19°

29°

Parma

Il ritorno a Parma del vescovo «pellegrino»

Il ritorno a Parma del vescovo «pellegrino»
Ricevi gratis le news
1

Roberto Longoni
Era arrivato a piedi, in un gelido mattino di gennaio del 1997. E' tornato per sempre in una sera di luna, che annuncia la primavera. Dalla «sua» Bergamo alla «sua» Parma. Sono le 19,25, quando la voce profonda del Bajòn annuncia il ritorno di monsignor Silvio Cesare Bonicelli. La voce del campanone scende da sotto le ali dell'angiolén; ad altezza di via Cardinal Ferrari, si aprono i pesanti battenti del Seminario maggiore, lungo il fianco della Cattedrale. Da borgo XX Marzo spunta il carro funebre con il feretro di chi fu pastore della nostra diocesi per undici anni abbondanti, fino al 2008. Un breve corteo l'accompagna:  su un'auto, con il vicario monsignor Achille Azzolini,  monsignor Enrico Solmi: il successore di Bonicelli appare affranto e provato. Da un'altra vettura scende la sorella del presule, Angiola Maria, accompagnata dalla senatrice Albertina Soliani.
 Sulla strada, ad attendere da oltre mezz'ora, quattro suore delle Piccole figlie. «Ha fatto tanto per Parma - ricorda una di loro -. Ha saputo ascoltare e mettersi in sintonia. Ha saputo rappresentare un punto di riferimento nei momenti difficili attraversati dalla nostra città negli ultimi anni». La scelta di farsi seppellire alla Villetta suona più di un ultimo desiderio: è il sigillo del percorso di un presule  che aveva radici profonde nella sua Bergamo, che nella montagna vedeva un altare naturale. Accanto ai gradini del Seminario maggiore, anche il professor Manfredi Saginario, nipote di Padre Pio da Pietrelcina. «Rendo omaggio al vescovo di Parma che fu vescovo di San Severo e volle commemorare la morte di Padre Pio, il 23 settembre» mormora lo psichiatra.


La cerimonia Intanto, la bara di legno chiaro coperta di rose bianche viene portata a spalla ai piedi dell'altare della cappella del Seminario maggiore. I battenti vengono accostati: la cerimonia è privata. Oggi, dalle 8 alle 21 e domani dalle 8 alle 15 (poco prima del funerale in Duomo), la cappella sarà camera ardente aperta a tutti i fedeli. Ma qualcuno entra lo stesso, anche solo per un attimo. Si ferma quanto basta  per un segno della croce sulla soglia della cappella, gli occhi fissi sulla bara. Gesti che trovano una risposta su un  tavolino accanto alla porta, dove un foglio accompagna una grande foto di Bonicelli sorridente. «Sorelle e fratelli, ciao a tutti - vi è scritto  sopra -. Vi saluto uno per uno con affetto e riconoscenza. Vi sorrido e, stringendovi la mano, vi dico ciao e ad-Dio, arrivederci nella casa di Dio». All'interno, i vespri della seconda domenica di Quaresima vengono recitati e cantati a mezza voce. Poche note di flauto scandiscono i passaggi tra un momento e l'altro. Dopo la lettura del Vangelo di San Marco, la Bibbia aperta viene lasciata ai piedi della cassa. 

 
I funerali a Bergamo E la Bibbia donata  da Papa Giovanni Paolo II, con la mitra vescovile, il cappello con la penna nera e quello da scout hanno «vegliato» la bara del presule durante il funerale, poche ore prima, a Bergamo. La grande chiesa di Sant'Anna, della parrocchia di borgo Palazzo, quasi non bastava per tutti i fedeli che hanno voluto dare l'ultimo saluto a monsignor Bonicelli nella città natale. Alcuni sono arrivati anche da San Severo. Dalla casa di famiglia nella quale è spirato venerdì, il vescovo emerito è stato trasferito nella cappella-oratorio di Sant'Anna. Poi, a spalla, il feretro è stato portato ai piedi dell'altare da alpini e scout, che tra le navate avevano numerosi rappresentanti e vessilli. Poche note suonate da un trombettiere alpino accompagnavano il rito.
A celebrare la  funzione del primo «addio» al presule, monsignor Gaetano Bonicelli, vescovo emerito di Siena e cugino di Cesare. Al suo fianco, monsignor Solmi e Roberto Amadei, vescovo di Bergamo, oltre a numerosi sacerdoti, tra i quali Attilio Bianchi, pastore di Santa Lucia, la parrocchia bergamasca di Bonicelli.  «Aveva deciso di diventare prete durante il servizio militare - ha ricordato don Giacomo Panfilo, parroco di Clusone e amico di vecchia data del vescovo emerito -. Aveva cinque anni più degli altri: era un'aquila tra i polli d'allevamento. Ricordo le sue veglie con la testa abbassata e gli occhi chiusi, la vocazione a servire nata mettendo a frutto gli insegnamenti di mamma Caterina e papà Arturo, le camminate in montagna, occasioni di preghiera e meditazione». Poi, accompagnata dall'applauso dei fedeli, la salma è uscita da Sant'Anna sulle spalle degli alpini. Diretta a San Secondo, Fontanellato e infine Parma. L'ultimo viaggio del vescovo pellegrino.  


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • chiara sinopoli

    09 Marzo @ 16.33

    Siamo stati.ieri.a Bergamo,per i funerali del Vescovo Emerito mons.Cesare Bonicelli.Il suo ritorno alla Casa del Padre ha fatto ritrovare uniti,ai suoi piedi,moltissimi di quelli che lui ha cresciuto,alla scuola di Cristo in Santa Lucia.Tutti solidali e in intimita',anche per chi,non vedendosi da tempo,disseminato lungo la penisola,ritrovava in lui un terreno padre e i fratelli di parrocchia:insieme,come per tanti anni e vicini,uniti.Cosi' ci voleva Don Cesare e cosi' ci sentivami ieri,e non per la sensazione di un paio d'ore.Vicini e lontani con lui,per lui.Poi,la strada di Parma:un congedo sulla soglia della chiesa di S.Anna e il ritorno a quella casa,quella di Parma,che e' il contrassegno della sua Fede nell'andare Ad Gentes.Legatissimo alla famiglia d'origine,non si lasciava sopraffare nel suo operato pastore,perche' la sua famiglia era la Chiesa lì dove il Signore l'aveva posto.E questo,pur nella sofferenza e nel distacco,e',per noi,la piu' grande testimonianza cristiana,prima che umana,di Fedelta' al Signore.Bergamo terra natìa,Parma terra di un pastore che,in modo radicale,ha servito il Padre e i fratelli ,alla sequela di Cristo.Questo e' una testimonianza che ha del Sublime,per gli adulti quanto per i nostri giovani,perche' vedano come lui e credano che la vita val bene di essere vissuta nella Fede,con coraggio,fiducia,speranza e fatica,dandosi senza riserve ne' condizioni.Grazie Vescovo Emerito Cesare!I nostri giovani ,gia' da ieri,si sentono privi di una Guida ma la preghiera suggerira' loro di guardare in Alto,avanti,come tu hai insegnato loro,come tu hai testimoniato su un percorso di vita episcopale duramente e precocemente messo alla prova non ancora sessantenne.Grazie a te e al Signore Dio Padre,mentre tu sei ora nella Gloria! Chiara Sinopoli

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

sospetto

Test di medicina, picco su Google: "Qualcuno ha barato"

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse