23°

Libri

Il pallone secondo Sacchi

"Calcio totale. La mia vita raccontata a Guido Conti". Da Fusignano al mondo: l'allenatore narra la propria carriera allo scrittore parmigiano. Pagine avvincenti che ripercorrono le gloriose vicende del Parma, del Milan e della Nazionale"

Il pallone secondo Sacchi

Arrigo Sacchi

Ricevi gratis le news
0

Prendete la cosa più futile e... più seria in Italia: il calcio. Prendete poi un signore, ex calciatore mediocre: Arrigo Sacchi. Con occhi spiritati e un'idea quasi folle: trasformare la concezione italica del calcio (furbizia e contropiede) e arrivare con questa rivoluzione fin sul tetto del mondo. Prendete infine uno scrittore fra i più noti dell'ultima generazione, parmigiano innamorato del Po e di Guareschi ma di calcio assolutamente digiuno: Guido Conti.

Mettete insieme il tutto, come ha fatto con una felice intuizione il parmigiano Antonio Riccardi alla Mondadori, e avrete in mano una esemplare storia di 283 pagine: «Calcio totale. La mia vita raccontata a Guido Conti». Un racconto ben al di là dei confini sportivi: una lunga e complicata battaglia ideale controcorrente, che racconta tanto della nostra Italia. La storia del libro è appunto quella dell’Arrigo da Fusignano, al cui fianco per una volta anche Silvio Berlusconi è solo un comprimario, seppure fondamentale. E' invece proprio il «visionario» romagnolo/lombardo a disegnare attraverso le parole di Conti una parabola che, a rileggerla oggi, appare ancor più straordinaria. O «straordinéria», come avrebbe detto il Crozza delle prime parodie.

Tutto inizia da quel primo regalo del padre, un pallone di cuoio per i buoni risultati scolastici, che oltre a simboleggiare la vita futura di Arrigo gli offre un insegnamento che lo accompagnerà per sempre: «Se ti impegni, avrai una ricompensa». Questo prologo sugli anni romagnoli, con godibilissime atmosfere degne dell'Amarcord felliniano, è sicuramente da ascrivere a merito di Conti, che proprio perché meno sensibile all'aspetto strettamente calcistico, si sofferma su questa prima parte della vita di Arrigo anziché buttarsi subito su zona, pressing e ripartenze. Così spunta il bel ritratto di «Pulsèina», ovvero il bibliotecario-dirigente Alfredo Belletti. Al neo allenatore Sacchi che gli chiede di acquistare per il Fusignano un libero, Pulsèina regala la prima lezione calcistica mostrandogli una maglia numero 6: «Il libero è qui: se sei un bravo allenatore, lo costruisci tu». E da lì, applicandosi con un impegno maniacale e in qualche modo sempre identico da Fusignano alla finale dei Mondiali, Arrigo inizia il suo cammino verso la professione dell'allenatore, sacrificando a questo sogno incerto la più sicura fabbrica del padre, che si era trovato a dirigere dopo la malattia del genitore.

Ed è bello riscoprire e ricordare che è proprio Parma, alla fine degli anni '80, ad offrire a Sacchi il più fertile dei terreni in cui coltivare quell'idea di calcio. Qui ci sono le parole di stima verso la lungimiranza di un dirigente come Riccardo Sogliano e soprattutto l'affettuoso ricordo di «una persona perbene innamorata del calcio»: Ernesto Ceresini. La promozione dalla serie C alla B, poi un campionato cadetto che fa accarezzare a Parma il sogno della serie A, e infine un doppio vincente confronto in Coppa Italia con il Milan da poco berlusconiano ma non ancora protagonista... E' qui che scatta l'intuizione con cui il miliardario di Arcore affida la sua costosissima squadra proprio a quel tecnico che non ha mai allenato in serie A e in una grande città.

L'impatto milanese, inevitabilmente, è difficilissimo. Ma Berlusconi decide di insistere, nonostante un avvio con insuccessi e critiche, su Arrigo e sulle convinzioni di quell'allenatore senza pedigree. Il resto è storia nota: al primo tentativo lo scudetto in rimonta sul Napoli di Maradona, con il San Paolo in piedi ad applaudire i rivali nel giorno del sorpasso; poi due Coppe dei campioni in sequenza (con la «partita perfetta» del 5-0 al Real Madrid); e due Coppe intercontinentali. Sul tetto del mondo, appunto: ed è davvero istruttivo leggere i passaggi di quella cavalcata, soprattutto nei momenti negativi che Arrigo riesce a superare moltiplicando ulteriormente la sua applicazione e il suo lavoro. Però arriva anche l'altra faccia della medaglia: lo stress, sempre più difficile da gestire. Né vale «alleggerire» il lavoro, trasformandosi da allenatore quotidianamente in campo con il suo club a selezionatore della Nazionale. Perché anche in azzurro Sacchi insegue la perfezione impossibile. E la sua Italia arriverà a disputare un eccezionale Mondiale in Usa: prima solo epico e di carattere (la vittoria sulla Norvegia in 9, la rimonta sulla Nigeria ancora in 10 per l'espulsione di Zola) ma poi anche spettacolare, quando Roby Baggio esalta il suo talento contro Spagna e Bulgaria. In finale, con i brasiliani più forti sarà un braccio di ferro alla pari, fino ai decisivi e fatali rigori. Ma Sacchi capisce subito che nell'Italia che ama i furbi e il successo, quel «solo» secondo posto sarà vissuto come una sconfitta e come una condanna, che sarà eseguita due anni dopo agli Europei, nonostante proprio lì si veda davvero il gioco alla Sacchi.

Ci sono poi tanti altri capitoli, da scoprire direttamente nel racconto di Sacchi-Conti: i ritorni (Milan, Parma), e le avventure di Madrid (Atletico, Real), sempre nella convivenza fra passione totale e ansia di fuggire, e di tornare alla calma di Fusignano. Così l'ultimo fotogramma è ancora in Romagna ed è ancora quello di un calcio al pallone: quel pallone nel quale oggi nonno Arrigo sa di avere lasciato per sempre un segno indelebile. Ma questa volta, anziché una coppa, da sollevare al cielo c'è qualcosa di ancora più bello: la piccola nipotina.
Calcio totale. La mia vita raccontata a Guido Conti di Arrigo Sacchi - Mondadori, pag.283

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' caccia all'errore nella fiction "Il nome della Rosa"

spettacoli

E' caccia all'errore nella fiction "Il nome della Rosa"

Elvis

PARMA

"Bravo cantante di ballate, ricordiamolo". Ma era Elvis... Fra storia e musica: video

Spring party al Colle San Giuseppe. Chi c'era: le foto

pgn

Spring party al Colle San Giuseppe. Chi c'era: le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cartello «da paura» in via Garibaldi... ma non è a difesa della zona a traffico limitato

PARMA

Cartello «da paura» in via Garibaldi... ma non è a difesa della zona a traffico limitato Foto

di David Vezzali

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto: gravissimo un motociclista

roccabianca

Tragico schianto contro un'auto: muore un motociclista Video

APPENNINO

Cade con il parapendio alle pendici del Ventasso: 53enne parmense recuperato con l'elicottero Foto

L'uomo è illeso. Sul posto i tecnici del Soccorso alpino e i vigili del fuoco

PARMA

Tutti in coda per vedere il Palazzo Ducale: più di 3.100 persone a metà giornata Gallery

tesori verdi

Non solo violetta: l'Orto botanico a colori conquista i visitatori Foto

SOCIAL

"Ritrovato un cane, chi lo riconosce?": l'appello del sindaco di Fidenza su Facebook Foto

Testimonianza

«Mio padre sparito nel nulla, mia madre malata. E nessun aiuto»

podisti

ManaRace, i 700 che... la corsa fa primavera Foto

meteo

E' in arrivo aria fredda dal Nord Europa: temperature in calo da domani 

OSPEDALE

Un nuovo Centro oncologico per il Maggiore

via la spezia

Scontro tra auto e bici a Baccanelli: ciclista ferito

DOCUFILM

Finalmente il «mat» Sicuri arriva sul grande schermo Il trailer

1commento

LUTTO

Addio a Josè Rossi, il suo spirito manca già nel Montanara

strage

51 tappeti a Parma per ricordare le 51 vittime della Nuova Zelanda Foto

Il ricordo

Riccardo Bertoli: il dolore dei commercianti e degli amici

SU SKY

Grignaffini giudice speciale di Masterchef

PARCO DEI POETI

La Festa della bicicletta debutta e fa il pieno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

L'INDISCRETO

5 (anzi 6) nomi per ballare in TV

di Vanni Buttasi

CORSIVO

"Cara mamma, non è giusto"

di Anna Maria Ferrari

1commento

ITALIA/MONDO

scandiano

Circoncisione in casa, morto un bimbo di 5 mesi. Indagati i genitori

bibbiano

Intascava pensioni di defunti, 4 anni a un'ex impiegata dell'Inps

SPORT

Formula 1

Caos F1, la McLaren minaccia l'addio

calcio

Gli azzurri hanno lasciato Udine: sono in viaggio verso Parma

SOCIETA'

CINEMA

"Ricordi?": Luca Marinelli, Linda Caridi e il regista Valerio Mieli si "confessano" al pubblico Video

VELLUTO ROSSO

Il "Barbiere", un Amleto "take away" e proposte "impertinenti" Video

MOTORI

IL TEST

Come va l'ibrido Plug-In? Scopriamolo con Mitsubishi Outlander

MOTORI

Techroad: Dacia si veste di rosso (e costa solo 3 euro al giorno)