19°

31°

Parma

Brunetta: "Ecco la mia rivoluzione antifannulloni"

Brunetta: "Ecco la mia rivoluzione antifannulloni"
Ricevi gratis le news
0

di Roberto Longoni
Premiare i migliori, sanzionare i lavativi. Dovrebbe essere la regola, ma in un mondo a sé chiamato Italia - lo stivale che troppo spesso cammina all'indietro -  sembrava impossibile.  «E intanto si accumulavano ritardi, freni nella crescita. Fino a quando è stato possibile, siamo intervenuti a colpi di svalutazione competitiva. Ma poi, dal 1995,  rispetto al resto d'Europa abbiamo accumulato un gap nella crescita del 30-40 per cento».
E' come una febbre che taglia le gambe al sistema Italia: un male oscuro, che tanto oscuro non è, visto il gradimento riscosso da Renato Brunetta, il ministro antifannulloni (e premiavirtuosi). Un'ovazione gli dà il benvenuto a Palazzo Soragna: in ritardo di mezz'ora («se ci fossero i tornelli...» sorride qualcuno tra il pubblico) inseguito dagli impegni parmigiani, ma in sintonia con i tempi. «La mia  fortuna è di essere arrivato al momento giusto, sintonizzato con la rabbia della gente consapevole del costo di tutti i nostri “non funziona” dalla scuola all'università, dalla giustizia alla sanità. Senza questo consenso, non mi riuscirebbe ciò che sto facendo: troppe resistenze, troppi poteri forti contro». Il  ministro è  abile nel recuperare il tempo perduto. Apre con gli altri il «diario di bordo» di «Rivoluzione in corso» (Mondadori, 272 pagine), il libro di un anno alla guida del dicastero della Pubblica amministrazione.
      Ad accoglierlo, il presidente dell'Unione parmense industriali. «Da anni tutti lamentano i malfunzionamenti della pubblica amministrazione come fattori decisivi dell'arretratezza  del Paese - dice Daniele Pezzoni -. Ma c'era una sorta  di accettazione dello status quo. Renato Brunetta ha dimostrato che cambiare è possibile, se si hanno determinazione e obiettivi chiari». La burosaurocrazia, la si abbatte così, con azioni forti. Soprattutto nel modo di pensare. «Anche se il termine “rivoluzione” può sembrare una parolaccia per un riformista come Brunetta» dice Enrico Cisnetto. «Intuii che avrebbe avuto successo - prosegue l'editorialista  - durante un incontro a Cortina,  poco dopo il suo ingresso nel governo. Per lui la gente fece un tifo da stadio. Tuttavia, siamo sicuri che la cattiva burocrazia stia tramontando in Italia?»
      Nessun dubbio da parte del ministro: «Sta tramontando e con grande velocità». Ed ecco che torna in scena un 40 per cento: di assenze in meno dei dipendenti pubblici. «Parliamo della scuola? Già questo vuol dire 300 milioni di euro risparmiati in  supplenze. Seicento miliardi di lire» Ma qualcuno, come ricorda Cisnetto, ha provato a mettere i bastoni tra le ruote. «All'inizio me ne hanno dette di tutti i colori. La Cgil si è messa di traverso: e mal gliene incolse. Ma li capisco, il loro è un mestiere difficile. E poi metà degli iscritti sono pensionati, metà del pubblico impiego. Quelli che invece non sopporto sono i burocrati ministeriali, gente che guadagna anche 7-800 mila euro». Breve pausa, per aggiungere che «la prossima settimana passerà il decreto sul tetto dei manager pubblici».
 Brunetta attaccante nato. Giocatore che ha calato il jolly nei giorni scorsi, minacciando le dimissioni. «Sì, Berlusconi mi ha chiamato “birichino”, ma a fin di bene. So che è dalla mia parte: è l'unico del quale non posso fare a meno». Calate le assenze, ora si tratta di premiare chi c'è. E non si limita a timbrare il cartellino. A proposito di premi collettivi: «metà della componente accessoria delle retribuzioni sarà data al 25 per cento più meritevole. Il resto rimarrà indifferenziato. Ma non c'è promozione se per tre anni consecutivi non sei nel 25 per cento. Se i 10-12 euro di taglio per le malattie hanno fatto così calare le assenze, che cosa succederà con i premi al 25 per cento?».
Tema mobilità: «d'ora in poi i lavoratori si spostano. Poi, potranno rischiare il posto a rifiutarsi». Nota dolente, i 30 mila marescialli in esubero dalla fine della leva. «Li stiamo sprecando. Volevo impiegarli nella macchina della Giustizia, dove c'è bisogno, ma mi è stato impedito. Fatta la legge, forse sarà più difficile dire di no». Nuovi dirigenti: «per diventarlo, bisognerà farsi le ossa per sei mesi in amministrazioni all'estero». Un fuoco di fila, quello del ministro. Sugli enti pubblici, dopo una battuta su Parma («Fuori gioco, sono talmente bravi...»): «Li obbligherò a pubblicare online le spese e gli standard dei servizi. Così emergeranno i virtuosi e i non virtuosi. Avremo a disposizione anche un altro elemento: il federalismo fiscale, che significa responsabilità».
 Responsabilità nei confronti dei cittadini, «dei quali prima non importava niente a nessuno. E che ora sono dalla mia parte. E' sulle loro esigenze che vanno adeguati i servizi della pubblica amministrazione. Un esempio? Perché una Tac deve lavorare solo sei ore, quando ci sono liste d'attesa lunghissime. Facciamo i turni». Giusto tenere tutti i 3 milioni e 650 mila dipendenti pubblici? chiede Cisnetto. «Sì, ma per avere il  doppio di scuola, di sanità, di giustizia e università. E il 50 per cento in più porta risparmio e performance». Non male, in tempi di crisi. «Che ha 4 trimestri di vita: i due finali del 2008 e i due iniziali del 2009». Crisi che, secondo il ministro, a parte i 500 mila che hanno perso il lavoro o sono in cassa integrazione, ha «aumentato il potere d'acquisto di 14 milioni di dipendenti, che hanno mantenuto le dinamiche salariali secondo contratto, e di 20 milioni di pensionati. E' il lavoro autonomo a subire il calo del pil. Il problema è come trasformare il maggiore potere d'acquisto degli altri 34 milioni, avvantaggiati dalla deflazione». La risposta? «Il piano casa. I soldi ci sono e ci vogliono beni durevoli per invogliare a investirli. La crisi iniziata nell'immobiliare potrebbe finire con il mattone».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Furto in casa Gassmann: rubati anche i cimeli di papà Vittorio

Alessandro Gassmann in una foto d'archivio

ROMA

Furto in casa Gassmann: rubati anche i premi di papà Vittorio

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

TABIANO

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Crollo ponte: tedesco disperso telefona a prefettura

genova

Crollo del ponte, Albert telefona: "Sono vivo". Solo Mirko, originario di Monchio, resta disperso

carabinieri

Arriva anche a Parma la droga etnica: due arresti in via Cenni

parma

Il minuto di silenzio in piazza Garibaldi per le vittime del crollo del ponte Video

1commento

forte dei marmi

Parmigiano pestato dai buttafuori della Capannina: mascella rotta

3commenti

monchio

Si ribaltano con un piccolo trattore: un ferito

INCHIESTA

I «nostri» ponti sul Po: vecchi e ammalati

WEEKEND

Finale della fiera a Felino, cene sull'aia e visite a castello: l'agenda del sabato

CALCIOMERCATO

Parma: Gervinho, Sprocati e Deiola gli acquisti "last minute" di Faggiano

Sfumate in extremis le trattative per Edera, Di Gennaro e Karamoh

4commenti

Calcio

Tifosi, piace il nuovo Parma

Sorbolo

Addio ad Andrea Battilocchi, infermiere per passione

IL '68 A PARMA

Duomo occupato, le tre ore che sconvolsero la Chiesa parmigiana

IL CASO

Quattro decreti d'espulsione, ma rubava ancora: condannato

2commenti

PANOCCHIA

La storia di Fiorello, un cavallo adottato da tutto il paese

AVEVA 59 ANNI

Annunziata Squitieri, una vita ad aiutare i più deboli

COLORNO

I cittadini: "I parchi sono in situazione disastrosa". E mostrano le foto

bolzano

Uccisa in albergo in Val Gardena: Zoni tace davanti al giudice. E resta in carcere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Genova, il governo fa demagogia sui morti

di Domenico Cacopardo

5commenti

EDITORIALE

Ma Autostrade ha colpe molto gravi

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

stati uniti

E' morto Kofi Annan, ex segretario generale dell'Onu

Genova

Funerali di Stato per 18 vittime del crollo del ponte. Il lungo applauso ai vigili del fuoco Foto

SPORT

Calcio

L'addio di Marchisio alla Juventus Video

MOTORI

Alex Zanardi torna in pista dopo tre anni a Misano

SOCIETA'

Meteo

Weekend fra sole e temporali, risalgono le temperature

Alopecia

Far ricrescere i capelli si può: nuova tecnica tutta italiana

MOTORI

NOVITA'

La Opel Corsa diventa GSI. E ha 150 Cv

TECNOLOGIA

Ford mette un freno alla guida... contromano. Ecco Wrong Way Alert