21°

protesta

Iren: occupato lo spazio clienti. Manifestanti sgomberati dalla polizia

Dai gruppi No inceneritore e da Rete diritti in casa: 25 denunciati

Iren: uffici occupati per protesta

Iren: uffici occupati per protesta

Ricevi gratis le news
8
E' risultato più affollato del solito, questa mattina, lo spazio clienti della sede di strada Santa Margherita dell'Iren: lo spazio-sportelli dove ogni giorno si reca chi deve pagare bollette o chiedere informazioni.
Ma non si è trattato di una super-coda legata a scadenze particolari, bensì di una occupazione, seppur pacifica, da parte dei comitati No inceneritore Emilia Romagna e Rete diritti in casa.
Le motivazioni della protesta stanno nella richiesta di uan moratoria con sospensione dei pagamentid elle bollette per le famiglie in difficoltà. E a questa richiesta, gli occupanti aggiungono la tesi di un ritorno al pubblico della società che gestisce acqua, luce e gas.
Su questi temi, i manifestanti hanno anche avuto un colloquio telefonicon con Fabrizio Savani, consigliere comunale e presidente della commissione comunale, che si è impegnato per la realizzazione di un tavolo di trattativa, sul quale il Comune potrebbe svolgere il ruolo di mediatore-"facilitatore".
Alla fine, però, il protrarsi della manifestazione di protesta ha provocato l'intervento delle forze dell'ordine, che hanno sgomberato i locali. Ci sono stati anche momenti di tensione: e la vicenda avrà uno strascico, perchè sono scattate 25 denunce. Fra gli occupanti, era presente anche Cristina Quintavalla, una protagonista della vita (e dei movimenti di opposizione) della politica cittadina, dai tempi dello scandalo edilizio alle pentolate legate alle inchieste giudiziarie sulla giunta Vignali.

La cronaca
Sono almeno 25 le persone denunciate dopo il blitz di stamattina nella sede Iren di via Santa Margherita a Parma. Il reato contestato a tutti i manifestanti è occupazione abusiva di edificio privato. I denunciati sono attivisti di Rete diritti in casa e No inceneritori dell’Emilia-Romagna.
La manifestazione è stata voluta per protestare contro i tagli alle utenze che la multiutility dell’energia ha praticato ad alcune famiglie morose perchè in grave difficoltà economica. I manifestanti, che avrebbero voluto incontrare un dirigente di Iren per cercare di affrontare il problema delle morosità incolpevoli, alla chiusura degli uffici sono stati tutti sgomberati da agenti della polizia di Stato. Lo sgombero è avvenuto sollevando di peso i manifestanti che, resistendo passivamente, sono stati trasferiti dagli uffici Iren ai furgoni della polizia. I manifestanti sono stati poi condotti in Questura per essere identificati. Operazione che è tuttora in corso.
"Non credevamo che saremmo finiti qui dentro – spiega Luigi Iasci di No inceneritore parlando telefonicamente dalla questura -. Io sono assieme ad una decina di altre persone, in attesa di essere identificato. Non abbiamo impedito che l’ufficio Iren svolgesse il proprio lavoro con la clientela, non abbiamo ostacolato nessuno dei presenti. Volevamo solo parlare con un dirigente e cercare una soluzione al problema". Un presidio di cittadini legati ai movimenti di solidarietà sta di fronte alla Questura, aspettando che gli attivisti vengano autorizzati a lasciare gli uffici di borgo della Posta. Il senatore Giorgio Pagliari e l’onorevole Patrizia Maestri, entrambi del Pd, hanno chiesto informazioni alle autorità di polizia su quanto accaduto.
Sono almeno 25 le persone denunciate dopo il blitz di stamattina nella sede Iren di via Santa Margherita a Parma. Il reato contestato a tutti i manifestanti è occupazione abusiva di edificio privato. I denunciati sono attivisti di Rete diritti in casa e No inceneritori dell’Emilia-Romagna.
La manifestazione è stata voluta per protestare contro i tagli alle utenze che la multiutility dell’energia ha praticato ad alcune famiglie morose perchè in grave difficoltà economica. I manifestanti, che avrebbero voluto incontrare un dirigente di Iren per cercare di affrontare il problema delle morosità incolpevoli, alla chiusura degli uffici sono stati tutti sgomberati da agenti della polizia di Stato. Lo sgombero è avvenuto sollevando di peso i manifestanti che, resistendo passivamente, sono stati trasferiti dagli uffici Iren ai furgoni della polizia. I manifestanti sono stati poi condotti in Questura per essere identificati. Operazione che è tuttora in corso.
"Non credevamo che saremmo finiti qui dentro – spiega Luigi Iasci di No inceneritore parlando telefonicamente dalla questura -. Io sono assieme ad una decina di altre persone, in attesa di essere identificato. Non abbiamo impedito che l’ufficio Iren svolgesse il proprio lavoro con la clientela, non abbiamo ostacolato nessuno dei presenti. Volevamo solo parlare con un dirigente e cercare una soluzione al problema". Un presidio di cittadini legati ai movimenti di solidarietà sta di fronte alla Questura, aspettando che gli attivisti vengano autorizzati a lasciare gli uffici di borgo della Posta. Il senatore Giorgio Pagliari e l’onorevole Patrizia Maestri, entrambi del Pd, hanno chiesto informazioni alle autorità di polizia su quanto accaduto.
Lunedì confronto - Il blitz nella sede di Iren per manifestare contro i tagli delle utenze a carico di famiglie in difficoltà è servito ad aprire un tavolo di confronto tra manifestanti e dirigenza aziendale.
I manifestanti, legati ai movimenti di solidarietà cittadini e al fronte No inceneritore, incontreranno la dirigenza Iren lunedì prossimo. Mediatore tra le parti, il senatore Pd Giorgio Pagliari che, oggi, ha incontrato anche il questore di Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giovanni

    30 Novembre @ 07.37

    #Spaccatura tra #GCR e #NoTermo a #Parma su #Inceneritore #IREN - voluta e sponsorizzata - #VEROVIERO??? #M5S ha tradito tutta la Città e PR

    Rispondi

  • Biffo

    30 Novembre @ 03.53

    Se i manifestanti fossero stati del genere dei talebani pro-Silvio, non sarebbero intervenuti CC e PS, solo loro possono protestare, per tutti gli altri manganellate sulla zucca e denunce.

    Rispondi

  • marirhugo

    29 Novembre @ 19.53

    jhonatan swift proponeva ai poveri di fare tanti figli per poi mangiarseli come rimedio al problema della loro fame. Tutti belli e biondi. Problema risolto per genitori e figli. Il compagno Jhonatan swift. Se e' vero che iren taglie l'acqua ai morosi, per me e' roba da codice penale,

    Rispondi

  • Vercingetorige

    29 Novembre @ 19.48

    DOVREBBERO ANDARE A MANIFESTARE ANCHE DAVANTI AL COMUNE , perchè , attualmente , il Comune di Parma è comproprietario di IREN , della quale ha un pacchetto azionario , ma ha in programma, nel 2015, di vendere le sue azioni a privati , quindi esattamente il contrario di un "ritorno al pubblico della società che gestisce acqua , luce e gas".

    Rispondi

  • Miky

    29 Novembre @ 18.43

    @Paolo non è questione di apertura o chiusura mentale,la mia era una battuta ironica. Poichè in parecchi casi simili viene sempre richiamato l' autorità dello stato per gestire un pò tutto, come appunto accadeva nei vecchi stati dell'est. In ogni caso anche se i comuni riprendessero in mano i servizi energetici e idrici come richiesto dai manifestanti non sarebbero sicuramente gratuiti e le bollette andrebbero pagate comunque.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Elvis

PARMA

"Bravo cantante di ballate, ricordiamolo". Ma era Elvis... Fra storia e musica: video

Spring party al Colle San Giuseppe. Chi c'era: le foto

pgn

Spring party al Colle San Giuseppe. Chi c'era: le foto

La casa degli Animals

IL DISCO

La casa degli Animals Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

È iniziata la crisi di social e influencer?

EDITORIALE

È iniziata la crisi di social e influencer?

di Patrizia Ginepri

4commenti

Lealtrenotizie

Testimonianza

«Mio padre sparito nel nulla, mia madre malata. E nessun aiuto»

OSPEDALE

Un nuovo Centro oncologico per il Maggiore

WEEKEND

Tra spalla cruda, vinili e.. la caccia ai tesori di Parma: l'agenda di oggi

DOCUFILM

Finalmente il «mat» Sicuri arriva sul grande schermo

Assemblea

Avis, donatori ancora in calo ma crescono gli iscritti

PARCO DEI POETI

La Festa della bicicletta debutta e fa il pieno

SU SKY

Grignaffini giudice speciale di Masterchef

VOLARE

Fabio Ferrari, il «maestro» del parapendio

LUTTO

Addio a Josè Rossi, il suo spirito manca già nel Montanara

i like parma

Giornate di primavera: tutti a caccia di tesori nella città-museo Foto

PARMA

Incendio in una palazzina a Porporano  Video

CINEMA

"Ricordi?": Luca Marinelli, Linda Caridi e il regista Valerio Mieli si "confessano" al pubblico Video

Intervista di Filiberto Molossi nella redazione della Gazzetta di Parma

PARMA

Torna la domenica ecologica: limitazioni al traffico entro l'anello della tangenziale Mappa

Limitazioni domenica 24 marzo, dalle 8.30 alle 18.30

Il ricordo

Riccardo Bertoli: il dolore dei commercianti e degli amici

varsi

Incidente nel bosco: grave un motociclista 75enne Il video del Soccorso alpino

Teatro Regio

Ecco chi c'era alla prima del "Barbiere di Siviglia" Fotogallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

CORSIVO

"Cara mamma, non è giusto"

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Parma 2020: l'Ateneo e il futuro della città

di Nicola Occhiocupo

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Incidente a Rimini: bimbo di tre mesi muore in ospedale

NORVEGIA

Nave da crociera in avaria: 1.300 persone da evacuare nel mare in tempesta

SPORT

Nazionale

Qualificazioni europee: l'Italia batte la Finlandia (2-0) con i gol di Barella e Kean

scherma paralimpica

Bebe Vio centra la vittoria numero 21 in Coppa del Mondo

SOCIETA'

VELLUTO ROSSO

Il "Barbiere", un Amleto "take away" e proposte "impertinenti" Video

bassa reggiana

Accusa un pirata della strada ma era caduta da sola: casalinga denunciata

MOTORI

ANTEPRIMA

La Porsche Cayenne diventa Coupé Foto

MOTORI

Techroad: Dacia si veste di rosso (e costa solo 3 euro al giorno)