12°

25°

Parma

Università: da Economia a Farmacia, fino a Psicologia, arriva il numero chiuso

Università: da Economia a Farmacia, fino a Psicologia, arriva il numero chiuso
Ricevi gratis le news
4

Diversi corsi di laurea triennale e di laurea specialistica diventano a numero chiuso. Altri corsi vengono riorganizzati. Da Economia a Farmacia, dalla laurea specialistica di Architettura fino a quella di Psicologia, il Senato accademico ha deciso numerose novità nell'organizzazione dei suoi corsi per l'anno 2009-2010.
Le novità dell'offerta formativa sono state illustrate dal rettore Gino Ferretti subito dopo la riunione del Senato accademico. L'elenco completo dei corsi e delle facoltà dell'Università di Parma è scaricabile in formato pdf in fondo a questo articolo. Bisogna tenere presente che cambiano i termini: la laurea triennale è chiamata «laurea», mentre la specialistica (che dura due anni) ora si chiama «laurea magistrale».

Dalla politica del numero chiuso si «salvavano» diversi corsi, che però da quest'anno vengono modificati. Diventa a numero chiuso la laurea triennale in Economia e Management: 840 posti. La laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia ha 160 posti, mentre quella in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (Ctf) ha 100 posti.
Ad Architettura la «specialistica» diventa a numero chiuso per 100 studenti. Ingegneria civile e ambientale avrà 200 posti e accorpa i corsi in ingegneria ambientale e in ingegneria civile. A Psicologia la laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche conterà 300 posti e la laurea magistrale avrà 120 posti. Nella facoltà di Medicina, il corso di laurea in Scienze motorie, sport e salute è disponibile per 230 studenti.
Sono decisioni che sicuramente faranno discutere, così come quelle sui corsi eliminati. Tecniche del Restauro resta come laurea triennale e come specialistica, invece è ad esaurimento il corso di laurea triennale in Scienze e Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali, anch’esso afferente alla Facoltà di Scienze MM.FF.NN.

Il corso di Economia dello Sviluppo nasce da una riorganizzazione di vari altri corsi triennali. A Lettere poi c'è una nuova «specialistica» in Scienze dell'Educazione, mentre a Farmacia vengono accorpati i corsi di Scienze erboristiche e di Informazione scientifica del farmaco.
Nessun problema per Scienze Politiche, assicura inoltre il rettore: chi ora è iscritto all'indirizzo Spami (ad orientamento economico) avrà garantito il relativo corso specialistico.
Per diverse modifiche serve l'approvazione del ministero ma questo è il quadro delle novità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marzio

    05 Maggio @ 18.45

    penso che non sia giusto proibire l' accesso a qualsiasi forma di studio con numeri chiusi. Ognuno deve decidere cosa vuol fare nella propria vita e non devono essere gli altri a decidere il tuo futuro . Chi arriva dai liceei ritengo sia giusto che abbino la facolta' di accedere in qualsiasi facolta' senza ulteriori prove visto che la scuola che hann intrapreso gli offre soo quelle speranze. E' da anni che dico che e' sbagliato , quando lo capiranno, siamo noi genitori che dobbiamo spingere su questo fronte e ribaltare le ingiustizie. Mi piacerebbe che qalche illustre mi rispondesse e sentire se tutti i suoi filgi sono a posto, col lavoro e avere qualche consiglio........................... Marzio

    Rispondi

  • ososita

    05 Maggio @ 17.32

    Io trovo che numero chiuso e obbligo di frequenza (x gli studenti non lavoratori) siano caratteristiche che tutte le università serie dovrebbero avere. L'accesso all'università non è un diritto da riconoscere universalmente a tutti, solo per il fatto di fare domanda (quanto meno, dovrebbe essere così per le uni. pubbliche!). Se uno ha la voglia e la capacità è giusto che vada avanti: supera i suoi bei test d'ingresso e via! Purtroppo oggi nessuno è più abituato alla selezione e alla meritocrazia. Numero chiuso significa persone più preparate e motivate, aule non sovraffollate al limite dell'inumano, maggiore possibilità di relazione tra studenti e prof. La selezione è giusto farla anche all'ingresso, dato che nel corso degli anni sono migliaia gli espedienti che permettono a cani e porci di restare. Infine l'obbligo di frequenza: obbliga sì gli studenti ad andare a lezione (invece che grattarsi tutto il giorno) ma soprattutto obbliga anche i professori a degnarsi di mettere piede in facoltà (e magari pure in aula). Chi dice che laurearsi oggi è facile dev'essere un pistolotto che non ha idea di come funzioni oggi la vita in ateneo e che ignora il progresso e l'aumento di argomenti e materie che oggi si trattano.

    Rispondi

  • antonella casoli

    05 Maggio @ 10.56

    IN QUALITà DI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA mi preme informare che l'articolo relativo all'università apparso oggi sulla gazzetta riporta un errore: la facoltà di scienze non attiverà nell'a.a. 2009/10 il corso di laurea triennale in TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO mentre sarà attivato il corso di laurea magistrale in SCIENZE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO. L'ARTICOLO DICE IL CONTRARIO

    Rispondi

  • JOD

    05 Maggio @ 10.46

    Buongiono, penso che non sia giusto impedire il diritto allo studio inserendo "numeri chiusi", credo che la soluzione sia rafforzare la ormai persa difficoltá degli esami dei vari corsi: ormai non é difficile e duro laurearsi. Tornare a quella "selezione naturale" che il biennio delle lauree quinquennali faceva; alla prima lezione del 1º anno il prof. ci disse: "guardate i due compagni ai vostri lati: prima alla fine dell'anno almeno uno di loro avrá abbandonato, cominciamo...". Ma ormai le Facoltá sono delle societá e se é dura laurerasi, ci sono poche iscrizioni/matricole...e quindi meno soldi che entrano. Fate voi, per me fa lo stesso, la mia laurea appesa al muro ce l'ho el a guardo con rispetto ed orgoglio. Buona gironata...di studio.

    Rispondi

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

Lealtrenotizie

Beve soda caustica: bambina di Bari salvata al Maggiore

Dieci anni

Beve soda caustica: bambina di Bari salvata al Maggiore

ALLUVIONE

La Procura replica all'attacco di Pizzarotti: «Parole scomposte»

reggio emilia

Cellullare rubato passa di mano, due denunciati anche a Montechiarugolo

Il furto nel 2016 nel Reggiano, ma telefono non viene ritrovato

intervento

Cade nel bosco mentre fa legna: soccorsi difficili a Bardi

Stazione

Chiude il piano dei senzatetto

Traversetolo

Ancora liquami nel Termina: è allarme

COMPLEANNO

La storia dell'Astra, 70 anni tra calcio e baseball

CARABINIERI

Sul ponte di Ragazzola con il rosso: pioggia di multe

COLORNO

Dopo l'incidente scappa: «inchiodato» dalle telecamere

Volanti

Nonnina terribile minaccia la vicina con la scopa: denunciata

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne Video

ARTE

"Il Terzo Giorno" porte aperte al Palazzo del Governatore Fotogallery

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

16commenti

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Termovalvole: se non si usa il riscaldamento si paga solo la quota fissa

di Mario Del Chicca*

1commento

ITALIA/MONDO

Mantova

Suicida a 15 anni per un brutto voto: "Non sono all'altezza"

Brescia

Bimbo di 4 anni muore investito dalla mamma

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

amsterdam

Ecco il primo supermarket senza plastica Video

verde

L’hobby del gardening conquista sempre di più

MOTORI

MOTORI

Audi e le altre: la Design week a quattro ruote

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti