17°

28°

carcere

Via Provenzano, è arrivato Riina

Mafia: percorso inverso fra Parma e Milano per i due boss

Via Provenzano, è arrivato Riina
Ricevi gratis le news
14

Ora è Totò Riina detenuto nel penitenziario di via Burla. Il ministro Orlando chiede chiarimenti al Dal

Il boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano è stato ricoverato ieri pomeriggio all'ospedale San Paolo di Milano dopo essere stato trasferito un paio di giorni fa dal carcere di Parma a quello di Opera, nel Milanese. Uno spostamento su cui il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, che di recente ha firmato la proroga del carcere duro per il boss, ha chiesto chiarimenti al Dap.

Provenzano, 81 anni, condannato a 20 ergastoli, affetto da patologie neurologiche, sarebbe stato trasferito da Parma a Milano nell'ambito di un avvicendamento "di routine" dei detenuti al 41 bis, che ha riguardato anche altri boss mafiosi in regime di carcere duro. Tra gli altri, secondo quanto si è potuto apprendere, anche Totò Riina, che sarebbe stato spostato da Opera a Parma, facendo il percorso inverso di Provenzano.

Quest'ultimo, dal carcere milanese - secondo quanto si è appreso - è stato portato all'ospedale San Paolo per una verifica, da parte dei responsabili del nuovo istituto di pena in cui è stato ristretto, delle sue condizioni di salute. Il capomafia veniva infatti dal reparto detenuti dell'ospedale Civile di Parma, che ha dato il nulla osta al trasferimento. E dopo due giorni dall'arrivo ad Opera è stato per lui disposto il ricovero

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Ilaria

    10 Aprile @ 21.26

    Curarli? Mantenerli? Ma in che mondo viviamo??????

    Rispondi

  • Vercingetorige

    10 Aprile @ 19.44

    NON C' E' NESSUNA "LEGGE" che proibisca la detenzione di un condannato per Mafia all' Ucciardone , MA NON E' IL CASO DI METTERCELO , E MI DEVO FERMARE QUI . Il contagio al Nord della Criminalità Organizzata del Sud è un drammatico fenomeno in atto da decenni, e, purtroppo , a lungo ignorato , se non negato , ma non è sostenuto tanto dai detenuti al "41 bis" , ma da quelli mandati a domicilio coatto . Sono quelli al domicilio coatto da rimandare a casa , e da non inviarci più , non quelli al "41 bis". Un appello in questo senso potrebbe essere rivolto al Governo dalle Autorità Locali, come , per esempio , i Sindaci , tra una canzonetta e l' altra.

    Rispondi

  • Gio

    10 Aprile @ 18.11

    Giorgio R.

    Curarli si ma non qui. Loro sono la causa di tante cose che non funzionano al sud. A Palermo "non ci vuole molta fantasia" ecc. E' del tutto inutile che per legge non tornino da dove sono venuti.Non serve a nulla. Hanno spostato i loro "amici" qui da noi fuori dalle carceri in mezzo a noi. Parma città rovinata da gente come questa. 'Ndrangheta, camorra, mafia ecc.Tornate a casa vostra se non avete voglia di lavorare e avete abitudini che distruggono tutto compresa la vita.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    10 Aprile @ 17.42

    IL CARCERE DI PARMA ha un Centro Clinico al quale vengono avviati detenuti ammalati. Riina non è alla "Circondariale" , ma alla "Penale" , cui il Centro Clinico è annesso. I detenuti vengono trasferiti periodicamente da una prigione all' altra perchè non si stabiliscano rapporti di troppa confidenza col personale di custodia e perchè loro stessi , o i loro famigliari ed amici , non possano arrivare a conoscerne troppo bene la struttura e le procedure , fino a trovare qualche eventuale "falla" nella sorveglianza. E' VERO che i carcerati ammalati devono essere curati , ma ci sono Paesi , come , ad esempio , gli Stati Uniti , in cui i Centri Clinici carcerari sono veri e propri Ospedali , nei quali i detenuti vengono curati e , se necessario , anche operati , senza essere ricoverati negli Ospedali Civili , coi problemi che ciò comporta. C' è stato un tempo in cui anche a San Francesco ( San Francesco , non San Francisco ) , c' era qualcosa di simile ( cinquant' anni fa...). Gaetano Badalamenti , il noto "Don Tano" , anche lui "capo dei capi" come Riina , era ammalato di cancro e di epatite . E' morto all' età di 81 anni nel Centro Medico Federale del Penitenziario di Devens , nel Massachussets. Non lo hanno mica portato all' Ospedale Civile....................

    Rispondi

  • Gius

    10 Aprile @ 16.16

    La giustizia deve fare il, suo corso. Ma chiunque, e ribadisco chiunque, ha diritto ad essere curato se malato. Negare la cura non è una pena addizionale: è barbarie. La società civile non deve scendere al livello di coloro che combatte. Giuseppe

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma calcio

D'Aversa promuove Gervinho: "Per Parma fa la differenza" Video

viabilità

Domani chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati Video

ricerche in corso

Albareto, soccorsi attivati per un altro fungaiolo disperso

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

3commenti

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

sicurezza stradale

Massese, allarme per quelle righe orizzontali ormai "fantasma"

politica

Pizzarotti sulla vicenda Casalino: "Le minacce sono il metodo 5 Stelle"

1commento

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

ECONOMIA

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

6commenti

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"