbe voluto fare per via di quella “strana malattia” da cui non riusciva a guarire.

 

Lo vogliamo ricordare con una fotografia che gli scattammo all’improvviso (non amava essere fotografato) al termine di una partita nel mese di febbraio di quest’anno.

 

Ci mancherai GUIDO,

 

CIAO da tutta la pallamano di Parma e provincia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0