20°

31°

DOPO IL DOPPIO INVESTIMENTO

Viale Piacenza, quei 50 metri da paura

I residenti: "Attraversamenti non segnalati e troppa velocità". E poi c'è la "solita" rotatoria con atterraggio a casa Bonassi

Viale Piacenza, quei 50 metri da paura
Ricevi gratis le news
3
Il giorno dopo il sangue sull'asfalto è quasi un'ombra. Ma un'ombra che non si è cancellata. E non si cancella dalla mente di chi oggi - come ieri, come tante volte nelle settimane che si rincorrono in un anno - attraversa viale Piacenza. Li raccontano come 50 metri "da paura", i residenti. Cinquanta metri che si srotolano dalle strisce pedonali su cui ieri pomeriggio sono state travolte due donne, ricoverate in gravissime condizioni al Maggiore,  fino alla rotatoria maledetta: quella dove già 18 auto - l'ultima 20 giorni fa - hanno spiccato il volo per atterrare sul prato - quando va bene - o nelle vetrine - quando va male - dell'arredo bagno Bonassi. In mezzo - in realtà quasi attaccato alla rotatoria - un secondo attraversamento pedonale, questa volta rialzato e dotato di segnaletica verticale, proprio di fronte all'istituto superiore. 
"Gli automobilisti vanno molto forte e il primo attraversamento in effetti è mal segnalato: non c'è nessuna segnaletica verticale e da lontano non lo vedono", racconta Fernanda Leporati. "Anche nelle giornate di sole rimane in ombra e non si vede - le fa eco Antonella Ferrari - . E' un peccato perchè è molto comodo: chi abita dall'altra parte del parco arriva direttamente e passa dall'altra parte per raggiungere i negozi. Certo, le auto vanno a forte velocità e non rallentano, anche se la rotatoria è vicina". "Ci vuole una grande attenzione da parte di tutti - ammette Edda Magnani, la bici a fianco e in procinto di attraversare la strada - Ma se fosse rialzato sarebbe diverso".
E poi c'è l'altra parte del problema viale Piacenza, quella rotatoria 50 metri dopo. "Da quando hanno tolto il semaforo e messo la rotatoria è un disastro - raccontano Gianfranco e Luca Bonassi, padre e figlio al lavoro nel negozio di arredo bagno che ha già ricevuto parecchie visite motorizzate. "La colpa è ovviamente la velocità, e spesso di notte l'ubriachezza, ma non si può non intervenire- si sfogano - . Siamo stati ripetutamente in Comune e a sollecitare i dossi. Ci hanno risposto che erano antiestetici e un anno e mezzo fa il sindaco e un assessore sono venuti a fare un sopralluogo. Ci hanno proposto dei vasconi "dissuasori" sul marciapiede, chiedendoci in cambio di curare il verde. Noi abbiamo accettato, ma poi ci hanno fatto sapere che non c'erano soldi per acquistarli". E tutte le volte - ammettono - pensano a quelle auto impazzite, all'affollata uscita da scuola degli studenti, alle signore che vanno al supermercato E alla possibilità che prima o poi su quel marciapiede stia passando qualcuno. Di incolpevole. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciolina

    22 Gennaio @ 09.14

    Gente, sveglia però! Negli ultimi 30 anni è aumentato il volume di traffico (di tutti i mezzi) e cosa hanno fatto le amministrazioni? Hanno ristretto le strade, fatto piste ciclabili CHE NON VENGONO MAI USATE per le scuse più stupide (sì perché i ciclisti di PR pretendono di correre senza mai fermarsi per un attraversamento, un pedone, un tombino, una cacca di cane) e non sia mai che vengano multati e disciplinati come dio comanda. Poi abbiamo i pedoni, anche loro che camminano a naso per aria, magari con l'ipod che spara musica a tutto volume nelle orecchie, che spesso si lanciano in strada in attraversamenti azzardati pretendendo che le auto inchiodino all'istante. E infine gli automobilisti che devono stare attenti a 3000 cose contemporaneamente perché poi sono sempre loro i capri espiatori di ogni disgrazia stradale! Certo, con questo non dico che siano tutti guidatori provetti eh, tra anziani rincoglioniti, donnette troppo impegnate a chiacchierare, quelli al telefono, quelli che han paura ad andare per strada ma ciononostante invece del bus continuano a prendere la macchinina... Qua se non si fa qualcosa di drastico rischiamo di avere la città paralizzata! Tra quelli che "il blocco del traffico" quegli altri che "tutti ai 30" ecc. c'è da mettersi le mani nei capelli! Di certo ci vorrebbe più responsabilità da parte di chi usa le strada a prescindere dal mezzo. ma se le regole non le fai rispettare a tutti allora è inutile.

    Rispondi

  • fabio

    21 Gennaio @ 17.14

    Sono un' automobilista e percorro Viale Piacenza quotidianamente da 20 anni, se devo essere sincero la viabilità in città è molto peggiorata negli ultimi anni. Vuoi per girotonde veramente piccole e inutili (vedi Via Emilia Est), vuoi per un attraversamento ciclabile o pedonale ogni 50 metri. Viale Piacenza, come Barriera Repubblica ,Viale Fratti e Barriera Garibaldi sono molto pericolose per pedoni e ciclisti, per il grande traffico. La colpa non è solo degli automobilisti ma anche di ciclisti che attraversano a palla e pedoni che neanche guardano dove vanno.

    Rispondi

  • Francesco

    21 Gennaio @ 13.18

    C'è anche da dire che recentemente ci son sempre più pedoni che, confidando nell'attenzione degli automobilisti, attraversano completamente a caso senza neanche guardare a destra e a sinistra

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Iran-Spagna: la carica dei tifosi sugli spalti

mondiali 2018

Iran-Spagna: la carica dei tifosi sugli spalti Foto

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

ESAME

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Musica Pop anni '80: vota la tua preferita

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa

Foto d'archivio dal sito di Autocisa

AUTOSTRADE

Incidente mortale in Autocisa: operaio travolto e ucciso da un camion

Schianto

La tragedia di Paolo Superchi e l'attesa struggente della sua Saky

PARMA DEFERITO

Vogliono toglierci un sogno

5commenti

Monticelli

Truffa dello specchietto: nomade denunciato

PARMA

Incidente tra via Fleming e via Fermi, disagi al traffico

Auto in un fosso a Bezze di Torrile: un ferito

Lutto

Addio a Lino Morini, imprenditore nell'edilizia

PARMA

Massacro di via San Leonardo: Solomon in tribunale, udienza rinviata a luglio

IL CASO

Sala, piazza Gramsci non cambia nome

Disagi

Via Avogadro: dopo i ripetitori, ora anche il rumore

INTERVISTA

Le Moli e «Molto rumore per nulla»

BARDI

Le Poste risarciranno gli eredi dei derubati

PARMA

Oggi l'assemblea degli industriali al «Paganini»

Parma calcio

Carra: "La Serie A del Parma non può essere messa in discussione" Video

1commento

PARMA

Auto esce di strada e prende fuoco: un ferito grave in tangenziale Il video

12 TG PARMA

Parma calcio: cosa succederà ora e cosa rischia davvero

2commenti

PARMA

Incidente in via Burla: muore un motociclista 49enne

La vittima dell'incidente è Paolo Superchi

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dazi, i pericoli di una guerra commerciale globale

di Paolo Ferrandi

1commento

PGN

La canzone dell'estate 2018?

di Mara Varoli

ITALIA/MONDO

CAMPANIA

Lucravano sull'accoglienza dei migranti: 5 arresti a Benevento

1commento

esami

Maturità: è Aristotele l'autore scelto per la versione di greco

SPORT

CALCIO

"Tentato illecito", deferiti Calaiò e il Parma. La società: "Accusa sconcertante"

33commenti

Bellezze...mondiali

La Polonia ha perso, ma le sue tifose (sugli spalti) hanno vinto Gallery

SOCIETA'

Social Network

Instagram raggiunge un miliardo di utenti e sfida YouTube

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

MOTORI

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa

RESTYLING

La Mercedes Classe C fa il pieno. Di novità