13°

26°

Parma

Il fratello di Marco Franzosi: «Non aveva mai avuto disturbi»

Il fratello di Marco Franzosi: «Non aveva mai avuto disturbi»
Ricevi gratis le news
0

Tre anni fa il fratello gemello Gianluca era rimasto paralizzato alle gambe dopo un banale incidente in bicicletta sulle strade del Parmense. E ieri Marco, uno sportivo in piena salute e innamorato della corsa, ha perso la vita stroncato da un malore dopo aver coronato il sogno di partecipare alla maratona di Roma. Davvero il destino si è accanito sulla famiglia Franzosi. Ora a piangere Marco rimangono, oltre al fratello, la mamma Ada e la sorella Marzia. Marco abitava a Parma in via Brigate Julia. Era ragioniere, faceva il consulente del lavoro alla «Pomelli elaborazioni paghe», uno studio di consulenza in via Paradigna, dove da oltre vent'anni lavorava insieme al fratello. E poi amava tantissimo lo sport e la corsa: l'ultima gara era stata la Corsa del culatello, la 30 chilometri fra Salsomaggiore e Soragna, proprio in vista della maratona di Roma.
«Era una persona molto generosa verso tutti, se poteva dava quello che aveva - ricorda Gianluca -. Per me ha fatto tanto, ma anche per gli amici. Dopo che mi sono fatto male l'ho sempre avuto vicino, si è dedicato tantissimo a me e quando ero al centro di riabilitazione a Villanova mi veniva a trovare tutti i giorni. Anche adesso quando avevo bisogno c'era sempre». Anche sul lavoro, ricorda, «era una persona precisa, meticolosa, attenta». La sua passione, dice, era la maratona. «Non aveva mai avuto disturbi e si teneva molto controllato, anche nell'alimentazione. Facendo attività agonistica faceva visite annualmente: com'è possibile che nessuno si sia mai accorto di nulla?». E conclude amaramente: «Io mi sono spaccato la schiena per una banalità, per una strada malmessa;  lui è morto per una maratona, per fare dello sport».
L'ultimo a vedere Marco vivo è stato Graziano Berti, segretario dell'Atletica Manara, che correva con lui. «Ho visto Marco al 37° chilometro: l'ultimo ricordo che ho di lui è quando mi è passato vicino, io l'ho incitato e lui mi ha guardato e mi ha sorriso. Poi non l'ho più visto. Si era d'accordo di vederci dopo: una volta fatta la doccia avremmo dovuto andare a mangiare una pizza tutti insieme prima di partire in treno». Anche la sera prima, ricorda, nulla che lasciasse presagire la disgrazia: «Eravamo a cena tutti insieme, era allegro come tutti noi e niente faceva supporre quello che poteva accadere».
Con Marco a Roma c'era anche Paolo Bucci, sportivo noto per le sue imprese estreme e amico di Franzosi. È stato l'ultimo a rivolgerli la parola ieri: «Prima dell'inizio della maratona ci siamo detti “Buona corsa, ci vediamo dopo”, quelle cose semplici e scontate che si dicono due amici che pensano di rivedersi poco dopo. Stamattina (ieri, ndr) abbiamo fatto colazione insieme, abbiamo mangiato la solita porzione prima di una gara e lui stava benissimo. Siamo andati alle griglie di partenza:  lui, avendo un personale più veloce del mio, è andato in una griglia un po' più avanti. Da quel momento non l'ho più visto. Era una persona buona, disponibile, che si faceva in quattro per tutti: se avevi bisogno lui c'era. Abbiamo fatto insieme la maratona di Parma, quella di Firenze, di Reggio, poi tutte quelle gare che ci sono in provincia di Parma. Era uno che aveva le potenzialità, ma che non si tirava mai il collo: non arrivava mai a fine maratona stremato».
«Le doti di Marco erano incredibili - ricorda Mauro Biondini -, ma lui ha sempre praticato lo sport come forma di salute e per stare assieme agli amici e condividere una passione, non per essere competitivo. Umanamente era la persona più disponibile che ci fosse. Pur di essere vicino al fratello ha sacrificato tutto se stesso».
«Una persona eccezionale, discreta e gentile. Siamo tutti sotto choc», dice la presidente dell'Atletica Manara, Maura Morini. E il vicepresidente della società, Dante Pagliarini, presidente fino a pochi mesi fa, racconta che «la medaglia di oggi (ieri, ndr) aveva detto che la voleva dedicare alla sua amica Michela Grassetto, con cui si allenava sempre, e che non ha potuto partecipare alla maratona di Roma perché si è ammalata. Marchetto aveva sempre una parola per tutti, faceva anche da promotore di varie iniziative e voleva sempre aiutare gli altri. Sembrano le solite frasi fatte, ma lui era veramente una persona affabile e positiva».f.ban.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione sessuale Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Azzannata da un pitbull

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta sugli affitti: 2 sfratti al giorno in media a Parma e provincia Video

Inquilini abusivi: proprietario di un appartamento "accolto" con un coltello

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

4commenti

sfilata

Parma, 25 Aprile: tutti i colori della libertà Foto

carabinieri

Viale Mentana, arrestato con un etto di hashish il pusher dai mille nomi

4commenti

GAZZAREPORTER

Lago Santo: 25 Aprile al rifugio Mariotti

borgo gallo

L'accumulatore seriale ha «ridotto» così il palazzo in centro: le foto Video

incidenti

Una moto a terra in A1 tra Fidenza e il bivio per l'A15: due in Rianimazione

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

parma calcio

Lucarelli e Munari, una camera per due

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

2commenti

DEGRADO

Stazione, parcheggio H: vigilanza armata dalle 14,30 alle 22,30

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

tg parma

Cameo di Benedetta Mazza nel film di Sorrentino su Berlusconi Video

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «Un danno per il commercio»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

gran bretagna

I giudici: "Alfie sta morendo". E il padre minaccia una causa a tre medici per omicidio

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

SPORT

tifosi violenti

Champions, la polizia inglese conferma: arrestati due romani per tentato omicidio

2commenti

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

LIBERAZIONE

I cortei del 25 Aprile: Brigata Ebraica contestata a Milano, niente corteo unitario a Roma Foto

cavriago

Non gli andava bene l’orario di consegna: prende la postina a bastonate

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel