13°

25°

Parma

"Una medaglia d'oro e una via per il partigiano Facio". Fucilato dai partigiani

"Una medaglia d'oro e una via per il partigiano Facio". Fucilato dai partigiani
Ricevi gratis le news
10

Una medaglia d'oro per il partigiano Facio. L'intitolazione a Facio di almeno due luoghi pubblici, uno in città e uno in provincia. E la nomina di Facio come personaggio del prossimo 25 aprile.
Ecco le richieste del comitato che sta portando avanti un'azione a favore del comandante partigiano ucciso dai suoi stessi compagni nel 1944. Secondo la prima versione dei fatti, Dante Castellucci (nome di battaglia «Facio») fu ucciso in un'azione di guerra. Dopo la guerra a Facio, che era comandante del battaglione Guido Picelli della 12° brigata Garibaldi, fu riconosciuta una medaglia d'argento alla memoria. In seguito però è stato appurato che la sua morte è avvenuta in circostanze ben diverse: i suoi compagni di battaglia comunisti lo hanno (ingiustamente) accusato di aver sottratto materiale dei lanci degli Alleati e hanno deciso per la sua fucilazione. Esecuzione avvenuta nel 1944 vicino a un cimitero.
A Parma si è formato un comitato che vuole ottenere dallo Stato la medaglia d'oro (e non più d'argento) alla memoria del comandante partigiano. In più, il comitato chiede al sindaco Pietro Vignali e al presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli che a Facio siano intitolati luoghi pubblici in città e in provincia. I membri del comitato inoltre chiedono inoltre che il prossimo 25 aprile, festa della Liberazione, a Parma sia dedicato a Facio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    23 Aprile @ 16.50

    Caro Signor Matteo, gli unici che dovrebbero solo stare zitti, e vergognarsi, sono i nostalgici del nazifascismo. Si dà il caso che io mi interessi di Storia , e di Storia di Parma in particolare, per cui , in questa materia , non sono più "incosapevole" di quanto lo sia Lei. Che, col pretesto della Guerra Partigiana e della Liberazione, siano stati compiuti molti delitti , l' abbiamo sempre saputo, senza bisogno di aspettare qualche "voltagabbana" , che, prima, ha fatto carriera accreditandosi come "intellettuale di Sinistra", e , poi, quando è cambiato il vento, si è "rivoltato la giacchetta". C' è stata la scia di delitti del "triangolo rosso" . Altri sono avvenuti nel Milanese (la "volante rossa") , altri in Veneto. E' stato proprio un ex Capo Partigiano Comunista reggiano, Otello Montanari, a chiedere che fosse fatta chiarezza su queste cose, col suo famoso appello "chi sa, parli !" , che ha preceduto di molto , ed in tempi non sospetti , i "voltagabbana". I morti, egregio Signor Matteo, non si calcolano "al chilo". Anche la perdita di una sola vita umana è un dramma. Però , volendo fare uno sciagurato bilancio di questo genere , le sanguinarie infamie dei nazifascisti superano di gran lunga i delitti di sedicenti partigiani, che, pure, ci sono stati. Le ripeto : nessun Reparto Partigiano si è macchiato di crimini come quelli di Marzabotto , di Sant' Anna di Stazzema, e tanti altri di cui, purtroppo, potrà trovare le dolenti tracce in ogni parte d' Italia . Che la Patria Italiana stesse dalla parte dei Partigiani e degli Alleati , e non certo da quella di Hitler e dei bambocci nelle sue mani, è tanto acquisito ed incontestabile che lo ha ripetutamente detto nientepopodimeno che Fini ! E' grazie al sacrificio dei Partigiani , e degli Alleati Angloamericani, che Lei oggi si può permettere di dire quello che dice.

    Rispondi

  • adriano

    22 Aprile @ 12.10

    Esatto sig. Matteo, il libro di Pansa IL SANGUE DEI VINTI, dice esattamente quella verità che nessuno intende ascoltare. Di questi vinti qualcuno della mia famiglia si trova al cimitero esattamente dove porterò i fiori il 25 aprile.

    Rispondi

  • Matteo

    22 Aprile @ 11.25

    x l'evidente inconsapevolezza di Francesco: l'inconsapevolezza non è un reato ma diventa pericolosa quando sta alla base di asserzioni false e fuorvianti. Non a caso ho chiesto se si conoscesse la storia dei fratelli Govoni (e la storia in generale, visto che dalla tua "digressione" appare un revisionismo piuttosto "artigianale"). Non mi dilungo oltre e paso la parola ai fatti, visto che non sono interessato a correggere i tuoi vistosi errori dovuti sicuramente alla foga. Sintetizzo: i fratelli Govoni erano (guarda caso) in 7, 5 maschi e 2 femmine. Di questi 5 maschi 3 aderirono quali volontari all'esercito della Repubblica Sociale e si scontrarono con i Partigiani. Vennero trucidati, fatti a pezzi e bruciati. L'impeto partigiano si rivolse contro i restanti 2 maschietti (1 ragazzo ed 1 bambino) uccidendoli con la semplice accusa di essere parte della famiglia. Sai gentile Francesco cosa accadde alle ragazze? Furono violentate e uccise, ma a quella delle due che era incinta prima di ucciderla venne, come tu prontamente hai negato, estirpato il feto dalla pancia e calpestato davanti ai suoi occhi mentre, inevitabilmente, lei moriva. La cruenza del dettaglio è necessaria per far capire a chi come Francesco, dovrebbe solo stare zitto.

    Rispondi

  • Francesco

    22 Aprile @ 10.43

    La "guerra civile" in Italia , dal 1943 al 1945 , è stata "fortemente voluta" dai Fascisti , che hanno tradito il nostro Paese mettendosi al servizio di un governo-fantoccio , guidato da Hitler per interposta persona. Che sedicenti Partigiani si siano macchiati di delitti è vero . Qui a Parma l' abbiamo sempre saputo. Però nessun Reparto Partigiano si è mai macchiato di infami atrocità come Marzabotto , Sant' Anna di Stazzema ed innumerevoli altre. Nessun Partigiano ha mai tirato bambini in aria per farci il tiro "al piattello" , come hanno fatto i nazifascisti a Marzabotto. Nessun Partigiano ha mai ucciso una giovane donna incinta aprendole la pancia (da viva !) con un coltello , e facendole cadere il feto per terra davanti agli occhi prima di morire , come hanno fatto i nazifascisti a Sant' Anna di Stazzema. Comunque , stiano tranquilli , quelli che parlano grazie alla Libertà che i Partigiani hanno contribuito a dar loro. Come dice un decano dei giornalisti italiani, ex partigiano , Giorgio Bocca, il Fascismo, in Italia, non è mai finito ! Andando avanti così, in Italia , fra poco , invece di festeggiare il 25 Aprile ed il 1 Maggio , torneremo a festeggiare i Natali di Roma !

    Rispondi

  • ososita

    22 Aprile @ 10.32

    Grazie, ora mi è più chiara la storia delle medaglie. Cmq in effetti una bella cura di revisione andrebbe fatta, ha ragione matteo.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutte le foto del  royal baby

fotogallery

Tutte le foto del royal baby

Silvia Olari furto tablet

Foto d'archivio

REGGIO EMILIA

Silvia Olari su Fb: "Mi hanno rubato il tablet". E i Carabinieri lo rintracciano subito

3commenti

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

5commenti

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

INTERVISTA

Baronchelli e Bugno, ciclisti-bersaglieri

Serie B

L'Empoli strapazza il Frosinone, il Parma resta al secondo posto

Lucarelli esorta tutti su Fb: "Non esiste sconfitta nel cuore di chi lotta"

1commento

MEMORIA

I luoghi della Resistenza a Parma

TERREMOTO

Il Bardigiano trema: 7 scosse in un'ora

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Varese

L'omicidio di Lidia Macchi: ergastolo per Stefano Binda

FRANCIA

Corruzione: in stato di fermo il finanziere Vincent Bolloré

SPORT

RUGBY

Zebre: pullman per i tifosi sabato a Treviso

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

INTERVISTA

Pin-up e "mister barba", parla la modella: "Ecco come ho creato il servizio fotografico" Video

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover