21°

30°

Scuola Bottego

Emergenza in mensa: «Vermi, plastica e capelli nei piattii»

I genitori chiedono l'intervento dei Nas. La direzione: «Mai ricevuto segnalazioni». Il Comune: «Allarmismo fuori luogo»

Emergenza in mensa:  «Vermi, plastica e capelli nei piattii»
Ricevi gratis le news
14

«Vermi nell'insalata, capelli, residui di plastica che accompagnano il pesce come contorno e ripieno». Raccontata così sembra la descrizione di una di quella cucine da incubo che spopolano su alcuni canali tv. Ma se poi si scopre che questo raggelante menu viene proposto a dei bambini lo sconcerto lascia il posto all'indignazione. E alla speranza che si tratti di una esagerazione.
«Non lo è per nulla: piuttosto si tratta di un grido d'allarme per provocare una reazione. E fare in modo che l'attenzione per qualità del cibo, e la cura dell'igiene, siano al massimo». A parlare è Roberta Garzi, rappresentante di classe della 5ªA della scuola Bottego. E firmataria, a nome di genitori della stessa classe, di una raccomandata inviata ai carabinieri dei Nas, all'Ausl , ai servizi educativi del Comune oltre che ovviamente al dirigente dell'istituto Puccini. 

L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

La replica del Comune: "Allarmismo fuori luogo"

Sulla questione interviene il Comune con una lunga nota. Eccola in versione integrale.

"Si parla in queste ore addirittura di “emergenza alla mensa”, con riferimento ad un episodio denunciato da un genitore della scuola “Vittorio Bottego”. L’allarmismo è del tutto fuori luogo.
Il Comune, destinatario per conoscenza di una comunicazione pervenuta in data 6/5/2014 da parte della signora Roberta Garzi genitore della 5° della Scuola primaria Bottego, informa che le procedure di controllo previste dai capitolati d’appalto e regolarmente effettuate dai tecnici incaricati dal Comune nel corso dell’anno scolastico, i sopralluoghi svolti dai rappresentanti della commissione mensa della scuola, le testimonianze dirette del dirigente della scuola e del personale scolastico attestano l’irrilevanza di quanto denunciato dalla signora ai NAS dei Carabinieri e all’Azienda ASL di Parma.
Ferma restando l’ovvia disponibilità del competente Ufficio ristorazione scolastica ad accogliere segnalazioni e richieste di genitori, dirigenti e docenti, è infatti attiva in tutte le Scuole la sottocommissione per il controllo della qualità della ristorazione scolastica (Commissione mensa), organismo di partecipazione e controllo del servizio di ristorazione composto da genitori e docenti (1 rappresentante per sezione).

Entrando nel merito di quanto affermato dalla signora in questione, in ordine alla presunta scarsa quantità delle pietanze somministrate, si sottolinea che le grammature dei prodotti messi in produzione sono in linea con quanto previsto da “Linee strategiche per la ristorazione scolastica in Emilia Romagna” (2009) ed in base alle “Linee guida per l’offerta di alimenti e bevande salutari nelle scuole e strumenti per la sua valutazione e controllo” (Delibera regionale n.418 del 10/04/2012), e se ne conferma la corretta applicazione da parte della ditta, in quanto in sede di verifica in loco non sono mai state evidenziate problematiche in merito. Anzi il personale scolastico ha spesso segnalato avanzi delle pietanze a fine pasto. Peraltro, la classe in cui la signora Garzi è rappresentante dei genitori aderisce al progetto di auto-somministrazione con le portate in centro al tavolo a disposizione dei bambini.

Quanto a quella che viene definita come “frequente impossibilità di consumare il pasto da parte degli alunni in conseguenza della presenza di vermi nell’insalata, capelli, residui di plastica nel pesce”, il Comune precisa che, a seguito di quanto segnalato, si è provveduto immediatamente a disporre attraverso la ditta incaricata, ulteriori controlli di verifica che hanno rilevato due soli episodi: il ritrovamento di un piccolo moscerino nell'insalata e di piccolo e sottile frammento di plastica nel pesce, che sono stati gestiti prontamente dalla cucina con l’immediata sostituzione della pietanza consentendo la normale consumazione del pasto da parte dell’alunno. Nei controlli suddetti è stata coinvolta anche la rappresentante della commissione mensa.

Si fa notare che, né a seguito di sopralluoghi, né nell’attività di relazione con l’utenza dell’Ufficio ristorazione sono state segnalate criticità nell’erogazione del servizio presso la Scuola Bottego in cui, al contrario, gli esiti delle procedure di controllo cui il servizio di ristorazione scolastica è soggetto da parte dei tecnici incaricati dello Studio Multiline, hanno sempre evidenziato un livello di qualità superiore agli standard.

Si precisa infine che nessuno degli organi preposti al controllo, vale a dire rappresentanti della Commissione mensa e Comune di Parma, nonché nessun docente né il dirigente scolastico, erano stati informati di quanto direttamente segnalato dalla signora a NAS e ASL
Agli atti dell’Ufficio sono conservate, e quindi producibili in qualsiasi momento, le comunicazioni inoltrate nell’occasione da parte del dirigente scolastico, dott. Michele Salerno, delle insegnanti delle classi seconde della Scuola, della Rappresentante della Commissione mensa Stefania Fantini oltre che gli esiti dei sopralluoghi e dei controlli sopra descritti che sottolineano e attestano la conformità del servizio di ristorazione erogato presso la Scuola."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Margherita

    10 Maggio @ 19.16

    Se non vi piace la mensa portate il pranzo da casa.....ma temo che la legge non lo consenta, e questo non è giusto.

    Rispondi

  • gherlan

    10 Maggio @ 12.32

    sulle presunte schifezze non mi pronuncio, mi preoccupa invece un genitore che si lamenta della "scarsa quantità di cibo". Perché queste "mamme" vogliono trasformare sempre e comunque i loro "piccini" in palle di lardo?

    Rispondi

  • Gian

    10 Maggio @ 01.39

    ragazzi abituati troppo bene e i genitori che come al solito per ogni cosa: poverino mio figlio lo volete uccidere... va bene lamentarsi ma questo stare sempre attaccati ai propri figli come se dovessero morire da un momento all'altro lo trovo veramente irritante... e poi ci troviamo la gioventu bruciata che non sa fare nulla abituata alla servitu più spudorata... ma piantatela... invece di fare i divi a chiamare dio per qualsiasi cosa, bastava andare dal preside e farglielo notare e finiva li... invece asl e nas.... chimate anche i ris la prossima volta non si sa mai... !! ma piantatela!!

    Rispondi

  • annamaria

    10 Maggio @ 00.20

    Mi chiedo se non ci sia un pò di esagerazione, in un tempo in cui le strumentalizzazioni, le urla retoriche e la presenza dei genitori nelle scuole sono spesso eccessive e senza freno.

    Rispondi

  • Oberto

    09 Maggio @ 21.42

    ma poi l'alunno è andato con il piatto in mano dall'insegnante? chi ha visto oltre al ragazzo gli insetti e capelli nel piatto?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Collecchio: indimenticabile notte rosa

FESTE PGN

Collecchio: indimenticabile notte rosa Foto

Modelle e mode estive

MODA

Il bikini "girato" che non intralcia l'abbronzatura: ecco come fare Video

Il nuovo "corto" di Fabio Rovazi: Faccio quello che voglio

musica

Il nuovo "corto" di Fabio Rovazzi: Faccio quello che voglio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La ricetta della domenica - Riso all'ortolana

Riso all'ortolana

LA PEPPA

La ricetta  - Riso all'ortolana

Lealtrenotizie

Anteprima

anteprima gazzetta

Tentato femminicidio a Parma: spara alla moglie, poi si getta dal secondo piano Video

SAN SECONDO

Auto si schianta contro una casa a Castell'Aicardi: un ferito, ingenti danni Foto

In seguito all'impatto è stato rotto anche un tubo del gas

sport

Il cussino Scotti campione del mondo con la staffetta 4x400 Video

MALTEMPO

Nuovi temporali in arrivo: vento forte e rischio grandine in Emilia-Romagna

La Protezione civile emette una "allerta gialla"

MONTAGNA

Grandine, allagamenti, vento forte: danni e paura in Appennino Foto Video

NUBIFRAGIO

Bardi, l'acqua che corre per le strade. Video impressionante

GAZZAREPORTER

Il video di una lettrice: "Bomba d’acqua a Cozzano, danni e festa annullata"

TAR

Il prof fa attività privata: «Restituisca 77mila euro»

Il caso

Valsartan, lotti ritirati anche dalle farmacie di Parma

Emporio solidale

Al Montanara sta per rinascere il supermercato della dignità

PARMA

Maniaco in scooter in via Burla

Treni

Due giorni di disagi, il calvario del pendolare

1commento

PARMA CALCIO

Ottavo giorno di ritiro per i crociati: le ultime novità Video

Allenamento al mattino e pomeriggio libero per i giocatori

LUTTO

E' morto Franco Mandelli, luminare della lotta contro la leucemia. Si trasferì a Parma

INCENERITORE

Bollati: «Facciamo di Parma una Capitale della cultura green»

politica

Parma 5 Stelle: "Sull'inceneritore Pizzarotti piange lacrime di coccodrillo"

"Avrebbe dovuto fare di tutto per fermarlo"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ceta, quando il meglio è nemico del bene

di Paolo Ferrandi

CHICHIBIO

«Trattoria Cattivelli» - Una storia che va oltre la buona cucina

ITALIA/MONDO

meteo

Maltempo: in arrivo piogge e temporali al centro nord

trasporti

Guasto a un traghetto in Grecia, odissea per centinaia di turisti

SPORT

RUSSIA 2018

Da Messi a Lewandowski: la "flop 11" del Mondiale

TENNIS

Il ritorno di Djokovic: il serbo conquista Wimbledon. Anderson battuto in tre set

SOCIETA'

BLOG

"Il bugiardino dei libri" di Marilù Oliva - "La nave di Teseo"

PONTREMOLI

Villa Dosi Delfini: visite guidate in estate

MOTORI

ANTEPRIMA

Volkswagen (s)maschera il piccolo Suv T-Cross Fotogallery

IL TEST

Nuovo Jeep Wrangler: come cambia in 5 mosse Foto