17°

28°

Parma

Pezzoni: «Crisi dura ma ce la faremo»

Pezzoni: «Crisi dura ma ce la faremo»
Ricevi gratis le news
2

"Quando usciremo dal tunnel nulla sarà più come prima".  Parole del presidente dell'Unione parmense industriali, Daniele Pezzoni, che aggiunge: "Gli industriali sapranno reagire e rilanciare la capacità produttiva e di reddito delle loro imprese". E' una parte dell'analisi contenuta nell'intervista pubblicata oggi sulla Gazzetta di Parma e realizzata dal nostro direttore Giuliano Molossi: eccone alcuni stralci.

Giuliano Molossi

Presidente Pezzoni, Confindustria ha ottenuto dal governo un fondo di garanzia statale di 1,5 miliardi di euro sui prestiti alle piccole e medie imprese. Lei ritiene che si tratti di un provvedimento sufficiente a fronteggiare la crisi?

L’iniziativa del Governo rappresenta sicuramente un contributo utile che va nella giusta direzione. Cioè quella di dare un sostegno al sistema delle piccole e medie imprese che sono sicuramente le più toccate dalle difficoltà creditizie che si sono manifestate con la crisi delle economie mondiali. E’ peraltro evidente che questo provvedimento, come gli altri che si stanno adottando a livello nazionale ed internazionale, non è da solo sufficiente a fronteggiare la crisi. Tuttavia, pur essendo auspicabile il reperimento di altre risorse da destinare a questo scopo che appare assolutamente prioritario, non si può non considerare che questa e le altre scelte che il Governo sta facendo per sostenere l’economia daranno sicuramente, se attuate in modo tempestivo, un utile contributo ad attenuare l’impatto delle gravi difficoltà che le aziende si trovano ad affrontare. (...)

A suo giudizio, quanto durerà questa crisi? Quando potremo intravedere i primi segnali di ripresa?

Caro direttore, è difficile rispondere a questa domanda, che presuppone a dir poco qualità profetiche. Alcuni segnali registrati in questo periodo da primari istituti di ricerca nazionali, quali il Censis o l’Istat, fanno intravedere primi timidi sintomi di ripresa della domanda e dunque dell’attività dell’impresa. E’ sicuramente possibile e, forse, potrei spingermi a dire probabile che, superata la fase più dura del crollo dei mercati, che durerà presumibilmente fino a giugno, a partire dai mesi di settembre/ottobre il ciclo economico dovrebbe riprendere tono e vitalità almeno in aree geografiche quali il Nord America e l’Estremo oriente con auspicabili benefici per il nostro Paese.

La crisi si è fatta sentire anche a Parma, sia pure in misura minore che in altre parti d'Italia. Ma anche da noi alcune importanti aziende stanno attraversando un periodo nero e l'export è in forte calo, con la sola eccezione dell'alimentare. E' grazie al settore alimentare che Parma non affonda?

Il ruolo del settore alimentare, date le sue caratteristiche anticicliche, è sicuramente molto importante per contrastare la tendenza alla stasi produttiva conseguente al crollo della domanda di beni durevoli. Va peraltro osservato che anche altri settori quali, ad esempio, il farmaceutico segnano andamenti assolutamente stabili e in alcuni casi in crescita grazie alla capacità di ricerca e agli investimenti operati negli anni scorsi dagli industriali del settore. L’industria parmense si è storicamente caratterizzata per la solidità del proprio radicamento sul mercato e questo in tutti i settori. Sono certo che anche in questo momento gli imprenditori di Parma sapranno reagire in modo efficace alle molte sfide che la crisi pone loro per rilanciare la capacità produttiva e di reddito delle imprese.

Qual è il suo parere sul pacchetto anti-crisi varato dal Comune di Parma?

Le iniziative del Comune di Parma vanno sicuramente nella giusta direzione e rispondono alla duplice esigenza di cercare di sostenere il reddito e di limitare i disagi dei cittadini a vantaggio delle loro condizioni di vita individuali e della stabilità del nostro mercato interno locale. Allo stesso modo le forme di semplificazione e di incentivazione poste in essere a vantaggio del settore edile potranno dare un utile contributo alla ripresa di un comparto che, come abbiamo già sopra citato, sta registrando una situazione di stasi. Credo poi che se alcune scelte infrastrutturali quali la metropolitana saranno portate avanti con la necessaria coerenza e determinazione, posto il consistente sostegno che proviene dal Governo, la vitalità nel comparto edile potrà segnare una rapida ripresa, con indubbi benefici effetti e ricadute su tutta la nostra economia provinciale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • abrate gianpiero

    12 Giugno @ 01.58

    Porte aperte il 22.06.2009. Grazie di tutto. Tutto sommato l' Italia e' molto bella ed io stò bene nel mio paese ove sono il volano della sua economia.

    Rispondi

  • abrate gianpiero

    11 Aprile @ 10.02

    Dopo una analisi dell' economia italiana con l' attuale congiuntura internazionale credo chè una attuale propensione al risparmio , chè viene assorbita massicciamente nell' immobiliare , non sia più necessaria ed sè le esportazioni tengono hà ceduto il mercato interno ; pertanto il pil credo chè fino al 2011 non crescerà sopra la deflazione od stagflazione.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

57 annunci di lavoro

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

calcio

Riecco Ciciretti

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

MONTAGNA

Soccorso Alpino attivato nella zona del Lagastrello per soccorrere una persona ferita

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

4commenti

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

3commenti

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

ITALIA/MONDO

ROMA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPAM

Porno-ricatto via e-mail: allarme (e consigli) della polizia postale

SPORT

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

SOCIETA'

McDonald’s

Il Big Mac compie 50 anni: nacque dall'idea di un italoamericano

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

5commenti

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design