10°

27°

Parma

Addio a Flaminio Musa, medico e scrittore

Addio a Flaminio Musa, medico e scrittore
Ricevi gratis le news
1

Lorenzo Sartorio
Un gran gentiluomo  dai tratti, abbigliamento e animo di  quelle persone che abbinano  sempre il cuore all’intelletto.
Flaminio Musa, medico-scrittore e poeta, figura nota e stimata in città e  a Compiano   dov’era nato ottantotto anni fa,  è  deceduto ieri dopo  una breve malattia che  gli aveva impedito,  solo negli ultimi tempi,  di seguire le sue varie attività filantropiche  tra le  quali le sue  creature:  l’Università Popolare di cui  era l’anima e la Lega italiana per la lotta ai tumori di cui è stato fondatore e per anni  indimenticato  presidente. 
Sempre sorridente, impeccabile, con l’inseparabile  cravattino a farfalla che  gli  conferiva un tono ancora  più ricercato,  Musa, grazie alla sua  innata   saggezza e al suo straordinario  equilibrio, era un uomo da sinedrio, un patriarca  buono e cortese  che prima di giudicare  cercava di capire, autorevole ma non  autoritario, con quel carisma che madre natura gli aveva donato e che esercitava con la sapienza del buon padre di famiglia.
Laureatosi  in medicina nel nostro ateneo,  per molti anni,    ricoprì il delicato incarico di primario del Pronto Soccorso del Maggiore facendosi  apprezzare,   oltre che per le qualità professionali, anche  per la grande dimensione umana da colleghi, pazienti e  personale.
Comandante partigiano «Marco»,  dirigente dell’Anpi,  fu testimone obiettivo e  appassionato dei valori della Resistenza che seppe diffondere, all’insegna  della pace e della concordia tra gli italiani,  coi i suoi scritti e  coi i suoi discorsi  specie  ai giovani.
Letterato e poeta  è stato autore di numerose  raccolte  di poesie e prose molto apprezzate anche da eminenti personalità del mondo dalle  cultura  da Attilio Bertolucci  e Alberto Bevilacqua.  Persona di vasta e raffinata cultura,  fu il fondatore del Museo della Massoneria  Italiana (che ha sede  nel castello  di Compiano) che ospita una preziosa   collezione di cimeli, volumi  e documenti  propri del simbolismo  massonico anglosassone del settecento e  ottocento. 
Era un uomo, Musa,  che credeva fermamente nella  libertà,  nel  rispetto  verso  gli altri, specie se più deboli.  Credeva in un mondo migliore per il quale si battè tutta la vita e in diverse  sedi  coniugando  sempre  quei  principi  di fratellanza,  uguaglianza  e  libertà  che furono i cardini della sua esistenza  e del suo humus culturale.
Amava la poesia,  credeva nei medici con l’anima  e con il sorriso, proprio  come lui.  Fu  il fondatore, infatti,  del concorso medici scrittori patrocinato  dalla Lega Tumori che ogni  anno  porta  sul podio  alcuni camici bianchi che,  attraverso  splendidi  racconti di vita,   trasmettono  le loro  emozioni e  le loro esperienze  filtrate dall’ anima e dal loro  cuore di persone sensibili.  Mancherà  il suo sorriso,  il suo sguardo  buono e  comprensivo,  quella pacca sulle spalle che serviva  a rincuorare  e  a  dare  forza  di  proseguire  su  quei sentieri  di lealtà e rettitudine  che Flaminio Musa ha sempre battuto   grazie alla sua forte  tempra montanara di uomo libero,  al suo sacrale rispetto  per   quello che  egli  chiamava  il Grande Costruttore  la cui  immensa  grandezza  incontrava  negli occhi di un bambino,  nelle mani tremanti di un vecchio, nella sofferenza di un ammalato  e nell’eterno  fascino della natura. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Blasco Mucci

    28 Giugno @ 18.05

    Commiato a Flaminio Musa Ciao Flaminio, le nostre strade si sono divise e tu stai camminando verso le Valli Celesti dove regna la serenità e dove ci potremo ritrovare un giorno. È certo: la tua mancanza peserà a tutti noi. Ci mancherà la tua genuinità, la tua semplicità, la tua innocenza, ci mancheranno le tue domande e le tue sincere convinzioni, ci mancheranno il tuo sincero e profondo affetto, quella tua completa disponibilità e dedizione, quel tuo sentirti e farci sentire Fratelli tra Fratelli, senza remore, senza riserve, senza secondi fini. Ti accompagneremo per questo ultimo tratto di strada terrena con lo spirito e con il cuore colmi di tristezza, unitamente a tutti quei Fratelli che non hanno potuto esserci e che con te hanno condiviso il Cammino e tratto calore dal tuo grande affetto. Ci resta una sola profonda convinzione che è quella di saperti, comunque, sempre al nostro fianco e che, pensando a te, potremo ancora avere stimoli e suggerimenti per poter essere ed agire come la nostra comune fede ci ha insegnato. A rivederci e non addio Flaminio, grazie per tutto quanto hai saputo darci e che continuerai a darci. La nostra Catena di Unione si è spezzata ma potrà rinsaldarsi più forte di prima. Difficile tracciare un ricordo del tuo lungo cammino terreno. Flaminio eri un personaggio poliedrico, di quelli che lasciano un segno indelebile nella comunità in cui hanno operato. Addio Fratello amato, poche parole per te come nelle lapidi del passato. A tutti ricorderemo la tua saggezza illuminata, la disponibilità senza fine e la composta serenità con la quale hai lasciato queste Valli terrene. A noi resta l’orgoglio e il privilegio di esserti stato vicino nel lavoro e nella Comunione, oltre il ricordo della tua familiarità e della tua amicizia.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

genova

Toti: "Il ponte si può costruire in 12-15 mesi: non accetteremo ritardi"

vezzano sul crostolo

Pizzaiolo coltiva marijuana in un bosco, preso con la "fototrappola"

1commento

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street