12°

26°

tavolo di crisi

Slitta la riunione di domani (mercoledì)

Problemi di salute

Slitta la riunione di domani (mercoledì)
Ricevi gratis le news
8

Slitta ancora. Era fissato per oggi, poi era stato deciso di incontrarsi domani e alla fine, forse, ci si riunirà giovedì.
Dopo la telenovela bonifici, ora Giampietro Manenti mette in scena anche il valzer delle date e cancella volta per volta tutti i summit fissati con il sindaco di Parma. Domani a Collecchio era previsto il faccia a faccia fra il primo cittadino parmigiano Federico Pizzarotti ed il numero uno crociato per programmare il futuro del club, anche a fronte dell’istanza di fallimento presentata dalla Procura di Parma per inadempienze fiscali. Il pressing verso Manenti è chiaro: convincerlo a gettare la spugna visto che di soldi per ora non c'è traccia e così agevolare il percorso del Tribunale. Il presidente del Parma Fc anche ieri però ha ribadito di essere pronto ad andare avanti ma di dirlo in faccia al sindaco per ora non se ne parla.
Ufficialmente Manenti non potrà essere a Parma per un problema familiare, la madre domani dovrà essere sottoposta ad un intervento chirurgico, ma sale ancora di più il nervosismo, soprattutto fra giocatori e dipendenti. Questi ultimi oggi si sono incontrati con i propri rappresentanti sindacali per tutelare i propri diritti. Per gran parte di loro l’ultimo stipendio ricevuto è quello di novembre e da allora non ci sono state più garanzie da parte dei dirigenti che si sono avvicendati alla guida del club.

Alborghetti: "Il sindaco mi ha invitato a partecipare"

Nel primo pomeriggio, prima del rinvio, era intervenuto Fiorenzo Alborghetti, il manager tirato in ballo da Manenti per la gestione di questa vera e propria "patata bollente" che, poi, in un secondo tempo si era, per così dire, smarcato, sarà comunque presente domani alla riunione-tavolo di lavoro sindaco-Manenti: "Mi ha chiamato anche il sindaco per essere presente. Dovrei esserci, ma se non c'è Manenti tutto è inutile". E proprio sulla presenza del presidente, non è sicuro: "Aspetto la conferma da lui". Il manager è intervenuto, in diretta, alla trasmissione di Tv Parma "Palla in tribuna", precisando: "Speriamo arrivi (Manenti) con qualcosa di concreto, sennò....". Un tavolo che diventa quasi una sorta di ultima spiaggia: "Tutti mettono le proprie idee e vediamo cosa salta fuori, ma ripeto su cose concrete e cose conrete devono saltare fuori". Manenti ha promesso un piano per risanare le casse e far uscire il Parma dalla palude. Prima, però, serve un po' di liquidità: "Le cose vanno di pari passo - ha detto Alborghetti-: serve prima un'iniezione di liquidità e poi il piano può partire". Il manager, comunque, difende Manenti su un aspetto: "Gli è stata data una croce a livello mediatico e lui, a livello di comunicazione, non è stato capace di gestire la cosa". Da più parti arrivano indicazioni per portare i libri in tribunale: "E'una delle soluzioni che analizzeremo domani. Domani le proviamo tutte, ripeto anche questa". E richiama Manenti alle sue responsabilità: "Se non viene con qualcosa di concreto è inutile sedersi attorno ad un tavolo". Insomma i toni sono diversi da quelli della presentazione della nuova società: "C'era ottimismo perchè Manenti ha dispensato ottimismo. Se poi è venuto meno alle promesse non ne so i motivi". E sulla misteriosa fideiussione da 100 milioni, Alborghetti ha detto: "Non lo so, se ha fatto vedere qualcosa vuol dire che qualcosa aveva da far vedere".

Abodi (presidente Lega di Serie B): "regole insufficienti, presenteremo un nostro piano"

"Siamo consapevoli che situazioni societarie come quella che si sta vivendo oggi al Parma non si sviluppano in poco tempo ed allora questo non significa che non si è vigilato al momento delle iscrizioni, ma è la conferma che le regole che ci siamo dati non sono sufficienti e quindi occorre che vi siano norme più efficaci e per questo motivo al prossimo consiglio federale di marzo la Lega di serie B presenterà un proprio piano di norme per scongiurare situazioni del genere in tutte le categorie". Lo ha detto il presidente della Lega di serie B, Andrea Abodi, intervenendo a Perugia all’incontro sul tema "Regoliamoci. Le regole del gioco pulito". Il presidente della Lega di B ha sottolineato che "le nuove regole che verranno proposte dovranno anche essere un filtro per coloro che si avvicinano al tavolo delle squadre di calcio, proponendosi per acquisire nuove società, affinchè abbiano la necessaria credibilità e la dovuta solvibilità, perchè non dobbiamo più permettere che nel nostro mondo si affaccino avventurieri, minando la credibilità del calcio stesso verso i tifosi e verso tutte le componenti. Le regole dovranno essere chiare anche su quello che potrà essere l’indebitamento delle società - ha detto Abodi - perchè non possiamo contemplare che vi siano club con debiti di cento milioni di euro. Non dobbiamo guardare all’Inghilterra, dove c'è una mentalità diversa e il rispetto di regole non scritte, perchè noi siamo l’Italia, un Paese diverso, e le regole dobbiamo crearle e poi rispettarle". 
Abodi ha quindi affermato che "la credibilità del calcio la si garantisce anche allenando le coscienze di chi opera in questo mondo, anticipando i rischi di penetrabilità di chi sceglie di sfruttare le singole partite per diffondere le scommesse illecite. Incontreremo per questo tutte le squadre di serie B, come stiamo facendo, ma non per terrorizzare - ha detto Abodi - quanto piuttosto far conoscere queste patologie e i regolamenti vigenti in materia, in un percorso che vede impegnate, per la prima volta insieme, Lega di Serie A e B e Lega Pro e l’Istituto per il Credito Sportivo, portatore di sani valori per lo sport". 
Abodi ha quindi affermato che "la credibilità del calcio la si garantisce anche allenando le coscienze di chi opera in questo mondo, anticipando i rischi di penetrabilità di chi sceglie di sfruttare le singole partite per diffondere le scommesse illecite. Incontreremo per questo tutte le squadre di serie B, come stiamo facendo, ma non per terrorizzare - ha detto Abodi - quanto piuttosto far conoscere queste patologie e i regolamenti vigenti in materia, in un percorso che vede impegnate, per la prima volta insieme, Lega di Serie A e B e Lega Pro e l’Istituto per il Credito Sportivo, portatore di sani valori per lo sport". 

Del caso Parma se ne parlerà in Lega

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • SILENZIOSO

    25 Febbraio @ 08.56

    Pizzarotti, per quanto tempo ancora si farà prendere per i fondelli da Manenti ? O le interessa invece che la vicenda duri a lungo per lucrare un po' di visibilità ?

    Rispondi

  • eugenio

    24 Febbraio @ 21.32

    Sarà anche proprietario ma secondo me può easere estromesso legalmente per i suoi comportamenti folli

    Rispondi

  • Massimiliano

    24 Febbraio @ 20.40

    Ma il sindaco ma la procura la federazione la lega non vedono che questo pagliaccio e sottolineo pagliaccio vi sta prendendo per il....... Sono tanto schifato che penso di non guardare più il calcio ah e vero dimenticavo che siamo in Italia ridicoli

    Rispondi

  • eugenio

    24 Febbraio @ 20.27

    Perseverare è diabolico

    Rispondi

  • Massimiliano

    24 Febbraio @ 18.31

    Questo mi sembra il rag. Filini e Manenti e fantozzi

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Ladri scatenati a Felino, settimana di furti in paese

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

PARMA

Lauryn Hill entusiasma la Cittadella: le foto della serata

agenda

E' il sabato di San Giovanni, ecco tutte le tortellate (e non solo)

LUTTO

Addio a Benecchi, storico oste di borgo dei Grassani

3commenti

PARMA CALCIO

Caso sms, la rabbia di Lucarelli: "Danno pesantissimo all'immagine del club" Video

2commenti

PARMA

Spaccio in Oltretorrente, i residenti: "Chiediamo l'identificazione dei clienti" Video

7commenti

Processo

Public money, le difese: «Assolvete Costa e Villani»

3commenti

brescello

Spray urticante in faccia al venditore per non pagare l'iPhone: in carcere 26enne

Il giovane aveva risposto a un annuncio online

Ambiente

Le Guardie ecologiche: «Non possiamo più tutelare la natura come prima»

2commenti

BORGOTARO

Addio a Maria Rosaria Brugnoli, colonna del volontariato

PARMA

Proges, positivo il bilancio 2017. Michela Bolondi alla presidenza

Traversetolo

Musulmani, la polemica sul cambio di sede

1commento

Collecchio

Rompono i vetri ma nell'auto non c'è niente

1commento

BEDONIA

Addio alla maestra Maria Luisa Serpagli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Censimento dei rom e schedature più urgenti

di Filiberto Molossi

6commenti

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

Gran bretagna

Centomila persone in piazza contro la Brexit

ROMA

La morte dello chef Narducci e dell'assistente: automobilista indagato per omicidio stradale

SPORT

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

calcio

Mondiali, Puyol censurato dalla tv iraniana: ha i capelli lunghi

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse