13°

28°

Parma

La politica del Comune sull'edilizia residenziale sociale "espatria" a Roma

Ricevi gratis le news
0

La casa come questione sociale, ma anche risorsa e fattore di programmazione per le scelte urbanistiche territoriali. Una questione sociale che riguarda il mercato degli affitti e in misura minore il mercato delle compravendite, e che investe cittadini a reddito basso o intermedio, troppo “ricchi” per accedere all'edilizia sovvenzionata eppure troppo “poveri” per accedere agli affitti a libero mercato. Ecco quindi che la domanda di Edilizia Residenziale Sociale cresce e diventa rilevante anche a Parma in alcune aree del territorio comunale: un’edilizia per mettere a disposizioni abitazioni a canoni economicamente sostenibili e, in misura inferiore, case da acquistare da parte di soggetti a reddito medio basso.
 
Se ne è discusso stamane a Roma, nell’ambito di un importante seminario tecnico promosso da ANCE, ANCAB Legacoop, Federabitazione Confcooperative, AGCI-Abitazione sul tema “Il sistema integrato di fondi per il piano casa”, cui hanno partecipato anche il Ministero dell’Economia ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed i rappresenti  della Cassa Depositi e Prestiti e di Istituti Bancari. Un seminario cui ha preso parte il Comune di Parma, rappresentato dall’assessore all’urbanistica Francesco Manfredi, dall’assessore alla casa Luigi Pellacini e dal dirigente all’urbanistica Ivan Savi.
 
Nell’ambito del seminario si è discusso di come dare risposta alla domanda di Edilizia Residenziale Sociale (di seguito Ers), prevedendo nuovi interventi che possano non solo organizzare una offerta di alloggi per le categorie sociali non in grado di accedere al libero mercato, ma che costituiscano anche una occasione di lavoro attraverso un intervento organico di riqualificazione e sviluppo sostenibile.  Preso atto che la riforma delle locazioni, con il duplice canale degli affitti convenzionati e degli affitti "liberi", ha fallito l'obiettivo, e inoltre che con l'affidamento delle politiche abitative alle Regioni lo Stato non ha di fatto più trasferito fondi per l'edilizia residenziale pubblica, l’Amministrazione Comunale si è posta come obiettivo “l’immettere sul mercato un prodotto casa – ha dichiarato l’assessore alle politiche abitative Luigi Pellacini - in locazione come in proprietà, nel quale il rapporto qualità prezzo sia tale da consentirne l’accesso ai soggetti economicamente più deboli. Una scelta che va nella direzione dell’integrazione sociale, per evitare nuovi ghetti sociali e favorire invece percorsi di socialità diffusa per i nuovi parmigiani”.  Un obiettivo inserito in un quadro di sostenibilità ambientale e di manutenibilità, attraverso l’abbattimento del costo di intervento e ipotizzando diverse modalità quali la riduzione o azzeramento del costo dell’area e la riduzione degli oneri urbanizzazione.
 
Le proposte del Comune di Parma
Nel corso del seminario a Roma Francesco Manfredi e Ivan Savi hanno illustrato il bando aree pubbliche – sparse in tutto il territorio comunale e localizzate all’interno di comparti attuati da privati – per la realizzazione di Ers secondo criteri di qualità energetica, edilizia, prestazionale e tipologica e che sia destinata a soddisfare diverse categorie sensibili (lavoratori italiani e stranieri in mobilità, famiglie immigrate, anziani, giovani studenti, lavoratori precari, giovani coppie, single e separati, ex carcerati, nuove fasce sociali a rischio ecc.). In questo caso l’effetto della calmierazione dei prezzi, pur mantenendo un’alta qualità di offerta, risulta garantita dal basso costo delle aree offerte.
 
Una seconda proposta in corso di attivazione utilizza gli strumenti introdotti dalla legge 224/2007: con questa legge si individua un nuovo concetto di dotazione territoriale pubblica finalizzata alla realizzazione di immobili da destinare ad Ers  da attivare anche attraverso l’aumento della capacità edificatoria.
 
Nello specifico si intende, attraverso l’attuazione di un area già classificata a “Servizi”, proporre una esperienza di “Housing sociale” nella quale possono coesistere insediamenti prevalentemente residenziali unitamente a un mix di funzioni quali attività sociali, ricreative e commerciali al fine di creare un sistema insediativo integrato. In questo senso il sostegno che deriva dall’Amministrazione è riconoscibile dalla possibilità di incrementare, rispetto agli indici già stabiliti, la quota di Ers all’interno del progetto.
 
Le strategie di intervento per l’Edilizia Residenziale Sociale
Le scelte pianificatorie comunali hanno consentito di creare un “parco aree pubbliche”, attraverso il quale concretizzare interventi da destinare ad edilizia residenziale pubblica. Allo stato attuale risultano in disponibilità dell’Amministrazione Comunale, per l’assegnazione mediante bando, mq. 63.000 circa di superficie lorda utile (per un numero di alloggi stimato in 1.050, calcolando 60 mq. per alloggio), derivanti dall’attuazione delle schede norma relative al vigente POC. A tali aree si aggiungono quelle individuate nei sub ambiti di tipo residenziale previsti nel vigente PSC, la cui attuazione dovrebbe avvenire nei prossimi anni.
 
 “Otto mesi fa, all’interno del secondo bando di Poc – ha sottolineato l’assessore all’urbanistica Francesco Manfredi - abbiamo creato le condizioni per avviare questo grande progetto di edilizia residenziale sociale. Oggi siamo pronti a partire non appena saranno messi a punto i meccanismi di finanziamento. Non è più pensabile infatti che i Comuni debbano sostenere investimenti di tali dimensioni senza un’equa ripartizione delle risorse da parte di Stato e Regioni. Vorrei inoltre sottolineare che il nostro progetto è tra i primi a livello nazionale, e ha il pregio di orientare gli interventi nella direzione della qualità edilizia e delle relazioni, integrando in contesti diversi interventi privati e pubblici. L’invito a partecipare a questo importante seminario a Roma dimostra ancora una volta il livello di eccellenza nazionale raggiunto dai processi di pianificazione territoriale e la qualità delle scelte urbanistiche dell’Assessorato.”
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

MODA

Il Made in Italy è sempre più in mani straniere

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno