10°

23°

Parma

Contagio di epatite e HIV da trasfusione: l'Ausl ha pagato il maxirisarcimento

Contagio di epatite e HIV da trasfusione: l'Ausl ha pagato il maxirisarcimento
Ricevi gratis le news
2

Comunicato stampa 
 

L’Azienda USL di Parma ha corrisposto, nel complesso, un milione e trecentocinquantasettemila euro a titolo di arretrati, per gli anni 2007 e 2008, a favore di 38 persone, nella nostra provincia, che sono state contagiate dai virus dell’epatite e dell’HIV, attraverso trasfusioni di sangue e somministrazione di emoderivati.
 
Nel 1992, con legge 210, infatti, il legislatore italiano ha previsto il riconoscimento di un equo indennizzo a favore di chi, a seguito di emotrasfusione e somministrazione di emoderivati, ha subito un danno alla salute irreversibile.

L'indennizzo consiste in un assegno bimestrale vitalizio, una sorta di "pensione" di importo sensibilmente variabile a seconda della gravità dell'infermità riportata. Nel corso degli anni, il testo originario della Legge n. 210/92 ha subito diverse modifiche ed integrazioni ed ha dato luogo a non poche difficoltà sia di carattere interpretativo che all'atto dell'applicazione pratica.
L’indennizzo decorre dal 1° giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda. Chi beneficia dell’indennizzo è esente da spese sanitarie e dalla quota fissa per la ricetta medica, limitatamente alle prestazioni sanitarie per la diagnosi e la cura della patologia stessa.
I fondi per corrispondere gli indennizzi ai sensi della legge 210 arrivano dal Ministero della Salute alle Regioni e, da queste, alle Aziende USL, che provvedono al pagamento a favore dei cittadini.

Il pagamento dei  ratei bimestrali è sempre stato regolare, mentre si erano accumulati ritardi per quanto riguarda gli arretrati, problema, questo, ora risolto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luca Ronzoni

    11 Gennaio @ 01.29

    Io sono nato nel 1976 ma il ginecologo di allora aveva fatto prendere un farmaco a mia madre in gravidanza che non avrebbe mai dovuto assumere e che in seguito è stato infatti ritirato dal mercato e sono nato con gravi malformazioni alla vista. Ma non ho mai ottenuto alcun risarcimento. Il Tribunale del Malato allora non c'era, i miei genitori non hanno mai chiesto danni a nessuno, poi sono passati tanti anni prima che io chiedessi loro se avevano chiesto i danni a qualcuno ma mia madre all'epoca mi disse che non ci aveva pensato... Io i danni invece li chiederei anche se sono passati quasi 33 anni.... Attualmente faccio una vita normale, anche se ho cmq un'invalidità civile del 67% (sono cieco da un occhio e ho una forte miopia all'altro), non posso ottenere la patente di guida, ma questa invalidità mi permette comunque di lavorare. Però un risarcimento lo vorrei anch'io dall'Azienda Usl anche se sono passati tanti anni...

    Rispondi

  • Milla

    09 Gennaio @ 16.06

    Il risarcimento è giustamente stato riconosciuto a tutte le persone che dai primi anni 70 (scoperta dei virus) all'inizio degli anni 80 ultimi casi di contagio, hanno subito trasfusioni di sangue infetto. E' stato dimostrato che in quel periodo non erano stati applicati ovunque gli appositi controlli per prevenire i contagi.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

Lisa Ginzburg a Radio Parma

LIBRI

Lisa Ginzburg e il suo libro su pagine intonse: l'intervista di Radio Parma Ascolta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Precipita in un bosco facendo parapendio a Langhirano: interviene il Soccorso alpino

paura

Precipita in un bosco facendo parapendio a Langhirano: interviene il Soccorso alpino

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

10commenti

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

ASSEMBLEA

Parmalat: Bernier conferma i target 2018. Scontro con il fondo Amber

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

20commenti

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

la foto

Intervento dei vigili dei fuoco in via Mantova

gazzareporter

Via Cicerone, discarica a cielo aperto

tg parma

Circolo La Raquette: indetto il nuovo bando per la gestione Video

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

tg parma

Scontro auto-scooter in viale Pasini: un ferito, disagi al traffico Video

L'incidente si è verificato attorno alle 11

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

SERIE B

Parma: stop anche per Dezi

6commenti

Sala

Colpi a raffica: rubati soldi, gioielli e una banana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Violenza sessuale: il fermato è un maniaco seriale

Monza

Spara alla moglie in strada, poi si costituisce. Lei muore sull'ambulanza

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore"

Calcio

E Simy fa Ronaldo

SOCIETA'

classifica

L’astrofisica Branchesi e il chirurgo Testa(unici italiani) tra le cento persone più influenti per Time

SALUTE

Dall'analisi del sangue la diagnosi precoce per il tumore al polmone

MOTORI

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti

ANTEPRIMA

Ford, ecco la nuova Focus. Da 20mila euro Fotogallery