13°

26°

Parma

«Protezionismo culinario? No, vinca la qualità»

«Protezionismo culinario? No, vinca la qualità»
Ricevi gratis le news
1

di Monica Tiezzi
Vade retro kebab, largo a  ribollite e bruschette nel centro storico di Lucca.  Lo ha deciso il Comune  toscano, retto dal centrodestra, che ha approvato   un regolamento che prevede, nei  quattro  chilometri quadrati entro le mura urbane (il «salotto buono» della città) il no a fast food e pizzerie al taglio, così come a kebab e ristoranti etnici. Anche l'ok ai ristoranti italiani è  vincolato all'inserimento nel menù di «almeno un piatto lucchese, preparato con prodotti tipici». Al divieto «anti-degrado» sono  accomunati (piuttosto comprensibilmente) i sexy shop e le rivendite di articoli da mare e nautici (un po' meno,  visto che la costa dista  solo 28 chilometri).
Comunque, a far discutere è soprattutto il no al cibo etnico. Un divieto «discriminatorio, inutile e dannoso», lo giudica Marco Parizzi, titolare dell'omonimo ristorante di via Repubblica. «Sono per il libero commercio: la ristorazione è un servizio, è il cliente che giudica - chiarisce Parizzi - La cucina è una cosa di cuore e di radici. Fino a 15    anni fa gli stranieri a Parma erano pochi, oggi evidentemente c'è un mercato per i cibi etnici. E poi, se gli stranieri rilevano esercizi pubblici anche nei centro città, vuol dire che la gente del posto   non è   interessata a farlo....». Per Parizzi il problema è un altro: il rispetto condiviso delle regole, a partire da quelle igieniche. «Noi abbiamo una famiglia, un nome e un passato da tutelare, gli stranieri spesso non hanno nulla da perdere. Sono necessari più controlli sanitari».

Una cosa per Parizzi è certa: Parma non ha bisogno di divieti alla lucchese. «Qui è stata fatta una riqualificazione intelligente del centro: penso alla movida o a ciò che si sta progettando nell'Oltretorrente. Dove  le case non vengono abbandonate,  dove si fanno proposte di svago di qualità, i parmigiani restano gestori e frequentatori di locali.  A Lucca e in altre città forse questo  non è stato fatto. Andate  a  Reggio Emilia di sera: è un mortorio dove è anche pericoloso passeggiare». Ma a lei piace il cibo etnico? «Mi piace la raffinata e millenaria  cucina giapponese,  che ho imparato  in Giappone. Ma  non mi sembra che a Parma ci sia un cibo etnico di alta qualità».

«Io? Sono un ‘trippista’ e ‘stracottista’» risponde più goliardicamente alla stessa domanda  Maurizio Rossi, titolare del ristorante «La Greppia». Che, dal suo osservatorio di via Garibaldi, non nasconde di sentirsi «assediato»  dai sushi, i kebab, i cinesi, le pizzerie più o meno doc. «In centro storico ormai non ci sono  più di sei o sette locali tipici e non va bene in una città che punta sulla cultura. Si metta nei panni del turista che vuol mangiare parmigiano. Il problema non è  vietare  i ristorante etnici, ma  ignorarli. A me non danno fastidio. Ma vorrei vedere maggiormente valorizzati i nostri ristoranti e trattorie che fanno   cultura gastronomica».
«Non si può invocare il libero mercato solo quando ci fa comodo - dice Daniele Ghidini, della trattoria Santa Chiara di piazzale Cervi - E poi, chi spende 5 euro in un kebab non sarebbe certamente disposto ad investirne 50 in un pasto in un locale  di qualità. Piuttosto, bisognerebbe domandarsi se l'ordinanza del Comune di Lucca non sottintenda altro:  evitare assembramenti che possano creare problemi di ordine pubblico».

Un dubbio condiviso da  Daniele Cocchi, dell'omonimo ristorante di via Gramsci. «E' bello che siano rappresentate, anche gastronomicamente, tutte le culture e non bisogna  dimenticare che anche noi italiani, da emigranti, abbiamo  puntato sulla nostra cucina - premette Cocchi - Però  certi ristoranti di bassissimo livello, più o meno  etnici, portano degrado e a volte anche micro-criminalità». Il discrimine, per Cocchi, non deve quindi essere etnico o tipico, ma la qualità: «Lasciamo a tutti la libertà di intraprendere, ma con materie prime controllate e  regole igieniche rispettate. E' questo che dovrebbe chiedersi un cliente quando spende solo 10-15 euro per un pasto completo». Ma lei, a volte, mangia etnico? Una risposta senza esitazioni: «No, sono affezionato ai nostri sapori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Monica

    29 Gennaio @ 10.25

    L'Italia così giustamente famosa in tutto il mondo per le sue prelibatezze non deve essere "confusa" con le cucine etniche .IIn particolare l'Emilia deve impegnarsi a tutelare e implementare le trattorie e ristoranti tipici dove viene veramente esaltato il sapore e la qualità dei nostri prodotti.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

MALTRATTAMENTI

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «Un danno per il commercio»

festa

25 Aprile: un parmense di appuntamenti in piazza, in bici e in musica L'agenda

Concerto in città con Baustelle e Mara Redeghieri

striscioni

L'oltraggio di Forza Nuova al 25 Aprile

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

Intervista

Baustelle: «Non archiviamo il 25 aprile»

Polesine Zibello

Per i soldi per la dose minaccia il padre con un coltello

Ticket

«Stangata» sulle cure per la psoriasi

L'ASTA

Il 9 maggio si saprà il destino del centro sportivo di Collecchio

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

ROMA

Napolitano colto da malore: intervento al cuore

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento