il caso

Le bande di giovanissimi che fanno paura alla città

Dal centro alla periferia i volti sono diversi ma la rabbia è la stessa. E qualcuno comincia ad aver timore ad andare a scuola

Baby gang

Baby gang

Ricevi gratis le news
25

Chiamatele baby gang, bande giovanili, chiamatele come volete. Tanto la storia è sempre la stessa. Una storia che si ripete in alcune aree del centro - la Galleria Polidoro, la zona intorno al Regio, i borghi vicini al Duomo - e in periferia -via Aleotti, via Carra, il parco Falcone e Borsellino - e di cui troppo spesso finiscono per occuparsi le pagine di cronaca. Che raccontano di ragazzi giovanissimi. Ma che fanno paura anche ai grandi. «Devi scegliere la tua banda, costruirti la fama di uno che picchia. E farti rispettare»: questa la raggelante filosofia di vita di alcuni di questi ragazzini - i più giovani hanno poco più di 14 anni - sentiti dalla «Gazzetta» di recente. Dopo che l'aggressione al metallaro errante, la maxi rissa per una ragazzina di piazzale Borri e diverse altre scaramucce hanno reso evidente che anche a Parma il disagio giovanile si esprime in gruppo. E l'alfabeto comune sono le botte. «Ci sono infatti alcune zone piuttosto calde», ammettono con cautela le forze dell'ordine che, infatti, come nel caso di sabato scorso, organizzano servizi mirati anche con agenti in borghese. Che identificano i più agitati e cercano di capire dinamiche e comprendere le gerarchie. Ma questi gruppi spesso si spostano, migrano in altre zone, cercano aree franche dove affrontarsi. Pronti a sparpagliarsi, svanire e ricomparire quando le divise non sono più in vista. E in questo senso la vicenda della rapina allo studente del liceo Bertolucci dell'altro giorno appare esemplare: qualcuno più prepotente, e che si ritiene più forte, pensa di poter fare qualunque cosa. Almeno se di fronte ci si trova qualcuno in apparenza indifeso.

«Il vero problema è che non si tratta di un caso isolato - racconta uno studente che frequenta una delle scuole della zona. - E' infatti grave la situazione che si è venuta a creare intorno al plesso scolastico di via Toscana: i parchi e i cortili attorno alle scuole sono infatti considerati da noi studenti dei luoghi pericolosi, in cui si deve aver paura di passare. Il rischio qui è attirare su di sè l’ira dei soliti bulli che stanno sulle panchine a fissare chi passa cercando l'occasione per litigare. Io credo che questo episodio non debba finire qui, ma debba essere interpretato come un importante segnale d’allarme. Non è concepibile che uno studente abbia paura di andare a scuola». Già, paura: lo stesso timore che raccontano i negozianti della galleria Polidoro che si devono barricare dietro le vetrine quando l'ondata di minorenni invade la galleria. «Ci ridono in faccia: sanno di non rischiare praticamente nulla», spiegano raccontando poi di zuffe e vandalismi a intermittenza. Dal centro alla periferia lo scenario non cambia. I volti sono diversi. Ma la rabbia è la stessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Eddard

    02 Dicembre @ 14.32

    castamerains@gmail.com

    Qua non si tratta di xenofobia sig. Andrea qua si tratta che la gente è stanca!!! ma quale xenofobia questa parola di cui infarcite i discorsi non significa un c... ha capito??? Qua non si sa come arrivare a fine mese e si devono pure tollerare bastardelli figli di immigrati che invece di essere riconoscenti al paese che li ospita e ha dato loro una possibilità si permettono atteggiamenti simili!?!? Ma scherziamo ????????? La sua xenofobia se la può ficcare in quel posto!

    Rispondi

  • Andrea

    01 Dicembre @ 21.33

    E poi, dopo quello che mi avete detto, temo cento volte più voi che gli stranieri. Voi che dite, con una violenza che mi sconcerta (e senza rispondere a una delle domande che vi ho posto): «la volta che questi signori che lui difende andranno a rubargli in casa o la volta che suo figlio tornerà a casa con il naso rotto forse si sveglierà anche lui».

    Rispondi

  • Andrea

    01 Dicembre @ 12.18

    Non ho mai detto «razzista» o «razzisti», ho detto «xenofobi». Andate a vedervi la differenza, signori miei. Un vocabolario non vi farà male.

    Rispondi

  • Piero

    30 Novembre @ 11.39

    Maurizio, episodi di violenza e di furti ci sono sempre stati, questa non è una novità. Anche negli anni ottanta c'era chi si tirava cazzotti e chi rubava in casa (che poi al 99% erano zingari...), ma anche senza Gazzetta online, telefonini ecc... ricordo bene una sicurezza di gran lunga maggiore rispetto a oggi. Personalmente abitavo al piano terra, senza sbarre alle finestre e spesso, in estate, con la porta sul giardino socchiusa. Risultato MAI successo nulla! Ora, venir qui a dire che all'epoca era peggio di oggi significa spararla VERAMENTE grossa! Onestamente mi chiedo perchè negare la realtà, lei dice di non arrampicarsi sugli specchi? In pratica il suo ragionamento è come dire che, in base alla violenza sulle donne riscontrata in questi anni, la nostra visione della figura femminile e peggiore di quella che si ha nella società islamica, ho reso l'idea? Cerchiamo di smetterla di vedere razzisti ovunque, è esattamente come vedere solo presunte "toghe rosse".

    Rispondi

  • Piero

    28 Novembre @ 20.49

    Maurizio, ha deciso di sfidare Mauro in arrampicata sugli specchi? Tra un pò dirà 70 anni fa così da tirare in ballo i fascisti! Cerchiamo di essere seri. Come si dice da noi anche da più di 30, che becco di ferro... Se poi 30 anni fa lei girava per i centri (a)sociali, beh, allora i conti tornano!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

robbie williams vs jimmy page

vicini-nemici

La lite Williams-Page continua con i decibel dei Black Sabbath (Per dispetto)

Parsons Dance: 16 e 17 febbraio 2019

spettacoli

Parsons Dance, la magia della danza atletica sbarca al Regio

Wanda Nara

Wanda Nara

"STRISCIA"

Tapiro d'oro a Wanda Nara: "Icardi? Rinnova..."

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Nonostante, libera" di Bruna Orlandi

La copertina del libro

LIBRI

"Il Bugiardino" di Marilù Oliva - "Nonostante, libera" di Bruna Orlandi

Lealtrenotizie

Inglese gol (rigore deciso dal var): Parma avanti 1-0 a Udine

SERIE A

Inglese gol (rigore deciso dal var): Parma avanti 1-0 a Udine

OLTRETORRENTE

Via Musini, quel via vai da una casa che ha insospettito i residenti: pusher arrestato Video

3commenti

incidente

Scontro in centro paese a Corcagnano: una delle auto si ribalta Video

4commenti

METEO

Appenino, si rivede la neve

rugby

Zebre sconfitte in casa dal La Rochelle 22-10

borgo retto

Sorpresi dai vicini mentre scassinano le porte di alcune abitazioni: arrestati Video

Prevenzione

Via Trento, bar chiuso per ordine del questore

BERCETO

Montagna 2000, i lavoratori contro Lucchi: "A rischio 42 posti in un territorio difficile"

2commenti

climber

Folla di fans per Adam Ondra: "Ecco cosa mi ha dato l'arrampicata" Video Foto

WEEKEND

Un sabato d'inverno tra sci, teatro e... festa del gelato: l'agenda

FIDENZA

Muore all'improvviso l'appuntato Biagio Vetrugno

QUATTRO CASTELLA

Bianello: il fantasma «parmigiano» entra nel percorso turistico

la segnalazione

Corcagnano e Carignano senza luce da ore

12 tg parma

A Parma il fenomeno "Momo": allarme sui cellulari dei giovanissimi Video

LANGHIRANO

Banda del buco svaligia la tabaccheria

TRAVERSETOLO

Addio a Valter Petrolini, pilastro del volontariato e della Barilla

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il pasticciaccio del reddito di cittadinanza

di Domenico Cacopardo

1commento

IL DISCO

Led Zeppelin I, quando la leggenda ebbe inizio Video

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

modena

Violentò la figlia 13enne che rimase incinta: condannato

bolzano

Valanga travolge e uccide giovane, sciava fuoripista

SPORT

20a giornata

La Roma batte il Toro 3-2 - La classifica

Australia

Federer bloccato dallo steward inflessibile: senza badge non entri Video

SOCIETA'

società

Lunedì arriva il blue monday, il giorno più triste dell'anno

USA

Class action contro Oracle: paga meno le donne

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai