14°

25°

Parma

Università, a Parma ci si laurea prima

Università, a Parma ci si laurea prima
Ricevi gratis le news
0

Si laureano prima degli altri e frequentano le lezioni con più regolarità. Gli studenti universitari parmigiani post-riforma battono i loro colleghi a livello nazionale e migliorano le loro "prestazioni" rispetto agli anni precedenti.

Questo il risultato di un'analisi compiuta  da AlmaLaurea su quasi 185mila laureati nel 2007 in 46 Atenei italiani tra i 51 aderenti al Consorzio.  I dati sono stati presentati al convegno "Nel cantiere delle riforme universitarie" ospitato oggi a Modena. I laureati dell'Università di Parma coinvolti nell'indagine sono i giovani usciti dall'Ateneo nel 2007, in tutto 4.757.

23,9 ANNI L'ETA' MEDIA ALLA LAUREA - Il traguardo della laurea è raggiunto in media a 23,9 anni, prima di quanto accade a tutti i laureati triennali a livello nazionale (24,5 anni). La riforma, per effetto della riduzione della durata legale del percorso di studi, ha contribuito ad abbassare l'età, ben lontana dai 27,5 anni dei laureati di Parma pre-riforma nel 2001. Aumenta la regolarità negli studi, che per i laureati di Parma è più elevata della media nazionale: il 52% conquista il titolo in corso (con un 27,6% che si laurea al primo anno fuori corso) contro il 44,7% del complesso dei laureati. Nel passaggio dal vecchio al nuovo ordinamento, gli effetti
positivi sulla regolarità negli studi sono evidenti: i laureati di Parma in corso lievitano dal 10,8% pre-riforma del 2001 al 52%, come si è detto, di primo livello del 2007. La riforma universitaria ha portato anche ad un aumento dei laureati che frequentano regolarmente
le lezioni: il 71,6% dei laureati triennali ha frequentato oltre i tre quarti degli insegnamenti previsti (contro il 70% della media nazionale).

4 SU 10 HANNO LA MATURITA' SCIENTIFICA-  I laureati triennali dell’Università di Parma, nel loro complesso, vengono soprattutto da famiglie dove il titolo accademico entra per la prima volta in casa: il 73,8% ha entrambi i genitori non laureati (la media nazionale è del 74,3%) confermando ciò che la Riforma ha incentivato, ovvero un allargamento dell’accesso agli studi universitari a fasce di popolazione meno avvantaggiate. Prevale chi entra e conclude l’Università con la maturità scientifica: il 39,5% (contro il 30% della media nazionale), più di coloro che hanno un diploma tecnico (33,2%) e classico (8,6%).

PIU' STAGE E TIROCINI, MA POCO ESTERO - Nel passaggio dai laureati pre-riforma ai laureati di primo livello aumenta in modo consistente la quota di chi ha svolto tirocini e stage riconosciuti dal corso di studi. I laureati dell’Università di Parma di primo livello coinvolti in tali esperienze sono il 53%. Un aspetto importante della formazione universitaria, che viene penalizzato nel passaggio dal vecchio al nuovo ordinamento, è rappresentato dalle esperienze di studio all’estero. Il fenomeno, dovuto non solo alla riduzione della durata del percorso di studi, si riscontra nel complesso dei laureati AlmaLaurea e nell’Ateneo di Parma, dove l’esperienza di studio all’estero coinvolge 6,7 laureati di primo livello (3,7 con programma Ue).

"PROMOSSI" AULE E PROFESSORI - Il 90% dei laureati dell’Università di Parma si dichiara complessivamente soddisfatto del corso di studi, una percentuale superiore alla media nazionale (87%). Con una punta tra i “decisamente” soddisfatti pari al 37%. In particolare sono promossi i rapporti con i docenti (soddisfatti l’85,3%, la media nazionale è dell’84%), le aule (sono ritenute adeguate dal 80,3% contro la media nazionale del 64%) e le biblioteche (giudicate in modo positivo dall’80,2% contro il 79% della media nazionale). Il 48,3% giudica invece in numero inadeguato le postazioni informatiche (ma la media nazionale è del 51%). Alla domanda se si iscriverebbero di nuovo all’Università risponde “sì”, ed allo stesso corso dell’Ateneo, il 70,4% dei laureati (contro il 68,5% del complesso). Una percentuale che aumenta considerando anche i laureati che si riscriverebbero all’Università di Parma, ma cambiando corso (l’8,6%).

IL 65% PROSEGUE GLI STUDI - E dopo la laurea? Quasi 79 laureati su cento intendono proseguire gli studi (la media nazionale è
dell’80,5%). La gran parte dei laureati che ha espresso queste aspirazioni formative punta ad una laurea specialistica: il 65%. Un altro 5% intende iscriversi a un master universitario. Per la prima volta, vista la consistenza numerica, è possibile descrivere anche le caratteristiche dei laureati specialistici tenendo conto, però, che si tratta dei primi, dunque i migliori. Anche in questo caso l’analisi riguarda solo coloro che si sono iscritti e hanno terminato gli studi nei nuovi corsi riformati. Il traguardo della conclusione degli studi specialistici è raggiunto in media a 25 anni (25,1 per l’esattezza!), un anno prima della media nazionale (26 anni). Chi arriva agli studi specialistici proviene da famiglie più avvantaggiate culturalmente: il 30,6% ha almeno un genitore laureatocontro il 25% dei laureati triennali. La percentuale dei laureati in corso è elevata, come era da attendersi, essendo i primi, quelli “più veloci”: 74,8% (la media nazionale è del 69%), con il 23,5% che si laurea al primo anno fuori corso. L’82% ha frequentato almeno i tre quarti delle lezioni. Durante il biennio specialistico, il 45% ha svolto tirocini o stage, il 13% ha studiato all’estero (il 7,7% con Erasmus), più di quanto non avvenga nei laureati triennali quasi che l’esperienza di studi all’estero che i giovani non riescono a compiere durante la laurea triennale venga rinviata nel periodo successivo. La soddisfazione rispetto al corso di studi è espressa da quasi 94 laureati su cento (la media nazionale è il 90%). Un giudizio positivo che trova conferma in chi ripeterebbe lo stesso corso nello stesso Ateneo: l’81,6%. E dopo la laurea specialistica? Un quarto (25%) intende proseguire la formazione, molti meno della media nazionale che è del 43%: un segnale da collegare probabilmente con la maggiore dinamicità del mercato del lavoro locale. Tra chi vuole proseguire, intende farlo con un dottorato di ricerca (6%).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco dopo le 23

25 APRILE

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta sugli affitti: 2 sfratti al giorno in media a Parma e provincia Video

Inquilini abusivi: proprietario di un appartamento "accolto" con un coltello

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

6commenti

sfilata

Parma, 25 Aprile: tutti i colori della libertà Foto

AUTOSTRADE

Schianto in A1: due in Rianimazione. Incidente in A15 in serata

Una moto è finita a terra in A1 tra Fidenza e il bivio per l'A15

GAZZAREPORTER

Lago Santo: 25 Aprile al rifugio Mariotti

borgo gallo

L'accumulatore seriale ha «ridotto» così il palazzo in centro: le foto Video

carabinieri

Viale Mentana, arrestato con un etto di hashish il pusher dai mille nomi

4commenti

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

parma calcio

Lucarelli e Munari, una camera per due

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

2commenti

cavriago

Non gli andava bene l’orario di consegna: prende la postina a bastonate

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

DEGRADO

Stazione, parcheggio H: vigilanza armata dalle 14,30 alle 22,30

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

CAMERINO

Dopo la condanna per abusi assume un mix farmaci: morto prof di Anatomia

TECNOLOGIA

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni in Europa

1commento

SPORT

CHAMPIONS

Il Real Madrid sbanca Monaco: 2-1 al Bayern

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel