12°

25°

INCONTRO

Coppie di fatto: al via i contratti di convivenza

Accordi per tutelare i diritti di chi ha scelto di stare insieme senza sposarsi

Coppie di fatto: al via i contratti di convivenza
Ricevi gratis le news
2

 

Enrico Gotti
 Sui diritti civili, i politici sono stati sorpassati dai notai. In attesa che il parlamento approvi una legge ad hoc, hanno creato i «contratti di convivenza»: accordi che mettono per iscritto i diritti delle coppie e famiglie di fatto. 
Ieri l’ordine dei notai di Parma ha presentato la novità in un incontro pubblico, nella propria sede di piazzale Sant’Apollonia. 
Secondo i dati dell’Istat del 2011, i conviventi sono un milione, fra coppie gay ed eterosessuali. 
Sono raddoppiati rispetto a quattro anni prima, quando erano 500.000. «L’Italia è uno degli ultimi paesi d’Europa a non avere norme che tutelino i conviventi. C’è un vuoto normativo. Al di fuori del matrimonio è come se si fosse degli estranei. - dichiara il notaio Rossana Figlioli - Negli altri Paesi ci sono invece le unioni civili e i matrimoni fra persone dello stesso sesso».
 «Attualmente i conviventi non ottengono dei diritti, se non davanti al giudice. Non esistono norme di legge per chi sta insieme, magari per anni, e non è sposato», afferma il collega Alfredo D’Antonio. 
Un esempio pratico? Lo indica un signore in platea, sulla cinquantina: «In ospedale, per avere un’informazione sulla mia compagna ho dovuto dire alla caposala che eravamo marito e moglie. È andato tutto liscio, ma continueremo spudoratamente a mentire?». 
 Ma i disagi non riguardano solo i referti medici negati e l’assistenza al compagno, ma anche le questioni economiche, la gestione del patrimonio, che spesso sfocia in liti per l’eredità. 
«Come notai – dice D’Antonio – cerchiamo di anticipare, abbiamo l’obiettivo di trovare un punto di equilibrio fra esigenze contrapposte». 
I contratti fra conviventi servono per disciplinare aspetti patrimoniali, per mettere nero su bianco diritti e doveri, sull’abitazione, sul mantenimento e sull’assistenza del convivente in caso di malattia, sulla proprietà dei beni. 
Da domani, tutti gli studi notarli inizieranno a stipularli. «Un riconoscimento formale da parte dello Stato manca del tutto», afferma il notaio Federico Spotti. In passato ci fu la proposta di legge sui DICO, che riconosceva diritti di lavoro e di successioni alle coppie di fatto, comprese le unioni omosessuali. Ma il tentativo naufragò con la caduta del governo Prodi, che l’aveva avviato. «Ci sono tante altre proposte depositate in parlamento, però nel frattempo cosa si può fare? – chiede Spotti - Il legislatore è molto lento, però i problemi esistono oggi. I contratti di convivenza rispondono a tante cose, ma non a tutte le mancanze del legislatore».  
Enrico Gotti

Sui diritti civili, i politici sono stati sorpassati dai notai. In attesa che il parlamento approvi una legge ad hoc, hanno creato i «contratti di convivenza»: accordi che mettono per iscritto i diritti delle coppie e famiglie di fatto. Ieri l’ordine dei notai di Parma ha presentato la novità in un incontro pubblico, nella propria sede di piazzale Sant’Apollonia. Secondo i dati dell’Istat del 2011, i conviventi sono un milione, fra coppie gay ed eterosessuali. Sono raddoppiati rispetto a quattro anni prima, quando erano 500.000.
«L’Italia è uno degli ultimi paesi d’Europa a non avere norme che tutelino i conviventi. C’è un vuoto normativo. Al di fuori del matrimonio è come se si fosse degli estranei. - dichiara il notaio Rossana Figlioli - Negli altri Paesi ci sono invece le unioni civili e i matrimoni fra persone dello stesso sesso». «Attualmente i conviventi non ottengono dei diritti, se non davanti al giudice. Non esistono norme di legge per chi sta insieme, magari per anni, e non è sposato», afferma il collega Alfredo D’Antonio. Un esempio pratico? Lo indica un signore in platea, sulla cinquantina: «In ospedale, per avere un’informazione sulla mia compagna ho dovuto dire alla caposala che eravamo marito e moglie. È andato tutto liscio, ma continueremo spudoratamente a mentire?».  Ma i disagi non riguardano solo i referti medici negati e l’assistenza al compagno, ma anche le questioni economiche, la gestione del patrimonio, che spesso sfocia in liti per l’eredità. «Come notai – dice D’Antonio – cerchiamo di anticipare, abbiamo l’obiettivo di trovare un punto di equilibrio fra esigenze contrapposte». 
I contratti fra conviventi servono per disciplinare aspetti patrimoniali, per mettere nero su bianco diritti e doveri, sull’abitazione, sul mantenimento e sull’assistenza del convivente in caso di malattia, sulla proprietà dei beni. Da domani, tutti gli studi notarli inizieranno a stipularli. «Un riconoscimento formale da parte dello Stato manca del tutto», afferma il notaio Federico Spotti. In passato ci fu la proposta di legge sui DICO, che riconosceva diritti di lavoro e di successioni alle coppie di fatto, comprese le unioni omosessuali. Ma il tentativo naufragò con la caduta del governo Prodi, che l’aveva avviato. «Ci sono tante altre proposte depositate in parlamento, però nel frattempo cosa si può fare? – chiede Spotti - Il legislatore è molto lento, però i problemi esistono oggi. I contratti di convivenza rispondono a tante cose, ma non a tutte le mancanze del legislatore».  




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    02 Dicembre @ 09.28

    bene tutelate i diritti, ma di doveri in questi casi non se ne sente mai parlate. In questi casi io non capisco mai cosa pretendano queste persone, qualcuno me lo può spiegare? perché da come la capisco io, queste persone vogliono i diritti di chi è coniugato ( aspetti di eredità, pensione di reversibilità, etc. etc.) ma i doveri? Se mi dicono che accettano anche i doveri non capisco cosa li trattenga dallo sposarsi in forma civile ( per chi può farlo in Italia, ovvero coppie eterosessuali), è un semplice contratto, e spendono meno che ad andare dal notaio .

    Rispondi

  • Biffo

    02 Dicembre @ 03.40

    Adesso lo sentite, notai eretici e laicisti, il vescovo Solmi! Anatema e scomunica su di voi, servi di Satana!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attrice denuncia Luc Besson per stupro, lui nega ogni accusa

cinema

Attrice denuncia Luc Besson per stupro, lui nega ogni accusa

«Ballando con le stelle 2018»: i vincitori sono Cesare Bocci e Alessandra Tripoli

televisione

«Ballando con le stelle 2018», vincono Cesare Bocci e Alessandra Tripoli

"Facce da tifosi": foto dalla lunga notte della promozione

CALCIO

"Facce da tifosi": foto dalla lunga notte della promozione 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'auto del futuro? Anche diesel: l'Euro6d è pulito. Ma il parco italiano è vecchio

UNRAE

L'auto del futuro? Anche diesel: l'Euro6d è pulito. Ma il parco italiano è vecchio

Lealtrenotizie

Lite fra sudamericani finisce con denuncia

carabinieri

Lite in via Europa: accoltellato un 21enne dominicano

2commenti

CALCIO

A Iacoponi e D'Aversa i voti più alti

12 tg parma

Rapido peggioramento del tempo nelle prossime ore Video

truffa

Si spaccia per poliziotto e finge la vendita di uno smartphone: denunciato un 57enne

Frosinone-Foggia

Non solo Floriano: guardate la parata di Noppert al 91'

Ricordo

La Corsa di Tommy e Marco Federici Gallery: chi c'era - Video

festa

"BentornAto in A": esplode la gioia sui social di tutto il mondo Gallery

WEEKEND

Una domenica tra Appennifest, vino e fattorie aperte: l'agenda

12 tg parma

Schianto, resta gravissimo il 42enne di Collecchio

LA FESTA

Una notte per salutare la A

Inchiesta

Scomparsi: 70 denunce a Parma nel 2017

FIDENZA

Addio a Umberto Zanella, una vita in viaggio

BUSSETO

L'addio all'avvocato Trabucchi sulle note di Verdi

Mostra

Parmigianino, ambasciatore di Parma a Praga

AVEVA 57 ANNI

Se n'è andato Giovanni Molossi

GAZZAFUN

Ma qual è il castello più bello della provincia? Vota subito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Non solo calcio. Così Parma in tre anni ha vinto tutto

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Ristorante da Giovanni», una tappa-culto per gourmet e appassionati

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Anniversario

Terremoto: 6 anni fa la prima scossa che ha ferito l'Emilia Foto

chieti

Lancia la figlia da un ponte A14 e minaccia il suicidio

2commenti

SPORT

MOTOGP

Francia; trionfo Marquez, poi Petrucci e Rossi

CALCIO

Dai crac a un triplete mai visto: foto-storia del Parma 

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, quel “Libro” da scoprire Video

usa

Ex modella di Playboy si getta dal 25/mo piano con il figlio di 7 anni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuovo Vw Touareg, il Suv supertecnologico Foto

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più