10°

28°

Parma

Circonvallazione: emergenza pedoni - I lettori: "Più controlli e dossi". "Punire anche chi non attraversa sulle strisce"

Circonvallazione: emergenza pedoni - I lettori: "Più controlli e dossi". "Punire anche chi non attraversa sulle strisce"
Ricevi gratis le news
42

LA CRONACA DI IERI - Un uomo è stato investito da un'auto in viale Fratti mentre attraversava la strada. L'auto ha percorso un breve tratto con l'uomo sopra al cofano, che poi è caduto.
L'incidente è avvenuto questa mattina. La dinamica dell'accaduto sarà chiarita dalla Polizia municipale. L'uomo, che nella vita fa il personal trainer, stava passando sulla carreggiata quando è stato centrato da una Lancia Ipsilon con a bordo un 60enne e la moglie. L'automobilista si è trovato l'investito sul cofano e, pur fermandosi subito, ha percorso un breve tratto con l'uomo sull'auto. L'investito è stato soccorso dal personale di un'ambulanza. Le sue ferite non sono gravi.
Traffico in tilt per circa un'ora, fra le 10,30 e le 11,30.

L'EMERGENZA PEDONI - Dalle cronache rimbalza an­che una mappa delle strade più a rischio, dove il popolo su quattro ruote quasi mai resiste alla ten­tazione di pigiare sull'accelera­tore e addio limite dei cinquan­ta. Vedi i viali della circonval­lazione dove il marciapiedi op­posto diventa un miraggio per chi deve arrivarci con le sue gam­be. In quest'ultimo periodo, al­meno due vie si sono guadagnate il bollino rosso della pericolosi­tà: una è via Montebello, dove nell'arco di tre giorni sono state travolte due donne (una è l'an­ziana urtata da un'auto in re­tromarcia, finita in rianimazio­ne).
  Viale Fratti non è da meno e qui siamo alla cronaca di ieri. Proprio il punto davanti al Duc, dopo la curva, con tanto di stri­sce pedonali, è quello dove or­mai lo stillicidio di pedoni è im­pressionante. Ieri mattina, in viale Fratti è schizzata l'ennesi­ma ambulanza per soccorrerne uno. «Stamattina alle 8 c'è stato un altro investimento, meno grave. E ieri sera un altro an­cora », chiosava un testimone oculare, esasperato. Anche la rabbia di chi vive e lavora in via Montebello si fa sentire. Traffico che sfreccia a gran velocità, spe­cie di sera. Sensi unici che nes­suno rispetta, strisce pedonali che non servono a nulla, un pe­ricoloso restringimento della carreggiata.
  Ma perché quest'impennata terrorizzante di pedoni-birilli?
  «Il primo problema riflette il comandante della polizia muni­cipale, Giovanni Jacobazzi è senz'altro il volume di traffico notevolmente aumentato in una città che non è certo Manhattan. Ciò è collegato all'aumento com­plessivo degli incidenti stradali: nel 2008 ne abbiamo rilevati più di mille, un dato elevatissimo. La verità è che la gente corre trop­po. E diventa fondamentale l'at­tività repressiva verso chi mette in pericolo la vita degli altri, in questo caso i pedoni».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pier luigi

    09 Maggio @ 12.21

    giusto quanto scritto da francesco ore 11.30 del 8.05.09, per quanto riguarda fabio delle ore 11.34 stesso giorno, anziche inviare raccomandate recatevi presso la sede del vostro quartiere e contattate i vostri 'rappresentanti' esponendo i problemi di vario tipo non possono decidere ma se le proposte partono dai quartieri forse sono recepite meglio dal comune. . la partecipazione è questa e non scrivere iin questo spazio in quanto lo stesso rimane in un tempo limitato e a volte non si ha il tempo di leggerlo tutto!

    Rispondi

  • Mary

    09 Maggio @ 01.38

    ah ma poi a proposito,li ho visti anch'io quelli che guidano l'auto o la bici parlando al cell,ma quelli sì che sono causa di incidenti e van multati,pericolosì per sè e per gli altri,io sono stata investita in bici da uno in bici contromano sul marciapiede,veloce e che parlava al cell.mi sono spelata e caduta ma fatta niente,però gli avrei tirato dietro la bici.io non ce la farei nemmeno ad andare in bici e tenere cell,e in auto men che meno.perchè fare acrobazie,non è meglio fermarsi per la conversazione al tel,anzichè mandare all'altro mondo qualcuno ancora sano e intatto?perchè vivere sul filo del rasoio?perchè il mondo è così in bilico,sempre piu'trafficato e sempre piu'distanti dalla propria natura?mi auguro e auguro che cambi

    Rispondi

  • Mary

    09 Maggio @ 01.33

    Sì ,la gente corre troppo,e tutta,anche a piedi! Negli ultimi anni il fenomeno è aumentato.tutti di fretta,e per arrivare dove o a cosa?perchè non è sempre verso il lavoro la meta o ad appuntamenti improrogabili.è piu'un atteggiamento di arroganza.avete mai provato ad andare in via cavour,o via garibaldi nelle ore di punta?intanto in via garibaldi in alcuni tratti prospicienti le fermate bus affollate,spec.di fronte al Regio dal lato opposto,se non si scende nella sede stradale non si passa perchè i marciapiedi sono stretti.non si contesta la fretta,ma soprattutto la scarsa attenzione,considerazione,precedenza data agli altri,al prossimo altrui. addiritura c'è il rischio di scontro a piedi,perchè tante persone tagliano la strada agli altri e sia in bici che a piedi,di corsa.si può punire chi corre in auto,ma a piedi è assurdo porre limiti di velocità e idem bici.anche se le precedenze è obbligatorio rispettarle per tutti,e idem sensi unici.ma quella di multare chi non attraversa sulle strisce è na grossa strunzata,e spec.perchè: si rischia la vita anche sulle strisce!!! le macchine che si fermano sono RARE.le persone gentili idem...eppure quando si prende la patente si studia che è obbligatorio fermarsi e lasciar passare.ma le strisce anche vanno ricolorate perchè sbiadite,così chi ci vede bene passa credendo siano visibili ma per gli autisti,distratti,frettolosi,non è così...e si finisce all'ospedale con una gamba rotta.speriamo di noo...facciamo le corna..andiamo tutti piu'piano e si vivrà anche meglio,piu'pacifici,sereni,meno stressati,e il tempo paradossalmente sarà anche di piu'perchè come dice un proverbio:presto e bene mai stati insieme. eppoi chi va piano va sano e va lontano.chi va forte va contro alla morte.sono luoghi comuni ma sempre veri e attuali.ciaoo

    Rispondi

  • anna

    08 Maggio @ 22.27

    Molti automobilisti dovrebbero ridare l'easme, ogni giorno mi scontro con gente che non rispetta le distaanze di sucurezza, corre molto come se in ogni momento della giornata ci fosse un treno da prendere..sorpassi in zone pericolose..ci vorrebbero le pattuglie in ogni luogo come in America ma non ferme ad aspettare il....POLLO ..ma a fare ronde..

    Rispondi

  • peterproud

    08 Maggio @ 22.07

    ai nuvolari in erba che scambiano le normali strade ,cittadine e non, per piste di formula 1 consiglerei di togliersi lo "sfizio" facendosi una mezz'ora all'autodromo di Varano Melegari con la speranza che si ribaltino senza danni personali e passino alla bici.................................o a piedi

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno