16°

28°

Parma

Mafia: il presunto boss è "depresso", e dal 41 bis di via Burla passa ai domiciliari

Mafia: il presunto boss è "depresso", e dal 41 bis di via Burla passa ai domiciliari
Ricevi gratis le news
5

Il presunto boss Giacomo Maurizio Ieni, 52 anni, indicato come il capo della cosca mafiosa Pillera è fortemente depresso e per questo lascerà il regime di 41 bis, anche se scontato nel centro clinico del carcere di Parma, per passare agli arresti domiciliari a casa, a Catania. È la decisione della terza sezione penale del Tribunale del capoluogo etneo per «gravi motivi di salute».
Nella precedente udienza di uno stralcio del processo Atlantide, Ieni era scoppiato in lacrime davanti ai giudici sostenendo di «essere fortemente depresso e di non riuscire a stare in carcere». Il Tribunale, accogliendo la richiesta del suo legale, l’avvocato Giuseppe Lipera, adesso gli ha concesso gli arresti domiciliari ritenendo che «l'affetto dei familiari» sarà per lui la terapia migliore per riprendersi e guarire. La decisione è «fortemente contestata» dalla Procura di Catania che si dice «estremamente sorpresa e sgomenta» sia «per la pericolosità sociale del soggetto» e visto che «nella perizie redatte non ce n'era alcuna che stabilisse che il suo stato di salute sia incompatibile con la detenzione in un centro medico, così come si trovava ristretto».

"LA FAMIGLIA  E' INSOSTITUIBILE" - «La famiglia appare allo stato insostituibile». Lo afferma la terza sezione penale del Tribunale di Catania nel provvedimento con il quale concede gli arresti domiciliari perchè depresso al presunto boss Giacomo Maurizio Ieni, che era detenuto nella clinica medica dell’ospedale di Parma in regime di 41 bis.
Il presunto capo del clan Pillera è in carcere dal 30 maggio del 2006 quando fu arrestato per associazione mafiosa nell’ambito dell’operazione Atlantide dei carabinieri del Ros contro un vasto giro di riciclaggio, che portò al sequestro di numerose imprese ritenute dalla Procura di Catania collegate a Cosa nostra.
«Il Tribunale – è scritto nel provvedimento con il quale si concedono gli arresti domiciliari a Ieni – stima inutile esperire un ulteriore accertamento che finirebbe col confermare quanto è stato ripetutamente acclarato, col seguito di raccomandazioni che non è possibile tradurre efficacemente lontano dall’ambiente familiare, come ben sa chi ha un minimo di esperienza in materia. L’ambiente familiare appare allo stato insostituibile».

REAZIONI -  «E' inspiegabile e allarmante la vicenda della concessione degli arresti domiciliari a Giacomo Ieni, ritenuto il boss del clan catanese dei Pillera, che era in regime di 41 bis presso il centro clinico del carcere di Parma». Lo dice Pina Picierno, responsabile Legalità del Partito Democratico.
«Non sono convincenti – aggiunge – i motivi di salute che hanno portato alla decisione, in quanto la stessa procura di Catania sostiene che 'nella perizie redatte non ce n'era alcuna che stabilisse che il suo stato di salute sia incompatibile con la detenzione in un centro medicò e sottolinea 'la pericolosità sociale del soggettò. Sono eventi come questo che rischiano di minare la credibilità della lotta contro la mafia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • CLAUDIO

    04 Giugno @ 12.30

    INCREDIBILE QUESTE PERSONE RIESCONO AD AVERE PIU PRIVILEGI DI UNA PERSONA CHE HA RUBATO PER FAME. VERGOGNA ITALIANA DI GIUDICI CORROTTI- BISOGNA CARCERARE QUESTI GIUIDICI CHE FANNO USCIRE CON CAVILLI BUROCRATICI ANCHE I CRIMINALI PEGGIORI- IN CASO DI ALTRE MALEFATTE IO RITERREI DIRETTAMENTE RESPONSABILI I GIUDICI CHE LI FANNO USCIRE.

    Rispondi

  • Laura

    04 Giugno @ 11.17

    Ma è un \"presunto\" boss o un FINTO depresso? Le persone che ha fatto star male invece???? Se questa è la giustizia!!!!

    Rispondi

  • victor

    04 Giugno @ 11.11

    ...e siamo alle solite! siamo depressi ed allora ci vuole il calore della famiglia,certamente aiuta ed è un dovere aiutare persone in questo stato.Non conosco e non mi interessa sapere la storia di quel signore in carcere.Una cosa sola,seera un disperato con un'avvocato d'ufficio ed un reato inferiore di certo restava in carcere.Carcere dove quando enri ti tolgono la propria identità,ti mettono nudo quando entri nell'ufficio matricolare e ti fanno stare un'ora ed anche più immobile,non puoi muoverti e parlare senza il loro consenso e la tua dignità si frantuma,o quel che resta di essa.Piccole ed inique osservazioni di un uomo che per errore di persona ha passato un fine settimana di inferno dove l'unico angelo era il compagno di cella il quale aveva tanta umanità quanta gli agenti di custodia non avranno mai.Per esatezza parlo di anni fà,ora non sò come stanno le cose all'interno,mi auguro meglio anche per chi ci lavora.Tornando all'aerticolo ,se hai soldi e conoscenze puoi avere quello che altri non possono avere.Avvocati,gente con la testa solo al conto in banca.PECCATO per la Giustizia!

    Rispondi

  • ososita

    04 Giugno @ 08.56

    per favore, pubblicate i nome dei magistrati coinvolti nella liberazione di questo criminale. Mettere un mafioso ai domiciliari equivale renderlo libero come un fringuello. Complimenti. E se anche è depresso? Chissenefrega no? E' un criminale, è condannato, se è depresso che si impicchi pure, così fa spazio per gli altri detenuti... Ma vedere che i magistrati sono più attenti verso i criminali che non verso la gente per bene è davvero un insulto.

    Rispondi

  • maurizio

    04 Giugno @ 01.08

    sarà che a Falcone e tanti altri fu data la possibilità di scelta?chi é questo giudice così benevolo?Si ritiri che é una vergogna

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Giulia: «Volate oltre l'odio»

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"