14°

22°

Parma

Buon giorno Parma - Torna il caldo: già 20,9° alle 7

Ricevi gratis le news
0

BUON GIORNO PARMA - Giovedì 11 giugno

IL TEMPO

Cielo velato, precipitazioni assenti. La temperatura è in aumento: alle 7 era di 20,9°, la massima prevista è di 29°.

LE STRADE DA EVITARE IN CITTA' E LE AUTOSTRADE 

I principali cantieri: via Emilio Lepido, via Trento-Monte Altissimo, via Università, via Sauro, via Traversante Lupo, via Mezzi Moletolo, via Bizzozero,via Callas, via Cornacchia, via Pizzi, via Socrate, via Tibullo, via Paradigna, viale Solferino, lavori per il teleriscaldamento alla rotatoria Montebello/Bizzozero, con  deviazioni al traffico. Per maggiori informazioni vai a Infocantieri tv di Infomobility

AUTOSTRADE:     webcam allacciamento A1-A15   -   webcam casello Parma - www.autostrade.it - www.autocisa.com 

Gli autovelox fissi in Italia 

LE NOTIZIE SULLA GAZZETTA DI PARMA OGGI IN EDICOLA

ARPA, MAZZETTE PER I CONTROLLI:  ALTRI TRE ARRESTI  
BIMBO DI 8 MESI MUORE ALL'OSPEDALE: LA PROCURA BLOCCA IL FUNERALE
IL PREFETTO: «STADIO DA SPOSTARE»
ECCO IL NUOVO VOLTO DELLA CITTADELLA
 
Fidenza
COME SARA' IL NUOVO CONSIGLIO
ABBATTUTO L'EDIFICIO CHE OSPITAVA IL DLF
LE CELEBRAZIONI PER IL CORPUS DOMINI
 
 
Salsomaggiore
AL  COMUNE IL DIPLOMA EUROPEO
CONTIGNACO, LA VALLE TRA I LUOGHI DA SALVARE 
SCUOLABUS: ISCRIZIONI APERTE
 
Il giornale di Medesano
Il giornale di Sissa e Trecasali
Il giornale di Busseto
Il giornale della Bassa

OROSCOPO

 ARIETE
 21 marzo 20 aprile

 Una strada per arrivare al suc­cesso nel lavoro deve pur esser­ci: impegnatevi per trovarla. In amore non lasciate nulla di in­tentato.

 TORO

 21 aprile 21 maggio

 Nel lavoro non potete ottenere tutto in una volta: fissate degli obiettivi prioritari. Rapporto af­fettivo molto intenso.

 GEMELLI

 22 maggio 21 giugno

 Nel lavoro continuate a ottimiz­zare il vostro tempo: riuscirete a chiudere qualche buona partita.
  Anche se siete scettici un amore sboccerà.

 CANCRO

 22 giugno 22 luglio

 Non avete ancora messo bene a fuoco i problemi che avete di fronte nel lavoro: vi conviene muovervi con prudenza. Aumen­ta il feeling in amore.

 LEONE

 23 luglio 22 agosto

 Dopo un periodo di apatia tro­verete nuovi stimoli per la vostra attività: approfittatene subito.
  Positiva evoluzione di un amore.

 VERGINE

 23 agosto 22 settembre

 Nella battaglia per conquistare il successo professionale potete essere vincenti: basta impegnar­si. Attenti alle evasioni sentimen­tali.

 BILANCIA

 23 settembre 22 ottobre

 Nel lavoro il clima è molto teso: mantenete la calma e controlle­rete la situazione. Avete bisogno di svago, e di amore.

 SCORPIONE

 23 ottobre 21 novembre

 Nel lavoro dovrete cercare le oc­casioni giuste per esprimere tut­te le vostre capacità. Sarete ap­prezzati. Un amore scoppiettan­te?

 SAGITTARIO

 22 novembre 21 dicembre

 In questi giorni di grande caos lavorativo usate la massima pru­denza e non sbaglierete. Una breve assenza potrà farvi supe­rare una crisi in amore.

 CAPRICORNO

 22 dicembre 21 gennaio

 Nel lavoro un peccato di presun­zione potrebbe costarvi parec­chio: pensateci su. Un amore per voi è sempre una sfida, ma po­tete
perderla.
 ACQUARIO

 22 gennaio 19 febbraio

 Affrettatevi a valutare con atten­zione la situazione del lavoro e le prospettive. In amore siete dei rubacuori.

 PESCI

 20 febbraio 20 marzo

 La giornata lavorativa si profila abbastanza buona e proficua, ma molto stressante. Ritroverete la serenità con la persona amata.

STORIA E MEMORIA (di Carletto Nesti)

“ANNIVERSARI DI OGGI”
Foglio periodico - Anno VI - N. 487 - Edizione di Giovedì 11 Giugno 2009
11 GIUGNO
* Selezione di anniversari, ricorrenze, eventi e personaggi legati alla giornata *


        Eventi:
1184 a.C.: Guerra di Troia: Troia cade in mano agli Achei.
1289: Si combatte la Battaglia di Campaldino
1770: Il Capitano James Cook si arena sulla Grande barriera corallina.
1775: Luigi XVI di Francia viene incoronato re di Francia.
1901: La Nuova Zelanda si annette le Isole Cook
1940: 2a guerra mondiale: l'aviazione britannica bombarda Genova e Torino.
2002: Il congresso Usa, con la risoluzione 269, riconosce ufficialmente che
il primo inventore del telefono é il fiorentino Antonio Meucci (*) e non  Bell.
 

       Morti:
1924: Giacomo Matteotti, politico italiano (n. 1885)
1956: Corrado Alvaro, scrittore italiano (n. 1895)
1979: John Wayne, attore statunitense
1984: Enrico Berlinguer, politico italiano (n. 1922)
1988: Giuseppe Saragat, ex Presidente della Repubblica (n. 1898)
 
      Santi cattolici:
Solennità della Santissima Trinità, Beata Maria del Sacro Cuore di Gesù-Maria Schininà Arezzo (**), San Barnaba Apostolo, San Demetrio Vescovo, Santa Paola Frassinetti Vergine, Santa Maria Rosa Molas y Vallvè Religiosa, San Massimo di Napoli martire,  San Parisio Sacerdote camaldolese, Beato Ignazio (Choukrallah) Maloyan Vescovo, Venerabile Ludovico Sabbatini Pio Operaio.


(*) Antonio Meucci (inventore del telefono)
(13 Aprile 1808 - 18 ottobre 1889)

Il grande scienziato italiano Antonio Meucci nasce a San Frediano, il quartiere popolare della città di Firenze, il 13 aprile 1808. La sua è una famiglia povera: non può completare gli studi presso l'Accademia di Belle Arti e inizia a lavorare molto giovane; svolge varie professioni, da quella di impiegato doganiere, a quella di meccanico di teatro.

Nell'ambiente teatrale incontra Ester Mochi, sarta, che diventerà sua moglie.
 
Antonio Meucci si appassiona fin da giovane all'elettricità fisiologica e animale.
Segue anche la politica: è coinvolto nei moti rivoluzionari del 1831 e, a causa delle sue convinzioni politiche per le sue idee liberali e repubblicane, sarà costretto a lasciare il granducato di Toscana. Dopo lunghe peregrinazioni nello Stato Pontificio e nel Regno delle Due Sicilie, Meucci emigra a Cuba, dove continua a lavorare come meccanico teatrale. Nel 1850 si trasferisce negli Stati Uniti, stabilendosi nella città di New York.
 
A New York Meucci apre una fabbrica di candele. Qui incontra Giuseppe Garibaldi, il quale lavorerà per lui: tra i due nasce un'importante amicizia. La collaborazione dei due illustri italiani è testimoniata ancora oggi dal Museo newyorcheese "Garibaldi - Meucci".
 
Meucci porta avanti i suoi studi sull'apparecchio telefonico già da tempo, ma è nel 1856 che l'invenzione viene completata con la realizzazione di un primo modello: l'esigenza è quella di mettere in comunicazione il suo ufficio con la camera da letto della moglie, dove è costretta da una grave malattia.

Un suo appunto del 1857 descrive così il telefono: «consiste in un diaframma vibrante e in un magnete elettrizzato da un filo a spirale che lo avvolge. Vibrando, il diaframma altera la corrente del magnete. Queste alterazioni di corrente, trasmesse all'altro capo del filo, imprimono analoghe vibrazioni al diaframma ricevente e riproducono la parola».
 
Meucci ha le idee chiare, tuttavia mancano i mezzi economici per sostenere la propria attività. La fabbrica di candele fallisce e Meucci cerca finanziamenti presso facoltose famiglie in Italia, ma non ottiene i risultati auspicati. Ben presto arrivano a mancare i soldi anche per la propria sussistenza: Meucci può contare solo sull'aiuto e la solidarietà di altri emigrati italiani conosciuti.
 
Gli accade inoltre di rimanere vittima di un incidente su una nave: Meucci è costretto a letto per mesi. La moglie Ester sarà costretta a vendere tutte le attrezzature telefoniche a un rigattiere per soli 6 dollari.
 
Meucci non demorde e nel 1871 decide di richiedere il brevetto per la propria invenzione, che chiama "teletrofono". Il problema economico si ripresenta: con i 20 dollari che ha disposizione non può nemmeno permettersi di pagare l'assistenza dell'avvocato che ne esige 250. La strada alternativa è quella di ottenere una sorta di brevetto provvisorio, il cosiddetto caveat, che va rinnovato ogni anno al prezzo di 10 dollari. Riuscirà a pagare la somma solo fino al 1873.

Nello stesso periodo, con un'ampia documentazione sulle sue ricerche, Meucci si rivolge alla potente American District Telegraph Company di New York, richiedendo la possibilità di utilizzare le linee per i propri esperimenti. La compagnia non coglie le potenzialità economiche dello strumento e procura allo scienziato italiano una nuova delusione.
 
Nel 1876 Alexander Graham Bell presenta domanda di brevetto per il suo apparecchio telefonico. Gli anni successivi della vita di Meucci saranno spesi in una lunga vertenza per rivendicare la paternità dell'invenzione.

La causa termina il 19 luglio 1887 con una sentenza che, pur riconoscendo alcuni meriti ad Antonio Meucci, dà ragione a Bell. "Nulla dimostra - recitava la sentenza - che Meucci abbia ottenuto qualche risultato pratico a parte quello di convogliare la parola meccanicamente mediante cavo. Impiegò senza dubbio un conduttore meccanico e suppose che elettrificando l'apparecchio avrebbe ottenuto risultati migliori". In sintesi la sentenza affermerebbe che Meucci avrebbe inventato il telefono, ma non quello elettrico.

Antonio Meucci muore all'età di 81 anni, il 18 ottobre 1889.
 
Per oltre un secolo, ad eccezione dell'Italia, Bell è stato considerato l'inventore del telefono. Il giorno 11 giugno 2002 il congresso degli Stati Uniti ha ufficialmente riconosciuto Antonio Meucci come primo inventore del telefono.
 
Il telefono è solo una delle invenzioni cui egli si dedicò. Un recente documento prova che Meucci scoprì il carico induttivo delle linee telefoniche trent'anni prima che esso fosse brevettato e adottato nelle reti Bell. Fu, inoltre, precursore del dispositivo antilocale, della segnalazione di chiamata e della riduzione dell'effetto pellicolare nei conduttori di linea.


(**) Beata Maria del Sacro Cuore di Gesù
(Maria Schininà Arezzo: 10 Aprile 1844 - 11 Giugno 1910)

Discendente da antica nobiltà siciliana, Maria Schininà Arezzo ebbe come genitori il padre Giambattista dei marchesi di S. Elia e dei baroni di S. Filippo e del Monte, la madre Rosalia Arezzo Grimaldi dei duchi di S. Filippo delle Colonne e nacque a Ragusa il 10 aprile del 1844.

Crebbe in un ambiente familiare dove venivano professati i principi cristiani, ricevendo un’educazione integerrima con l’aiuto del sacerdote Vincenzo Di Stefano suo precettore, figura usuale nelle famiglie nobili.
 
Seguendo l’istinto della sua età frequentò, sempre con liceità, la danza, la moda, soprattutto la musica cui aveva una particolare predilezione; al punto che nel 1860, a 16 anni, divenne l’animatrice della costituenda banda musicale di Ragusa e in occasione dei festeggiamenti per l’Unità d’Italia ebbe il privilegio da parte del maestro della banda, di battere il tempo con la bacchetta, durante il concerto nella piazza adiacente la cattedrale.
 
Ma la sua vita doveva essere un’altra, intimamente si sentiva insoddisfatta, ella dava ascolto alle più profonde esigenze del suo spirito che anelava ad una più approfondita ricerca di Dio. Rifiutò più volte le proposte di matrimonio e si dedicò ad una vita più devota, quando anche l’ultimo fratello si sposò, nel 1874 rimase sola con la madre che non la ostacolava e quindi spogliatosi dell’elegante vestiario, si rivestì con quello delle popolane, mettendosi a servizio dei poveri.

Fu una scelta, diremmo oggi scioccante, per la società dell’epoca, perché infranse un muro esistente fra ricchi e poveri, nobile e popolo, per servire personalmente nei loro tuguri i poveri e gli ammalati, la cui situazione critica si era acutizzata con tutte le problematiche della "Questione Meridionale”.
 
Maria li chiamava ‘la pupilla di Dio’ e in loro vedeva il volto di Gesù; il carmelitano Salvatore Maria La Perla, la nominò Iª direttrice della nuova istituzione delle ‘Figlie di Maria’ sorta in quel 1877 a Ragusa, radunò intorno a sé molte giovani, vivacizzò la società e la Chiesa ragusane, istituì nuove forme di apostolato, come l’insegnamento del catechismo ai fanciulli, la solennità della Prima Comunione, il soccorso dei poveri a domicilio, la propagazione della devozione al S. Cuore tra il clero ed i fedeli.  Morta sua madre nel 1884, espresse il desiderio di farsi suora di clausura, ma consigliata dall’arcivescovo di Siracusa, rimase in città a continuare le sue opere di misericordia.
 
Nel 1885 si associò ad alcune compagne formando un gruppo di apostolato e nel 1889, il 9 maggio, si unì in comunità con le prime cinque giovani, fondando così l’Istituto del S. Cuore con lo scopo di offrire ricovero alle orfane abbandonate e povere e per propagare il catechismo a Ragusa e comuni vicini, dare asilo agli anziani invalidi, assistendo i carcerati e gli operai che lavoravano nelle miniere di ‘pietra pece’ il cui sfruttamento nei dintorni di Ragusa, era cominciato verso la fine dell’800.
 
La sua era una vita tutta di preghiera e fede, al punto che si impresse sul petto in nome “Jesus” con ferro arroventato. Nel 1892 iniziò la costruzione della prima casa dell’Istituto che diverrà anche la casa madre.

Dopo aver consolidato la sua Istituzione e dopo aver affidato alle sue Suore del Sacro Cuore, il comandamento dell’amore, madre Maria del Sacro Cuore morì l’11 giugno 1910 a Ragusa a 66 anni.

La sua opera si è estesa in tre Continenti e dappertutto le sue suore espandono con misericordia l’amore e la carità per i più bisognosi, seguendo lo spirito della fondatrice. E’ stata beatificata da papa Giovanni Paolo II il 4 novembre 1990.


Storia e Memoria – 11 Giugno 2009 (Thanks to: Antonio Borrelli, Santi e Beati, Wikipedia, Biografie.Leonardo.it, Avvenire)


 

  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Avicii, la famiglia rivela: "Non poteva più andare avanti"

MUSICA

Avicii, la famiglia rivela: "Non poteva più andare avanti"

Baye litiga con Aida per il tiramisù: invettive e intimidazioni. E il "Grande Fratello" minaccia provvedimenti

TELEVISIONE

Baye-Aida, violento litigio: il "Grande Fratello" minaccia provvedimenti Foto Video

Cafè Tano: la laurea  di Biagio Foto: ecco chi c'era alla festa

PGN FESTE

Cafè Tano: la laurea di Biagio Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore

BASSA

Ponte sul Po fra Colorno e Casalmaggiore: a giugno il bando, in primavera la riapertura

Il ponte sarà restaurato e riaperto al traffico: ecco le prossime tappe dell'iter

1commento

ANTEPRIMA GAZZETTA

L'holter rivela l'infarto: parmigiano salvato dopo una giornata di ricerche

L'uomo ha promesso una pizza per tutti i suoi soccorritori

vigili del fuoco

Pitone di oltre un metro in un tombino di via Treviso Video

5commenti

il caso

L'inquilina (abusiva) accoglie i proprietari con il coltello

3commenti

Evento

Torna (parco Ex Eridania) il concerto del 1° Maggio a Parma Il programma

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

3commenti

Prevendita al via

Parma-Ternana, torna "Porta due amici in curva"

GOVERNO

Danni da maltempo: dichiarato lo stato di emergenza anche per l'Appennino di Parma

MUSICA

Concerto del 25 Aprile, piazza Garibaldi si accende con i Baustelle Le foto

1commento

POLITICA

Pizzarotti e il Pd : "Corteo del 25 Aprile, parlamentari leghisti assenti: è grave"

4commenti

Hobby

Pezzali e i trattori, storia di un amore

viabilità

Nuova rotatoria tra via Fleming e via Colli: via libera della Giunta

9commenti

Via Farini

Ladro di cellulari incastrato dall'app

Dal 7 maggio

Torna Cibus: 1.300 novità alimentari sul mercato

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

6commenti

tg parma

Fidenza: sono ancora in Rianimazione il 67enne colpito da malore e il cicloamatore ferito Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pd-Di Maio ultima chance per evitare le elezioni

di Vittorio Testa

6commenti

CHICHIBIO

Ustaria dal m’rcà: tradizione fatta in casa con fantasia

1commento

ITALIA/MONDO

PORTOGRUARO

E' morto l'imprenditore Pietro Marzotto: aveva 80 anni Foto

PIACENZA

Bimbo schiacciato dal trattore: il padre è indagato

SPORT

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

Calciomercato

Milan, per l'attacco c'è Muriel

SOCIETA'

Posta elettronica

Google cambia Gmail: ora i messaggi si autodistruggono

GAZZAREPORTER

Lago Santo: 25 Aprile al rifugio Mariotti

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel

2commenti