15°

26°

Parma

Alimentazione forzata: quando Parma fu al centro di un caso nazionale

Alimentazione forzata: quando Parma fu al centro di un caso nazionale
Ricevi gratis le news
1

Gabriele Balestrazzi

La lacerante storia di Eluana richiama alcune vicende che hanno toccato anche Parma (lunedì sera a “Chi l’ha visto?” c’è stata la toccante testimonianza di Paola Onori, oggi la Gazzetta  ricorda la storia di Mara Dallari). Ma forse non tutti sanno o ricordano che proprio Parma, all’inizio degli anni ’80, fu al centro di un altro caso nazionale: diversissimo come origine, ma alla fine ugualmente sfociato in un dibattito fra diritto e morale sulla possibilità di stabilire per legge una alimentazione forzata o altri interventi terapeutici per salvaguardare la vita di una persona.
E’ quello che passò alle cronache come “il caso dei tre detenuti digiunatori”: tre sospetti terroristi che, per protestare contro le lungaggini dei rispettivi processi e contro le condizioni di vita all’interno del carcere milanese di San Vittore, iniziarono nel settembre 1981 un lunghissimo sciopero della fame. Due di loro, poche settimane dopo, vennero trasferiti nel carcere parmigiano di San Francesco, dotato di un attrezzato centro clinico, e da lì all’ospedale Maggiore.
Il protrarsi del digiuno (in pratica si nutrivano di soli liquidi) provocò un deprimento delle loro condizioni tale da minacciarne la stessa sopravvivenza. E a quel punto, proprio come nel caso di Eluana, si accese una fortissima battaglia fatta di interpretazioni giuridiche, contrapposizioni politiche e confronto di impostazioni morali che coinvolse tutta l’Italia avendo proprio l’amministrazione comunale di Parma (guidata allora da Lauro Grossi) al centro dell’attenzione e delle polemiche.
Fu anche quello uno scontro durissimo, che vide fra i protagonisti Mario Tommasini, allora assessore comunale alla sanità, che insieme al sindaco (ma il dibattito coinvolse ovviamente tutto il mondo politico di Parma) diede vita ad un fortissimo braccio di ferro con il governo, e in particolare con il ministro della Giustizia Darida, che più volte intimò agli amministratori parmigiani di applicare ai detenuti un trattamento sanitario obbligatorio, come quello previsto allora e tuttora per il ricovero di pazienti psichici.
Anche allora ci si pose il problema del rapporto fra legge dello stato e volontà individuale, e ci si chiese a chi spettasse la decisione finale. Un dibattito che, per di più, si sovrappose allora a quello sui tempi lunghissimi della giustizia e sul sovraffollamento delle carceri: vien da dire che, 28 anni dopo, su tutti questi temi siano ancora a quel punto…
Il caso dei digiunatori si chiuse dopo ben 70 giorni, quando gli stessi tre detenuti accettarono di riprendere l’alimentazione. E nel caso dei due “parmigiani”, quella vicenda fu anche la palestra per una iniziativa-pilota di  inserimento di detenuti al lavoro esterno (per uno dei due proprio a Parma, in una cooperativa per disabili). Ma le tante promesse che da più parti vennero fatte in quelle settimane e proprio a seguito del dibattito, ovvero una legge equilibrata sull’alimentazione forzata, e un riesame dell’organizzazione carceraria e della organizzazione della giustizia, rimasero in buona parte promesse, una volta che la vicenda smise di “fare notizia”. Proprio come molti temono possa accadere oggi, una volta dissolti il clamore e la mobilitazione suscitati dalla storia di Eluana.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giancarlo

    11 Febbraio @ 18.13

    Nessuno può violare la volontà della persona.Neanche lo Stato.Qualora dovesse succedere una cosa del genere non saremmo più padroni della nostra vita e della nostra libertà.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

via zanardelli

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

8commenti

FATTO DEL GIORNO

Strattonano un'anziana, la fanno cadere e la rapinano alla fermata del bus

2commenti

PARMA

Un logo per la Barilla, concorso al Toschi: ecco le studentesse premiate Foto

Un concorso per premiare i dipendenti con 25 anni di anzianità in azienda

polizia

Aggressione nella notte in via D'Azeglio

1commento

segnalazione

San Leonardo, bossoli di arma da fuoco sul marciapiede

3commenti

POLIZIA MUNICIPALE

Sequestrate 120 paia di scarpe e giubbotti contraffatti. Video: ecco come scoprire i falsi

Denunciati due senegalesi

1commento

carabinieri

Colpì il giardiniere a badilate: arrestato commerciante di Langhirano

1commento

ALLUVIONE

La Procura replica all'attacco di Pizzarotti: «Parole scomposte»

13commenti

bardi

Cade nel bosco mentre fa legna: soccorsi difficili per un 67enne ferito

CARABINIERI

Prima il furto all'Ikea, poi l'aggressione al cassiere: arrestato 30enne reggiano

E' divenuta esecutiva la condanna per rapina e lesioni nei confronti di un uomo per un episodio del novembre 2014

CALCIO

D'Aversa: "Il sistema di gioco si decide in base ai giocatori disponibili" Video

lutto

Addop a Maria Piovani, la "nonnina" di Marzolara

Vedova di Enrico Alfieri dal 1971, diceva spesso: «Se mi garantissero che quando muoio lo ritrovo di là, non ci penserei due volte»

reggio emilia

Cellulare rubato passa di mano, due denunciati a Montechiarugolo, due a Felino

Inchiodati grazie al tracciamento, ma il telefono è sparito

COLORNO

Dopo l'incidente scappa: «inchiodato» dalle telecamere

gazzareporter

Rissa fra ragazze: volano bottiglie di birra (e infrangono un portone)

Stazione

Chiude il piano dei senzatetto

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

Genova

Cinque Terre, misteriosa macchia bianca in mare

TRAFFICO

Camion si ribalta in tangenziale a Milano, tondini sulla carreggiata: 5 feriti, traffico bloccato

SPORT

MOTOGP

Austin: Iannone il più veloce. Quarto Rossi

RUGBY

I giocatori delle Zebre allenano i piccoli giocatori Foto

SOCIETA'

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

FOTOGRAFIA

Figure contro, la fotografia della differenza: mostra allo Csac Foto

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia