17°

27°

Parma

Alimentazione forzata: quando Parma fu al centro di un caso nazionale

Alimentazione forzata: quando Parma fu al centro di un caso nazionale
Ricevi gratis le news
1

Gabriele Balestrazzi

La lacerante storia di Eluana richiama alcune vicende che hanno toccato anche Parma (lunedì sera a “Chi l’ha visto?” c’è stata la toccante testimonianza di Paola Onori, oggi la Gazzetta  ricorda la storia di Mara Dallari). Ma forse non tutti sanno o ricordano che proprio Parma, all’inizio degli anni ’80, fu al centro di un altro caso nazionale: diversissimo come origine, ma alla fine ugualmente sfociato in un dibattito fra diritto e morale sulla possibilità di stabilire per legge una alimentazione forzata o altri interventi terapeutici per salvaguardare la vita di una persona.
E’ quello che passò alle cronache come “il caso dei tre detenuti digiunatori”: tre sospetti terroristi che, per protestare contro le lungaggini dei rispettivi processi e contro le condizioni di vita all’interno del carcere milanese di San Vittore, iniziarono nel settembre 1981 un lunghissimo sciopero della fame. Due di loro, poche settimane dopo, vennero trasferiti nel carcere parmigiano di San Francesco, dotato di un attrezzato centro clinico, e da lì all’ospedale Maggiore.
Il protrarsi del digiuno (in pratica si nutrivano di soli liquidi) provocò un deprimento delle loro condizioni tale da minacciarne la stessa sopravvivenza. E a quel punto, proprio come nel caso di Eluana, si accese una fortissima battaglia fatta di interpretazioni giuridiche, contrapposizioni politiche e confronto di impostazioni morali che coinvolse tutta l’Italia avendo proprio l’amministrazione comunale di Parma (guidata allora da Lauro Grossi) al centro dell’attenzione e delle polemiche.
Fu anche quello uno scontro durissimo, che vide fra i protagonisti Mario Tommasini, allora assessore comunale alla sanità, che insieme al sindaco (ma il dibattito coinvolse ovviamente tutto il mondo politico di Parma) diede vita ad un fortissimo braccio di ferro con il governo, e in particolare con il ministro della Giustizia Darida, che più volte intimò agli amministratori parmigiani di applicare ai detenuti un trattamento sanitario obbligatorio, come quello previsto allora e tuttora per il ricovero di pazienti psichici.
Anche allora ci si pose il problema del rapporto fra legge dello stato e volontà individuale, e ci si chiese a chi spettasse la decisione finale. Un dibattito che, per di più, si sovrappose allora a quello sui tempi lunghissimi della giustizia e sul sovraffollamento delle carceri: vien da dire che, 28 anni dopo, su tutti questi temi siano ancora a quel punto…
Il caso dei digiunatori si chiuse dopo ben 70 giorni, quando gli stessi tre detenuti accettarono di riprendere l’alimentazione. E nel caso dei due “parmigiani”, quella vicenda fu anche la palestra per una iniziativa-pilota di  inserimento di detenuti al lavoro esterno (per uno dei due proprio a Parma, in una cooperativa per disabili). Ma le tante promesse che da più parti vennero fatte in quelle settimane e proprio a seguito del dibattito, ovvero una legge equilibrata sull’alimentazione forzata, e un riesame dell’organizzazione carceraria e della organizzazione della giustizia, rimasero in buona parte promesse, una volta che la vicenda smise di “fare notizia”. Proprio come molti temono possa accadere oggi, una volta dissolti il clamore e la mobilitazione suscitati dalla storia di Eluana.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giancarlo

    11 Febbraio @ 18.13

    Nessuno può violare la volontà della persona.Neanche lo Stato.Qualora dovesse succedere una cosa del genere non saremmo più padroni della nostra vita e della nostra libertà.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella"

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella"

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

8commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

SERIE A

Parma, che tour de force

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

12commenti

GAZZAREPORTER

Via Roncoroni, collage di rifiuti abbandonati... Foto

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

6commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

3commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

USA

Coppia insospettabile "drogava e stuprava donne": forse centinaia di casi

scosse

Terremoto di magnitudo 2.5 e replica a Pozzuoli

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design